user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND buc.catid = bc.catid
									ORDER BY buc.weight' at line 3
query: SELECT bc.*, buc.weight
									FROM blog_categories bc, blog_user_category buc
									WHERE buc.uid = 172, AND buc.catid = bc.catid
									ORDER BY buc.weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND type = 'candidati'
									ORDER BY weight' at line 3
query: SELECT *
									FROM blog_blocks
									WHERE uid = 172, AND type = 'candidati'
									ORDER BY weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND type = 'links'
									ORDER BY weight' at line 3
query: SELECT *
									FROM blog_blocks
									WHERE uid = 172, AND type = 'links'
									ORDER BY weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near '' at line 3
query: 	SELECT 	cp.nid AS pagina
												FROM 	users u LEFT JOIN candidati_pagine cp ON u.uid = cp.uid 
												WHERE	u.uid = 172, in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND type = 'blog'' at line 1
query: SELECT nid FROM node WHERE uid = 172, AND type = 'blog' in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
Il Blog di Antonella Fachin | www.partecipaMi.it
warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /mnt/data/sites/partecipami/includes/common.inc:386) in /mnt/data/sites/partecipami/themes/com06/globals/cookies.php on line 34.

.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 33 ospiti collegati

.: Eventi

« Dicembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

.: Ultimi 5 commenti


Nessun commento...

.: Il Blog di Antonella Fachin
Lunedì, 28 Settembre, 2009 - 15:45

IL TAM-TAM DELLE IDEE: Il potere-come usarlo con intelligenza

Carissimi/e

 
sperando di fare cosa utile, vi suggerisco un libro che sto leggendo e che trovo molto interessante, al punto di consigliarvene la lettura.
 
Si tratta de “IL POTERE. Come usarlo con intelligenza
di JAMES HILLMAN.     
E’ un filosofo contemporaneo (anzi, lui si definisce uno psicoterapeuta delle idee!) che ci aiuta a comprendere i meccanismi che governano la nostra società e talvolta anche la nostra mente … il libro fa riflettere sui nostri meccanismi più o meno inconsci e quindi ci fornisce utili elementi di conoscenza e consapevolezza… per questo credo che debba essere letto da sempre più persone, affinché tutti quanti siano attori del proprio agire e non “marionette” di modelli inconsci.
 
Qualora lo abbiate già letto, o nel caso lo leggiate, mi farebbe piacere conoscere le vostre impressioni.
 
Cari saluti
Antonella
PS: riporto una recensione scaricata da internet e tratta da l’Unità.it
-----------------------
Il potere del potere
Se vogliamo capire la società attuale non possiamo ignorare il nuovo «monoteismo» che ci governa: il business e i suoi condizionamenti.
 Parla James Hillman
Uno psicoanalista potrebbe pretendere di analizzare «i contadini, gli artigiani, le dame e i nobili del mondo medievale ignorando la teologia cristiana, come se fosse un atto irrilevante»? La risposta, naturalmente, è no. Dunque, sostiene James Hillman, «ogni psicologia che voglia tentare di capire i membri della società attuale» non potrà ignorare il nuovo «monoteismo» che ci governa: il Business. O, per meglio dire, l'«economia capitalista» specífica l'anziano guru con un divertito sorriso di complicità all'indirizzo della cronista dell'Unítà.  Un «monoteismo» che, in quanto tale, ci impone «una fede fondamentalista» nei propri principi.  E che esercita il Potere, quello al quale ci si riferisce comunemente, ma anche il Potere più influente, cioè quello dentro di noi, che ci conforma a vivere e ad avere la percezione di noi stessi secondo idee come «beni, scambio, costo, mercato, domanda, profitto, proprietà».  Pensiamo di stare male per una nostra insufficienza affettiva e per questa ci curiamo, ma curarci significa chiederci su quale scala di valori stiamo misurandoci. «Ci piacerebbe credere che sia l'amore a conformare il nostro destino.  In realtà, nella vita concreta, sono le idee del business le sole da cui non ci distogliamo mai», scrive Hillman.  Insomma, viene da tradurlo in termini shakespeariani, crediamo che dietro l'ordito della nostra vita ci sia Romeo e Giulietta, invece ci sono piuttosto il Mercante di Venezia o il Macbeth.
Settantasei anni, cravatta verde squillante, Hillman non rivela sintomi da jet lag mentre mangia, parco, un toast e beve un bicchiere di acqua minerale, anche se è appena arrivato dagli Stati Uniti qui a Mantova.  Occasione, la riedizione italiana, per Rizzoli, del saggio intitolato appunto Il potere, sottotitolo «Come usarlo con intelligenza», che Garzantì aveva pubblicato nel '96 con il titolo Forme del potere. E' un saggio nel quale il maitre-à-penser di Atlanta, ex-allievo di Jung, poi direttore della casamadre dello junghismo doc, l'Istituto di Zurigo, prosegue nella eretica missione che da un certo momento si è dato: ribaltare il rapporto tra individuo e mondo così come esso, nel Novecento, è stato codificato proprio dalla psicoanalisi classica.  E nel quale circolano diversi concetti che in sette anni sono tutt'altro che entrati nel cono d'ombra: mercato, potere, controllo, sicurezza. A ben vedere, concetti che hanno aumentato su scala gobale la propria potenza pervasiva.
Eppure, benché sembrino parole d'ordine dall'aura sempiterna e universale, hanno un'origine storica: «Nella Firenze delle banche e nella Riforma protestante, insomma sono in stretto contatto con il Cristianesimo e si evolvono con la Chiesa», dice Hillman.
E nel mondo d'oggi guerreggiano con modelli che cercano di farne traballare il fondamentalismo: «L'idea di economia che recupera le modalità del baratto e punta sul dono, e soprattutto la cosiddetta economica sostenibile, quella teorizzata da studiosi come Vandana Shiva, che vuole coniugare il profitto con la cura del pianeta, la giustizia e il limite», spiega.
Ciò che Hillman ci propone è un'operazione dialogica e maieutica: trovare col suo ausilio, dentro noi stessi, il significato vero delle idee che connettiamo al potere.
Per esempio «efficienza»: «I lager erano il capolavoro dell'efficienza: uccidevano cinquemila persone al giorno.  Quindi, all'idea di effìcienza, di per sé, se è sola, diventa demoniaca».  Riflettere su figure che incarnano attualmente il Potere: «C'è chi ha autorità, prima ancora di avere potere: Vaclav Havel prima di diventare presidente già "esisteva", e c'è chi invece ha solo il Potere: chi era Bush prima di entrare alla Casa Bianca, o cosa sarebbe Berlusconi senza le sue televisioni?».
Di ragionare, ed ecco che ci porta con tutti i piedi nell'attualità, su miti come quello dell'Eroe trionfante e dei suo corrispettivo, la Vittima. «Purtroppo, esso perdura.  Ed è per questo che una vicenda che avrebbe potuto segnare uno spartiacque, come la tragedia dell'11 settembre, per ora non produce nuova autoconsapevolezza».  La reazione dell'amministrazione americana è stata, osserva, una paradossale crescita del desiderio di Controllo.  Un potenziamento a dismisura di ciò che lui ha definito la «civiltà dell'airbag»: il feticismo delle assicurazioni e delle istruzioni di sicurezza. «Eppure, oggi ormai sappiamo che una ragazza di diciott'anni, con una bomba sotto la camicia, può far esplodere qualunque cosa.  L'idea di controllo militare entra per forza in crisi.  E allora, grazie a Dio, prima o poi dovremo cominciare a pensare in modo diverso», dice.
Ottimista?  La sua speranza è che «le idee del Potere cedano il posto al potere delle idee».
Ora, professor Hillman, soddisfi una curiosità che ci ha lasciato la lettura dì tanti suoi saggi, Il mito dell'analisi come Il codice dell'anima, Puer aeternus come La forza del carattere.  La sua fama planetaria si è formata, per una buona parte , sul suo j'accuse all'efficacia dell'analisi.  La considera del tutto ininfluente, dannosa? «Ma no.  Quando si ha fame ogni nutrimento può servire».  Lei esercita ancora come psicoterapeuta? «Ho smesso dieci anni fa, dopo trentacinque anni».  Perché? «Oggi faccio psicoterapia delle idee.  Se mi si presenta un uomo in crisi col suo matrimonio, la prima cosa da chiedersi è: cosa intende lui per matrimonio, e cosa intende sua moglie?».

Domenica, 27 Settembre, 2009 - 22:31

Perugia, 12-14 febbraio 2010: XIII Congresso nazionale Arcigay

21/09/2009 - Ufficio stampa Arcigay

 

Il Consiglio Nazionale di Arcigay che si è tenuto a Bologna lo scorso fine settimana ha convocato il prossimo Congresso nazionale, che si svolgerà a Perugia dal 12 al 14 febbraio 2010.

Il Regolamento congressuale approvato prevede che entro il 30 novembre dovranno esser presentate le mozioni e le candidature alla carica di presidente e di segretario nazionali. Dall’8 dicembre al 24 gennaio si svolgeranno i Congressi provinciali e l’Assemblea delle associazioni affiliate, che eleggeranno oltre 200 delegati al Congresso nazionale. Il numero dei delegati al Congresso nazionale è determinato sulla base del numero totale delle socie e dei soci in regola con il pagamento della quota sociale o con tessera scaduta da meno di 12 mesi alla data del 19 settembre 2009, che sono 182.764.

Durante la due giorni dell’assise di Arcigay, sono stati affrontati altri temi tra cui le iniziative e l’ipotesi di nuovi servizi nel campo della salute, l’impegno rispetto a una diffusa campagna sul matrimonio civile, l’orientamento politico sulla partecipazione a nuovi bandi di progetti ministeriali.

Un’ampia analisi è stata svolta sui recenti episodi di violenza e di aggressione avvenuti in tutto il Paese e sulla necessità di rispondere a quest’ondata di odio con serenità e determinazione. In particolare Arcigay si sta impegnando in tutte le città nell’organizzare una grande partecipazione alla manifestazione nazionale del 10 ottobre a Roma, UGUALI, promossa da tutto il movimento lgbt italiano. In queste settimane si sta assistendo a un’inedita mobilitazione territoriale organizzata in forme autoconvocate e/o associative che non ha paragoni nella storia del movimento lgbt italiano. Questo diffuso fermento è il sintomo più evidente che è in atto un positivo e profondo mutamento dentro la comunità lgbt italiana che Arcigay intende interpretare e cogliere in tutti i suoi aspetti.

Aurelio Mancuso, presidente nazionale Arcigay

Domenica, 27 Settembre, 2009 - 16:40

HUMOR: il partito dei disoccupati

pdi_bassa.png

Sabato, 26 Settembre, 2009 - 10:10

Piazza Vetra: alla faccia della sicurezza!!.

Piazza Vetra: alla faccia della sicurezza!!.

Ore 16,30 area giochi di piazza Vetra, una ragazza si sta bucando e beve birra accovacciata all'interno della casetta dei giochi dei bambini. Di fronte, il teatro Versace con tanta gente in strada per le sfilate. Alcune mamme gridano, corro fuori ad avvisare due vigili che regolano il flusso della gente e delle auto, all'ingresso del teatro. A malavoglia intervengono e quando siamo vicini alla ragazza, che nel frattempo barcollando se ne sta andando anche per le grida delle mamme presenti, mi dicono che non possono fare nulla….se non dà disturbo. La invitano a uscire dall’area giochi!!. Tutt’attorno distesi sul prato gruppi di punk e altra pseudo gioventù con bottiglie di spumante, birra, gin e vodka. E l’ordinanza del sindaco contro gli alcolici?. Solo 2 giorni fa sempre in piazza Vetra hanno fermato due tossici e sono intervenuti con 4 auto della Polizia Municipale, 2 moto e 2 della Digos!!!. Alla faccia della tanto sbandierata sicurezza.

Angelo Valdameri

Venerdì, 25 Settembre, 2009 - 11:35

UGUALI, le richieste del movimento LGBT

UNIONI DI FATTO

24/09/2009 - Movimento LGBT

fonte: www.arcigay.it

 

Chiediamo l’applicazione della Risoluzione del Parlamento europeo del 16 marzo 2000 che prevede di garantire "alle coppie dello stesso sesso parità di diritti rispetto alle coppie e alle famiglie tradizionali". La piena applicazione di detta Risoluzione rappresenta una misura di civiltà cui anche l’Italia si deve adeguare per non restare ai margini del cammino di allargamento dei diritti civili intrapreso dall’Europa.

Chiediamo al Governo e al Parlamento di tornare ad affrontare il tema delle famiglie omosessuali. Consideriamo il livello del confronto tra le forze politiche del tutto arretrato. Le esigenze e i bisogni delle coppie lesbiche, gay e transgender/transessuali, comunque escluse dall’accesso al matrimonio e dalla possibilità di unirsi civilmente, non vengono tenuti nella dovuta considerazione.

Chiediamo la parità dei diritti, attraverso l’estensione del matrimonio civile o istituto equivalente. Nel rispetto delle differenti modalità di legami sentimentali, e in linea con ciò che è avvenuto in Europa chiediamo inoltre la creazione di istituti differenti e distinti dal matrimonio che prevedano il riconoscimento giuridico pubblico delle unioni civili.

Chiediamo di affrontare il tema della responsabilità genitoriale dei partner di fatto, anche dello stesso sesso, nell’interesse soprattutto dei minori coinvolti, comprese le migliaia di figli di lesbiche e gay presenti nel Paese.

LOTTA ALLE DISCRIMINAZIONI

La Risoluzione del Parlamento europeo del gennaio 2006 ha chiesto di "assicurare che le persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender/transessuali siano protette da violenze e dichiarazioni di odio omofobico". La sentenza della Suprema Corte Europea del 30 aprile 1996, ha esteso alle persone "che transitano da un sesso all’altro" l’applicazione della Direttiva Europea 76/207, e delle leggi nazionali ad essa ispirate, sulla parità di trattamento tra gli uomini e le donne.
In Italia per le persone lgbt continuano le discriminazioni sul lavoro, nella scuola, nella società.

Chiediamo una legge contro le discriminazioni motivate dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere, che rimuova gli ostacoli di natura sociale e normativa che limitano l’effettiva uguaglianza delle persone omosessuali e transgender italiane e migranti e che recepisca in modo pieno e sostanziale le Direttive Europee 207/1976 e 78/2000.

In particolare chiediamo:

- l’estensione della legge Mancino all’orientamento sessuale e all’identità di genere;
- l’applicazione della direttiva europea 207 del 1976 sulla parità di trattamento tra gli uomini e le donne anche alle persone che transitano da un sesso all’altro, secondo la sentenza della Corte di giustizia delle Comunità europee del 30 aprile 1996;
- la modifica del Decreto legislativo 216 del 2003 "Attuazione della Direttiva 2000/78/CE per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro", anche per eliminare le nuove discriminazioni che comporta, come quelle contro gay e lesbiche in divisa;
- un adeguamento della normativa italiana affinchè sia possibile il reale recepimento della direttiva europea 38/2000 sulla libertà di movimento dei cittadini europei e dei loro familiari extracomunitari in modo rispettoso dei diritti delle coppie di fatto o registrate gay e lesbiche;
- un impegno per la pianificazione di azioni positive contro il pregiudizio e le discriminazioni di tipo omofobico, lesbofobico, transfobico e la cultura stereotipata che stigmatizza ed associa le persone lesbiche, gay e transgender/transessuali ad immagini e comportamenti lontani dalla realtà, anche con interventi nelle scuole, campagne di sensibilizzazione e buone pratiche.

Chiediamo che l’Italia assuma un ruolo propositivo per il rispetto dei diritti umani nel mondo, continuando a sostenere le iniziative volte ad ottenere la depenalizzazione dei reati di omosessualità e transessualità presenti nelle legislazioni di decine di paesi, e che mantenga il positivo impegno per l’abolizione della pena di morte.

SALUTE E BENESSERE DELLE PERSONE LGBT

Chiediamo che sia garantito il diritto alla salute delle persone lgbt ponendo fine alle discriminazioni in ambito sanitario anche attraverso un'adeguata formazione del personale sanitario.
E’ importante attivare corrette campagne di informazione sulla prevenzione primaria e secondaria dall'HIV/AIDS e dalle malattie a trasmissione sessuale. Vanno altresì garantiti i diritti delle persone sieropositive anche attraverso la lotta contro lo stigma sociale legato all'infezione da HIV, con specifici programmi di informazione, di sostegno e di tutela contro ulteriori odiose discriminazioni.

Chiediamo l'effettiva attivazione della "Commissione per i diritti e le pari opportunità per lesbiche, gay, bisessuali e transgender", presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri" - Dipartimento per i diritti e le pari opportunità e del "Forum permanente contro le molestie gravi e la violenza alle donne, per orientamento sessuale e identità di genere".

Chiediamo la concreta applicazione del protocollo d’intesa siglato nell’ottobre 2007 dal Ministero della Pubblica Istruzione e dalle associazioni di genitori che comprende le misure di contrasto a bullismo e omofobia nella scuola e in tutto il mondo giovanile.

Chiediamo la modifica della legge 40 per consentire l'accesso alla procreazione medicalmente assistita alla singola maggiorenne, e la revisione della legge 164 del 1982 sul cambiamento di sesso, per consentire il cambio anagrafico di nome proprio e identificativo di genere senza l’obbligo di intervento chirurgico genitale.

Chiediamo la gratuità delle terapie necessarie alla transizione di genere e che si affrontino non coercitivamente i casi di intersessualismo.

Uguali
Comitato Promotore Manifestazione Nazionale Roma 10 ottobre 2009

LEGGI IL DOCUMENTO POLITICO DELLA MANIFESTAZIONE NAZIONALE
http://www.arcigay.it/uguali-manifestazione-nazionale

VISITA IL SITO WEB DI UGUALI
http://uguali.wordpress.com

CERCA IL BUS PER ROMA DALLA TUA CITTA'
http://uguali.wordpress.com/pullman-trasferimenti/

Venerdì, 25 Settembre, 2009 - 11:18

25 poliziotti per accompagnare una ronda !!!

Da www.arcoiris.it
http://domani.arcoiris.tv/?p=2345#more-2345

25 poliziotti accompagnano una ronda che trema di paura

23-09-2009
Per merito di Riccardo Icona sappiamo qualcosa di più sulle ronde. L’inchiesta di Rai3 è partita dal fenomeno in atto, anziché riprendere l’estenuante dibattito politico che ha partorito la legge, con il risultato, da un lato, di legittimare  le pretese della Lega, dall’altro di mostrare il vuoto assoluto,. Cossiché, oggi, la ronda, non è che l’effetto nominalistico di una causa sbagliata.  Anzitutto perché, se lo scopo era accrescere la sicurezza dei cittadini, bisognava potenziare le forze dell’ordine. Invece, al contrario, a carabinieri, polizia e guardia di finanza sono stati tagliati i fondi ( un miliardo ) e organici. Come Icona ha documentato, senza che il cattivo mi nistro Maroni si scomodasse a confutare. Ma il clou della trasmissione è stato il servizio sui 9 leghisti che giravano per Torino di notte scortati da ben 25 agenti. “ Perché- ha spiegato il capo manipolo noi siamo indifesi”. E questo dice tanto sulla farsa delle ronde.
Bossi vuol liberare la Padania dall’oppressione dell’Italia di Berlusconi
La Gelmini, che è titolare del più grande licenziamento di massa ordinato in 150 anni di storia d’Italia, tramite i volenterosi tg invita i docenti a non fare politica o ad andarsene dalla scuola (come se non bastassero quelli che ha già cacciato lei!). Comunque, non si capisce perché gli insegnanti non avrebbero diritto a fare politica e la Gelmini invece sì. Chi le ha dato la patente? Berlusconi, ovviamente, anche se nessuno sa perché.  Intanto, Bossi pretende a gran voce la liberazione della padania. E da chi? Da Berlusconi, che è il capo del governo e dunque anche l’oppressore della Padania. Ma siccome Berlusconi è già ostaggio di Bossi, allora forse la padania è oppressa da Maroni, che è il ministro degli Interni; oppure da La Russa in armi; o magari da Bruno Vespa, che è la maggiore autorità ultra governativa esistente. Perciò Floris, pure lui, lasci la politica, i terremoti e la Rai a chi li sa far fruttare.
Gentile Bocchino
L’onorevole Bocchino, ex An, qualificato dalla stampa come ‘finiano’ e firmatario della lettera inviata a Berlusconi, intervenendo ad Omnibus ha fatto questa strana premessa: ‘Sia chiaro che la nostra lettera ( ndr- nella quale gli ex An chiedono di prendere decisioni comuni e non solo ordini da palazzo Graxioli ) era gentilissima, forse la più gentile inviata a Berlusconi’. Avvertimento piuttosto buffo. Da un lato perché inutile: nessuno certo immaginava che membri dello stesso partito del premier (tra l’altro noto per il servilismo di cui si circonda) potessero scrivergli in maniera meno che corretta, anche per rispetto formale del suo ruolo. In secondo luogo la precisazione fa immaginare che, invece, Berlusconi riceva abitualmente corrispondenza poco gentile. Comunque, la premessa è apparsa tale da ingenerare il sospetto che Bocchino volesse allontanare da sé la fama di pericoloso  sovversivo, perfino un po’ comunista. E questo dice tutto del clima interno al Pdl, popolo di sua proprietà.
Una ronda non fa primavera
Per fortuna in tv non ci sono solo i monologhi di Berlusconi e Vespa ( la stessa voce in stereofonia ). C’è anche Linea Notte del Tg3 che riassume i fatti del giorno. Non che sia un programma perfetto ( potrebbe essere meno spezzettato ) ma è informazione e televisione. Una sera, per esempio, ci ha informati della ronda che ha scorazzato per un quartiere di Roma facendo il saluto fascista. Non c’è che dire, un bell’inizio anche se , speriamo,, sarà pure la fine del rondismo. A sentire i vari Cota, Bricolo, Salvini, la “ggente “ moriva dalla voglia di pattugliare il territorio . Invece, approvata la legge, le domande di ronde sono a zero.. Alla fine, in strada, resteranno solo i pensionati che aiutano i bambini e altre forme di volontariato senza alcuna vocazione squadrista., E di notte , le famigerate “ ronde del piacere “  per gli sporcaccioni del nord e del su.
Rotondi alla meta
Personalmente, il ministro Rotondi ci è simpatico, come tutti quelli che ci fanno ridere. Anche se non fa troppa fatica ad apparire simpatico , in compagnia di gente come la Gelmini o La Russa ( per non parlare di Gasparri o dell’inverecondo Capezzone ). Ma, insomma, Rotondi non è odioso quanto certi berluscioni, e coerentemente col suo cognome, è un tipo di ex dc apparentemente poco spigoloso e pacatamente becero. Così, su Rainews24, sosteneva che Berlusconi è l’editore più liberale al mondo ( negli ultimi 50 anni ? ). Invece, in quanto politico, secondo Rotondi, Berlusconi fa quello che fanno tutti gli altri politici e cioè occupa più televisione che può. Ma guarda. Il simpatico Rotondi dimentica che nessun altro politico, in Italia e nel mondo, è editore di stampa e tv e insieme capo del governo. Perché se Berlusconi si accontentasse di essere o editore o politico, non sarebbe Berlusconi.
Giovedì, 24 Settembre, 2009 - 18:53

In edicola Il Fatto Quotidiano

Ci siamo.
Il conto alla rovescia è cominciato. A settembre, finalmente,
avremo un giornale nuovo, libero,
tutto nostro e tutto vostro.
Un  giornale eccentrico,
rispetto agli altri:
"il Fatto Quotidiano"
Un fatto nuovo. Perché?

1. Perché racconterà i fatti, fin dalla sua testata. Darà le notizie, le analisi e i commenti che gli altri non danno, o nascondono. Parlerà dei temi che gli altri ignorano.

2. Perché non avrà padroni: la società editoriale è composta da alcuni piccoli soci, compresi noi giornalisti, che partecipano con quote equivalenti a un progetto comune: un quotidiano fatto solo per i suoi lettori. Senza vincoli né sudditanze ai poteri forti, politici, finanziari e industriali, che usano i giornali per i loro interessi.

3. Perché non chiederà né avrà finanziamenti pubblici concessi da questo o quel partito.

4. Perché nascerà solo se avrà dei lettori interessati ad acquistarlo, e a leggerlo. Nel paese dei giornali senza lettori, mantenuti in vita dai contribuenti, anche e soprattutto da quelli che non li comprerebbero mai, noi faremo il nostro giornale soltanto se avremo un numero di lettori sufficiente per mantenerlo in vita.

Per questo vi chiediamo di abbonarvi subito:
il prezzo della nostra libertà di informare e del vostro diritto di essere informati dipende dal numero di copie che i lettori acquisteranno in edicola, ma soprattutto dagli abbonamenti che raccoglieremo prima di partire.
Più abbonamenti, più libertà.

Il Fatto Quotidiano avrà 16 pagine, tutte a colori. Uscirà sei giorni a settimana al costo di 1.20 €, tranne il lunedì. Sarà un giornale di carta e un giornale web. Sarà diretto da Antonio Padellaro. Avrà una redazione di giovani agguerriti. Si avvarrà di un gruppo di firme, di inviati di punta e di autori satirici che hanno condiviso con noi la lunga battaglia contro il regime berlusconiano, senza sconti per un’opposizione troppo spesso complice.

Trovate qui tutte le indicazioni per abbonarvi e diventare subito soci fondatori del nostro giornale (ricevendolo per posta, scaricandolo in rete dopo la mezzanotte).

Vi terremo aggiornati, di settimana in settimana, sulle prenotazioni raccolte. Sarà dura, ma tutti insieme ce la faremo.
Dipende da tutti voi,
anzi da tutti noi.

 

http://www.antefatto.it/prenotazioni

Giovedì, 24 Settembre, 2009 - 18:51

ANCORA 100 PASSI…… IN DONO ALLA BIBLIOTECA DI PONTERANICA 100

ANCORA 100 PASSI……
   IN DONO ALLA BIBLIOTECA DI PONTERANICA 100 COPIE DEL LIBRO DI PEPPINO
     IMPASTATO REALIZZATO IN OCCASIONE DEL TRENTENNALE DELLA SCOMPARSA
I Gruppi Consiliari della Lista Uniti con Dario Fo e Rifondazione Comunista
del  Comune di Milano aderiscono alla manifestazione di sabato 26 settembre
a  Ponteranica  promossa  dall’Associazione Casa Memoria Peppino Impastato,
dal Comitato Peppino Impastato di Ponteranica e dall’Associazione Libera.
La  Lista  Fo  e il PRC, organizzatori del convegno “A 100 passi dal Duomo”
tenuto  a  Milano  in  occasione  del  trentennale  della  morte di Peppino
Impastato  fanno dono di n. 100 copie del libro, realizzato nell’occasione,
alla  biblioteca  di  Ponteranica  perché ne faccia dono ai suoi utenti. Un
ulteriore  modo  per  far conoscere l’esperienza e i valori testimoniati da
Peppino quali giustizia, legalità, solidarietà, accoglienza.
Un  atto  comunale  ha  deliberato  la  revoca  e  la  cancellazione  della
titolazione  della  Biblioteca civica del comune di Ponteranica alla figura
di   Peppino   Impastato,  avvenuta  tre  anni  fa  con  una  cerimonia  di
inaugurazione che vide una grande partecipazione di cittadini.
La  volontà  della  precedente  Giunta  di  centrosinistra  di  dedicare la
Biblioteca a colui che, ragazzo, aveva combattuto con la cultura e la forza
della  comunicazione la mafia e il potere criminale delle cosche di Cinisi,
è sempre stata osteggiata dalla Lega che, una volta al governo della città,
non ha aspettato molto ad annullare la delibera.
Definire  il presente atto come gesto incivile e discriminatorio sarebbe un
eufemismo:  con un impeto di ignoranza e di gretto localismo, un sindaco ha
ritenuto di poter cancellare il ricordo di una figura che deve assurgere ad
esempio  di rettitudine etica nella lotta per la legalità e l’emancipazione
dei più deboli.
Occorre rivendicare il ritorno della titolazione della Biblioteca a Peppino
Impastato,  ma anche resistere contro ogni volontà di cancellare la memoria
collettiva  e la passione civile oggi, con maggiore urgenza e necessità, ci
deve vedere impegnate e impegnati contro una dilagante corruzione mafiosa e
omicida,  cancro  principe  e  primario di ogni convivenza civica e sociale
pacifica, ostacolo al progresso della cittadinanza.
  Basilio Rizzo (Lista Fo)                        Vladimiro Merlin (PRC)
Milano, 24 settembre 2009
Giovedì, 24 Settembre, 2009 - 16:07

ANCORA 100 PASSI……IN DONO ALLA BIBLIOTECA DI PONTERANICA

ANCORA 100 PASSI……
   IN DONO ALLA BIBLIOTECA DI PONTERANICA 100 COPIE DEL LIBRO DI PEPPINO
     IMPASTATO REALIZZATO IN OCCASIONE DEL TRENTENNALE DELLA SCOMPARSA
I Gruppi Consiliari della Lista Uniti con Dario Fo e Rifondazione Comunista
del  Comune di Milano aderiscono alla manifestazione di sabato 26 settembre
a  Ponteranica  promossa  dall’Associazione Casa Memoria Peppino Impastato,
dal Comitato Peppino Impastato di Ponteranica e dall’Associazione Libera.
La  Lista  Fo  e il PRC, organizzatori del convegno “A 100 passi dal Duomo”
tenuto  a  Milano  in  occasione  del  trentennale  della  morte di Peppino
Impastato  fanno dono di n. 100 copie del libro, realizzato nell’occasione,
alla  biblioteca  di  Ponteranica  perché ne faccia dono ai suoi utenti. Un
ulteriore  modo  per  far conoscere l’esperienza e i valori testimoniati da
Peppino quali giustizia, legalità, solidarietà, accoglienza.
Un  atto  comunale  ha  deliberato  la  revoca  e  la  cancellazione  della
titolazione  della  Biblioteca civica del comune di Ponteranica alla figura
di   Peppino   Impastato,  avvenuta  tre  anni  fa  con  una  cerimonia  di
inaugurazione che vide una grande partecipazione di cittadini.
La  volontà  della  precedente  Giunta  di  centrosinistra  di  dedicare la
Biblioteca a colui che, ragazzo, aveva combattuto con la cultura e la forza
della  comunicazione la mafia e il potere criminale delle cosche di Cinisi,
è sempre stata osteggiata dalla Lega che, una volta al governo della città,
non ha aspettato molto ad annullare la delibera.
Definire  il presente atto come gesto incivile e discriminatorio sarebbe un
eufemismo:  con un impeto di ignoranza e di gretto localismo, un sindaco ha
ritenuto di poter cancellare il ricordo di una figura che deve assurgere ad
esempio  di rettitudine etica nella lotta per la legalità e l’emancipazione
dei più deboli.
Occorre rivendicare il ritorno della titolazione della Biblioteca a Peppino
Impastato,  ma anche resistere contro ogni volontà di cancellare la memoria
collettiva  e la passione civile oggi, con maggiore urgenza e necessità, ci
deve vedere impegnate e impegnati contro una dilagante corruzione mafiosa e
omicida,  cancro  principe  e  primario di ogni convivenza civica e sociale
pacifica, ostacolo al progresso della cittadinanza.
  Basilio Rizzo (Lista Fo)                        Vladimiro Merlin (PRC)
Milano, 24 settembre 2009

Giovedì, 24 Settembre, 2009 - 15:14

INVITO ALLA CITTA': NON RESPINGIAMO I DIRITTI DEGLI INDIVIDUI

NOI NON RESPINGIAMO I DIRITTI DEGLI UOMINI E DELLE DONNE

A Milano il 25 e il 26 settembre  c'è un occasione importante per rendere visibile e chiaro il nostro disaccordo sulle politiche  di questo Governo sull'immigrazione e in particolare per denunciare la barbarie dei respingimento verso la Libia.

Il 25 e il 26 settembre il Ministero dell'Interno e l'ANCI hanno organizzato  presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore, la Seconda Conferenza Nazionale sull'Immigrazione

Arci Milano e Arci Nazionale si sono  inventati una iniziativa di protesta pacifica, creativa che riesca a parlare anche a tutte le persone che non pensano che il rispetto dei diritti degli immigrati riguardi direttamente  la democrazia e quindi tutti noi, senza distinzione.

Ci siamo  immaginati un iniziativa di contro-informazione:

una improvvisazione teatrale  itinerante  da realizzare  venerdì 25 alle 18.30   partendo dalle colonne di San Lorenzo fino ad arrivare alla Darsena

NOI NON RESPINGIAMO I DIRITTI DEGLI UOMINI E DELLE DONNE

Invitiamo tutte le associazioni,  i soggetti collettivi, i cittadini , le cittadine  a partecipare attivamente  e far propria la giornata di contro informazione.

E allora...... a   venerdi' 25  settembre a partire dalle 18.30 alle colonne di San Lorenzo

Per informazioni e per segnalare contributi, idee  e collaborazioni:
scovazzi@arci.it

PER CHI VOLESSE DARE UNA MANO A COSTRUIRE MATERIALMENTE L'INIIATIVA L'APPUNTAMENTO E' VENERDI ( MATTINA E POMERIGGIO) in Arci – via Adige, 11, ma da estendere in ogni comune

A Milano il 25 e il 26 settembre  c'è un occasione importante per rendere visibile e chiaro il nostro disaccordo sulle politiche  di questo Governo sull'immigrazione e in particolare per denunciare la barbarie dei respingimento verso la Libia.

Il 25 e il 26 settembre il Ministero dell'Interno e l'ANCI hanno organizzato  presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore, la Seconda Conferenza Nazionale sull'Immigrazione.  Arci Milano e Arci Nazionale si sono  inventati   un iniziativa di protesta pacifica, creativa che riesca a parlare anche a tutte le persone che non pensano che il rispetto dei  diritti degli immigrati riguardi direttamente  la democrazia e quindi tutti noi, senza distinzione.

Ci siamo  immaginati un iniziativa di contro-informazione  di  improvvisazione teatrale  itinerante  da realizzare  venerdì 25 alle 18.30   partendo dalle colonne di San Lorenzo fino ad arrivare alla Darsena.

Invitiamo tutte le associazioni,  i soggetti collettivi, i cittadini , le cittadine  a partecipare attivamente  e far propria la giornata di contro informazione.

E allora...... a   venerdi' 25  settembre a partire dalle 18.30 alle colonne di San Lorenzo

Per informazioni e per segnalare contributi, idee  e collaborazioni:

scovazzi@arci.it.

PER CHI VOLESSE DARE UNA MANO A COSTRUIRE MATERIALMENTE L'INIIATIVA L'APPUNTAMENTO E' VENERDI ( MATTINA E POMERIGGIO) in Arci – via Adige, 11

...
83 84 85 86 87 88 89 90 91
...
RSS feed