.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 48 ospiti collegati

.: Eventi

« Dicembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

.: Ultimi 5 commenti


Nessun commento...

.: Il Blog di Massimo Luca Della Sala
Lunedì, 22 Maggio, 2006 - 12:52

PORTA VENEZIA ,due parole di un NEW GLOBAL

 

TEPPISTI E CRIMINALI NON SI POSSONO VESTIRE DA ANTIFASCISTI.!!
Nella giornata di Sabato è avvenuto un atto molto grave per la democrazia e per la vera e propria sicurezza dei cittadini milanesi. In seguito all’autorizzazione ad un corteo neo-fascista, un gruppo di duecento ignoranti politici, criminali sociali, che nulla hanno a che vedere con l’antifascismo, hanno messo a ferro e fuoco un intero isolato di Milano. Con la faccia tosta tipica di chi lancia il sasso e poi fa la vittima, oggi non meglio precisati elementi dei centri sociali chiedono solidarietà per gli arresti avvenuti.
I verdi di Milano di fronte a tali deliranti atti e a tali colpevoli vittimismi pensano le seguenti cose:
-Bruciare auto dei cittadini milanesi E’ UN ATTO CRIMINALE.
-Assalire bambini che stavano mangiando in un Mc Donald’s E’UN ATTO CRIMINALE.
-bruciare un’edicola ed impedire al proprietario di spegnere il fuoco E’UN ATTO CRIMINALE.
-assalire negozi e sedi di partito E’ UN ATTO CRIMALE.
-usare bombe carta come mezzo di intimidazione politica E’ UN ATTO CRIMINALE.
-chiedere solidarietà politica dopo aver distrutto un quartiere E’ UN ATTO CRIMINALE.
-strumentalizzare tali atti da parte della compagine di centro destra per fini elettorali, cercando di far passare il messaggio che ambiti quali il movimento ambientalista , il movimento new-global, il movimento dei centri sociali (Quali il Leoncavallo , il Vittoria , il Cantiere) sia legato a tali atti E’ UN ATTO DI CRIMINALITA’ POLITICA.
-permettere un corteo di neo-fascisti , già impedito nella giornata della memoria, per le vie di Milano senza perseguire gli espliciti atti di apologia di fascismo, E’UN ATTO DI CRIMINALITA’ POLITICA.
-il combattere il sempre risorgente neofascismo con tali atti E’ ESSO STESSO UN ATTO DI FASCISMO.
Smascheriamo il meccanismo colpevole sotteso a tali atti:
-un corteo di duecento persone non può fare quello che ha fatto se non ci fosse stata una volontà da parte delle forze dell’ordine di lasciar correre, sappiamo bene che la polizia se vuole agire lo sa fare e forse la volontà non è stata questa o meglio, per una colpevole intenzione non è stato fatto il necessario. A chi giova tutto ciò, se non alla ormai clamorosamente sfaldata compagine di centro destra per ricompattarsi intorno ad un strumentalizzante vittimismo?
Nessuna solidarietà da parte nostra per gli arrestati che nulla hanno a che vedere con la lotta politica né tanto meno con un ideale nobile e fondante per la nostra democrazia quale l’antifascismo. Non hanno d’altro canto,tali criminali politici, nessuna rappresentatività dei centri sociali milanesi, né del movimento new global, pacifista ed ambientalista.
Sappiamo bene che gli atti di aggressione dei neofascisti nei confronti di giovani di sinistra, accoltellamenti, tentati omicidi, incendi dolosi,per arrivare al tristemente noto omicidio di DAX non vengono combattuti dalla forza di polizia per quello che sono. Inoltre ricordiamoci che l’apologia di fascismo è un crimine che mina la base democratica della convivenza sociale. Questo però mai potrà essere la giustificazione per tali atti di criminalità.
VOTA DELLA SALA ALLA ZONA 2

 

Lunedì, 22 Maggio, 2006 - 12:49

rimozione amianto dalle periferie

 

Progetto Amianto
Sono diverse le superfici di rivestimento di tetti e capannoni a Milano che ancora vedono la presenza del famigerato amianto. Sappiamo che l’effettiva pericolosità di tali siti dipende soprattutto dal logorio creato dagli agenti atmosferici su tali superfici nel tempo. Questa considerazione assieme ad altre di carattere prettamente economico hanno inciso sulle politiche fin qui adottate, volte a dividere interventi più urgenti da quelli considerati meno. Noi Verdi pensiamo che tale approccio al problema sia sbagliato perché miope e poco lungimirante. L’amianto nella versione più comune , cioè l’eternit, è il famigerato responsabile di malattie gravissime all’apparato respiratorio quali silicosi e tumori ai polmoni, ed in un contesto cittadino quale quello milanese si aggiunge e collabora ad altri ed innumerevoli fattori di rischio per la nostra salute presenti nell’aria che respiriamo. Rimuovere solo le tettoie logorate significa nascondersi dietro un dito infatti sappiamo che tali superfici hanno una vita limitata e per fortuna non ne vengono più installate da tempo.
Quindi fuor di metafora stiamo parlando di superfici comunque vecchie e comunque da tempo sottoposte al logorio atmosferico.
Il nostro pensiero di verdi corre a tutte quelle aree di Milano dove la dismissione di aree a vocazione industriale ha lasciato sul campo oltre ad altri innumerevoli problemi ed opportunità anche scheletri di capannoni ricoperti d’eternit d’annata. Consideriamo poi tutti quei privati che hanno utilizzato l’eternit per capannoni o tettoie, sono tantissimi. Infine anche chi dovrebbe dare il buon esempio,pensiamo al comune ed agli enti pubblici, perdura nel rimandare scelte inderogabili per la rimozione di tali superfici per i propri locali.
Nella città di Milano moderna e all’avanguardia quindi viviamo circondati di un nemico invisibile, un killer spietato diffuso in ogni quartiere,un killer che uccide senza dare preoccupazioni alle proprie vittime, un killer che ha molti colleghi e soci con i quali lavora in team: pm10;pm25 ;benzene; piombo….
Un esempio concreto potrà certo farvi considerare le interrelazioni e le pericolosità di questa situazione. I locali adibiti a cucina per la refezione milanese adiacenti al deposito quotidiani delle biblioteche comunali di milano posto in via Quaranta 43 hanno una tettoia sconfinata di amianto, le cui condizioni per forza di cose non sono buone, sono evidenti l’azione di logorio del vento e della pioggia. Tale tettoia direttamente a spiovente sulle prese d’areazione delle cucine e della biblioteca è un grave pericolo per i nostri figli che mangiano cibo all’amianto da anni senza saperlo, per i frequentatori ed i lavoratori di tali locali ,per non considerare poi i frequentatori del deposito quotidiani, ricercatori, studenti comuni cittadini ignari di cosa mina la loro esistenza proprio sulle loro teste in una struttura che invita alla pace alla calma ed alla riflessione.
Cosa propongono i Verdi
-Dismissione immediata da tutti i siti di proprietà Comunale delle superfici D’eternit , da eseguirsi secondo modalità precise, da società specializzate
-Monitoraggio e classificazione della presenza di eternit nelle ex aree industriali e rimozione pagata dal comune.
-Monitoraggio e classificazione della presenza di eternit nell’edilizia privata e rimozione pagata dal
comune.(costa 17 euros al mq ... i costi a breve medio e lungo termine delle malattie correlate è molto più alto)
vota VERDI
al comune GERMANI Riccardo
alla zona 2 DELLA SALA
alla zona 02 DELLA SALA Massimo

Lunedì, 22 Maggio, 2006 - 12:41

Rimozione amianto nella periferia

 

Progetto Amianto
Sono diverse le superfici di rivestimento di tetti e capannoni a Milano che ancora vedono la presenza del famigerato amianto. Sappiamo che l’effettiva pericolosità di tali siti dipende soprattutto dal logorio creato dagli agenti atmosferici su tali superfici nel tempo. Questa considerazione assieme ad altre di carattere prettamente economico hanno inciso sulle politiche fin qui adottate, volte a dividere interventi più urgenti da quelli considerati meno. Noi Verdi pensiamo che tale approccio al problema sia sbagliato perché miope e poco lungimirante. L’amianto nella versione più comune , cioè l’eternit, è il famigerato responsabile di malattie gravissime all’apparato respiratorio quali silicosi e tumori ai polmoni, ed in un contesto cittadino quale quello milanese si aggiunge e collabora ad altri ed innumerevoli fattori di rischio per la nostra salute presenti nell’aria che respiriamo. Rimuovere solo le tettoie logorate significa nascondersi dietro un dito infatti sappiamo che tali superfici hanno una vita limitata e per fortuna non ne vengono più installate da tempo.
Quindi fuor di metafora stiamo parlando di superfici comunque vecchie e comunque da tempo sottoposte al logorio atmosferico.
Il nostro pensiero di verdi corre a tutte quelle aree di Milano dove la dismissione di aree a vocazione industriale ha lasciato sul campo oltre ad altri innumerevoli problemi ed opportunità anche scheletri di capannoni ricoperti d’eternit d’annata. Consideriamo poi tutti quei privati che hanno utilizzato l’eternit per capannoni o tettoie, sono tantissimi. Infine anche chi dovrebbe dare il buon esempio,pensiamo al comune ed agli enti pubblici, perdura nel rimandare scelte inderogabili per la rimozione di tali superfici per i propri locali.
Nella città di Milano moderna e all’avanguardia quindi viviamo circondati di un nemico invisibile, un killer spietato diffuso in ogni quartiere,un killer che uccide senza dare preoccupazioni alle proprie vittime, un killer che ha molti colleghi e soci con i quali lavora in team: pm10;pm25 ;benzene; piombo….
Un esempio concreto potrà certo farvi considerare le interrelazioni e le pericolosità di questa situazione. I locali adibiti a cucina per la refezione milanese adiacenti al deposito quotidiani delle biblioteche comunali di milano posto in via Quaranta 43 hanno una tettoia sconfinata di amianto, le cui condizioni per forza di cose non sono buone, sono evidenti l’azione di logorio del vento e della pioggia. Tale tettoia direttamente a spiovente sulle prese d’areazione delle cucine e della biblioteca è un grave pericolo per i nostri figli che mangiano cibo all’amianto da anni senza saperlo, per i frequentatori ed i lavoratori di tali locali ,per non considerare poi i frequentatori del deposito quotidiani, ricercatori, studenti comuni cittadini ignari di cosa mina la loro esistenza proprio sulle loro teste in una struttura che invita alla pace alla calma ed alla riflessione.
Cosa propongono i Verdi
-Dismissione immediata da tutti i siti di proprietà Comunale delle superfici D’eternit , da eseguirsi secondo modalità precise, da società specializzate
-Monitoraggio e classificazione della presenza di eternit nelle ex aree industriali e rimozione pagata dal comune.
-Monitoraggio e classificazione della presenza di eternit nell’edilizia privata e rimozione pagata dal
comune.(si tratta di 17 euros al mq... i costi delle malattie a breve e medio termine sono maggiori)
vota VERDI
al comune GERMANI Riccardo
alla zona 2 DELLA SALA

Lunedì, 22 Maggio, 2006 - 12:41

Rimozione amianto nella periferia

 

Progetto Amianto
Sono diverse le superfici di rivestimento di tetti e capannoni a Milano che ancora vedono la presenza del famigerato amianto. Sappiamo che l’effettiva pericolosità di tali siti dipende soprattutto dal logorio creato dagli agenti atmosferici su tali superfici nel tempo. Questa considerazione assieme ad altre di carattere prettamente economico hanno inciso sulle politiche fin qui adottate, volte a dividere interventi più urgenti da quelli considerati meno. Noi Verdi pensiamo che tale approccio al problema sia sbagliato perché miope e poco lungimirante. L’amianto nella versione più comune , cioè l’eternit, è il famigerato responsabile di malattie gravissime all’apparato respiratorio quali silicosi e tumori ai polmoni, ed in un contesto cittadino quale quello milanese si aggiunge e collabora ad altri ed innumerevoli fattori di rischio per la nostra salute presenti nell’aria che respiriamo. Rimuovere solo le tettoie logorate significa nascondersi dietro un dito infatti sappiamo che tali superfici hanno una vita limitata e per fortuna non ne vengono più installate da tempo.
Quindi fuor di metafora stiamo parlando di superfici comunque vecchie e comunque da tempo sottoposte al logorio atmosferico.
Il nostro pensiero di verdi corre a tutte quelle aree di Milano dove la dismissione di aree a vocazione industriale ha lasciato sul campo oltre ad altri innumerevoli problemi ed opportunità anche scheletri di capannoni ricoperti d’eternit d’annata. Consideriamo poi tutti quei privati che hanno utilizzato l’eternit per capannoni o tettoie, sono tantissimi. Infine anche chi dovrebbe dare il buon esempio,pensiamo al comune ed agli enti pubblici, perdura nel rimandare scelte inderogabili per la rimozione di tali superfici per i propri locali.
Nella città di Milano moderna e all’avanguardia quindi viviamo circondati di un nemico invisibile, un killer spietato diffuso in ogni quartiere,un killer che uccide senza dare preoccupazioni alle proprie vittime, un killer che ha molti colleghi e soci con i quali lavora in team: pm10;pm25 ;benzene; piombo….
Un esempio concreto potrà certo farvi considerare le interrelazioni e le pericolosità di questa situazione. I locali adibiti a cucina per la refezione milanese adiacenti al deposito quotidiani delle biblioteche comunali di milano posto in via Quaranta 43 hanno una tettoia sconfinata di amianto, le cui condizioni per forza di cose non sono buone, sono evidenti l’azione di logorio del vento e della pioggia. Tale tettoia direttamente a spiovente sulle prese d’areazione delle cucine e della biblioteca è un grave pericolo per i nostri figli che mangiano cibo all’amianto da anni senza saperlo, per i frequentatori ed i lavoratori di tali locali ,per non considerare poi i frequentatori del deposito quotidiani, ricercatori, studenti comuni cittadini ignari di cosa mina la loro esistenza proprio sulle loro teste in una struttura che invita alla pace alla calma ed alla riflessione.
Cosa propongono i Verdi
-Dismissione immediata da tutti i siti di proprietà Comunale delle superfici D’eternit , da eseguirsi secondo modalità precise, da società specializzate
-Monitoraggio e classificazione della presenza di eternit nelle ex aree industriali e rimozione pagata dal comune.
-Monitoraggio e classificazione della presenza di eternit nell’edilizia privata e rimozione pagata dal
comune.(si tratta di 17 euros al mq... i costi delle malattie a breve e medio termine sono maggiori)
vota VERDI
al comune GERMANI Riccardo
alla zona 2 DELLA SALA

Allegato Descrizione
immagine margot.jpg
233.3 KB
questa è Margot è un pitbull pacifista
RSS feed