.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 44 ospiti collegati
.: Discussione: Expo 2015: lo stato dell'arte

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 16 Lug 2010 - 11:25
accedi per inviare commenti
Da milano.corriere.it:

Il consigliere di amministrazione vicino alla Lega: anche sulle aree c'è incertezza

«Expo, abbiamo soldi solo fino ad agosto»

L'allarme di Carioni: troppa litigiosità tra i soci e poca chiarezza sulla disponibilità dei fondi


MILANO - L'allarme arriva da Leonardo Carioni, uno dei cinque consiglieri di Expo, leghista presidente della Provincia di Como, indicato nella spa dal Tesoro: «Abbiamo ossigeno fino a fine agosto. Poi, basta». Mancano, ancora una volta, i soldi per Expo e non è che tutto il resto vada bene. Riassume lo stesso Carioni, evidentemente esasperato: «C'è una eccessiva litigiosità fra gli enti pubblici, c'è la questione delle aree ancora aperta, c'è poca chiarezza sulla disponibilità dei fondi. Bisogna svoltare». Il problema economico, nell'immediato, riguarda la spesa corrente. Provincia e Comune devono ancora versare il milione di euro ciascuno promesso come contributo straordinario: ma, al di là di questo, bisogna arrivare a fine anno. «Avevamo chiesto al Governo — ricorda Carioni, lanciando evidentemente un messaggio a Roma — la disponibilità ad usare per la spesa corrente il 10 per cento degli 840 milioni di euro finanziati. Ci hanno concesso il 4, ma ancora non basta e comunque non sono in cassa». Poi c'è il tema delle infrastrutture: «Ne ho parlato con il viceministro Castelli — puntualizza Carioni — che mi ha rassicurato. Ma la tranche che doveva essere pagata, e che è stata stanziata, non pare ancora disponibile».

Un allarme che era stato lanciato anche da Lucio Stanca,
amministratore delegato prima della clamorosa uscita di scena, avvenuta venti giorni fa. «Ecco — incalza Carioni — c'è stata anche quella storia di Stanca. Ha lasciato la società e praticamente nessuno ha detto nulla: eppure dovrebbe preoccuparci il fatto che nel giro di un anno sono cambiati tre quinti del consiglio di amministrazione. Ogni tanto, anche a me viene da chiedermi che cosa ci faccio lì». Tentato dalle dimissioni? Carioni tergiversa: «Sono abituato a stare al mio posto a cercare soluzioni ai problemi. Ma sono anche rimasto l'unico politico nel cda e forse ho una visione diversa da quella dei colleghi. Per questo, penso che o le cose si mettono a girare per il verso giusto o, francamente, la mia presenza non ha più senso».

Dopo Stanca, il 30 giugno scorso il cda ha nominato direttore generale
l'ex dg del Comune, Giuseppe Sala: «Non aveva ancora le deleghe e già ci ha spiegato che ci si deve trasferire da Palazzo Reale per andare nella sede della Bovisa», sbotta Carioni. «Ma come? Abbiamo lavorato per stare in questi locali senza spendere e andiamo da un'altra parte dove dovremo accollarci i costi della ristrutturazione e poi dell'affitto? Non potevamo almeno discuterne?». Infine, c'è la questione dei terreni che dovranno ospitare Expo. «Il Tesoro — conclude Carioni — aveva sempre espresso chiaramente la propria contrarietà all'acquisto e io stesso avevo più volte ripetuto che non aveva senso pensare di accollarci una spesa nel momento in cui siamo costretti a tagliare e non sappiamo come arrivare a fine anno. Detto questo, di fronte alla disponibilità della Regione a farsi carico dell'operazione economica, il cda aveva dato il via libera. Invece, quel fronte degli enti pubblici che pareva unitario almeno fino all'ultima riunione di cda, dieci giorni fa, adesso all'improvviso si è rotto. Perché?».

Elisabetta Soglio
16 luglio 2010



Da milano.corriere.it:

Centrosinistra

E il Pd propone di espropriare i terreni

Il consigliere regionale Franco Mirabelli: sarebbe la soluzione più ovvia e scontata

MILANO - «Meglio espropriare». Il Pd fa pressing sul presidente della Regione, Roberto Formigoni a proposito delle aree di Expo. «La soluzione più ovvia e scontata per le aree che dovranno ospitare l'evento — attacca il consigliere regionale, Franco Mirabelli (nella foto) — non viene neppure presa in considerazione. E così mettiamo a rischio lo stesso svolgimento di Expo, che da grande opportunità pubblica diventa campo di battaglia per interessi privati». Come noto, sono ancora in corso le trattative con i proprietari dei terreni (Fondazione Fiera e gruppo Cabassi) su cui sorgerà l'esposizione del 2015.

La Regione ha annunciato la costituzione di una newco, della quale dovrebbero entrare a far parte anche Comune e Provincia, che sarà il veicolo per l'acquisto dei terreni. Sulla linea che pareva vedere d'accordo le tre istituzioni si è poi registrata la frenata di Comune e Provincia, preoccupati sia dalla crisi economica, sia dalle reali prospettive di questa «operazione immobiliare». «Formigoni, Podestà e Moratti — taglia corto Mirabelli — continuano a girare intorno a soluzioni spesso improponibili dal punto di vista delle amministrazioni pubbliche e ambigue e pericolose sotto il profilo della garanzia dell'interesse pubblico, senza per altro voler spiegare quale sarà il destino delle aree dopo il 2015». Meglio espropriare, dunque, «e mettere i terreni a disposizione del pubblico dando a chi di dovere la responsabilità della loro valutazione».

Intanto, anche dal leader dell'Udc, Pierferdinando Casini, arriva un giudizio critico su Expo: «Non vorremmo che, dopo il grande risultato ottenuto da Letizia Moratti con l'assegnazione dell'edizione 2015, si tramutasse in un'occasione persa. Siamo preoccupati — ha concluso — per le divisioni che oggi si stanno manifestando tra gli enti». L'assessore regionale Carlo Maccari, intervenuto a Verona agli Stati generali del Turismo, insiste: «L'Expo non è un'operazione immobiliare. È una grande opportunità da cogliere per tutta la Lombardia e soprattutto per le nostre province che devono farsi trovare pronte per attrarre con le loro eccellenze parte del gran numero di visitatori previsto per il 2015 a Milano».

E.So.
16 luglio 2010
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 2 Lug 2010 - 13:46
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]