.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 107 ospiti collegati

.: Eventi

« Agosto 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
.: Non è più il momento di stare a guardare
Inserito da Rossella Traversa il Lun, 08/05/2006 - 11:35
La mia lista:
Comunisti Italiani
Simbolo lista:
Non è più il momento di stare a guardare
Dove mi candido:
Consiglio Comunale, Consiglio di Zona 4 e Zona 1
Foto Candidato:
Non è più il momento di stare a guardare
Io in breve:
Nata a Milano nel 1956, sposata con Gianni, abbiamo un figlio di 19 anni. Dal 2000 circolo per la città esclusivamente in bicicletta ed è per questo che amo definirmi una ciclista viscerale.  Credo di essere una persona molto concreta e con grande esperienza di vita. Conosco bene la nostra città.
Cosa ho fatto finora nella vita:
Pubblicista, ho iniziato nel 1976 la mia carriera nel giornalismo radiofonico, a Radio Regione (ex Radio Milano Centrale), dove confezionavo giornalmente il notiziario sindacale. Sono stata direttore di Radio Paderno1. Ho scritto per diverse testate storiche del movimento operaio e del movimento delle donne. Dal 1980 sono stata caporedattrice del “Calendario del Popolo” e poi presso una nota casa editrice milanese per la quale ho seguito la nascita del sito web, del quale attualmente sono responsabile dei contenuti.
“Nata” politicamente nel Pci, da sempre impegnata nel sociale, delegata CGIL ed iscritta all'ANPI. In questi ultimi anni mi sono occupata di teatro civile e della memoria, fondando l'Associazione Il Circolo dei Filosofi Ignoranti con Daniele Biacchessi e Stefano Paiusco, organizzando spettacoli in tutta Italia. Sono tra le curatrici della Mostra sulla storia del movimento delle donne, inaugurata all’Umanitaria nel marzo 2006 "Noi utopia delle donne di ieri, memoria delle donne di domani".
Vi spiego perchè mi candido:
Ultimamente scalpitavo: da una parte la sofferenza di vedere il sistema dei partiti in decadenza, svuotato e svilito, dall'altra la consapevolezza che fin quando si sta a guardare si è complici di ciò. Quindi, ho superato mille resistenze ed ho deciso di  mettermi al lavoro, mettendo a disposizione della collettività la mia voglia di fare e di cambiare, nonchè le mie numerose competenze o ...almeno di provarci ... Un obiettivo prioritario: umanizzare i ritmi della città, riscoprire i tempi, rapporti e spazi per la propria vita e quella degli altri. Rallentare, privilegiando valori quali la solidarietà, il confronto, la cultura della differenza.
E-Mail Candidato:
traversarossella@hotmail.com