user error: Unknown column '438Cos' in 'where clause'
query: SELECT bc.*, buc.weight
									FROM blog_categories bc, blog_user_category buc
									WHERE buc.uid = 438Cos AND buc.catid = bc.catid
									ORDER BY buc.weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: Unknown column '438Cos' in 'where clause'
query: SELECT *
									FROM blog_blocks
									WHERE uid = 438Cos AND type = 'candidati'
									ORDER BY weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: Unknown column '438Cos' in 'where clause'
query: SELECT *
									FROM blog_blocks
									WHERE uid = 438Cos AND type = 'links'
									ORDER BY weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: Unknown column '438Cos' in 'where clause'
query: 	SELECT 	cp.nid AS pagina
												FROM 	users u LEFT JOIN candidati_pagine cp ON u.uid = cp.uid 
												WHERE	u.uid = 438Cos in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: Unknown column '438Cos' in 'where clause'
query: SELECT nid FROM node WHERE uid = 438Cos AND type = 'blog' in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
Il Blog di Donatella Elvira Camatta | www.partecipaMi.it
warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /mnt/data/sites/partecipami/includes/common.inc:386) in /mnt/data/sites/partecipami/themes/com06/globals/cookies.php on line 34.

.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 35 ospiti collegati

.: Eventi

« Agosto 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

.: Ultimi 5 commenti


Nessun commento...

.: Il Blog di Donatella Elvira Camatta
Venerdì, 28 Luglio, 2006 - 15:47

Tassisti, non teppisti. Solidarietà a Giavazzi.

Le ragioni dei taxisti che si oppongono al Decreto Bersani vengono ascoltate sia in sede ministeriale che locale, ma una frangia di loro non ascolta ragioni: l’episodio di intollerabile intimidazione all’economista Francesco Giavazzi e l’aggressione al giovane che ha “osato” dissentire ai loro propositi di inciviltà – che fa seguito a quelle dei giorni scorsi verso altri giornalisti e addirittura nei confronti del ministro Fabio Mussi – indica che la misura è colma.
Invitiamo le organizzazioni di categoria a isolare questi teppisti e l’assessore Croci a testimoniare pubblicamente insieme a noi la solidarietà a Francesco Gavazzi.
Marilena Adamo
Capogruppo dell’Ulivo

Venerdì, 28 Luglio, 2006 - 15:44

PER L'INDULTO... GOVERNO "SINISTRO" TI RINGRAZIO!!!

 
Da "La Repubblica" 28 luglio 2006
 
ORA PER PREVITI I SERVIZI SOCIALI. "PRONTO A LAVORARE PER LA CARITAS" (Elsa Vinci)
Adesso gli serve un lavoro. "La condanna a sei anni per corruzione giudiziaria ne processo Imi-Sir lo interdisce dai pubblici uffici, ma non dalla sua professione, l'avvocato civilista. Potrebbe fare il consulente di un'associazione con scopi umanitari. Caritas, Amnesty International", spiega il suo avvocato, Alessandro Sammarco. A Cesare Previti, ex parlamentare di Forza Italia, ex ministro della Difesa, agli arresti domiciliari per i suoi 72 anni, un lavoro è necessario per riconquistare la libertà. Come? Chiedendo l'affidamento ai servizi sociali. Un regalo portato dall'indulto. "Oltre allo sconto di tre anni sulla pena - prosegue Sammarco - il provvedimento ci consente di chiedere l'affidamento ai servizi sociali, che se ottenuto significherebbe la fine della detenzione". Ma Previti si dovrà impegnare per la collettività. Volontariato? Nemmeno l'avvocato ce lo vede. "Dovrà fare qualcosa di socialmente utile, metterà a disposizione della comunità la sua esperienza. Anche per organizzazioni internazionali". Se, come è prevedibile, ci riuscirà, Previti saluterà l'autunno a spasso per Roma.
Tre mesi dopo quella mattina del 6 maggio, quando l'ex parlamentare si è presentato ai cancelli di Rebibbia, dopo una condanna resa definitiva dalla cassazione, lo spiraglio. Atteso, agognato, non commentato. La sua non è stata una detenzione dura, pochi giorni in cella, poi l'età lo ha mandato ai domiciliari. Da tre mesi vive nella sua casa di piazza Farnese, a due passi dall'Ambasciata di Francia e da Campo de' Fiori, con la moglie. "I figli ormai grandi vanno a trovarlo spesso. Può incontrare gli amici, chiacchierare con chi vuole. Ma non può uscire", spiega Sammarco.
In attesa di attraversare la breccia, Cesare Previti non abbandona l'orgoglio di essere "falco". "Soffre ma a testa alta. E' di temperamento sanguigno, il dolore non lo piega. Studia. Si tiene in forma, fa ginnastica, consuma pasti leggeri. In lui non c'è abbandono". Sammarco, docente di diritto dell'esecuzione penale di Salerno, è uno specialista, lo tirerà fuori. L'avvocato non andrà in vacanza se non dopo aver presentato al tribunale di sorveglianza di Roma la richiesta di affidamento ai servizi sociali. Tempi tecnici per il verdetto? "In genere tre mesi, ma forse l'indulto alleggerirà il lavoro dei giudici e si potrà fare prima".
 
Io sono insegnante precaria da 15 anni, ho preso regolarmente l'abilitazione, insegno con un certo scrupolo (credo), e, malgrado lo stipendio ballerino, sono da molti anni impegnata in attività di VOLONTARIATO e continuo a confidare (questo è il mio errore di fondo) nella giustizia, nell'"intima bontà umana" come diceva un'altra giovane illusa, Anna Frank. Tanto giovane io non sono più (42 anni), e non sono certa di trovare lavoro quest'autunno, non ho nessun avvocato di grido al mio fianco e dubito che la Caritas o Amnesty s'interessino al mio caso. Vedremo come finirà questa volta, ma ricordo che di quest'indulto potrebbero beneficiare anche Moggi e Giraudo, e quanto ai pedofili, oggi sono puniti, ma ancora per poco: dopo la legalizzazione del loro partito, in Olanda (http://www.associazioneprometeo.org/pedofilia/partitopedofili.htm), notizia passata vergognosamente (e significativamente) passata sotto silenzio, può darsi che presto libereremo anche loro, magari con tante scuse. Resteranno dentro gli extracomunitari, i piccoli spacciatori, tutti quelli che, anziani o no, non hanno prezzo per la loro vita. Grazie, sinistra che ho colpevolmente votato.

Giovedì, 27 Luglio, 2006 - 17:53

La riunione di Roma si è conclusa. L'Italia continui a fare la sua parte

COMUNICATO STAMPA
Bilancio negativo. La riunione di Roma si è conclusa, ma la strage continua. 
L’Italia continui a fare la sua parte.
Dichiarazioni di Flavio Lotti e Grazia Bellini, coordinatori nazionali della Tavola della pace
Flavio Lotti e Grazia Bellini, coordinatori nazionali della Tavola della pace, hanno rilasciato la seguente dichiarazione a seguito delle conclusioni del Vertice di Roma di oggi. 
"Per ora il bilancio è negativo. La riunione di Roma si è conclusa, ma la strage continua. Nessuna delle decisioni più urgenti è stata presa. Solo un po’ di aiuti. E non si sa neppure quanti li potranno ricevere, né quando e per quanto tempo.

 

Troppo poco per chi sta sotto le bombe, per chi è intrappolato nella morsa della guerra, per i feriti, per gli ammalati, per i bambini, per gli anziani, per le donne e gli uomini innocenti, i caschi blu che ancora perderanno la vita.

 

Vedremo nei prossimi giorni se ci saranno veri passi in avanti. Per ora sono solo parole e vaghe promesse.

 

Dopo la riunione del G8, la riunione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu, la riunione di Roma, la parola è ancora pienamente alle armi. Per quanto ancora? Il cessate il fuoco non è solo urgente: è possibile. Perché esitare ancora? I governi che stanno impedendo l’intervento efficace dell’Onu e della comunità internazionale sono corresponsabili della tragedia in corso.

 

Chiediamo al governo italiano di continuare a lavorare con ancora maggiore energia e determinazione per dire tre si: Si all’immediato cessate il fuoco. Si ad una forza di pace dell’Unione Europea. Si al negoziato politico con tutti, inclusa la Siria e l’Iran."
Flavio Lotti e Grazia Bellini
Perugia, 26 luglio 2006
Giovedì, 27 Luglio, 2006 - 17:47

FERMIAMO CHI SCHERZA COL FUOCO ATOMICO.....

                           METTIAMOCI INSIEME PER IL DISARMO !

 

Una grave emergenza chiama a raccolta tutte le associazioni, i movimenti, le persone che da tanti anni lavorano per il ripudio della guerra, per la nonviolenza e per la pace.

La crisi USA-Iran, alimentata anche dalla gravissima escalation di violenze ed azioni belliche in Palestina, in Libano/Isarele, ed in tutto il Medio Oriente, non fa che aggravarsi. Essa è un elemento chiave nella strategia americana di controllo sull’ area strategica della "cintura del petrolio". La possibilità di una guerra atomica torna prepotentemente alla ribalta con le accuse statunitensi a Teheran di fomentare il terrorismo e di perseguire l’arricchimento dell’uranio per fini bellici. L’uso della "Bomba" per "disarmare l’Iran" è ufficialmente pianificato e rivendicato come lecito e possibile da parte dell’Amministrazione Bush. Questa minaccia non fa che alimentare ulteriormente il terrorismo.

La proliferazione nucleare ha rotto gli argini ed è entrata in una nuova pericolosissima fase: i test missilistici nordcoreani ne sono una manifestazione. Anche gli ostacoli frapposti al controllo democratico, - in alcuni Paesi dittatoriali del tutto impossibile- costituiscono un fattore aggiuntivo di allarme.

Ciò nonostante, la percezione del rischio che stiamo correndo è ancora assai limitata, se non inesistente, nell’opinione pubblica.

Non riconosciamo alcun "diritto" al regime teocratico degli Ajatollah, tanto più dopo le sue dichiarazioni sulla cancellazione di Israele, di dotarsi della "Bomba"; ma nemmeno alle potenze nucleari di ergersi a giudici degli "Stati canaglia". Stati Uniti, Russia, Francia, Gran Bretagna, Cina (cui si sono aggiunte India e Pakistan e - non ufficialmente - Israele e Corea del Nord) non hanno rispettato gli impegni per il disarmo totale sottoscritti già quasi quarant’anni fa con il Trattato di Non Proliferazione (NPT) .

Le armi di distruzione di massa sono immorali in quanto armi di distruzione indiscriminata; le armi atomiche lo sono in modo assoluto in quanto il loro impiego minaccia di distruggere in poche ore ogni vestigia di civiltà, e forse anche ogni forma di vita, spezzando l’equilibrio che la Natura ha sviluppato in miliardi di anni sul pianeta.

La Corte Internazionale dell’Aja si e’ espressa dichiarando che l’uso e la minaccia delle armi nucleari sono contrari al diritto internazionale. Anche l’Italia ha la sua fetta di responsabilità, ospitando, in palese violazione della Costituzione e dei suoi impegni di paese non-nucleare, tra Aviano (PN) e Ghedi (BS) una novantina di atomiche, e in 11 porti sommergibili a propulsione nucleare, dotati ciascuno di missili con testate nucleari di potenza distruttiva complessiva migliaia di volte superiori alle bombe di Hiroshima e Nagasaki.

Politici e militari, sperperando enormi risorse mentre miseria e morte per fame aumentano ovunque, pretendono di decidere da soli nel campo dei problemi atomici, vanificando la democrazia, tenendo la popolazione ostaggio delle loro scelte.

La politica, la societa’, le religioni, la cultura, la scienza, si trovano davanti ad una scelta di vita o di morte.

Oggi le armi nucleari hanno perduto il ruolo di deterrente, ma sono concepite per venire usate. I veri rischi provengono dagli Stati nucleari che non intendono disarmare, e dalla disponibilità di materiale fissile.

La perversa "razionalita'" della brama di potere, della prevaricazione e della forza armata, degenerata nella follia e nell'insensatezza assolute, ha espresso la regola della competizione atomica: CHI SPARA PER PRIMO VINCE (se riesce ad impedire la reazione del "nemico").

La preparazione e la minaccia dello sterminio atomico dimostrano dove portano l'idea e la pratica della guerra, che è un male incontenibile, scatenante il massimo possibile di violenza e distruzione.

Ci troviamo davanti ad un passaggio storico che può essere drammatico per l’umanità. Ma può anche essere il momento in cui i popoli dell’intero pianeta reagiscono alla rassegnazione, chiedendo il rispetto della legalità internazionale ed esigendo di essere trattati come cittadini e non come ostaggio o bersaglio delle partite a Risiko planetario tra i signori della guerra.

Non possiamo delegare, come ci impone la NATO, la "Suprema garanzia di Sicurezza" alla deterrenza nucleare. Difesa e sicurezza possono fondarsi sull’unità popolare che interviene nei conflitti con l’azione nonviolenta ed i Corpi Civili di Pace.

Noi, gruppo di nonviolente/i, senza presunzione ma con convinzione, chiediamo a tutte e tutti di fare proprio questo appello, di promuoverlo, di diffonderlo, di persuadere gli indecisi.

Ci rivolgiamo all’intera società, al mondo della cultura, della politica, della religione, del lavoro, della scienza, a tutti e ad ognuno:

  • per l’immediata applicazione del Trattato di non proliferazione, a partire dall’Italia e dall’Europa;
  • per contestare la presenza delle atomiche USA nelle basi militari e nei porti italiani;
  • per contrapporre al concetto strategico della NATO la trasformazione degli armamenti da offensivi a strettamente difensivi in direzione della Difesa Civile non armata e Nonviolenta;
  • per l’obiezione di coscienza dei tanti, troppi, scienziati coinvolti nelle ricerche militari affinché, insieme alle organizzazioni del lavoratori, realizzino la riconversione dell’industria bellica
  • perché i rappresentanti di tutte le religioni dichiarino la guerra atomica Tabù e Peccato, un crimine contro l’umanità come tale assolutamente non giustificabile.

Il disarmo nucleare completo, come previsto anch’esso dal Trattato di non proliferazione, deve essere il primo passo per il disarmo totale.

 

 

"NO ALLA GUERRA NUCLEARE" - insieme per il disarmo

Alex Zanotelli

Alfonso Navarra (per adesioni: CELL. 349-5211837 email alfonsonavarra@virgilio.it)

Pierluigi Ontanetti CELL. 335-8083559

Patrizia Creati tel. O55-283192

Vittorio Agnoletto - Angelo Baracca – Giuliano Pontara - Alberto L'Abate - Giuseppe Onufrio - Donatella Quarrata - Domenico Gallo - Lisa Clark – Albino Bizzotto - - Enrico Peyretti – Giuliana Martirani - Lorenzo Porta - Angelo Cavagna – Francesco Vignarca - Paolo Candelari - Nella Ginatempo - Massimo Aliprandini - - Silvano Tartarini – Gigi Malabarba - Claudio Pozzi – Antonio Vermigli - Lina Appiano - Pola Natali Cassola - Luciano Zambelli - Tiziano Tissino - Paolo Colantonio - Pierpaolo Calonaci - Lorenzo Scaramellini – Rocco Altieri - Tiziano Cardosi - Chiara Cavallaro – Alessandro Rizzo –Luigi Vinci – Marco Bersani – Luciano Muhlbauer – Graziella Bevilacqua – Giovanni Russotto – Giancarlo Giovine – Antonio Bruno – Andrea Agostini – Luisa Benfatti - Riccardo Bovolenta – Norma Bertullacelli – Arnaldo Cestaro – Isa Baldelli – Ettore Silvestri

 

 

 

 

Giovedì, 27 Luglio, 2006 - 17:42

L'iTALIANO MEDIO RUBA LE TARTARUGHE...GRILLO

 

 

27.07.06

tartarughe.JPG

Ho portato i miei figli in un’oasi per le tartarughe vicino a Massa Marittima sponsorizzata dalla Comunità europea. Il primo cartello visibile in questo piccolo parco invita a depositare le borse all’ingresso a causa dei continui furti di tartarughe. Il cartello è scritto nelle principali lingue europee, ma è indirizzato, lo sappiamo bene, agli italiani. Solo a quelli medi. Gli altri sono esclusi.

L’italiano medio ruba le tartarughe,
l’italiano medio non vuole problemi,
l’italiano medio i problemi preferisce lasciarli a BorsellinoFalconeAmbrosoli, che se si facevano i c..o loro erano ancora vivi,
l’italiano medio quando è cliente vuole le liberalizzazioni,
l’italiano medio quando è industriale vuole i monopoli,
l’italiano medio se può evade le tasse,
l’italiano medio critica chi evade le tasse (lui lo fa per necessità),
l’italiano medio ama la famiglia e tiene la casa pulita,
l’italiano medio vuole uno stipendio, una laurea e un lavoro statale,
l’italiano medio è abusivo e condonista (sempre per necessità),
l’italiano medio diventa feroce, molto feroce, se gli tocchi i soldi,
l’italiano medio è buonista in pubblico e razzista in privato,
l’italiano medio si lava il c..o, ma non ha il depuratore,
l’italiano medio ha ogni diritto e nessun dovere,
l’italiano medio parcheggia in seconda fila e se protesti si inc..za,
l’italiano medio è mafioso dentro,
l’italiano medio ha sempre un amico che gli fa un favore,
l’italiano medio deve sempre ricambiare un favore,
l’italiano medio sceglie come rappresentanti altri italiani medi,
l’italiano medio induce pesantezza di stomaco e diarrea,
l’italiano medio considera privata la proprietà pubblica e, per questo, rubare al pubblico non è reato,
l’italiano medio è maggioranza assoluta nel nostro Paese,
l’italiano medio gli intellettuali li vuole organici al sistema,
l’italiano medio i giornalisti li vuole servi,
l’italiano medio i politici li vuole medi,
l’italiano medio è semilibero, lo sa e gli va bene così,
l’italiano medio è un povero cristo che ruba a sé stesso e al suo Paese e non lo sa.

 

Mercoledì, 26 Luglio, 2006 - 17:28

Il piano generale di sviluppo è un'operazione d'immagine

Il  Piano Generale di Sviluppo del Comune non è lo strumento di programmazione previsto dalla legge, ma una pura operazione di immagine.
La normativa infatti richiede che sia un vero strumento di programmazione, con priorità definite nel quinquennio, inclusa la previsione delle necessarie risorse finanziarie e umane.
Invece ci troviamo di fronte alla riedizione delle linee programmatiche della Giunta, per alcuni aspetti modificate [peggiorate]. Per esempio: è totalmente scomparsa la riduzione dell’ICI, sono spariti i BOC, eclissato il blocco delle tariffe dei mezzi pubblici. È un’operazione dilettantesca, poco seria e poco trasparente, che da parte della Giunta più “manageriale” d’Italia ci sorprende davvero!
 
Marilena Adamo
Capogruppo dell’Ulivo
Martedì, 25 Luglio, 2006 - 16:41

Traffico e mobilità oltre il ticket d'ingresso

In occasione del Consiglio comunale straordinario odierno, pubblichiamo le proposte del Gruppo dell'Ulivo su traffico, mobilità e ticket d'ingresso.

Milano vive dall’1 gennaio del 2002 la condizione di emergenza ambientale per la congestione e l’inquinamento da traffico, sancita ufficialmente dal Governo attraverso due successivi decreti che hanno conferito al Sindaco poteri straordinari per affrontare l’emergenza. Questo ha di fatto sottratto al Consiglio Comunale il compito di indirizzare l’attività della Giunta in una materia tanto articolata e complessa, dove le differenti scelte di tipo tecnico faticano a trovare il necessario consenso sul territorio, fatto anche di dialogo e di ascolto con i cittadini. Possiamo a ragione ritenere che i risultati raggiunti in questi tre anni di commissariamento sono assai deludenti, perché non sono intervenuti radicali miglioramenti della situazione se non addirittura, stando alle recenti pubblicazioni di prodotte dalla ASL Città di Milano, sotto l’aspetto sanitario e della salute ulteriormente peggiorate.
Tutte le analisi sul traffico e sulla mobilità concordano nell’affermare la necessità di una forte politica di coordinamento a livello metropolitano e regionale. Neppure le politiche tariffarie sono ancora state adeguate in modo soddisfacente alla dinamica metropolitana assunta dalla mobilità nell’area milanese. I ritardi in questo senso si misurano ormai in decenni.
L’eventuale introduzione di ticket di ingresso al territorio cittadino appare insufficiente, ed in alcuni casi vessatoria, se contestualmente non si avviano altre forme di intervento che incentivino l’uso dei mezzi pubblici da parte delle persone che raggiungono Milano per lavorare.


COSA PROPONIAMO
COSA PROPONIAMOCOSA PROPONIAMO
  1. L’immediata convocazione della Conferenza Metropolitana per la mobilità con le altre istituzioni locali al fine di concordare soluzioni adeguate e sostenibili
  2. L’Amministrazione Comunale adegui la politica tariffaria del trasporto pubblico nel Bacino di competenza (i 31 comuni dell’Hinterland) attraverso il SITAM prevedendo la completa integrazione fra i mezzi di trasporto urbani e quelli extraurbani, arrivando alla tariffa unica per le metropolitane.
  3. Aumento delle frequenze di mezzi pubblici ed estensione degli orari di servizio per alcune corse sino alle 2 di notte come nelle altre grandi città europee
  4. Avvio della progettazione degli interventi strutturali relativo alle corsie preferenziali, ai trasporti pubblici metropolitani per l’Hinterland, ed al potenziamento dei parcheggi periferici di interscambio
  5. Ridiscussione immediata del progetto relativo al potenziamento della Linea ferroviaria Milano/Meda/Asso con Ferrovie Nord Milano e Regione Lombardia per la sua” messa in trincea”evitando l’isolamento di interi quartieri e il peggioramento del traffico locale.
  6. Porre in essere con le Aziende Ospedaliere, gli IRCCS e le Università un monitoraggio epidemiologico per valutare, ad oggi, lo stato della salute dei cittadini milanesi, in particolari i più esposti all’aggressione delle sostanze inquinanti come i bambini e le persone anziane (pm10 e pm 2,5 in particolare) in vista anche della prossima entrata in vigore della nuova normativa europea sulle emissioni inquinanti.
  7. Revisione del Piano parcheggi anche rispetto alle situazioni già assegnate dai Bandi (Darsena/ Porta Volta/ Sant’Ambrogio).
L’immediata convocazione della Conferenza Metropolitana per la mobilità con le altre istituzioni locali al fine di concordare soluzioni adeguate e sostenibili .

Gruppo Consiliare "L'Ulivo"

Martedì, 25 Luglio, 2006 - 12:12

Facciamo Sventolare la Pace

Alla vigilia del Vertice di Roma e di fronte alla terribile situazione mediorientale

Appello della Tavola della pace, del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani e dall'Associazione Articolo 21
Cari Amici, 
le immagini che ci arrivano dal Libano da Haifa e dal Medio Oriente intero, ci impongono di fare sentire forte il nostro pressante e prepotente invito a non sparare più su  uomini, donne e bambini innocenti. Per dare un segno tangibile che ci siamo accorti della guerra, tutti quanti dovremmo subito tirare fuori dal cassetto, e restituire ai balconi e alle finestre, le bandiere di pace che avevamo esposto - segno del nostro orrore per la guerra in Iraq – in ogni angolo delle nostre città, piccole e grandi.
Ricompaiano, una dietro l'altra, ai balconi dei Comuni, alle finestre delle chiese, di ogni tempio religioso, ai balconi delle camerette dei nostri figli, in quelle dei nostri studi, dei nostri negozi, dei nostri uffici, in ogni cosa che possa divenire cornice del nostro sacrosanto diritto a chiedere la pace. Facciamo trovare a quanti verranno al prossimo summit di Roma per lavorare al cessate il fuoco, una città  vestita dei colori della pace.
L’appello è promosso dall’Associazione Articolo 21, dalla Tavola della pace, dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani. 
Perugia, 25 luglio 2006

Martedì, 25 Luglio, 2006 - 10:11

Sollecito realizzazione nuova linea autobus 65

PROPOSTA DI DELIBERA
Oggetto: sollecito realizzazione nuova linea autobus 65
Premesso che:
il Programma Triennale dei Servizi proposto dall’Agenzia Ambiente e Mobilità ha presentato un progetto che prevede, tra l’altro,  l’istituzione della nuova linea autobus 65 .
Tale progetto prevede lo spezzamento della linea 64 a Primaticcio, ovvero:

  • la linea 64 collegherà Primaticcio con Cesano Boscone-Corsico
  • la nuova linea 65 collegherà Primaticcio transitando da Quinto Romano.
La linea 65 avrà due diramazioni: una andrà a Baggio con capolinea in Via Bagarotti (passando di fianco al cimitero, vicino all’ASL e capolinea vicino alla Posta), un’altra andrà a Settimo Milanese con capolinea alla piscina DDS . La frequenza nelle ore di punta sarà una ogni 10 minuti, quindi per Baggio e per Settimo alternativamente una ogni 20 minuti.
Visto che:
·        la distanza stradale tra gli abitati di Quinto Romano e Baggio è di circa 1,5 Km
·        a tutt’oggi i cittadini che da Quinto debbono recarsi a Baggio  (e viceversa), con l’attuale servizio di trasporto pubblico, debbono sobbarcarsi un viaggio di 40 minuti, che invece con la nuova linea si ridurrebbe a 2 minuti.
Considerato che:
·        è ormai indispensabile consentire ai cittadini di Quinto, in particolar modo per le classi più deboli (anziani, giovani e chi non possiede un mezzo privato), poter raggiungere Baggio dove si trovano: ufficio ASL e Poliambulatorio, Cimitero, Vigilanza Urbana, Posta centrale di Zona, Ufficio Anagrafe, Cons. Zona 7, Colonia Estiva elementare e materna, nonchè attività di carattere commerciale alquanto scarse nel loro quartiere
·        tale linea permetterebbe ai cittadini di Baggio di raggiungere in breve tempo la zona San Siro
·        il collegamento di trasporto pubblico con Settimo, oggi fornito a tempo parziale, favorirebbe finalmente lo spostamento fra Comuni non obbligando all’uso intensivo del mezzo privato.
                                                                                                     
Il Consiglio di Zona 7, chiede al Sindaco e all’Assessorato competente atti opportuni affinchè venga attivata nel più breve tempo possibile la nuova linea 65 in modo da poter soddisfare una necessità che la popolazione attende da anni.
Milano, 25 Luglio 2006
Ivano Grioni 
Isidoro Spirolazzi         
Consiglieri Zona 7

Lunedì, 24 Luglio, 2006 - 18:33

Appello al Presidente Prodi......Firma Petizione

INDULTO SI
COLPI DI SPUGNA NO

Appello al Presidente Prodi, ai capigruppo parlamentari e a tutti i parlamentari della coalizione di governo.

Noi, firmatari di questo appello, non siamo affatto contrari a un indulto che serva ad alleggerire la condizione di migliaia di detenuti che affollano le nostre carceri, pur restando in attesa di provvedimenti più organici che risolvano il problema in modo più definitivo depenalizzando reati e promuovendo forme alternative alla detenzione.

Riteniamo tuttavia grave e inaccettabile che nel provvedimento dell’Indulto siano compresi i reati contro la pubblica amministrazione (corruzione, concussione, peculato ecc.) e i reati finanziari e societari (falso in bilancio, frode fiscale, aggiottaggio, bancarotta, insider trading ecc.) .

Non si tratta in questo caso di un atto di «clemenza» ma di un vero e proprio «colpo di spugna» che neppure la Casa della libertà, nella passata legislatura era riuscita a realizzare grazie anche all´opposizione delle forze politiche di centro sinistra, della società civile e della stessa magistratura che si sono battute contro le sciagurate leggi «ad personam» dalla legge sul legittimo sospetto , alla depenalizzazione del falso in bilancio, alla legge Pecorella.

Su temi di così alta rilevanza sociale e politica non si possono accettare accordi scellerati fra Unione e Cdl ! Non ci può essere «do ut des», voto di scambio! Si assumano eventualmente i parlamentari della Cdl la responsabilità di affossare ancora una volta l’indulto, ma non si accettino compromessi indecenti da parte dell’Unione.

Noi facciamo appello alla coerenza dei singoli parlamentari : non c’è disciplina di gruppo che possa prevalere rispetto al mandato direttamente ricevuto dagli elettori , quello di un profondo risanamento del mondo politico ed economico-finanziario.

Né può sfuggire a nessuno il fatto che un provvedimento di questa natura, assunto da un parlamento in cui purtroppo ancora una volta sono numerosissimi gli inquisiti e addirittura i condannati per quegli stessi reati, costituisce il più grave e clamoroso «conflitto d´interessi» della storia della nostra repubblica, un autocondono in piena regola per se stessi e per i propri amici che ripugna alla coscienza di ognuno di noi.

Noi invitiamo tutti i parlamentari ad evitare una rottura profonda con i propri elettori e con il mandato ricevuto, con effetti che potrebbero pesare in modo grave in tutti i prossimi appuntamenti elettorali.

...
275 276 277 278 279 280 281 282 283
...
RSS feed