.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 35 ospiti collegati

.: Eventi

« Novembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
.: Il Blog di Silvia Martini
Giovedì, 25 Maggio, 2006 - 13:51

IL PARTITO UMANISTA OSCURATO, SI MOSTRERÀ IN BICI

IL PARTITO UMANISTA OSCURATO, SI MOSTRERÀ IN BICI
Venerdì, 26 maggio 2006
Ore 19.00 Stazione Garibaldi

A chiusura della campagna elettorale il Partito Umanista organizza un Tour in bici dalla Stazione Garibaldi ai Bastioni di Porta Nuova.
Itinerario: Stazione di Porta Garibaldi - Corso Como - Moscova - Via Statuto - Via Pontaccio - Lanza - Via Mercato - Via Pontevetero - Via Cubani - Cairoli - Dante - Cordusio - Via dei Mercanti - Corso V. Emanuele - San Babila - Corso Manforte - Via F. Meda - Via Verdi - Pza della Scala - Via Manzoni - Via Montenapoleone - Turati - Via della Moscova - C.so Garibaldi - Bastioni P.ta Nuova -Teatro Smeraldo.
Il candidato sindaco Valerio Colombo e i candidati della lista e delle 9 circoscrizioni denunciano il fatto che ci hanno oscurato: pochi "centimetri" nei giornali, pochi "minuti" in televisione e anche gli spazi che ci spettavano di diritto per i manifesti elettorali ci sono stati coperti. L'Italia non è uno stato di diritto e lo si vede dalla voce concessa a tutte le minoranze.
A questa censura si è persino aggiunta la diffamazione relativa ai costi della campagna elettorale: ci è stata imputata una spesa di 310.000 euro, quando alle attività di diffusione sono stati destinati solo circa 1.000 euro a zona.
I candidati e i sostenitori gireranno, quindi, la città in bici, per le strade di Milano perché l'unico appoggio su cui si può contare per cambiare radicalmente le cose è il contatto e la vicinanza della gente comune, l'attività di strada, il sostegno e la rivendicazione di chi è discriminato e pertanto la strada è l'unica maniera degna di chiudere la campagna elettorale.
Alla fine della campagna elettorale non si potrebbe fare niente di più concreto che trovarsi dove si continua a stare prima e dopo le elezioni: nei quartieri con un grande numero di attività e iniziative rivolte al cambiamento e alla ricostruzione del tessuto sociale.

Per informazioni:
Ufficio Stampa Partito Umanista Milano
Claudia Comolli
Cell. 335 1851125 e-mail: ufficiostampa@pumilano.it
Franca Banti
cell. 3357792718 e-mail: segr.stampa@partitoumanista.it

Martedì, 23 Maggio, 2006 - 13:00

Incontro pubblico con “Usciamo dal Silenzio?

Incontro pubblico con
“Usciamo dal Silenzio?
Elezioni Comune di Milano

Mercoledì 24 maggio ore 21.00
Società Umanitaria - Via Daverio 7, Milano

Un incontro felice tra il Partito Umanista e Usciamo dal Silenzio, movimento di donne nato il 29 novembre che ha portato in piazza a febbraio un fiume di donne e uomini per difendere la 194.
Usciamo dal Silenzio ha proposto un documento da far sottoscrivere ai candidati delle comunali di Milano. Il Partito Umanista lo sottoscrive senza nessuna difficoltà in quanto tutti i punti coincidono perfettamente con il proprio programma e i principi. Il partito infatti presenta una lista per il consiglio comunale a maggioranza femminile e due su tre candidati sindaci donna tra Milano, Roma e Torino. Nel programma inoltre propone di difendere la 194 e il diritto di scelta della donna, il registro delle unioni civili e l'intervento pubblico nell'assistenza sociale.
Valerio Colombo, candidato Sindaco afferma che “è una vergogna che una città che si vuole dare il nome di Capitale Europea carichi sulla metà femminile della popolazione tutto l'onere dell'assistenza sociale per quanto riguarda bambini, anziani e disabili, per non parlare delle discriminazioni sul lavoro e nella politica: è urgente che a Milano si inizi una vera politica di supporto alla questione femminile anche con interventi che riducano il livello di precarietà?.
Franca Banti, capolista del Partito Umanista alle elezioni comunali di Milano interverrà all'incontro illustrando le proposte della lista per rispondere alle richieste delle donne per un futuro più civile e vivibile della città.

Per informazioni:
Ufficio Stampa Partito Umanista Milano
Claudia Comolli
Cell. 335 1851125 e-mail: ufficiostampa@pumilano.it
Franca Banti
cell. 3357792718 e-mail: segr.stampa@partitoumanista.it

Martedì, 16 Maggio, 2006 - 16:33

I Candidati Umanisti di zona 2 al mercato di P.zza Martesana

Sabato 20 maggio 2006
II candidato sindaco Valerio Colombo, la Capolista Umanista Silvia Martini e altri candidati umanisti della zona 2, incontrano gli elettori del quartiere al mercato rionale di Precotto in Piazza Martesana dalle 10 alle 13.
Vi aspettiamo...

Martedì, 16 Maggio, 2006 - 09:14

Valerio Colombo in Via Corelli

Per aprire il dialogo tra le culture, per il diritto ad una città multietnica,
CHIUSURA IMMEDIATA DEL CENTRO DI DETENZIONE TEMPORANEA DI VIA CORELLI

Martedì 9 Maggio, il Partito Umanista ha presentato una richiesta formale indirizzata al vice prefetto di Milano dott. Aversa, responsabile del Centro di Detenzione Temporanea di Via Corelli, per effettuare una visita all'interno della struttura e valutare le condizioni degli immigrati detenuti.

“Dall'apertura nel novembre del 2000, il Partito Umanista ha svolto una decisa campagna di controinformazione e di denuncia delle terribili condizioni di violenza e alienazione a cui vengono sottoposti immigrati detenuti grazie alle applicazioni
delle disgraziate e anticostituzionali leggi sull'immigrazione Turco Napoletano e Bossi Fini?

dichiara il candidato sindaco alle prossime elezioni amministrative di Milano Valerio Colombo.

“In sei anni abbiamo dato vita a presidi, manifestazioni, coordinamenti per la chiusura immediata di questa struttura e organizzato visite periodiche per raccogliere le drammatiche testimonianze degli immigrati sprovvisti di permesso di soggiorno (un reato penalizzato attraverso la Turco Napoletano del centro sinistra e la Bossi Fini del centro destra), detenuti in attesa di espulsione senza, di fatto, alcuna possibilità di difendersi e portare la situazione in cui versano all'attenzione della società civile, visto che il centro è precluso ai giornalisti?.

Per riportare all'attenzione dell'opinione pubblica le condizioni dei detenuti del centro e l'inutilità di questa struttura che non risolve il problema, ma rappresenta la faccia antidemocratica di questa città, il candidato sindaco del Partito Umanista ha chiesto l'autorizzazione ad entrare nel Centro e di poter parlare con i detenuti la mattina del 18 maggio p.v., se non gli sarà data la possibilità di entrare, verrà organizzata una conferenza stampa di fronte al centro alle 11.00 del giorno stesso.

Ufficio Stampa
Partito Umanista

Venerdì, 12 Maggio, 2006 - 08:36

Calendario aggiornato delle iniziative del Partito Umanista

Sabato 13 maggio.

- ore 15 presso l'Hotel Marriot, Via Washington, 66, Milano.
Il candidato sindaco Valerio Colombo interviene alla parte pubblica del congresso fondativo del Comitato Provinciale dell'Arcigay di Milano dedicata ai candidati gay alle Elezioni Comunali di Milano.
- dalle 19 alle 21, presso il Centro Umanista di Zona 5 di Via Passeroni 1.
Aperitivo con il candidato sindaco Valerio Colombo e i candidati umanisti al Consiglio di Zona 5. Interverranno: il Comitato Trasporti, Dialoghi Necessari, l'associazioni lo Scrigno.
- dalle 15.00 alle 19.00, in viale Novara 86
Il candidato presidente Fabio di Falco e altri candidati umanisti al Consiglio di Zona 7, faranno un banchetto informativo di propaganda elettorale nel quartiere.
- dalle 20.00 presso la casa umanista di via Constant 22B
Il candidato presidente Fabio di Falco e altri candidati umanisti al Consiglio di Zona 7 organizzano una cena aperta al quartiere.

Domenica 14 maggio
- dalle ore 12,30. presso l'ex ospedale psichiatrico Paolo Pini Via Ippocrate 45
Zona 9 in festa. Le onlus L'Albero della Vita, Arcoiris e Sviluppo Umano organizzano un festa alla quale hanno invitato il candidato sindaco Valerio Colombo e i candidati umanisti al Consiglio di Zona 9. Il tema dell'incontro sarà la Democrazia Partecipativa, Ci saranno dibattiti, musica, e grigliate.
- ore 15 al centro umanista "il Punto d'incontro" di via Mazzali, 5 (MM2 Udine).
"Hai voluto il comune, adesso pedala!" Parte la biciclettata al parco Lambro dei candidati umanisti al consiglio di Zona 3. Colorati di arancione, con musica, volantini e tanta allegria.
- ore 15 al centro umanista lo Spazio Aperto di via Due Giugno 8.
In bicicletta per la zona 7, attraversando Parco delle Cave, Bosco in Città e Parco di Trenno a bordo di biciclette per incontri lampo con elettori. Partecipano alla biciclettata il candidato al consiglio di zona 7 Alessandro d'Apice e il candidato al consiglio comunale Maurizio Polenghi

Lunedì 15 maggio.
- Ore 18 al centro umanista lo Spazio Aperto di via Due Giugno 8.
Banchetto informativo di propaganda elettorale nel quartiere. Partecipano il candidato al consiglio di zona 7 Alessandro d'Apice e il candidato al consiglio comunale Maurizio Polenghi.

Martedì 16 maggio
- dalle ore 10.00 in Via Bellosio angolo Facchinetti
I candidati umanisti al Consiglio di Zona 4, faranno un banchetto informativo di propaganda elettorale nel quartiere.

Mercoledì 17 maggio
- dalle ore 18.00 all'uscita della fermata MM1 di Bisceglie
Banchetto informativo di propaganda elettorale nel quartiere. Partecipano il candidato al consiglio di zona 7 Alessandro d'Apice e il candidato al consiglio comunale Maurizio Polenghi.

Giovedì 18 maggio
- ore 11.00 in Via Corelli 28
Una delegazione capeggiata dal candidato sindaco Valerio Colombo ha richiesto di poter entrare nel CPT di Via Corelli. La visita intende ribadire la propaganda elettorale del Partito Umanista che auspica una città multietnica e il dialogo tra le culture e valutare la situazione dei prigionieri che sono nel centro per un unico reato: essere clandestini.

Sabato 20 maggio
- dalle 17 alle 19,30 presso Centro Umanista la Svolta Viale Ungheria 20
II candidato sindaco Valerio Colombo e i candidati umanisti al Consiglio di Zona 4, organizzano un aperitivo aperto agli abitanti del quartiere.
- dalle 10 alle 13 al mercato rionale di Precotto in Piazza Martesana
II candidato sindaco Valerio Colombo e la Capolista Umanista di zona 2 Silvia Martini incontrano gli elettori di zona 2

Domenica 21 maggio
- Ore 15 al centro umanista "il Punto d'incontro" di via Mazzali, 5 (MM2 Udine).
"Hai voluto il comune, adesso pedala!" Parte la biciclettata al parco Lambro dei candidati umanisti al consiglio di Zona 3. Colorati di arancione, con musica, volantini e tanta allegria.

Mercoledì 24 maggio
- dalle 21 presso la Società Umanitaria di via Daverio 7, Milano.
II candidato sindaco Valerio Colombo è invitato a un incontro pubblico organizzato da “Usciamo da silenzio? l'assemblea di donne costituitasi a Milano il 29 novembre per rispondere alle richieste delle donne per un futuro più civile e vivibile della città.

PARTITO UMANISTA
IL PARTITO DEI DIRITTI UMANI

Mercoledì, 3 Maggio, 2006 - 14:36

PRESIDIO IN PIAZZA CORDUSIO

VIA DALL'IRAQ SUBITO!
NO A UN ATTACCO NUCLEARE CONTRO L'IRAN!
PRESIDIO IN PIAZZA CORDUSIO
SABATO 6 MAGGIO, ORE 15

L'ennesimo attentato in Iraq, che pochi giorni fa invece che iracheni ha ucciso dei militari italiani e un rumeno, è l'ultima conseguenza di un'invasione criminale che continua a mietere vittime. Non dobbiamo dimenticare che i soldati italiani non sono in Iraq per mantenere la pace o ricostruire il paese, ma partecipano a una guerra illegale, al servizio di interessi molto lontani da quelli dichiarati e sostengono il terrorismo di stato di Bush. Ora la guerra rischia di estendersi all'Iran, contro cui gli Stati uniti non escludono l'uso di armi nucleari.
Un attacco del genere innescherebbe una spirale ancora più tragica e spaventosa della scia di stragi e attentati degli ultimi anni. Come per le armi di distruzione di massa (mai trovate in Iraq, ma utilizzate per giustificare la guerra), di cui gli Stati Uniti possiedono un nutrito arsenale, ci si muove in base a una logica arrogante e ipocrita, per cui Stati Uniti, Israele e vari paesi europei possono ampliare i propri arsenali nucleari, ma l'Iran no.
A questa logica perversa si può rispondere solo imboccando una direzione opposta, con l'obiettivo finale del disarmo nucleare globale e dell'eliminazione degli ordigni e degli arsenali nucleari.
Il primo passo è semplice e urgente: ritiro immediato delle truppe dall'Iraq e ferma opposizione alla possibilità di un attacco contro l'Iran.

Martedì, 2 Maggio, 2006 - 12:00

Intervista a Silvia Martini

Il Partito Umanista è presente nel quartiere da più di dieci anni con tre giornali distribuiti a Villa, Precotto, Gorla, Rovereto, Pasteur che si sono fatti portavoce delle molteplici realtà che lo costituiscono.
Ha partecipato a tutte le elezioni amministrative e svolto diverse campagne nel corso degli anni. Nelle prossime elezioni, concorre alla Presidenza del Consiglio di Zona 2 la candidata umanista Silvia Martini. Occhi verdi, grafica, trentenne, nata e cresciuta a Precotto come Fausto Bertinotti, ha curato l’immagine di Voci di Villa dal ’96, quando iniziò a militare nel P.U.

Alcune domande alla Candidata Umanista:
1. Come è iniziata la sua partecipazione, e qual è stata la molla che l’ha spinta ad interessarsi, così giovane, appena ventenne, alla questione sociale?
Sono stata fermata in metropolitana mentre tornavo dal lavoro, stavo cercando qualcosa che desse un senso alla mia giornata.
Io sono sempre stata attiva nel quartiere, ho iniziato fin da ragazzina in oratorio e la mia partecipazione prima al giornale e successivamente alla politica è stata una logica conseguenza. Ho sempre voluto sentirmi utile e non ho mai sopportato la violenza e i soprusi, nelle attività che ho svolto fino ad ora non ho fatto altro che cercare di raggiungere queste aspirazioni.

2. Lei si appresta a rappresentare il suo quartiere, i suoi vicini di casa, i commercianti del quartiere nel quale è nata è cresciuta, perché pensa di poterne interpretare le necessità?
Questo quartiere ha una composizione particolare, un po’ città e un po’ paese, la gente che ci è cresciuta ci è rimasta.
A differenza di alcuni quartieri nei quali è sparito il piccolo commercio soppiantato dai grandi magazzini, ci sono ancora molti negozi e ancora non si è del tutto strappato quel tessuto sociale che nelle grandi città tende a lacerarsi.
Con questa realtà il Partito Umanista si è confrontato fin dai suoi esordi nel quartiere, per questo una delle prime attività che abbiamo svolto è stata una campagna in sostegno del piccolo commercio, attraverso locandine e realizzando una tessera sconto per poter acquistare dai commerciati che hanno aderito numerosi alla campagna. Distribuiamo il giornale di quartiere e ci autofinanziamo grazie al contributo dei negozianti del quartiere. Se abbiamo potuto continuare a lavorare in tutti questi anni è grazie alla gente che ci ha sempre appoggiato, siamo entrati nelle case e nei negozi e ormai siamo ben conosciuti e apprezzati tanto che siamo stati citati anche sul libro “Precotto e Villa nel Novecento?
Per questo contiamo di poter ottenere la fiducia che ci hanno sempre accordato anche per le prossime elezioni. La nostra attività sociale e politica non si interrompe dopo la campagna elettorale, la nostra presenza è costante e questo la gente lo sa.

3. Dal ’98 il Partito Umanista ha appoggiato attivamente il comitato di quartiere contro la metrotranvia a raso e la Gronda Nord, per quali ragioni?
Siamo contro la Gronda nord o strada Interquartiere Nord perché il progetto creerebbe un forte impatto ambientale e di inquinamento atmosferico e acustico. Dagli anni ’30, quando è stato proposto come tangenziale autostradale e poi ripresentato nel corso degli anni, sono cambiate molte cose sia dal punto di vista urbanistico che per la densità abitativa.
Per poterlo realizzare oggi bisognerebbe espropriare e abbattere edifici, alberi e giardini. Ecco perché è impossibile da attuare. Le proposte alternative alla Gronda Nord sono il potenziamento del servizio pubblico e il miglioramento dei collegamenti per la zona Nord di Milano.
Per difendere il quartiere da questo abominio abbiamo partecipato ai presidi permanenti davanti al cantiere e con l’edizione del numero speciale di Voci di Villa che illustrava nei dettagli il progetto e le opinioni della gente.

4. Quali altre attività ha svolto nel quartiere il PU negli ultimi anni?
Il PU si è sempre schierato per la pace, per i diritti e per la solidarietà con gli altri popoli. Abbiamo organizzato fiaccolate e presidi contro la guerra nei balcani nel ’99, e contro gli interventi dell’esercito italiano in Afghanistan e in Iraq organizzato la campagna SOS Turchia dopo l’ultimo terremoto, nel corso della quale abbiamo raccolto beni di prima necessità inviati per i primi soccorsi. Abbiamo collaborato con il Comitato Milanese per la libertà di Silvia Baraldini, una campagna di sensibilizzazione sul verde pubblico per i parchi di Padre Semeria, via Cislaghi, via Giacometti ed ex parco Panza in collaborazione all’Associazione Insieme per Precotto. Partecipato alla campagna Emergenza Tzunami: organizzando una catena di solidarietà con raccolta e spedizione fondi, per gli abitanti del Tamil-Nadu in India colpiti dal maremoto.

5. Da circa sei anni è aperto in quartiere il Centro di Comunicazione Diretta in quartiere “Infinito? in via Breda 44, quali attività si svolgono al suo interno?
Il locale è aperto agli abitanti del quartiere, vi si svolgono corsi, seminari o serate di dibattito, ma anche cene e aperitivi, tutte attività finalizzate alla ricostruzione del tessuto sociale del quartiere.
Nel centro e attraverso il giornale abbiamo fatto alcuni esperimenti di Democrazia Reale per dare voce ai cittadini del quartiere di Precotto e Villa San Giovanni sui temi riguardanti Sanità, educazione e Qualità della vita.

6. Lei e altri componenti del Movimento Umanista nel quartiere state facendo da anni attività di volontariato in Senegal, organizzando campagne di appoggio umano nelle quali avete coinvolto il quartiere e il giornale, cosa ci può dire in proposito?
Si, abbiamo fatto vari viaggi, avviato progetti sul tema della sanità e sull’educazione. Gli abitanti e i commercianti del quartiere ci hanno aiutato molto partecipando alle cene, ai concerti e alle lotterie organizzate per finanziare il progetto in Senegal. Abbiamo inoltre organizzato diversi corsi di volontariato internazionale in quartiere per coinvolgere altri in questa iniziativa. Da qualche anno stiamo sviluppando la campagna STOPMALARIA per sensibilizzare, denunciare e prevenire la malaria in Senegal, qui in quartiere abbiamo raccolto fondi per l’acquisto di zanzariere da portare a Dakar.

RSS feed