.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 86 ospiti collegati
.: Discussione: Presentazione Fondo anticrisi di 10 milioni di euro proposto dal Consiglio Comunale nella variazione di bilancio

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 9 Set 2010 - 20:40
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Dall'Ufficio Stampa del Comune di Milano:

Palazzo Marino

Cinque milioni contro la crisi

Approvate dalla Giunta le linee guida per il bando pubblico per distribuire i fondi alle famiglie in difficoltà a seguito della perdita del lavoro

Milano, 9 settembre 2010
– La Giunta ha approvato oggi le linee guida del bando pubblico per l’assegnazione di 5 milioni di euro in titoli sociali alle famiglie che vivono in situazioni di difficoltà a seguito della perdita del lavoro.

La delibera presentata dall’assessore alla Famiglia, Scuola e Politiche sociali, Mariolina Moioli, fa seguito al provvedimento assunto all’unanimità dal Consiglio comunale lo scorso mese di luglio.

Si tratta dei 10 milioni di euro, derivanti dall’aumento dei dividendi di A2A, che il Sindaco e la Giunta hanno destinato all’incremento del fondo anticrisi e sostegno al reddito.

Dei 10 milioni, 6 sono stati assegnati alla Direzione centrale Famiglia che li ha così suddivisi: 5 per il sostegno al reddito delle famiglie e uno per il sostegno all’occupazione attraverso il Celav, il Centro di aiuto al lavoro del Comune di Milano.

“Abbiamo seguito le indicazioni espresse dal Consiglio comunale – ha spiegato l’assessore Moioli, illustrando il provvedimento – che nell’assegnazione dei fondi danno priorità a chi ha perso il posto di lavoro, a quanti non hanno ottenuto il rinnovo del contratto a tempo determinato o atipico, agli artigiani e ai piccoli commercianti che nel corso del 2010 sono stati costretti a chiudere l’attività a causa della crisi. Il sostegno andrà anche a coloro i quali è stato ridotto l’orario di lavoro o che sono stati messi in cassa integrazione”.

I 5 milioni del fondo saranno erogati a copertura delle spese che le famiglie non riescono più a sostenere, quali:

  • rette dei nidi
  • rette della mensa scolastica
  • tasse scolastiche o universitarie
  • affitto della casa
  • utenze
  • abbonamenti ai trasporti
  • spese mediche, dentistiche e oculistiche.

“Come stabilito nel documento approvato dal Consiglio Comunale – ha aggiunto Moioli – il settore Adulti in difficoltà e il settore Famiglia stanno mettendo a punto il bando che a breve sarà reso pubblico per permettere alle famiglie di presentare domanda di contributo”.

Le domande potranno essere presentate dalle famiglie che, prima della perdita del lavoro, dichiaravano un reddito lordo non superiore a 40mila  euro (certificabile attraverso il Cud di tutti i componenti il nucleo familiare) ai quali si aggiunge un tetto di reddito di 10mila euro per ogni componente in più dopo il quarto. Il tetto di reddito massimo si riduce a 20mila euro per le famiglie mononucleari.

“Nella compilazione della graduatoria – ha specificato l’assessore - avranno priorità le famiglie con maggior numero di figli, anziani o portatori di handicap a carico; il contributo richiesto non potrà superare l’importo massimo di 5mila euro e sarà erogato attraverso voucher per il sostegno dei costi per i servizi e denaro per far fronte alle spese quotidiane”.

Le domande potranno essere presentate entro 40 giorni dalla pubblicazione del bando e saranno esaminate da un’apposita commissione. Qualora non venissero utilizzate tutte le risorse messe a disposizione dal Comune, è prevista la riapertura del bando.

In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 1 Set 2010 - 16:05
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]