.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 19 ospiti collegati
.: Discussione: Orientamento professionale: Giovani stagisti a Palazzo Marino

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 14 Lug 2010 - 16:14
Discussione precedente · Discussione successiva

Dall'Ufficio Stampa del Comune di Milano:

Orientamento professionale

Giovani stagisti a Palazzo

Firmato protocollo d'intesa tra il Comune e l'associazione “ProSpera - Progetto Speranza" per aiutare i ragazzi a inserirsi nel mondo del lavoro. Tirocinii nelle Direzioni e negli assessorati. Si punta alla valorizzazione del talento femminile

Milano, 14 luglio 2010 – Siglato, oggi, a Palazzo Marino, il Protocollo d’Intesa tra il Comune di Milano e l’Associazione culturale senza fini di lucro “ProSpera – Progetto Speranza" per condurre una serie di iniziative che aiuteranno i giovani ad inserirsi nel mondo del lavoro attraverso la promozione di tirocini formativi e di orientamento professionale.

L’accordo, firmato dal direttore generale del Comune di Milano Antonio Acerbo e il presidente dell’Associazione ProSpera Pier Luigi Curcuruto, mira alla realizzazione di progetti insieme con le Direzioni Centrali comunali dei settori dei servizi sociali, viabilità, trasporti, traffico, ambiente, pulizia e servizi educativi e scolastici, con particolare attenzione alla valorizzazione del talento femminile.

Tali progetti verranno realizzati attraverso il supporto di stagisti che lavoreranno presso gli uffici comunali e saranno selezionati dal Comune. L’associazione ProSpera, infatti, individuerà una rosa dei candidati più idonei a soddisfare le esigenze dell’Amministrazione. I giovani più meritevoli verranno indicati dagli Istituti Universitari e dai Centri di Ricerca.
L’accordo prevede il supporto di un “Comitato di Coordinamento" che avrà il compito di pianificare e coordinare l’attività e gli ambiti di collaborazione.