.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 30 ospiti collegati

.: Eventi

« Dicembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Savioli
Venerdì, 12 Maggio, 2006 - 17:06

Liberiamoci dal Traffico e dall'Inquinamento

Il peggioramento delle condizioni di vita per traffico e inquinamento ha raggiunto livelli tali da costituire il principale fattore di rischio per la salute pubblica e per lo stesso sviluppo economico sociale e civile (ogni anno per effetto dell’inquinamento si contano circa 1300 morti e 800.000 giornate di lavoro perse).

Forse è proprio arrivato il momento di :
-          costituire la “Città Metropolitana”, anche in applicazione di quanto disposto dalla nostra Costituzione, con Municipalità omogenee per criteri geo-territoriali, socio-storici, economici ed amministrativi e dotate di poteri amministrativi e risorse economiche. Questo restituisce vita alle periferie e rende possibile lo sviluppo policentrico ed equilibrato dell’area metropolitana milanese. Il decentramento dei poteri amministrativi e dei servizi alle municipalità contribuisce alla soluzione del problema del traffico e dell’inquinamento perché toglie dal centro i grandi afflussi dall’esterno e rende possibile costruire intorno alla città “isole di scambio”;
-          occorre ricostruire la rete dei mezzi pubblici, ecologici, leggeri, frequenti e costruire una rete di piste ciclabili lungo tutti gli assi e le circonvallazioni. Questo modello rende inutili i progetti di vere e proprie autostrade in città come la Gronda Nord e la costruzione di parcheggi a rotazione nel centro cittadino che producono ulteriore affluenza di traffico dall’esterno come S. Ambrogio, Darsena e molti altri;
-          immediata riconversione dei combustibili utilizzati per trazione dei mezzi pubblici e di servizio e per il riscaldamento.
 
Anche secondo voi ???

Mercoledì, 10 Maggio, 2006 - 23:15

La Casa come problema Sociale

La Casa è diventato il problema di carattere Sociale di Milano.
La speculazione edilizia con l'esplosione dei prezzi immobiliari e l'incapacità di gestione e/o creazione del patrimonio immobiliare dell'edilizia sociale hanno provocato una tragica condizione di esclusione abitativa.
Nella nostra Città mancano all'appello circa 40.000 alloggi !

Devono essere inserite quote di edilizia a canone sociale nei programmi di riqualificazione urbana (PRU) e nei piani integrati di intervento (PII).
Nelle convenzioni si deve utilizzare il meccanismo della cessione gratuita al COmune di alloggi da dare in affitto o di aree private da destinare agli interventi di edilizia popolare o non profit.
Si deve provvedere all'utilizzo degli alloggi sfitti, alla ristrutturazione degli alloggi inagibili o non assegnabili per condizioni di degrado, mancanza di servizi, metratura insufficiente.

COME LA PENSATE ???

Mercoledì, 10 Maggio, 2006 - 07:56

Restituire ai Cittadini le scelte sulla Città

La crisi nel rapporto tra Istituzioni e Cittadini ha allontanato persone, risorse e competenze dalla politica e dall'Amministrazione della nostra Città. Penso che sia necessario attivare delle forme di partecipazione dei Cittadini più concrete.

Cosa ne direste se :

1. fosse attivato il "Bilancio Partecipato" cioè l'assegnazione in sede di Bilancio Comunale di quote destinate a realizzare interventi stabiliti da rappresentanze autorganizzate di Cittadini ?

2. si individuasse un "luogo comune" nel quale i Cittadini possano svolgere compiti di ricerca, elaborazione e definizione di progetti per la Città e verificarne la loro realizzazione ?

3. si semplificassero le procedure per ricorrere al referendum - sia propositivo che abrogativo - sui grandi temi che riguardano la Città ?

Giovedì, 4 Maggio, 2006 - 21:22

Parcheggi no , Parcheggi si - servono tutti ???

Recentemente alcuni Consiglieri Comunali di diverse appartenenze politiche hanno denunciato (formalizzando un'interrogazione) che a Milano da decenni esistono circa 1000 tra posti auto e box destinati a residenti o a rotazione ad oggi mai entrati in funzione per futili inadempienze burocratiche !

E allora perchè il Comune si accanisce nel volerne costruire ancora migliaia anche in luoghi dove il buonsenso, le proteste dei cittadini e il lavoro svolto dalle Soprintendenze suggerirebbero di ripiegare su altre soluzioni (Es.: Darsena e S. Ambrogio) ???

E voi cosa ne pensate ???

RSS feed