user error: Unknown column '438Cos' in 'where clause'
query: SELECT bc.*, buc.weight
									FROM blog_categories bc, blog_user_category buc
									WHERE buc.uid = 438Cos AND buc.catid = bc.catid
									ORDER BY buc.weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: Unknown column '438Cos' in 'where clause'
query: SELECT *
									FROM blog_blocks
									WHERE uid = 438Cos AND type = 'candidati'
									ORDER BY weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: Unknown column '438Cos' in 'where clause'
query: SELECT *
									FROM blog_blocks
									WHERE uid = 438Cos AND type = 'links'
									ORDER BY weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: Unknown column '438Cos' in 'where clause'
query: 	SELECT 	cp.nid AS pagina
												FROM 	users u LEFT JOIN candidati_pagine cp ON u.uid = cp.uid 
												WHERE	u.uid = 438Cos in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: Unknown column '438Cos' in 'where clause'
query: SELECT nid FROM node WHERE uid = 438Cos AND type = 'blog' in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
Il Blog di Alessandro Rizzo | www.partecipaMi.it
warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /mnt/data/sites/partecipami/includes/common.inc:386) in /mnt/data/sites/partecipami/themes/com06/globals/cookies.php on line 34.

.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 134 ospiti collegati

.: Eventi

« Agosto 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

.: Ultimi 5 commenti


Nessun commento...

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Martedì, 24 Luglio, 2007 - 11:38

Comunicato Stampa del 21 luglio 2007

Comunicato Stampa del 21 luglio 2007
 
L’altro ieri, giovedì 19 luglio, è stato effettuato un nuovo sgombero di un insediamento non autorizzato, quello sotto il ponte della Magliana (1300 persone). Contro le edulcorate e/o trionfalistiche dichiarazioni del sindaco, del presidente del XV Municipio ecc., noi qui sottoscritti vogliamo denunciare il disastro umanitario, l’acuta sofferenza, i disagi che queste travolgenti operazioni di polizia comportano. In una città in cui è stata dichiarata l’emergenza caldo abbiamo visto con i nostri occhi donne incinte arrancare faticosamente cariche delle loro povere masserizie, nugoli di bambini dagli sguardi smarriti, neonati! - non c’è pietà neppure per i neonati a Roma ? - gruppetti di sgomberati rassegnati e sgomenti, senz’acqua, senza cibo, senza sapere dove andare. Ma dov’è la coniugazione di sensibilità e legalità sbandierata dal sindaco ? Ma il sindaco ha visto ? Cosa gli è stato riferito ? Di quale illegalità sono colpevoli i neonati, i bimbi di 3, 4, 5 anni ? A noi lo sgombero è parso come una nuova vittoria dell’ingloriosa guerra intrapresa contro i poveri, i più deboli, i più emarginati. Esisteva ed esiste un problema di legalità, ne siamo consapevoli, ma la richiesta di legalità deve essere a tutto tondo e non strumento di vessazione degli esclusi. Dov’è la legalità delle istituzioni ? Dov’è il rispetto di quei diritti umani elementari che sono il diritto alla dignità, alla sopravvivenza, a un ricovero ? L’Italia è già stata condannata dal consiglio d’Europa per la brutalità degli sgomberi, per il mancato rispetto della normativa europea al riguardo. Come cittadini di questa città non ci riconosciamo in questa politica e la denunceremo al Commissario europeo per i diritti umani.
 
Firmano: Marco Brazzoduro (professore alla Sapienza); Francesco Careri (professore a Roma3); Roberto De Angelis (professore alla Sapienza); Roberto Pignoni (professore alla Sapienza); Anna Pizzo (consigliera PRC regione Lazio); Claudio Graziano (Arci-Roma); Hamadi Zribi (responsabile Immigrazione PRC Roma); Alessia Montuori (associazione SenzaConfine); Casa dei Diritti Sociali – Focus; Daria Pozzi (ATTAC); Stefania Ruggeri (Cooperativa sociale 621); Virginia Valente (Progetto diritti); Stefano Montesi; Andres Barreto; Alfonso Perrotta (Associazione Interculturale Villaggio Globale); Stalker/osservatorio nomade; Gianluca Staderini (Popica Onlus); Alessio Arconzo (G.C. –Factory); Stefano Galieni (Dipartimento Immigrazione Prc Nazionale); Laura Nobile; Imma Tuccillo Castaldo (Karaule Mir);  Ghirmai Tewelde (consigliere PRC Municipio XVIII

Martedì, 24 Luglio, 2007 - 07:32

CAM, quale futuro - mozione presentata in CdZ6 dall'Unione

Allego il testo della mozione presentata da tutta L'unione di zona 6 in Consiglio di Zona 6 sulle proposta di esternalizzare i servizi CAM. 

Martedì, 24 Luglio, 2007 - 07:31

Lavori alla ex cascina Colomberotto

Allego il testo dell'interrogazione presentata in Consiglio di Zona sulla ex cascina Colomberotto.

Lunedì, 23 Luglio, 2007 - 14:47

Quando la bicicletta diventa cultura di mobilità altra

In tutta Italia si moltiplicano le ciclofficine. Per costruire, riparare e vendere due ruote a pochi euro. E riscoprire la lentezza perduta.
Al polso porta un braccialetto fatto con la catena di una bici. Lo indossa come un gioiello qualsiasi, ma è un segno di identità. Giacomo di professione fa il tecnico di biologia molecolare, ma fuori dal centro di ricerca è un «ciclomeccanico». Cioè ripara, assembla, costruisce biciclette di ogni forma o dimensione: non esistono limiti, nemmeno sul numero di ruote o di sellini. L'unica regola è mettere al bando motore e benzina. Per farlo ha aperto una «ciclofficina» a Roma, nell'ex Istituto Angelo Maj, rione Monti, a metà tra il garage e un circolo di quartiere. È uno stanzone che trabocca di chiavi inglesi, catene, cestini e telai. Tutti i pomeriggi apre alle cinque e fino a sera chiunque può entrare per aggiustare da solo la sua bici, per imparare come si fa, per chiederne una. Nella ciclofficina non si compra nulla: chi si innamora di una bici la chiede e poi lascia qualcosa, un euro, una torta, un regalo qualsiasi. All'inizio si va solo per «lavorare», ma poi si entra in un gruppo che propone e organizza di tutto, dall'asta pubblica con in palio bici recuperate fino ai raduni, ai viaggi. Quella di Roma non è l'unica ciclofficina in Italia. Ne esistono già una quindicina sparse un po' ovunque: a Milano, Bergamo, Firenze, Vicenza, e altre stanno nascendo. Internet è il mezzo di comunicazione degli appassionati. Per scambiare idee, progetti, appuntamenti o per organizzare eventi nazionali, come i campionati di ciclomeccanica a squadre, appena conclusi a Milano. Perché la ciclofficina è un piccolo mondo a parte, che funziona secondo regole e principi opposti a quelli delle nostre città, primi fra tutti la lentezza e la collaborazione. Marcello, 34 anni, ha smesso di fare il grafico per gestirne una a San Donato Milanese. Lo ha fatto per seguire un progetto, il primo in Italia, che unisce mezzi pubblici e due ruote: si arriva in metrò e poi si sale in bici. Sulla falsariga delle esperienze di Berlino o Amsterdam, è nata poco fuori Milano questa ciclofficina (Stecca) che noleggia, ripara e custodisce circa 300 biciclette (www.piubici.org, tel. 0255603730). Da qui partono anche iniziative per le scuole, per suscitare nei bambini l'amore per la bici, «il primo mezzo che si prende, e che purtroppo si lascia», come la definisce Giacomo. Molti istituti hanno già aperto le porte ai ciclo-meccanici, che insegnano, gratuitamente, come si riparano un freno o una ruota bucata (il modulo per richiedere il corso si scarica dal sito). Sempre a Milano, c'è la Ciclofficina Barona, gestita dalla Cooperativa sociale Anta res (via Cassoni, tel. 320-0444045), che ripara e vende bici, organizza gite fuori porta ma anche corsi di formazione e di inserimento sociale rivolti a minori soggetti a rischio di devianza. La solidarietà, del resto, è alla base anche del gruppo Ciclocomio di Vicenza, che invia periodicamente a piccole comunità in Bolivia container pieni di bici e attrezzature e ha un programma «bici collettive» da mettere a disposizione di chi ne ha bisogno. Poi ci sono i puristi della pedalata, che ammettono solo mezzi a rapporto fisso (senza cambio) e senza freni (si ritrovano su www.rotafixa.org). Come Marcello, che gira «senza freni per aumentare il livello di attenzione». In comune, tutti hanno una diversa idea di spazio urbano. E la voglia di realizzarla mettendo in sella più gente possibile. QUANDO SI FINISCE NELLA RETE DEI CLAN DEL PEDALE. www.ciclofficina.org Raccoglie i link ai siti di tutte le ciclofficine italiane presenti in rete, che presto si riuniranno in associazione: Ciclofficina Macchia Rossa, Don-Chischiotte, Centrale (a Roma); Ciclofficina Nord Niguarda, Stecca, Ruota Libera (Milano); Ciclofficina Ciclocomio (Vicenza), Ciclofficina Brugola Rossa (Firenze), Ciclofficina Cielito Lindo (Bergamo). www.piubici.org È l'associazione che gestisce sia la stazione delle bici di San Donato milanese (deposito, noleggio e riparazione), sia la ciclofficina Stecca. Organizza i campionati di ciclomeccanica a squadre. www.ciclistica.it Blog della comunità di ciclisti italiani, dove si raccolgono segnalazioni, si scambiano consigli, critiche, commenti. www.rotafixa.org Sito dei ciclisti metropolitani, cultori della bici a rapporto fisso e senza freni, con le date delle velocity, gare in città all'alba. www.dclxvi.org/chunk Sito americano per costruire bici fai-da-te di ogni tipo. www.bicyclefilmfestival.com Festival internazionale di video dedicati alla bici. Il 22-23 novembre si svolgerà a Tokyo. LE ASTE Tutto l'anno si svolgono aste di bici usate: le date si trovano sui siti delle clofficine. LE CARCASSE Abbandonare bici in strada è ritenuto uno dei peggiori «ciclodelitti»: i pezzi vanno riciclati.
CORSI, FESTE, GITE: GLI APPUNTAMENTI DI NOVEMBRE Domenica 13, corso per ciclomeccanici gratuito presso la Ciclofficina Angelo Mai di Roma, aperta tutti i giorni dopo le 17 e il sabato tutto il giorno. Mercoledì 16 (e in genere ogni terzo mercoledì del mese), aperitivo per conoscersi presso la Ciclofficina Stecca di Milano (via Confalonieri, quartiere Isola). Corsi di ciclomeccanica per gruppi scolastici di massimo 35 alunni sono organizzati dall'associazione +Bici: il modulo si scarica dal sito www.piubici.org. Ciclogite tutto l'anno: info su www.romapedala.splinder.com, www.biciurbana.org, www.bici.net.
Articolo di Alessia Piovesan, tratto da “il Venerdì di Repubblica” del 4 Novembre 2005, n. 920 pag. 140/141.

Lunedì, 23 Luglio, 2007 - 14:28

L’OZONO NON VA IN VACANZA

Le insidie di un inquinante spesso sottovalutato

www.chiamamilano.it

In estate uno dei problemi principali che legano le condizioni climatiche alla presenza di inquinanti in atmosfera è quello della formazione di ozono troposferico. Le condizioni favorevoli alla comparsa di questa sostanza laddove non dovrebbe essere presente se non in minime quantità, ovvero nei bassi strati dell’atmosfera, sono tre: il forte soleggiamento, le temperature elevate e la scarsa ventilazione. Tali condizioni favoriscono infatti una serie di reazioni chimiche tra alcuni inquinanti, quali gli NOX o ossidi di azoto, direttamente immessi in atmosfera dalle attività antropiche e l’energia solare che raggiunge la superficie terrestre.
Questi fattori fanno sì che l’andamento tipico della concentrazione di ozono in un giorno d’estate presenti un picco proprio in corrispondenza delle ore più calde in cui il soleggiamento è maggiore, mentre tenda a diminuire di notte.  Numerose ricerche confermano poi un trend positivo dei livelli di fondo dell’ozono troposferico negli ultimi decenni in tutto l’emisfero settentrionale. Una di queste illustra come il gas, fino a quel momento pressoché costante nei bassi strati dell’atmosfera, abbia iniziato ad aumentare già agli inizi del diciannovesimo secolo, per poi mantenere questa tendenza fino ai giorni nostri.
Gli effetti nocivi su materiali e salute umana sono ormai ben noti: quanto ai primi le maggiori conseguenze non si hanno tanto sui beni di valore storico e culturale esposti agli agenti atmosferici, bensì su quelli conservati nei musei, negli archivi e nelle librerie, a causa dell’aggressività dell’ozono soprattutto nei confronti delle fibre tessili e cellulose, dei pigmenti e dei coloranti. Le ripercussioni sulla salute delle persone si manifestano invece mediante irritazioni delle mucose con bruciore agli occhi, alla gola, reazioni infiammatorie delle vie respiratorie, fino a livello polmonare, anche per interazione con altri agenti irritanti. L’impatto sull’organismo umano dipende tuttavia da tre fattori che sono la concentrazione, la durata dell’esposizione e l’intensità dell’attività fisica durante l’esposizione al tossico.
In Italia il problema dell’inquinamento da ozono passa però troppo spesso in secondo piano e non gode della stessa attenzione che le pubbliche amministrazioni e gli organi di informazione dedicano ad altri tipi di contaminazione come quella da particolato in sospensione (PM 10 e PM 2.5). L’esempio di altri paesi europei  insegna come misure assai più specifiche e mirate potrebbero invece essere adottate per combattere in modo più efficace questo tipo di inquinamento. Fino ad oggi in Italia la normativa vigente fissa due soglie di concentrazione (soglia di informazione e soglia di allarme), oltre le quali occorre adottare dei provvedimenti informativi e operativi di tutela della salute umana e dell’ambiente. Questa rappresenta tuttavia la sola azione intrapresa contro il problema ozono e alla luce di ciò risulta allora chiara l’importanza di realizzare al più presto anche nel nostro paese interventi mirati per tentare di affrontare il problema di un inquinante dannoso, ma sottovalutato, quale è l’ozono.

Pamela Turchiarulo e Andrea Taverna
OMD - Osservatoprio Meteo Duomo

Lunedì, 23 Luglio, 2007 - 14:19

Quando il rosso diventa etico

Proseguiamo ad analizzare i campi alternativi del commercio equo e della responsabilità etica delle imprese. Abbiamo parlato di "moda etica", ossia della produzione dell'abbigliamento che possa commisurarsi con la consapevolezza del consumatore a indossare capi ecologicamente sostenibili e compatibili con uno sviluppo umano dell'ecosistame, nel rispetto della natura, del clima e dell'ambiente, del risparmio delle risorse e della loro equa distribuzione. Oggi parliamo di un'industria che produce materiali in "rosso", attualmente fortemente di moda e in uso, ma con un obiettivo: devolvere parte dei profitti derivanti dalle vendite per un programma internazionale per fronteggiare l'AIDS, combattere il dilagare della terribile malattia e attivare canali di formazione e informazione per la prevenzione. Global Found è la ONG a cui fanno riferimento le varie entrate devolute: è l'associazione fondata da Kofi Annan e oggi una delle prime nella lotta contro il virus del secolo nei paesi dell'Africa e in via di sviluppo, come si è consueti definire, in modo relativamente errato.

L'articolo è tratto dal sito www.lifegate.it.

Alessandro Rizzo

Il rosso è di moda, ma può essere anche etico! 

--------------------------------------------------------------------------------
 
 Comprare beni di consumo può diventare un’azione etica? Secondo Bono e il suo socio Bobby Shriver sì, e tentano di dimostrarlo con il loro (PRODUCT) RED™.
 
 
 Nell’immaginario comune il colore rosso ha diverse valenze simboliche. Possiamo associarlo a valori positivi, come l’amore romantico o la passione per le proprie idee, per l’impegno politico. Ma altre volte ci fa pensare immediatamente al sangue e, di conseguenza, a malattia e morte.

Proprio per il suo duplice significato, Bono e Bobby Shriver (a capo della DATA, l’organizzazione fondata dai due nel 2002 per esercitare pressioni politiche sui governi mondiali al fine di migliorare le condizioni della popolazione africana) l’hanno scelto come segno distintivo del loro ultimo progetto: (PRODUCT) RED™ .
Una ONG? Il lancio di un nuovo brand? Entrambe le cose, e nessuna di esse.
(PRODUCT) RED™  è uno strano esperimento di marketing etico o di consumismo partecipativo: i due fondatori, infatti, hanno fatto realizzare una serie di prodotti – contrassegnati dal marchio RED, per l’appunto – da alcune delle aziende più famose e di tendenza del momento.
I prodotti finora commercializzati sono: cellulari Motorola, carta di credito American Express, T-shirt della Gap, orologi e abbigliamento Emporio Armani, sneakers della Converse e I-pod della Apple.
Tutti rossi, naturalmente.
Il meccanismo è semplice: chi compra uno di questi oggetti (solo quelli targati RED™, però!), devolve automaticamente una parte del prezzo d’acquisto ad alcuni programmi di assistenza dei malati di AIDS in Africa gestiti dalla Global Fund (associazione nata nel 2002 con l’appoggio di Kofi Annan).
Ma è una donazione in beneficenza, come le varie raccolte fondi o vendite devolute?
Nel manifesto della RED™ si legge, invece, che «non è carità. È semplicemente un modello di business». E, come tale, l’acquirente può addirittura monitorare attraverso un programmino che percentuale del prezzo d’acquisto viene effettivamente data al Global Fund.
Forte di una serie di eventi mondani e mediatici, di campagne comunicative alternative , di guest-star di fama mondiale (Christy Turlington, Leonardo Di Caprio, ecc), RED™ sembra tracciare il futuro del marketing, sempre più attento alla coscienza dei consumatori ma pure ad assecondarne i desideri.
Iniziativa intelligente, anche perché molte altre corporation preferiscono ignorare totalmente certe tematiche. E straordinaria operazione d’immagine per le aziende che aderiscono al progetto.
Del resto, secondo quanto recita ironicamente uno dei refrain pubblicitari di RED™, «quale strada migliore per diventare un buon samaritano di bell’aspetto?!»? Ma siamo davvero già pronti per questa perfetta connection fra etica e business?
Olimpia Ellero
 

Lunedì, 23 Luglio, 2007 - 14:06

In Germania il Tempio del risparmio energetico

In Germania il Tempio del risparmio energetico
EnerGon, la più grande Passivhaus del mondo che consente un risparmio
energetico dell’80% rispetto ad un edificio tradizionale

Si potrebbe definirlo il “tempio” del risparmio energetico. Si tratta
di EnerGon, il più grande edificio amministrativo al mondo realizzato
nello standard “Passivhaus”e diventato in Germania l’emblema del
progetto di abbandono del nucleare.

EnerGon sorge nella cittadina di Ulm, la regione tedesca del Baden-
Württemberg. L’ultimazione dei lavori è avvenuta ad ottobre del 2002,
mentre agli inizi del 2003 ha avuto luogo l’inaugurazione.
L’importante esperimento, una Passivhaus che consente un risparmio
energetico dell’80% rispetto ad un edificio tradizionale, è stato
finanziato dalla Software AG Stiftung, società informatica tedesca
con sede a Darmstadt.

L’edificio, a forma di triangolo, si estende su una superficie di
7mila metri quadrati distribuiti su cinque piani, spazio in grado di
ospitare fino a 420 persone. Gli autori del progetto, Stefan Oehler e
Barbara Faigle, hanno effettuato uno studio rigoroso e dettagliato
per raggiungere l’obiettivo del massimo risparmio energetico: pareti
esterne con angoli rotondi, facciate per il 44% in vetro, volumi
compatti degli uffici, un sistema di isolamento che consente
l’accumulo di aria calda d’inverno e fresca d’estate senza
dispersione di calore, e pannelli solari sul tetto.

Un tetto quasi interamente in vetro consente l’illuminazione naturale
di un atrio che si estende su una superficie di 430 metri quadrati.
I muri esterni, in parte realizzati in legno, hanno uno spessore di
60 centimetri. Finestre con doppi vetri consentono il passaggio della
luce e del calore solari.
Grandissima attenzione è stata riservata anche al sistema di
riscaldamento: l’aria esterna viene sia riscaldata che raffreddata
sotto terra e poi ridistribuita nel palazzo.
Questo il suo percorso: viene aspirata all’interno di una
canalizzazione, attraversa un tunnel di cemento e poi viene spinta
nel sottosuolo alla profondità di 100 metri dove la temperatura
rimane costante per tutto l’anno (12 gradi circa). Ritornando in
superficie, viene riscaldata per mezzo di scambiatori di calore o
anche dal caldo generato dagli stessi computer o occupanti
dell’edificio. Il percorso dell’aria termina con l’espulsione nel
palazzo attraverso apposite bocchette fissate negli uffici. Lo stesso
meccanismo avviene per la generazione di aria fredda; cambia solo la
temperatura, che viene regolata dalla circolazione di acqua fredda o
calda nei muri o nei soffitti.
In vista del risparmio energetico sono state anche concepite le
lampade degli uffici, che si regolano in base alla luce naturale e si
spengono automaticamente quando le stanze rimangono vuote.

Tutti accorgimenti che fanno dell’EnerGon l’emblema dello
schieramento della Germania contro l’energia nucleare. Ricordiamo, a
questo proposito, che quattro anni fa il cancelliere tedesco Gerhard
Schröder, sotto la spinta degli ecologisti, ha deciso che entro il
2025 l’energia nucleare sarà definitivamente abbandonata con la
chiusura delle 19 centrali nucleari del paese; e lo scorso novembre è
stata chiusa la prima, quella di Stade, nelle vicinanze di Amburgo.
Nel frattempo, lo Stato si impegna a finanziare, mediante appositi
sussidi o detrazioni fiscali, risorse energetiche alternative come
quella solare o eolica.

La decisione ha suscitato non poche polemiche, nonché tensioni
all’interno dello stesso Partito Social Democratico: il ministro per
l’Ambiente Jürgen Trittin vorrebbe promuovere maggiori sussidi per
l’energia rinnovabile, mentre il ministro dell’Economia e del Lavoro
Wolfgang Clement teme che ciò comporti una penalizzazione sul fronte
economico sia per l’industria che per i consumatori. Lo scorso
dicembre i due sono giunti al compromesso di ridurre gradualmente gli
aiuti statali, ma nel frattempo Trittin si è impegnato in una
campagna contro il diossido di carbonio compilando una lista in cui
sono elencati più di 2.600 località che hanno l’obbligo di ridurne le
emissioni dell’1,5% all’anno fino al 2007.
La realizzazione della Passivhaus di Ulm è costata circa 12,7 milioni
di euro, più o meno la stessa cifra che richiede un edificio normale,
con la differenza che il risparmio energetico offerto dall’EnerGon
compensa abbondantemente i costi di costruzione. Secondo quanto
dichiara Lars Borghaus, un dirigente della Software AG Stiftung,
riscaldamento e aria condizionata nella Passivhaus di Ulm hanno un
costo di un euro l’anno per metro quadrato, contro i tre-quattro per
un edificio tradizionale.

--
Forum di discussione della Rete del Nuovo Municipio
http://www.nuovomunicipio.org - forum@liste.nuovomunicipio.org
Iscrizione: forum-subscribe@liste.nuovomunicipio.org
Cancellazione: forum-unsubscribe@liste.nuovomunicipio.org

Lunedì, 23 Luglio, 2007 - 14:05

Quante atomiche in Italia?

La discussione costruttiva che abbiamo aperto su quante atomiche ospita l' Italia sara' utilissima per il lavoro a supporto della campagna per un futuro senza atomiche.
Quando organizzeremo i tavoli per la raccolta firme, molte delle adesioni saranno sollecitate sulla base della sana e consapevole preoccupazione di chi vive accanto alle basi USA e NATO. Ed ai cd "porti nucleari".
Per la quale creeremo, in collaborazione dei comitati locali, delle schede apposite, che agevoleranno il lavoro dei militanti ai tavoli ed il rapporto con l'opinione pubblica: il che non significa affatto "gridare al lupo", tipico di certa sinistra ultraradicale (qui mi concedo una stoccata polemica). Ragionare, come fanno i vicentini, sugli enormi lavori che sono in corso al Site Pluto significa attingere una prospettiva piu' realistica sul significato di cio' che li tocca (e ci tocca) piu' direttamente e visibilmente con il progetto Dal Molin. Fara' sicuramente bene alla raccolta delle adesioni ai banchetti.
La fanteria e' fuori dalla guerra atomica? Purtroppo non era vero ieri, con i famosi piani per la difesa nucleare della "soglia di Gorizia"; e non e' vero neanche oggi, a maggior ragione con le atomiche che sono diventate micro, potendosi costruire con appena 10 grammi di materiale fissile.
(Su questo punto dei nuovi principi fisici che permettono di superare la "massa critica" ho parlato per ore con Emilio Del Giudice, scienziato dell'INFN, consulente - appare anche intervistato - del servizio di Rainews 24 "Anatomia di una bomba" , che ha vinto il premio Ilaria Alpi).
Ogni Arma, Marina, Esercito, Aeronautica - questo dovrebbe essere noto anche ai sassi - ha la sua proiezione operativa nella "deterrenza nucleare", oggi anche preventiva.

In particolare, la 173^ Brigata, un corpo di para' supereccellente, che avra' sede a Vicenza in tutti suoi reparti, e' dai tempi del Vietnam - si dice - che si e' distinta per le incursioni con gli elicotteri, tipo quella resa famosa dal film Apocalypse Now. Naturalmente Francis Coppola, il regista del film, non e' una autorita' indiscutibile in materia militare e potrebbe benissimo aver fatto confusione con altri reparti USA... Tornando all'attualita' e per intendersi: al momento non esistono elementi per affermare che la Brigata ha in dotazione - che so -  le famigerate GBU28,  le Bunker Buster bombs, che sono delle bombe di penetrazione capaci di perforare il sottosuolo fino a 30 metri di profondita'.
Qui conviene seguire l'ottimo consiglio di Tiziano Tissino e non "sparare" informazioni che non hanno il minimo appiglio. Ma in altri casi, ci ricorda Giorgio Beretta, il dubbio e' legittimo e consistente. Riporto la "saggia" mail che mi ha indirizzato:
"A me il ragionamento sembra molto semplice: di quelle 90 tra Ghedi e Aviano  abbiamo una "qualche certezza/documentazione", delle altre abbiamo meno
certezze, ma ci sono fonti che ne parlano. Noi chiediamo comunque la non produzione/dislocamento di tutte e stop".
Non mi convince, invece, la risposta di Tonino Drago:
"Basta che consulti il Bullettin Atomic Scientists che ogni hanno dice quante ce ne sono nel mondo e ti dice pure il tipo".
Il BAS e' benemerito, come altrettanto benemeriti sono gli esperti indipendenti alla Kirstensen ed Arkin. Ma essi - poiche' non sono interni alla tecnocrazia nucleare e per il motivo piu' volte richiamato del segreto militare - possono al massimo illuminare fievolmente una parte della realta' (includendo il ricorso a ragionamenti deduttivi, sempre probabilistici). Non ci danno, non possono darci, insomma, la "verita'" della questione atomica oggi.
Naturalmente, il segreto militare finisce sempre per trapelare, lasciare delle tracce, anche scritte: ce lo ricorda un bell'articolo, a firma Oscar Reyes, sul mensile attualmente in edicola di "Carta": "Altrimedia. Operazioni quasi invisibili. Sulle tracce degli uomini in nero". Perche' il Moloch militarista non e' per nulla superpotente e perfetto: tant'e' vero che un Turi Vaccaro riesce a penetrare a Woensdrecht e a mettere fuori uso, con una rudimentale mazza, due F16 sofisticatissimi.
Infine condivido le considerazioni di Fabio Corazzina, in particolare questa:
"Non è la paura e la disperazione che ci fa cambiare, nè la prospettiva apocalittica, ma la coscienza che la storia possiamo modificarla in positivo, con la partecipazione allargata, con la conoscenza chiara del problema, con il rilancio della dignità della politica, con la serena e determinata azione per un mondo nuovo e possibile".
Fabio lo sa che, a questo proposito, io insisto sempre sul concetto di fede nella forza costruttiva della nonviolenza, che e' l'unita' popolare dei soggetti differenti (plurale) che si battono per i diritti; e per  il diritto dell'umanita' pacifica in armonia con la natura.
 
Alfonso Navarra
Coordinamento fermiamo chi scherza col fuoco atomico - c/o Campagna OSM-DPN - via Mario Pichi 1 - 20123 Milano
email locosm@tin.it; alfonsonavarra@virgilio.it;     cell. 349-5211837 

Lunedì, 23 Luglio, 2007 - 09:49

LONDRA: VESCOVO COLPEVOLE DI DISCRIMINAZIONE CONTRO UN GAY

(22/07/2007)  L`uomo era stato assunto e poi licenziato dalla diocesi. È la prima condanna per discriminazione contro i gay dopo l`entrata in vigore dell’Equality Act.
LONDRA – Un tribunale inglese ha sentenziato a favore di John Reaney, un omosessuale che aveva denunciato per discriminazione il vescovo di Hereford.

Il querelante era stato assunto per un posto nella diocesi ma il vescovo aveva poi bloccato l'assunzione dopo un umiliante interrogatorio pubblico sulla vita affettiva dei Reaney. Per i giudici si è trattato di una palese discriminazione basata sull’orientamento sessuale che da qualche mese può essere punita grazie al'Equality Act. Reaney si è detto felice per i milioni di gay e lesbiche che servono Dio nella chiesa e che meritano rispetto e pari dignità di trattamento.

Si dicono felici della sentenza molti parlamentari liberal democratici, il Reverendo Kirker, capo del movimento gay e lesbiche cristiane, e il segretario generale dei sindacati inglesi, Brendan Barber, nonchè l’associaizone gay Stonewall.
Giorgio Lazzarini
redazione@gay.tv

www.gay.tv

Domenica, 22 Luglio, 2007 - 11:46

CON L’’INVITO – L’ENNESIMO – AD ADERIRE ALLA LIP

CON L’’INVITO – L’ENNESIMO – AD ADERIRE ALLA LIP PER UN FURURO SENZA ATOMICHE

Quante sono le testate USA che ospita il nostro Paese?
Le armi atomiche potrebbero trovarsi, per assurdo ma fino ad un certo punto, sotto il Colosseo a Roma?
Il punto e', che, in teoria, potrebbe essere paradossalmente possibile anche la collocazione piu' strampalata, se si considerano le condizioni strutturali di segretezza militare con cui dobbiamo purtroppo fare i conti .
Esistono benemeriti esperti che spulciano sistematicamente le carte del Congresso USA per trovare indizi e "tracce" scritte sul numero e la dislocazione delle bombe atomiche.
Nel 1989 nell'inchiesta che feci per la rivista "Avvenimenti" sulle basi USA in Italia (lancio della rivista al congresso del PCI) ricavai i dati, appunto, dal lavoro di Arkin, che dirigeva l'Institute for policy studies di Washington.
Un altro nostro "esperto", o almeno autoproclamatosi tale, l'ex presidente Cossiga, ha scritto, da senatore, con il suo consueto stile allusivo, una interrogazione il 17 gennaio scorso: "e' vero che 1/3 delle ANT che dovevano essere rimosse dai depositi europei si trovano ancora immagazzinate nelle strutture NATO"?
Rapido calcolo: in Europa le testate tattiche da 6.000-7.000 del 1987 circa sarebbero passate a 2.000 circa; in Italia da 1.500 a 500 circa.
Per la mia esperienza di, diciamo cosi', agit-prop non e' affatto una tattica vincente quella di mostrarsi troppo precisi, convinti e "professionalmente" sicuri su dati che gli esperti interni al sistema nucleare - con l'aria di "io si' che conosco come stanno le cose" - poi ti contestano mettendo in dubbio la tua presunta, sempre relativa, "competenza" (ed avendo facile gioco sul terreno che e' precisamente e precipuamente il loro).
Noi abbiamo tracce scritte che in Italia potrebbero esserci 90 testate a Ghedi e ad Aviano: cosa ci fa concludere che l'apparato nucleare in Italia sia tutto qui?
Dobbiamo stare molto attenti a come ci presentiamo: noi non siamo i "competenti" (magari alternativi) del sistema nucleare; difatti non lo conosciamo dall'interno (ne' potremo mai conoscerlo in questo senso): siamo invece cittadini informati e critici che interpretano il buon senso della gente comune, la forza su cui dobbiamo fare leva: democrazia contro tecnocrazia, questa e', comunicativamente e politicamente, la nostra arma vincente!
Altri nostri "esperti" di movimento hanno trovato "tracce" scritte (sempre su documenti USA) su armi nucleari presenti - che so - a Sigonella: si vedano i lavori (articoli e libri) in proposito del giornalista Antonio Mazzeo.
Esistono, e sono pubbliche, le dottrine di impiego ufficiali dell'arma atomica: il "first use" della NATO, gli attacchi nucleari preventivi per fronteggiare la minaccia degli Stati-canaglia (NPR USA del 2002, poi recepita dalla NATO): queste evidenze - cio' che sta davanti agli occhi e non dietro le quinte - bastano ed avanzano. Come basta ed avanza l'espressione "equilibrio del terrore". Ci devono spingere, come cittadini, a chiedere conto e ragione di quello che del tutto logicamente potrebbe essere contenuto non sotto il Colosseo ma nelle basi straniere in Italia, fermo mantenendo che la nostra "difesa" non puo' andare contro la Costituzione (il famoso art. 11) ne' il diritto internazionale (ad es. la nostra adesione al TNP- Trattato di non proliferazione nucleare).
Non e' - in sostanza - una buona tattica comunicativa da parte nostra difendere a spada tratta la cifra di 90 testate: potrebbero essere di meno, di piu', non e' questo numero quello che importa.
Quello che importa e' che se, da una parte, ci tengono segrete quante sono le atomiche, dall'altra ne hanno ufficialmente programmato un possibile impiego... e che noi cittadini "normali" non ne vogliamo comunque neanche una e non vogliamo neppure sentire parlare di "deterrenza" atomica, meno che mai preventiva...
Questa impostazione "popolare" ci permette, tatticamente, di allertare con giusta preoccupazione, ad es., i cittadini che vivono in prossimita' degli undici porti cd "nucleari" italiani, che e' bene non siano falsamente rassicurati dalle nostre affermazioni che le atomiche in Italia si trovano SOLO a Ghedi e ad Aviano...
Ne' e' bene che dormano tranquilli, che so, i cittadini di Vicenza, con il sito Pluto alle porte (Longare è a 9 km), quello che conteneva le mine atomiche ADM (e le granate, e i missili a corto raggio) che sarebbero state fatte brillare piu' o meno sul posto (qui il solito "esperto" avrebbe da questionare: non qui, ma ai valichi, qualche km piu' in la'...) per "difendere" (sic) la popolazione da un'invasione corazzata del Patto di Varsavia.
Le autorità militari oggi ci assicurano che è dal 1992 che le bombe atomiche nel sito Pluto non ci sono più. Dobbiamo quindi dire ai resistenti vicentini: credete loro a scatola chiusa, perche' anche noi sappiamo (sappiamo?) che le bombe atomiche in Italia si trovano solo ed esclusivamente ad Aviano e Ghedi?
Questo mentre, osservano dal Presidio Permanente, sono in corso oggi lavori di scavo sotterranei a Longare per 25 ettari ed altezza svariati piani, in pratica molto piu' consistenti del progetto Dal Molin pubblico e "visibile"!
Il Comitato "No dal Molin" di Longare ha pubblicato un prezioso opuscoletto sul famigerato Sito Pluto. In esso si cita lo stesso Presidente della Repubblica Napolitano ricordare (28 febbraio 2007, al Senato) che la 173^ Brigata Usa che verra' riunificata a Vicenza e' "strumento del piano di dissuasione e ritorsione anche nucleare denominato <Punta di diamante>.
Ragioniamo. Abbiamo una 173^ Brigata che e' attrezzata, secondo il nuovo modo ufficiale di fare la guerra, anche per attacchi nucleari. Senza armi nucleari, magari solo micro? Ma va la'! E da qualche parte dovra' pure avercele, o mettercele, se le servono (ed e' addestrata a usarle). Le nascondera' sotto il Duomo di Vicenza? O non e' logico supporre che adoperera' il deposito sotterraneo immenso di Longare, protetto da strati impenetrabili di roccia e cemento, con un Centro di intelligence (L'Espresso, 6 ottobre 2006) che resisterebbe anche ad un attacco atomico?
No, non e' giusto, non e' spirito di verita' tranquillizzare i cittadini di Vicenza, come quelli di Livorno, di Genova, di Taranto, di Catania... eccetera. Sono posti dove, oltretutto, l'incidente con fuoriuscita di radioattivita' potrebbe comunque scapparci, come e' scappato a Longare nel giugno 1992: lo denuncia il citato opuscoletto, ipotizzando una errata manovra nella manutenzione di bombe o materiale fissile.
Ci si riferisce ad un articolo, a firma di Alessandro Mognon, de "La Nuova Vicenza" del 5 giugno 1992: "Tracce di radioattivita' a Site Pluto e i militari cementano una galleria - Inviato in segreto dagli Stati Uniti un reparto speciale a Longare".
Nell'opuscolo sono infine riportati dati inquietanti delle ASL sulla mortalita' per tumori, nel territorio vicentino, quelli piu' strettamente legati alle radiazioni...
Morale della favola: invece di farsi forti e belli di una presunta sapienza dei "massimi esperti" (che tali oltretutto non sono) conviene, al contrario, confessare di "sapere di non sapere" intorno alle segrete cose che il complesso militare-industriale vuole tenere sigillate e fuori dal controllo della societa'.
Noi chiediamo di liberarci delle atomiche anche per colmare, almeno in parte, il clamoroso ed assordante deficit di democrazia e di informazione che pesa come una spada di Damocle sulla vita e sulla salute del nostro popolo, come dei popoli di cui minacciamo "per deterrenza" la distruzione.
oggetto : UNA LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE PER IL DISARMO ATOMICO
DELL'ITALIA
E' oggi necessario  darsi seriamente da fare, mettendo in gioco la credibilita' ed il
prestigio di cui si dispone, per attirare l’attenzione dell’opinione pubblica europea sul pericolo del ritorno della minaccia nucleare in Europa, simboleggiata dalla decisione di installare uno scudo antimissilistico in Cechia ed in Polonia.
In questo preoccupante contesto propongo di appoggiare, anche per la sua funzione
contrappositiva alle tendenze riarmiste, la campagna promossa (inizialmente) dalla Rete Italiana Disarmo e dal Coordinamento "Fermiamo chi scherza col fuoco atomico":
una legge  di iniziativa popolare per dichiarare l'Italia "Zona Libera da
Armi Nucleari".
Tra le personalita' che hanno aderito ti cito il premio Nobel Dario Fo e, nel campo specifico dell'impegno antimafia, Umberto Santino e Pina Grassi. Ho anche contattato Giovanni Impastato, il fratello di Peppino, e Lino Busa' di SOS Impresa.
Riteniamo che la nostra proposta sia semplice, chiara e diretta. Essa stabisce definitivamente e senza possibili fraintendimenti che le armi atomiche in Italia non ci devono proprio  stare.
Il percorso individuato per la campagna e', sulla falsariga dell'Acqua Pubblica, quello di costruire un Comitato Promotore ampio di  ssociazioni e Reti nazionali (no partiti e no deputati) e di depositare la proposta il 25 luglio pv presso la Cassazione. Le
organizzazioni locali possono (devono!) aderire.
Il Comitato Promotore curera' l'organizzazione della Campagna in modo che la raccolta
delle firme possa effettivamente iniziare in autunno, in contemporanea con la
marcia della pace Perugia-Assisi (7 ottobre 2007).
L'obiettivo e'  quello di raccogliere un numero di firme significativamente alto, ben
al di sopra delle 50.000 richieste per la presentazione della legge.
Alfonso Navarra
TESTO DELLA PROPOSTA DI LEGGE:
Art. 1 - Obiettivi e finalità 1. Il territorio della Repubblica Italiana, ivi compresi lo spazio aereo, il sottosuolo e le acque territoriali, è ufficialmente dichiarato "zona libera da armi nucleari".
2. Il transito e il deposito, anche temporaneo, di armi nucleari, o di parti di armi nucleari, non è ammesso in nessuna circostanza sul territorio della Repubblica, così come individuato al comma 1.
3. Il Governo provvede ad adottare tutte le misure necessarie, sia a livello nazionale che internazionale, per assicurare la piena applicazione del presente articolo entro e non oltre il termine di sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge.
Art. 2 - Entrata in vigore 1. La presente legge entra in vigore il giorno della sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale Della Repubblica.
IL GRUPPO DI CONTINUITA' DELLA CAMPAGNA PER UN'ITALIA LIBERA DALLE ARMI NUCLEARI
Lisa Clark - Alfonso Navarra - Anna Polo - Tiziano Tissino info cell. 349-5211837l email locosm@tin.it
PROMOTORI AL 19 LUGLIO 2007 (Associazioni nazionali e loro referenti)
(Se qualcuno e’ stato involontariamente dimenticato batta un colpo in fretta!)
ACLI
 Soana Tortora
ALTRECONOMIA
 Miriam Giovanzana
APRILE online e mensile
 Carla Ronga, Massimo Serafini
ARCI
 Raffaella Bolini, Andreina Albano, Gregorio
ARCI SERVIZIO CIVILE
 Paola Santoro
ARCO IRIS TV
 Rodrigo Vergara
ASSOCIAZIONE OBIETTORI NONVIOLENTI
 Massimo Paolicelli
ASSOCIAZIONE ONG ITALIANE
 Sergio Marelli
ASSOPACE
 Ettore Acocella
BEATI I COSTRUTTORI DI PACE
 Tiziano Tissino
BERRETTI BIANCHI
 Silvano Tartarini
CAMPAGNA OSM-DPN
 Luciano Zambelli
CAMPAGNA PER LA RIFORMA DELLA BANCA MONDIALE
 Andrea Baranes, Carlo Dojmi
CARTA
 Enzo Mangini
CHIAMA L’AFRICA
 Eugenio Melandri
CIPSI
 Guido Barbera
Comitato VIA LE ATOMICHE GHEDI
 Valter Saresini
Comitato VIA LE BOMBE AVIANO
 Tiziano Tissino
Commissione Giustizia e Pace della Conferenza Istituti Missionari in Italia - CIMI
 Giovanni Scudiero, Giacomo Palagi
Coordinamento ENTI LOCALI PER LA PACE E I DIRITTI UMANI
 Flavio Lotti
CTM - ALTROMERCATO
 Giorgio Dal Fiume
FERMIAMO CHI SCHERZA COL FUOCO ATOMICO
 Alfonso Navarra
FIM-CISL
 Gianni Alioti
FIOM-CGIL
 Alessandra Mecozzi
FONDAZIONE LELIO BASSO – SEZIONE INTERNAZIONALE
 Linda Bimbi
GREENPEACE
 Giuseppe Onufrio
GRUPPO ABELE
 Gabriella Stramaccioni
LDU
 Tusio de Iuliis
LEGAMBIENTE
 Maurizio Gubbiotti
LIBERA
 Tonio dell’Olio, Gabriella Stramaccioni
LOC
 Massimo Aliprandini
MEGACHIP
 Giulietto Chiesa, Antonio Conte
MIR
 Paolo Candelari, Ilaria Ciriaci
MISSIONE OGGI
 Nicola Colasuonno
MOSAICO DI PACE
 Renato Sacco
MOVIMENTO “IL BENE COMUNE”
 Giulietto Chiesa
MOVIMENTO NONVIOLENTO
 Massimiliano Pilati, Daniele Lugli
MOVIMENTO UMANISTA
 Anna Polo
NIGRIZIA
 Raffaello Zordan
PAX CHRISTI
 Fabio Corazzina
PEACELINK
 Francesco Iannuzzelli
PUNTO ROSSO
 Giorgio Riolo, Roberto Mapelli
PUNTOCRITICO
 Andrea Genovali
REA (Radiotelevisioni europee associate)
 Antonio Diomede
RETE ITALIANA PER IL DISARMO
 Francesco Vignarca
RETE LILLIPUT
 Riccardo Troisi
RETE NUOVO MUNICIPIO
 Salvatore Amura
SEMPRECONTROLAGUERRA
 Patrizia Creati
SOLIDARIETA’ INTERNAZIONALE
 Nicola Perrone
TAVOLA DELLA PACE
 Flavio Lotti
UN PONTE PER
 Fabio Alberti
UNIONE DEGLI STUDENTI
 Valentina Giorda
VAS – Verdi Ambiente e Società
 Riccardo Consales
Berretti Bianchi - Lombardia

Alessandro Rizzo

...
205 206 207 208 209 210 211 212 213
...
RSS feed