.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 56 ospiti collegati
.: Discussione: Cancellare il TRAM a Milano? Progetto antistorico contro il buon senso.

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Luca Geoni

:Info Messaggio:
Punteggio: 5
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Luca Geoni il 3 Giu 2010 - 12:53
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Scusate, non vorrei essere presenzialista,

ma completo il messaggio precedente per quelli che non hanno ben chiaro quanto sia profondo il rilancio del tram all'estero:
Vi sono 325 città tranviarie (urbane), di cui 85 hanno reti nate DOPO il 1970; in Europa occidentale ci sono ben 39 nuove reti: 2 negli anni '80, 13 nei '90 e 24 (dicesi VENTIQUATTRO) nell'ultimo decennio, mentre altre 13 reti sono in costruzioni ed altre 16 sono state decise.

E' usuale che il tram transiti nelle zone centrali/monumentali; invito a cercare le foto di Amsterdam, ove si notano le frequenti aree in cui pedoni, ciclisti e tram convivono tranquillamente, con i ponticelli sui canali con binario "a senso unico", perchè stretti, come da noi alle Colonne di San Lorenzo, con la differenza che da noi il semaforo che regola quel tratto si guasta un giorno sì e l'altro pure: fro poco daranno la colpa ai tram perchè si accodano! (tra l'altro è uno dei luoghi più fotografati di Milano sia dal turista generico che da quello appassionato dei mezzi pubblici, per via dell'accoppiata monumento romano + tram e, quindi, andrebbe valorizzato).

In Usa, dove pure molte città tornano al tram con la benedizione del loro Presidente, le aziende scelgono l'ubicazione delle loro sedi in base al tracciato tranviario (e noi ci stiamo chiedendo cosa fare con le linee interurbane superstiti!)

A Firenze temevano per il tram in centro, si vede che preferivano le auto  e i bus attorno al Duomo (ricordo ancora il fragore dei bus Saviem negli anni '70!).
Credo che si stiano rapidamente ricredendo e pentendo del tempo perduto.

Non dico che si debba per forza fare quello che si fa all'estero, ma evidentemente le valutazioni compiute da molti sono all'opposto di quelle dei nostri amministratori, i quali probabilmente partano da basi completamente sbagliate: prima fra tutte, come ho detto, l'idea che sia il tram ad intralciare le auto.

Quanto al rumore, segnalo che a parte le vecchie "28" che devono arrivare al centenario (sarebbe un Guinness), le altre vetture sono molto meno rumorose, in particolare sugli scambi. Anche lì: bisogna saper piazzare gli scambi, perchè in certi contesti il tram è silenzioso e veloce.

IN TRAM WE TRUST
In risposta al messaggio di Lucio Chiappetti inserito il 1 Giu 2010 - 17:21
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]