user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND buc.catid = bc.catid
									ORDER BY buc.weight' at line 3
query: SELECT bc.*, buc.weight
									FROM blog_categories bc, blog_user_category buc
									WHERE buc.uid = 172, AND buc.catid = bc.catid
									ORDER BY buc.weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND type = 'candidati'
									ORDER BY weight' at line 3
query: SELECT *
									FROM blog_blocks
									WHERE uid = 172, AND type = 'candidati'
									ORDER BY weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND type = 'links'
									ORDER BY weight' at line 3
query: SELECT *
									FROM blog_blocks
									WHERE uid = 172, AND type = 'links'
									ORDER BY weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near '' at line 3
query: 	SELECT 	cp.nid AS pagina
												FROM 	users u LEFT JOIN candidati_pagine cp ON u.uid = cp.uid 
												WHERE	u.uid = 172, in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND type = 'blog'' at line 1
query: SELECT nid FROM node WHERE uid = 172, AND type = 'blog' in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
Il Blog di Alessandro Rizzo | www.partecipaMi.it
warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /mnt/data/sites/partecipami/includes/common.inc:386) in /mnt/data/sites/partecipami/themes/com06/globals/cookies.php on line 34.

.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 59 ospiti collegati

.: Eventi

« Agosto 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

.: Ultimi 5 commenti


Nessun commento...

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Mercoledì, 3 Febbraio, 2010 - 00:46

CONTACI! Per non essere cancellati dal censimento ISTAT. Le coppie gay ci sono

In queste settimane l’Istat sta mettendo a punto la macchina per il prossimo censimento generale della popolazione italiana previsto per l'autunno del 2010: si appresta infatti a preparare i questionari da sottoporre ai cittadini per conoscere, tra l'altro, le situazioni famigliari di ciascuno.

 

Nell’ultimo Censimento, quello del 2001, Gay.it fu protagonista di una violenta polemica con l’Istituto nazionale di Statistica. Il questionario distribuito nelle case di tutti gli italiani, infatti, lasciava la possibilità alle coppie lesbiche, gay e transessuali conviventi di dichiararsi come tali. Persino il ricercatore responsabile di quella sezione, in un primo tempo, ci disse che era intenzione dell'Istituto misurare il fenomeno, come uno dei tanti fenomeni sociali in atto nel paese: la statistica, infatti, è una scienza e come tale deve essere neutra, imparziale e limitarsi a studiare le coppie di fatto etero ed omosessuali, indipendentemente dalla valutazioni che ne danno parti politiche, concezioni etiche o fedi religiose, per quanto importanti possano essere. Quando poi l’Istat pubblicò i risultati, per un probabile input politico, furono conteggiate come “coppie di fatto” le sole coppie eterosessuali, mentre le decine di migliaia di cittadini e contribuenti lgbt che avevano barrato la casella “conviventi” furono declassati ad “altra forma di convivenza”, quella dove principalmente finiscono le coppie formate da una persona anziana e dal/dalla suo/sua badante.

 

Questa volta non accetteremo che i nostri rapporti d'affetto vengano declassati e considerati "altre forme di convivenza": se la politica non vuole darci il matrimonio ponendo il nostro paese in grave ritardo rispetto a tutti gli altri Stati europei, che almeno l'Istituto di Statistica ci consideri per quello che siamo: coppie, coppie di fatto.

 

Per questo i cittadini di seguito firmatari chiedono al presidente dell'Istat Enrico Giovannini di

 

- realizzare questionari adeguati che permettano di rilevare l'esatto numero delle coppie di fatto che si dichiarano tali, siano queste eterosessuali che omosessuali;

 

- porre in essere tutte le attività preliminari necessarie a una corretta rilevazione di tale dato, in particolare attraverso un’adeguata formazione/informazione agli operatori coinvolti (rilevatori, addetti ai call center e al sito internet) e alla popolazione, lgbt e non.

 

 

Per la stampa: press@gay.it

Martedì, 2 Febbraio, 2010 - 00:53

Roma, manifesti offensivi e omofobi

La mattina del 1° febbraio 2010 i residenti del Municipio XI, ossia della zona di San Paolo e Garbatella a Roma, si sono svegliati con il quartiere invaso di manifesti, con lo slogan: "Respinto il registro delle unioni civili vince la famiglia quella vera" firmato dal Popolo della Libertà.

Ecco la dura presa di posizione di Arcigay Roma.

Riempire di manifesti un intero quartiere per inneggiare alla bocciatura del registro delle unioni civili, è un atto di poca civiltà, in quanto offrire tutele alle coppie di fatto, e quindi anche a quelle lesbiche e gay, non sottrae diritti a nessuno.

Pertanto, questi manifesti sono offensivi e preoccupanti, specie dopo i numerosi episodi di aggressione e violenza che sono stati portati alla luce nella nostra città nei mesi scorsi.

Essere contro l´omofobia vuol dire combattere ogni forma di discriminazione e impegnarsi per la piena uguaglianza di tutti i cittadini. E´ davvero spiacevole constatare che un partito politico porti avanti una campagna di questo tipo in modo così ideologico, senza porre la questione dal punto di vista dei bisogni dei cittadini, che non sono né di destra, né di sinistra.

Così come è davvero triste rilevare ancora che nessuna forza politica può attribuirsi la paternità della bocciatura del registro delle unioni civili, perché, nella nostra città, nessun partito ha saputo elaborare una proposta all´altezza delle esigenze.

 

http://www.partecipami.it/?q=node/add/blog

Martedì, 2 Febbraio, 2010 - 00:12

Interrogazioni presentate in CDZ 4 il 28 gennaio 2010


Sabato, 30 Gennaio, 2010 - 10:30

TV italiane, fermate le offese alle persone lgbt

Il mio è un appello accorato affinché in nome dell’audience non si continui a dileggiare la dignità delle persone omosessuali e transessuali.

Negli ultimi mesi nelle trasmissioni di punta pomeridiane di Rai e Mediaset e in trasmissioni popolari, come il Grande Fratello e le Iene, abbiamo assistito attoniti a diverse risse, siparietti, frasi ingiuriose nei confronti delle persone omosessuali e transessuali. In alcuni casi alla presenza di coppie e di persone lgbt, talvolta strumentalizzandole, facendo leva sulla loro inesperienza rispetto a commentatori professionisti e aggressivi, si sono utilizzati termini offensivi senza che i conduttori delle trasmissioni o i gli autori siano in qualche modo intervenuti.

In questo senso colpisce che non si sia sentito il dovere di pronunciare pubbliche scuse, in particolare da parte del format del Grande Fratello, e delle trasmissioni collaterali come Pomeriggio Cinque e Domenica Cinque, che sia in questa che nella scorsa edizione, ha trasmesso commenti ingiuriosi nei confronti delle persone omosessuali o supposte tali, ultimi dei quali quelli rivolti a due ragazze concorrenti – Veronica e Sarah – che hanno instaurato un legame affettivo.

A differenza dei gruppuscoli cattolici, che a fronte di una bestemmia scappata a un concorrente hanno chiesto censure e ottenuto immediate punizioni, noi crediamo, che sia necessaria una riflessione profonda, che contenga un forte richiamo all’educazione delle basilari regole del rispetto nei confronti della dignità di milioni di cittadine e cittadini italiani.

Aurelio Mancuso presidente nazionale Arcigay

 

http://www.arcigay.it/tv-italiane-fermate-offese-alle-persone-lgbt

Venerdì, 29 Gennaio, 2010 - 14:34

1° febbraio: grande serata in compagnia dell'acqua!

Per opportuna informazione, partecipazione e diffusione.
Cari saluti
Antonella Fachin
--------------------
1 FEBBRAIO 2010 
Camera del Lavoro (Cso. Porta Vittoria 43)

ORE    20,30
GRANDE SERATA IN COMPAGNIA
DELL'ACQUA!
(Contro la sua privatizzazione)
****
partecipano (dal vivo)
Onorio Rosati,  Moni Ovadia, Giuliano Turone, Renato Sarti, Silvano Piccardi, Floraleda Sacchi (all’arpa), Giovanna Procacci, Contrabbanda (gruppo musicale), Diego Parassole, Emilio Molinari,
partecipano (in video)
Dacia Maraini, Paolo Rumiz, Laura Marinoni, Flavio Oreglio, Paolo Rossi
presentano, coordinano e intrattengono
Gianni Barbacetto e Claudio Agostoni
poesie di   Marcia Theophilo                                               
regia di Silvano Piccardi
___________________________________________________________
L’acqua!
Quella che esce tutti i giorni dai rubinetti, nelle nostre case, indispensabile alla vita, è un
diritto umano!
Oggi a Milano, come in quasi tutta l’Italia, questa acqua è pubblica e di
ottima qualità!
I nostri governanti han fatto una legge per privatizzare l’acqua di tutti, cioè per rubarcela e
  regalarla alle multinazionali!
Ma noi la vogliamo difendere dalla speculazione privata, dall'inquinamento, dallo spreco, perché
 così difendiamo noi stessi!
Contro questa legge, per liberare l’acqua dalla morsa del mercato e del profitto c’è anche la
 possibilità di un referendum!
S E   L'A C Q U A   S O F F R E,   S O F F R I A M O   A N C H E   NOI
Comitato Milanese Acquapubblica – Comitato Italiano Contratto Mondiale dell'acqua – Camera del Lavoro di Milano
Iniziativa nell’ambito della Campagna “Salva l’Acqua”- INGRESSO LIBERO – Per info: www.contrattoacqua.it, 024079213

Mercoledì, 27 Gennaio, 2010 - 14:27

Giù le mani dalla Rete


Mercoledì, 27 Gennaio, 2010 - 12:38

Incontri con Erica Fischer

Incontri con la scrittrice tedesca
Erica Fischer
autrice di
La breve vita dell'ebrea Felice Schragenheim

Nel contesto delle manifestazioni organizzate per celebrare il Giorno della Memoria la scrittrice Erica Fischer sarà in Italia per una serie d'incontri nei quali presenterà il suo libro edito da Beit casa editrice.
La breve vita dell'ebrea Felice Schragenheim
verrà presentato dall'autrice Erica Fischer
il 25 gennaio 2010 a Bologna
il 26 gennaio 2010 a Trieste
il 27 gennaio 2010 a Milano

in una serie d'incontri dedicati al ricordo di una storia d'amore unica nata negli anni del nazismo.

➢ Il 25 gennaio a Bologna alle 21.00 l'autrice sarà ospite dell'incontro organizzato da “LUO-Libera Università Omosessuale” e da "Arcilesbica Bologna" presso Arcigay "Il Cassero" di Via Don Minzoni 18.
Intervengono: Patrizia Dogliani, storica e docente di Storia contemporanea, Università di Bologna e Piero Budinich, editore. Modera l'incontro Elisa Manici. Letture di Roberta Mazzieri.

➢ Il 26 gennaio a Trieste alle ore 18.00 l'incontro si terrà nell'Aula Magna della Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori di Via Filzi a Trieste. Interverranno la ricercatrice dell'Università di Trieste Tullia Catalan e l'Assessore alla Cultura della Comunità ebraica di Trieste Mauro Tabor.

➢ Il 27 gennaio, a Milano nel Giorno della Memoria, alla Libreria delle Donne alle ore 18.30 in Via Pietro Calvi 29, Milano con Annie Sacerdoti responsabile della cultura per il Consiglio Europeo delle Comunità Ebraiche, con Cristina Gramolini della sezione Zami Milano di Arcilesbica e la professoressa dell'Università di Pavia Claudia Sonino.

La breve vita dell'ebrea Felice Schragenheim

Giovane giornalista proveniente da una agiata famiglia ebrea, rimasta orfana di entrambi i genitori e costretta a una vita di clandestinità ed espedienti, Felice incontra Lily Wust moglie esemplare e madre di quattro figli.

La storia di queste due donne segnata da una travolgente passione coronata da un matrimonio simbolico è più forte di ogni ideologia, è raccontata nelle immagini e nelle poesie di Felice come testimonianza indimenticabile della sua vita e della sua vicenda.
L'autrice: Erica Fischer
Scrittrice e giornalista nata in Inghilterra dove la sua famiglia viennese era riparata per sottrarsi alle persecuzioni antisemite, ritorna nel dopoguerra a Vienna per studiare da interprete e partecipa al movimento femminista negli anni '70 come attivista e teorica. Decide di raccontare la storia di Felice dopo aver incontrato Lilly e aver raccolto il materiale che narra la loro storia d'amore.

Tradotto il 14 lingue, bestseller in Germania, il libro di Erica Fischer è stato spunto di innumerevoli pubblicazioni, documentari e anche di un film “Aimée & Jaguar” di Max Färberböck presentato con successo alla Berlinale del 1999.

Info www.beitcasaeditrice.it

 

19/01/2010 - Redazione arcigay

Mercoledì, 27 Gennaio, 2010 - 12:37

La liberazione non è ancora finita

Si celebra il 27 gennaio 2010 la Giornata della Memoria, 65° anniversario dell’apertura dei cancelli del campo di concentramento di Auschwitz, e occasione per ricordare tutti i martiri dei regimi totalitari e chi ha lottato per poter affermare la propria libertà.

Per quest’occasione i comitati territoriali Arcigay promuovono in decine di città eventi culturali che vogliono raccontare la storia dell’omocausto, cioè della persecuzione delle persone omosessuali, che per anni sono state represse, torturate e uccise, perché si discostavano da una norma voluta da un regime. E ammonire che ancora oggi esistono nel mondo nazioni che puniscono con la morte o il carcere un diverso orientamento sessuale.

“Valorizziamo le storie di vita di migliaia di lesbiche e gay che non hanno potuto vivere i loro amori e hanno pagato dolorosamente questa assenza di libertà” – dichiara il presidente nazionale Arcigay Aurelio Mancuso – “grazie alla loro esperienza, le persone lgbt oggi possono essere più libere. E per questo è fondamentale per ciascuna persona avere la consapevolezza della storia di un percorso che ci porta oggi a potere essere quel che siamo.”

Tra le iniziative più coinvolgenti, segnaliamo che in provincia di Livorno i volontari di Arcigay Il Faro distribuiranno davanti alle scuole e per le strade dei centri cittadini 10.000 triangoli rosa, simboli dei prigionieri omosessuali nei lager nazisti, mentre Arcigay Makwan promuove un volantinaggio di sensibilizzazione sui traghetti sullo Stretto di Messina. A Bologna si terrà ai Giardini Cassarini la tradizionale commemorazione dinanzi alla prima lapide italiana deposta in memoria delle vittime lesbiche e gay del nazi-fascismo, che quest’anno compie 20 anni.

“L'omofobia e la transfobia di oggi sono la continuazione di una discriminazione che vide nel nazismo, nel fascismo e nello stalinismo gli apici più drammatici di un percorso discriminatorio che caratterizza la contemporaneità fin dai suoi esordi.” – aggiunge Marco Reglia, referente Arcigay per la Memoria storica – “Il percorso di affermazione sociale e civile è arrivato ormai al suo termine nella maggior parte d’Europa, con l'equiparazione legale della cittadinanza LGBT. In Italia purtroppo siamo ancora in attesa della liberazione della nostra Auschwitz: il percorso non è ancora finito.”

Tutte le iniziative promosse da Arcigay per la Giornata della Memoria 2010:
http://www.arcigay.it/memorie-lgbt-2010

 

26/01/2010 - Ufficio stampa Arcigay

Lunedì, 25 Gennaio, 2010 - 02:16

Incoraggiamo la ricerca accademica su tematiche lgbt*q

20/01/2010 - Arcigay CIG

 

Il C.I.G. Centro d’Iniziativa Gay ONLUS – Comitato Provinciale Arcigay di Milano, ha deciso di devolvere un contributo economico teso a favorire anche in Italia gli studi e le ricerche sul genere, sulle differenze di genere, sulla sessualità e sull’orientamento sessuale.

Il Bando di concorso, disponibile presso la segreteria dell'associazione e sul sito web, prevede due premi da 2500€ ciascuno da assegnare a coloro che discuteranno, nel corso del 2010, una tesi di laurea magistrale su tematiche di interesse lgbt*q (lesbiche, gay, transessuale/transgender, queer).

"In un momento di forte crisi economica, in cui la ricerca scientifica italiana soffre la carenza di fondi e finanziamenti, i temi di interesse culturale, sociale e politico - che spaziando tra diverse discipline scientifiche toccano argomenti come identità di genere e orientamento sessuale -  rischiano di finire nel dimenticatoio perché ritenuti non rilevanti economicamente" dichiara Marco Mori, presidente del C.I.G. Centro d'Iniziativa Gay ONLUS - Comitato Provinciale Arcigay di Milano.

"Noi vogliamo incoraggiare la circolazione d’idee e la produzione culturale su questi temi, auspicando che si recuperi al più presto l'enorme divario esistente tra il nostro Paese e il resto del mondo. Mentre negli Stati Uniti e in Europa da anni si sono consolidati corsi di laurea in 'Studi di genere' e 'Studi gay e lesbici', in Italia si fatica a comprendere l'importanza strategica  di questi campi del sapere, che nelle Università italiane hanno appunto uno spazio esiguo".

Il C.I.G collaborerà con personalità di comprovata competenza scientifica e/o accademica per garantire una seria e attenta valutazione degli elaborati in concorso.

Marco Mori - Presidente
C.I.G. Centro di Iniziativa Gay ONLUS
Comitato Provinciale Arcigay di Milano

Venerdì, 22 Gennaio, 2010 - 12:21

Memorie LGBT 2010

21/01/2010 - Redazione arcigay

 

Ormai da diversi anni le associazioni LGBT, con in prima linea Arcigay e i suoi Comitati, sono state impegnate a recuperare dal fondo la memoria delle drammatiche sequenze di vita che le persone lesbiche e gay hanno vissuto sulla loro pelle nel periodo più buio dell'europa del novecento.

La giornata della memoria cade il 27 gennaio per ricordare la liberazione del campo di concentramento di Auschwitz, e simboleggia l'inizio della fine delle sofferenze per tutti i perseguitati, ebrei in primis.

Per le persone omosessuali questo però non accadde. Finita la guerra tutto o quasi tornò come prima, ma non nel segno della libertà; si ridimensionò la ferocia della discriminazione che perdette la sua logica omicida legalizzata, ma gli omicidi (o omocici, dal titolo di un libro ad essi dedicato) continuarono.

Di memoria storica e di ricerche sul tema non si parlò: soltanto in questi ultimi vent'anni le società occidentali si sono accorte dell'esistenza delle cittadine lesbiche e dei cittadini gay. La sola visibilità di alcune persone LGBT e le richieste di uguali diritti hanno portato alla ribalta una forte avversione per le diverse sessualità che esisteva da tempo.

L'omofobia di oggi non è l'ultimo colpo di coda storicamente fuori posto, ma la continuazione di una discriminazione che vide nel nazismo, nel fascismo e nello stalinismo gli apici più drammatici di un percorso discriminatorio che caratterizza la contemporaneità fin dai suoi esordi.

Non a caso ancor oggi qualcuna parla di lobby gay come negli anni trenta o di "mondo omosessuale" o del "mondo Trans" apparso recentemente alla ribalta nella cronaca del "bel paese". L'equiparazione legale della cittadinanza LGBT ha lambito la maggior parte dell'Europa; In Italia siamo ancora in attesa della liberazione della nostra Auschwitz.

Marco Reglia - referente Memoria storica Arcigay
memoria@arcigay.it

***

La pagina di archivio dei documenti digitali Arcigay sulle memorie LGBT

www.memorialgbt.it


La pagina di notizie sulla memoria LGBT sul sito Arcigay

www.arcigay.it/memoria

***
Le iniziative promosse da Arcigay in occasione della
Giornata della Memoria - 27 gennaio 2010

Bologna

Presentazione de "La Breve Vita dell'Ebrea Felice Schragenheim"
Incontro con l'autrice Erica Fischer - Arcigay Il Cassero - lunedì 25 gennaio

"Sorella, Fratello", un ritratto di Erika Mann
Conferenza-spettacolo di Luca Scarlini - Arcigay Il Cassero - martedì 26 gennaio

Deposizione di una Corona di Fiori
Sul Monumento alle vittime omosessuali del nazi-fascismo

Mercoledì 27 gennaio 2010 ore 10.30
Giardino Villa Cassarini, Porta Saragozza

Perugia

Le iniziative di Arcigay Omphalos per la giornata della Memoria 2010

Napoli

Il comunicato di Arcigay Napoli sul caso del Liceo Calamandrei di Ponticelli

Trieste

Presentazione de "La Breve Vita dell'Ebrea Felice Schragenheim"
Incontro con l'autrice Erica Fischer
Scuola Superiore Lingue Moderne - martedì 26 gennaio

Milano

Presentazione de "La Breve Vita dell'Ebrea Felice Schragenheim"
Incontro con l'autrice Erica Fischer
Libreria delle Donne - mercoledì 27 gennaio

Terranuova Bracciolini (AR)

Lo spettacolo teatrale "Le Rose di Jurgen"
della compagnia Con-Fusione
Mercoledì 27 gennaio, Auditorium Le Fornaci

...
63 64 65 66 67 68 69 70 71
...
RSS feed