.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 138 ospiti collegati

.: Eventi

« Settembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            

.: Categorie

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Francesco Italia
Sabato, 13 Maggio, 2006 - 08:27

Un Piccolo Spot Elettorale


Www.milanochiamaitalia.it/spot.wmv

Ecco un link al mio piccolo spot elettorale,
enjoy!!

Lunedì, 8 Maggio, 2006 - 10:52

Ecco il mio mini-sito

per chi fosse interessato segnalo la nascita di un mini-sito elettorale al seguente indirizzo:

www.milanochiamaitalia.it

Ciao e grazie,
francesco

Martedì, 2 Maggio, 2006 - 15:40

Intrevista a "Buongiorno Lombardia"

Ecco i link per guardare alcuni video tratti dalla trasmissione di Tele Lombardia, "Buongiorno Lombardia" del 26 Aprile scorso, in cui parlo della mia proposta contro il caro prezzi, di anziani, di sicurezza e immigrazione.

www.mckay.it/caroprezzi.wmv

www.mckay.it/anziani.wmv

www.mckay.it/sicurezza.wmv

Martedì, 2 Maggio, 2006 - 12:06

Ecco alcune idee per Milano e i milanesi

Una delle tematiche che mi ha colpito di più all’interno del programma di Letizia Moratti è il riferimento alla “partecipazione responsabile” dei cittadini milanesi nella costruzione della  Milano di domani.
La gestione della cosa pubblica a mio avviso non può infatti prescindere dalla partecipazione del cittadino e dall’analisi dei bisogni e delle criticità concrete della nostra società al di là delle ideologie e degli schieramenti.
Ecco alcune considerazioni e proposte che mi piacerebbe sottoporre all’attenzione del consiglio comunale milanese:
 
 

Caro prezzi (www.mckay.it/caroprezzi.wmv)
L’euro ci ha resi più poveri ed ha reso più fragili diverse fasce sociali come gli studenti, le giovani coppie in cerca di casa, gli anziani. E’ stato istituito un Osservatorio Sui Prezzi sicuramente interessante ma che rischia di diventare fine a se stesso se non opportunamente supportato da strumenti di comunicazione che consentano non solo di monitorare i prezzi, ma anche di informare i cittadini su dove e come si può spendere meno e  meglio in città.
PROPOSTA: creare  il Giornalino Della Spesa (declinato opportunamente anche su internet e tv), distribuito gratuitamente a tutti i milanesi attraverso i principali canali di distribuzione esistenti.
Il Giornalino Della Spesa realizzato dal comune in associazione con le principali catene di distribuzione e centri commerciali milanesi, è uno spazio in cui il cittadino avrà mensilmente visione di tutte le principali offerte di risparmio provenienti dai grandi e medi distributori.
Ad esempio: una giovane coppia che decide di metter su famiglia e che deve quindi comprare tutti gli elettrodomestici, potrà trovare sul giornalino le migliori offerte del mese sul mercato milanese senza dover spendere tempo e denaro visitando tutti i centri commerciali alla ricerca delle offerte più convenienti.
Il progetto si finanzierebbe con i contributi dei distributori che acquistano (allo stesso prezzo degli altri) uno spazio (uguale per tutti) per promuovere le proprie offerte. 
Il giornalino avrebbe anche il vantaggio di stimolare la concorrenza tra distributori e quindi incidere sensibilmente sulla riduzione  dei prezzi.
 
 
Difesa dei cittadini più deboli
La pluralità di Milano, e la grande capacità della nostra città di assorbire tutte le diversità in una sintesi felice e compiuta, deve a mio avviso essere supportata da strumenti in grado di tutelare le diversità, prevenire e contrastare tutte le forme di discriminazione legata alla razza, alla religione, all’orientamento sessuale e all’identità di genere
PROPOSTA: creare a livello comunale uno Sportello Anti-discriminazione in grado di tutelare concretamente le fasce più deboli della società milanese. Promuovere iniziative sociali, culturali e di intrattenimento che valorizzino l’apporto e il valore di questi cittadini in modo da integrarli nel tessuto sociale e sensibilizzare i milanesi al rispetto del valore della diversità come occasione di arricchimento culturale e umano.
 
 
Anziani a Milano (www.mckay.it/anziani.wmv)
Quando si parla di  anziani a Milano spesso ci si riferisce solo all’assistenza sanitaria. Senza dimenticare quanto di importante è stato fatto, si fa e si farà da un punto di vista sanitario, mi piacerebbe portare l’attenzione su tutto quel mondo di persone ultra settantenni che godono di ottima salute  ma che ogni giorno lottano contro la solitudine, la depressione, l’esclusione e la marginalità. Molte persone anziane vivono spesso la città come una giungla, sono sole e non hanno stimoli; molte di loro sarebbero estremamente attive se solo ne avessero la possibilità e costituiscono un contributo prezioso per la società milanese. Non dimentichiamo che gli anziani di oggi sono i giovani che ieri hanno reso grande la nostra città.
PROPOSTA: Attivare una serie di iniziative di intrattenimento per persone anziane (in collaborazione con gruppi di volontariato e giovani artisti) utilizzando le strutture del comune (normalmente vuote la mattina ed il pomeriggio) e le nostre piazze. Penso ad eventi e spettacoli di varia natura (teatro, musica, ballo, letture, feste, sagre ecc) che oltre ad intrattenere gli anziani offrirebbero a molti giovani artisti alla ricerca di visibilità e lavoro, la possibilità di esibirsi e di affacciarsi al mondo dell’intrattenimento.
Istituire a Milano La Settimana Dei Nonni, una settimana dedicata alla terza età con convegni, dibattiti, tavole rotonde, e molto intrattenimento (es: gli anziani alla scala).
Attivare dei corsi di formazione gratuiti perché non si finisce mai d’imparare e di rendersi utili agli altri…
 
 
Immigrati regolari con famiglia nel paese d’origine
Quando si parla di immigrazione si affronta un tema scottante che riguarda da un lato la garanzia di legalità e sicurezza, ma allo stesso tempo comporta la necessità di prevenire la marginalità e l’esclusione come cause di disordine sociale.
Credo che l’amministrazione milanese debba attivarsi per offrire risposte concrete a chi viene qui per lavorare onestamente ed in piena legalità. Milano ha nei confronti di chi si rivolge alla nostra città in cerca di lavoro ed in particolar modo di chi abbandona nel paese d’origine le persone che ama per garantire loro un futuro migliore, il dovere morale di offrire quanto di meglio possa attraverso le proprie strutture.
Milano deve quindi candidarsi a rappresentare un faro internazionale di modernità, progresso e solidarietà.
PROPOSTA: Attivare dei Corsi di Formazione Professionale per immigrati regolari con famiglia nel paese d’origine nei settori di maggiore utilità economica.
Questi nostri ospiti a Milano, avrebbero in tal modo la possibilità di imparare un lavoro, di metterlo a servizio delle nostre imprese e dei nostri cittadini per un certo periodo, per poi far ritorno in patria nel più breve tempo possibile, con strumenti economici e professionali tali da consentire loro di apportare benessere e progresso alle proprie famiglie nei propri paesi d’origine.
 
 
Cultura e partecipazione 
Grandi eventi culturali cittadini, come mostre, concerti ecc., sono realizzati solo grazie all’interessamento ed al contributo diretto dei privati. Alcune realtà milanesi costituiscono delle eccellenze in campo internazionale che meritano di essere valorizzate e supportate.
PROPOSTA:  Promuovere iniziative comunali di tipo economico (incentivi e contributi), fiscale (sgravi) e logistico, in grado di stimolare e supportare tali iniziative. Coordinamento strategico tra le varie realtà operanti sul territorio, snellimento burocratico e supporto di  comunicazione.
 
 
Settimana della moda per i milanesi
La settimana della moda è certamente uno dei grandi eventi mediatici internazionali che durante l’anno accendono i riflettori  di tutto il mondo sulla nostra città. Credo che eventi di questa portata necessitino di maggiore attenzione da parte delle istituzioni e debbano essere vissuti come una grande opportunità di rilancio turistico e di coinvolgimento dei cittadini. La settimana della moda è invece, troppo spesso, soltanto subita dai milanesi che non fanno parte del mondo della moda, a causa della congestione dei servizi e di ciò che ne consegue a livello di traffico ecc.
PROPOSTA: Istituire durante la settimana della Moda una serie di eventi per i milanesi, come ad esempio la proiezione delle sfilate più importanti su megaschermi (come la prima della scala trasmessa in galleria), ma anche per le migliaia di visitatori che si trovano in città durante la settimana. Iniziative legate alla cultura e all’intrattenimento in cui Milano possa dimostrare di essere una capitale internazionale in grado di creare grandi occasioni di spettacolo.
 
 
Milano più bella
La nostra città è la città di alcuni dei più famosi e importanti stilisti al mondo, persone che hanno contribuito in modo tangibile a fare dello stile e del gusto italiani un punto di riferimento a livello internazionale.
PROPOSTA: Coinvolgere i grandi stilisti milanesi nella creazione della Milano che sarà dagli arredi urbani alle grandi opere. Come è stato già fatto a Lisbona con grandi architetti, a Milano ad esempio, i più importanti stilisti potrebbero disegnare le fermate di una delle nuove linee metropolitane milanesi.
 
 
Partecipare significa comunicare, informare e ascoltare
L’ ascolto delle proposte dei cittadini avviato dal nostro candidato sindaco Letizia Moratti, DEVE continuare dopo le elezioni. Il cittadino, che spesso avverte una grande distanza nei confronti delle istituzioni, grazie a questo processo di comunicazione viene direttamente coinvolto nella gestione della città e nella sua trasformazione.
PROPOSTA: Attivare un meccanismo di comunicazione (linee telefoniche dedicate, sito del comune, giornalino del comune, trasmissioni tv) che sia capace da un lato di informare compiutamente tutti i cittadini (sulle iniziative, sui servizi, sugli eventi, sulle attività, sugli strumenti, sui progetti ecc), dall’altro, da parte dell’amministrazione, di recepire i bisogni, le proposte, le segnalazioni e le informazioni provenienti dai cittadini per darvi risposte concrete.
 Il cittadino partecipa à aumenta il senso civico à aumenta la visibilità sulle iniziative e sulle problematicheà aumenta le responsabilità reciproca del cittadino e di chi è coinvolto nell’amministrazione comunale.

RSS feed