user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND buc.catid = bc.catid
									ORDER BY buc.weight' at line 3
query: SELECT bc.*, buc.weight
									FROM blog_categories bc, blog_user_category buc
									WHERE buc.uid = 172, AND buc.catid = bc.catid
									ORDER BY buc.weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND type = 'candidati'
									ORDER BY weight' at line 3
query: SELECT *
									FROM blog_blocks
									WHERE uid = 172, AND type = 'candidati'
									ORDER BY weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND type = 'links'
									ORDER BY weight' at line 3
query: SELECT *
									FROM blog_blocks
									WHERE uid = 172, AND type = 'links'
									ORDER BY weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near '' at line 3
query: 	SELECT 	cp.nid AS pagina
												FROM 	users u LEFT JOIN candidati_pagine cp ON u.uid = cp.uid 
												WHERE	u.uid = 172, in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND type = 'blog'' at line 1
query: SELECT nid FROM node WHERE uid = 172, AND type = 'blog' in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
Il Blog di Alessandro Rizzo | www.partecipaMi.it
warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /mnt/data/sites/partecipami/includes/common.inc:386) in /mnt/data/sites/partecipami/themes/com06/globals/cookies.php on line 34.

.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 108 ospiti collegati

.: Eventi

« Agosto 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

.: Ultimi 5 commenti


Nessun commento...

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Lunedì, 16 Aprile, 2007 - 17:15

Seminario Tavola della Pace 4/5 Maggio 2007

23° Seminario nazionale della Tavola della pace

                     Verso la Perugia-Assisi.

                 Per una politica di pace

            Per un pacifismo politico.
                                                                  


 Padova, 4-5 maggio 2007
Civitas, Padova Fiere
    Iscriviti subito.  Clicca su www.tavoladellapace.it
Venerdì, 13 Aprile, 2007 - 17:24

2.500 firme giustificano il razzismo

2.500 firme giustificano l’ennesimo atto di razzismo?
A Chiaravalle esponenti della Lega raccolgono 2.500 firme dalla cittadinanza per cacciare 80 rom.

 
Lo sgombero è stata la politica predominante, ma non si è rivelato una risposta costruttiva ed efficace e nega i diritti della minoranza più discriminata d’Europa. La sequenza di sgomberi avvenuti a Milano negli ultimi anni, per esempio, ha determinato un nomadismo forzato dei rom costretti a spostarsi all’interno dell’area milanese, in condizioni via via più degradate, pericolose e precarie, che ostacolano l’integrazione con il resto della cittadinanza.
 

Via Adda aprile 2004

250 persone

                 Via Caporizzuto giugno 2005                                                                     

                 700 persone

                 Via De Castilla giugno 2005

                 50 persone

                 Nosedo luglio 2005

                 100 persone

                 Via Lecco dicembre 2005

                 270 persone

                 Area ex-Falck settembre 2006

                 250 persone

                 Via Chiasserini ottobre 2006

                 50 persone

                 Via Ripamonti dicembre 2006

                 100 persone
 
Chiediamo che per Chiaravalle non venga applicata la stessa miope politica e che le istituzioni riconoscano possibilità alternative da progettare insieme alle persone rom direttamente interessate.
 
Viene dato per scontato che i rom debbano abitare in baracche o roulotte all’interno di campi isolati, senza considerare la possibilità e il loro diritto di abitare in case e luoghi dignitosi.
Anche oggi che i rom rumeni sono cittadini europei e non possono essere espulsi, mancano risposte efficaci alternative all’abitare precariamente i campi.
In alcune realtà italiane, compresa la Lombardia, sono stati avviati e condotti progetti di autocostruzione che possono tradursi nell’affidamento di aree dismesse o territori a famiglie rom che si costruiscano le proprie abitazioni, oppure nell’acquisto agevolato di terreno.
Perché non provare almeno per Chiaravalle ora una soluzione sperimentale alternativa, individuando nelle aree limitrofe cascinali abbandonati e/o zone dismesse da rivalorizzare con il contributo dei rom? Potrebbe essere un’occasione di confronto per mettere alla prova un modello abitativo diverso.
 
Per discutere le possibili proposte attuate e attuabili è auspicabile che l’assessorato alle politiche sociali e le istituzioni costituiscano un tavolo di confronto con i rom e con tutte le realtà da anni interessate e impegnate nella questione, per:
Ø      affrontare nell’immediato l’emergenza dei campi a Sud di Milano
Ø      confrontarsi sulle modalità abitative alternative ai campi attuali, ad esempio l’autocostruzione
Ø      decidere e attuare interventi per arginare i fenomeni di discriminazione e favorire una integrazione e un confronto civile all’interno della cittadinanza
Ø      affrontare e discutere un’azione a lungo termine sul territorio di Milano per una politica che prevenga situazioni di emergenza.
 
                        Adesioni

Venerdì, 13 Aprile, 2007 - 14:12

La comunità cinese a Milano e le forze dell'ordine

Esprimo anch'io solidarietà alle forze dell'ordine ma anche alla comunità cinese vittima in questi ultimi tempi di veri e propri soprusi portati avanti dagli stessi che dovrebbero garantire ordine e legalità.Prima però di esprimere giudizi occorre ragionare a bocce ferme e lasciare che la Magistratura faccia il suo corso. Non paragoniamo situazioni diverse come quella dei nomadi con la comunità cinese che a Milano vive e lavora da oltre 40 anni. I giornali oggi sono pieni di foto della manifestazione di ieri e devo dire che non sono proprio edificanti per l'uno e l'altro fronte. Legalità e sicurezza devono essere coniugati con la solidarietà e l'accoglienza. Fornisco alcuni dati della comunità cinese a Milano gentilmente raccolti dall'Osservatorio di Milano. A.valdameri consigliere di Zona 6 Lista Fo
I primi cinesi sono giunti a Milano nel 1920  da  WENZHOU, un tempo centro di pesca, oggi centro commerciale che conta 800.000 abitanti. Wenzhou si colloca nel sud della Cina e dista 500 Km. Da Shangai.
Altri 2000 cinesi sono giunti dalla stessa città negli anni 60 – 80 .
Ma l’ondata maggiore si è avuta con le sanatorie degli anni ’90 in occasione delle quali sono giunti cinesi oltre che da Wenzhou anche dal Nord, in particolare da Pechino e Liaoniang.
Attualmente, degli 14.023 cinesi presenti a Milano L’85%  provengono da Wenzhou e il 15% dal nord della Cina.

Chi sono e cosa fanno
La popolazione presente è così suddivisa :
16% sono bambini e adolescenti da 1 a 10 anni.
55% lavoratori dipendenti
4% pensionati
15% commercianti
10% artigiani
Il numero dei pensionati è basso perché la maggioranza preferisce tornare al paese d’origine.
Fra le attività commerciali  troviamo ambulanti, negozianti, grossisti  e ristoratori. Questi sono il numero maggiore, 305, con una punta massima toccata nel 2000 prima della Sars con 387 unità.
Registriamo un numero alquanto ridotto di liberi professionisti ( medici, avvocati che non superano le 40 unità), 10 agenzie immobiliari e 8 agenzie di viaggi.
Non esiste, come da noi, la figura della casalinga, in quanto, ogni donna, oltre a sbrigare le faccende domestiche è impegnata in attività lavorative; Nonostante mediamente in ogni famiglia ci sia 1,83% di figli.
Dove abitano:
Gli artigiani e commercianti abitano, prevalentemente nella zona Sempione, mentre, i lavoratori dipendenti sono distribuiti sulla periferia di Milano in particolare a Quarto Oggiaro e alla Bovisa.
Condizione di salute:
Le malattie più diffuse, come per i milanesi, sono quelle dell’apparato respiratorio causato dall’inquinamento atmosferico. Inoltre un 13% di cinesi oltre i 50 anni soffre di disturbi cardiaci.
Politica e religione :
Il 92% di cinesi che vivono a Milano, concorda con la politica di  del proprio paese anche se una parte lo fa in chiave critica.
Il 62% si dichiarano atei o agnostici, il 22% aderisce alla religioni Buddista, il 16% a quella cattolica.
Complessivamente, dalle attività artigianali e commerciali praticate i cinesi a Milano ricavano un fatturato pari a circa 40.000.000 di euro.
Venerdì, 13 Aprile, 2007 - 06:57

FieraMilanoCity Fà la Cosa giusta!


 Attività in Italia :
Human Development  Onlus  a Fa' la cosa giusta!
Ci sarà anche il nostro stand alla più grande fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili. Ci troverete da venerdì 13 aprile a domenica 15 presso lo stand del CSV Lombardia – FieraMilanoCity - MM1 Amendola Fiera.Venite a trovarci!
Informazioni: www.humandevelopment.it   cell.3337354464  Donatella

Venerdì, 13 Aprile, 2007 - 06:50

Testimonianza Cittadino Milanese

Come cittadino Milanese ritengo increscioso il comportamento dimostrato dalla polizia.
Ho visto decine di macchine della polizia correre sul luogo, uscire dalle macchine con giubotti antiproiettili e correre verso dimostranti pacifici.
Ecessivo l'atteggiamento della polizia anziche contenere la manifestazione hanno caricato (vedere foto di tutti i quotidiani).
Indegnante l'assenza di intervento dell'assessore e del sindaco che limitatamente si è pronunciata in una conferenza stampa.
Da anni si vede un certo tipo di accanimento nei confronti della comunità Cinese che orgogliosamente e faticosamente ha pagato caro l'inserimento e l'acquisto dei locali commerciali, pagando fior di quattrini agli Italiani, che ora li vogliono cacciare.
Sono state create regole di disugualianza e  amisura solo per loro, prima gli allontanano le zone di carico e scarico e poi gli vietano il trasporto della merce sui carrelli, mentre a pochi passi di distanza, macchine mal parcheggiate dei residenti, impediscono da anni il transito a mezzi tranviari senza mai essere ne multati ne rimossi. Come nel caso di oggi, due linee tranviarie, sono state completamente divise, in direzione nord transitavano a ovest della città, mentre in direzione sud a est. Porto la piena solidarietà alla comunità Cinese.
 Sergio  
Giovedì, 12 Aprile, 2007 - 14:23

Cuccagna: al via un buon programma di lavoro

 

Cascina Cuccagna    Sabato 14 aprile ore 14.30

 

CI  DIAMO  UNA  MOSSA !

 
 
Incontro di presentazione e organizzazione di un programma di eventi, iniziative, azioni promozionali da ospitare negli spazi agibili della Cascina Cuccagna da maggio ad agosto prossimi.
 
Sono invitati tutti i collaboratori e gli interessati al Progetto Cuccagna.
 
In particolare sollecitiamo caldamente la presenza
·       di chi desideri proporre proprie iniziative da mettere in calendario,
·       di chi voglia dare una mano, per quello che può, alla realizzazione del programma.
 
Girate l’invito ad amici e conoscenti che pensate possano contribuire.
 
 
CONSORZIO  CANTIERE  CUCCAGNA
 
 
p.s. nell’occasione si potrà prendere visione della nuova brochure di presentazione del Progetto Cuccagna ed avere aggiornamenti sul suo stato di avanzamento.
 
   

Giovedì, 12 Aprile, 2007 - 14:20

Mozione per un intervento urgente per i profughi

La mozione di seguito è stata presentata dal sottoscritto, Alessandro Rizzo Presidente del Gruppo Lista Uniti con Dario Fo per Milano, a nome di tutte le consigliere e i consiglieri de L’Unione del Consiglio di Zona 4, sottoscrittori del testo di proposta di deliberazione nella seduta del Consiglio di martedì 3 aprile 2007.

 
MOZIONE
Premesso
che dai primi mesi dell'inverno del 2006 si sono insediati in condizioni precarie e insalubri uomini e donne (oltre 140) provenienti dal Corno d'Africa, emigrate da zone di guerra e soggetti a violazioni gravi dei diritti umani e dei popoli
Considerato in diritto
che i suddetti rifugiati sono protetti formalmente dalla legge dello Stato italiano, in quanto sono stati riconosciuti come titolari dello status e della personalità giuridica, tutelate dalla giurisdizione internazionale di rifugiati con permesso d'asilo, umanitario e politico.
Considerato di fatto
la permanenza dei rifugiati in una caserma, non dotata dei servizi di primaria necessità, come la luce, la fornitura del gas, le condutture dell'acqua e
Vista
anche l'assenza totale del servizio di pulizia dei locali e degli spazi adiacenti alla struttura elargiti da parte dell’AMSA,
Preso atto
dell'assenza e della mancanza assoluta di un programma serio e coerente predisposto finalizzato all'accoglienza sociale e lavorativa, e l'impossibilità per i medesimi di accedere a servizi sanitari e sociali, disponibili per la cittadinanza
 
Considerato di fatto
che esistono fondi predisposti da parte del governo per il riconoscimento dei diritti e per la predisposizione di programmi di inserimento e di tutela dei diritti sociali e delle esigenze rientranti nell'obbligo internazionale di ospitalità dei rifugiati politici
Si invita e si esorta
 
il settore politiche sociali del Comune di Milano e l'assessorato alle politiche sociali di predisporre con carattere di urgenza un Piano di intervento e di accoglienza per le rifugiate e i rifugiati presso l'ex caserma di Viale Forlanini, oggi in stato ai degrado e di abbandono fatiscente, affinchè si possano trovare soluzioni immediate e dirette per questa insostenibile situazione, intollerabile secondo il diritto internazionale, e affinchè si possa permettere loro di ricostruirsi un'esistenza dignitosa e di eguali rispetto alla comunità.

Lunedì, 9 Aprile, 2007 - 10:13

Dove sono i consiglieri comunali ?

Da tempo sono aperti diversi forum con discussioni importanti che toccano diverse realtà, la democrazia, i consigli di zona, il modo di vivere a Milano, i tanti problemi, ecc.Non ho mai visto - se non in un caso - una qualche risposta e/o intervento di un consigliere comunale sia esso di maggioranza o di opposizione, di centrosinistra o di centrodestra. Come mai?.Forse il dibattito che si svolge non interessa, è poco "coinvolgente" da necessitare che un consigliere comunale sia distolto dal suo alto compito e provi a gettare uno sguardo in basso?. Eppure tanti spunti potrebbero venire dagli interventi, ma soprattutto facendo circolare le idee, proposte, suggerimenti, che si attua anche quella che si chiama democrazia partecipata.Invito i consiglieri comunali a prestare un pò più di attenzione e se possibile dare quelle risposte che i cittadini si aspettono. A.Valdameri

Giovedì, 5 Aprile, 2007 - 01:12

Fidel e il futuro del mondo

RIFLESSIONI DEL PRESIDENTE FIDEL CASTRO
Più di tre miliardi di persone nel mondo condannate ad una morte prematura
Non si tratta di una cifra esagerata ma, semmai, prudente. Ho meditato molto su questo dopo la riunione tra il presidente Bush e i fabbricanti nordamericani d’automobili.
Lunedì 26 marzo la sinistra idea di trasformare gli alimenti in combustibile è stata definitivamente fissata come linea economica della politica estera statunitense.
Il testo di un dispaccio della AP, agenzia di stampa nordamericana che arriva in ogni angolo del mondo, recita:
“WASHINGTON, 26 marzo (AP). Il presidente George W. Bush ha elogiato lunedì i vantaggi delle automobili funzionanti con etanolo e biodiesel, durante una riunione con i fabbricanti di veicoli in cui ha cercato di dare impulso ai suoi piani di combustibili alternativi.
“Bush ha detto che un impegno dei leaders dell’industria automobilistica nazionale per duplicare la produzione di veicoli a combustibile alternativo aiuterebbe a far sì che gli automobilisti abbandonino i motori funzionanti a benzina, riducendo la dipendenza del paese dal petrolio d’importazione.
“’È un grande progresso tecnologico per il paese’, ha detto Bush dopo aver ispezionato tre veicoli a combustibile alternativo. Se la nazione vuole ridurre il consumo di benzina, il consumatore deve avere la possibilità di prendere una decisione razionale.
“Il Presidente ha sollecitato il Congresso ad avanzare rapidamente nell’introduzione di una legislazione proposta recentemente dal Governo per ordinare l’uso di 132 miliardi di litri (35 miliardi di galloni) di combustibile alternativi per il 2017 e per imporre parametri più esigenti di consumo del combustibile nelle automobili.
“Bush si è riunito con il presidente del consiglio e direttore generale della General Motors Corp., Rich Wagoner; con il direttore generale di Ford Motor Co., Alan Mulally e con il direttore generale del gruppo Chrysler di Daimler Chrysler AG, Tom LaSorda.
“I partecipanti all’incontro hanno discusso misure atte a sostenere la produzione di veicoli a combustibile alternativo, dei tentativi per sviluppare l’etanolo a partire da fonti come l’erba e la segatura e una proposta per ridurre del 20% in dieci anni il consumo di benzina.
“Gli incontri si sono svolti in un momento in cui il prezzo della benzina è in aumento. Lo studio più recente dell’organizzazione Lundberg Survey segnala che il prezzo medio nazionale della benzina è aumentato di 6 centesimi per gallone (3,78 litri) nelle ultime due settimane, arrivando a 2,61 dollari”.
Penso che ridurre e riciclare tutti i motori che consumano elettricità e combustibile sia una necessità elementare e urgente di tutta l’umanità. La tragedia non consiste nel ridurre questi costi energetici, ma nell’idea di trasformare gli alimenti in combustibile.
Oggi si sa con precisione che una tonnellata di mais può produrre in media soltanto 413 litri di etanolo, equivalenti a 109 galloni.
Il prezzo medio del mais nei porti degli Stati Uniti è di 167 dollari la tonnellata. Sono pertanto necessari 320 milioni di tonnellate di mais per produrre 35 miliardi di galloni di etanolo.
Il raccolto del mais negli USA nel 2005, secondo i dati della FAO, è arrivato a 280,2 milioni di tonnellate.
Anche se il Presidente parla di produrre combustibile a partire dall’erba o dai trucioli del legno, chiunque capisce che si tratta di frasi assolutamente irrealistiche. Ripeto: 35 miliardi di galloni significano un 35 seguito da nove zeri!
Seguiranno poi dei begli esempi di ciò che conseguono gli sperimentati e ben organizzati agricoltori degli Stati Uniti rispetto alla produttività di ogni uomo ed ogni ettaro: il mais trasformato in etanolo; i residui di questo mais trasformati in mangime per gli animali con il 26% di proteine; gli escrementi del bestiame utilizzati come materia prima per la produzione di gas. Ma questo, dopo ingenti investimenti, è alla portata solamente delle imprese più poderose, dove tutto deve ruotare attorno al consumo d’elettricità e combustibile.
Applicate questa ricetta ai paesi del Terzo Mondo e vedrete quante persone non consumeranno più mais tra le masse affamate del nostro pianeta. O peggio: concedete ai paesi poveri prestiti per finanziare la produzione di etanolo dal mais o da qualsiasi altro tipo di alimento e non rimarrà in piedi nemmeno un albero per difendere l’umanità dal cambiamento climatico.
Altri paesi della parte ricca del mondo hanno programmato di usare non solo mais, ma anche grano, semi di girasole, di colza ed altri alimenti per la produzione di combustibile. Per gli europei, per esempio, sarebbe redditizio importare tutta la soya del mondo allo scopo di ridurre il consumo di combustibile delle loro automobili ed alimentare i loro animali con i residui della detta leguminosa, particolarmente ricca di tutti i tipi di aminoacidi essenziali.
Gli alcool venivano elaborati a Cuba come sottoprodotto dell’industria zuccheriera, dopo aver praticato tre estrazioni di zucchero al succo della canna. Il cambiamento climatico sta già danneggiando la nostra produzione di zucchero. Grandi siccità si alternano con piogge record, che appena permettono di produrre zucchero per cento giorni, con rese adeguate nei mesi del nostro assai moderato inverno e così manca zucchero per ogni tonnellata di canna o manca canna per ogni ettaro, a causa della prolungata siccità nei mesi di semina e coltivazione.
In Venezuela userebbero l’alcool non per l’esportazione, ma per migliorare l’impatto ambientale del loro combustibile. A prescindere dall’eccellente tecnologia brasiliana per produrre alcool, a Cuba l’impiego della detta tecnologia per la produzione diretta di alcool a partire dal succo della canna è soltanto un sogno o una stravaganza di coloro che si fanno illusioni su quest’idea. Nel nostro paese, le terre dedicate alla produzione diretta di alcool possono essere molto più utili nella produzione di alimenti per il popolo e nella protezione dell’ambiente.
Tutti i paesi del mondo, ricchi e poveri, senza eccezione alcuna, potrebbero risparmiare miliardi di dollari in investimenti e combustibile semplicemente sostituendo tutte le lampadine incandescenti con lampadine fluorescenti, cosa che Cuba ha fatto in tutti i focolari domestici del paese. Ciò rappresenterebbe una boccata d’ossigeno per resistere al cambiamento climatico senza provocare la morte per fame delle masse povere del mondo.
Come si può vedere, non uso aggettivi per qualificare il sistema ed i padroni del mondo. Questo lo sanno fare in modo eccellente gli esperti in informazione, scienze socio-economiche e politiche onesti che nel mondo abbondano e che studiano costantemente il presente ed il futuro della nostra specie. Sono sufficienti un computer e le sempre più numerose reti Internet.
Oggi ci troviamo di fronte per la prima volta ad un’economia veramente globalizzata e ad una potenza dominante nel terreno economico, politico e militare, che non assomiglia in niente alla Roma degli imperatori.
Qualcuno si chiederà perchè parlo di fame e sete. Rispondo: non si tratta dell’altra faccia di una moneta, ma di varie facce di un altro oggetto, come può essere un dado a sei facce, o un poliedro con molte più facce.
Mi avvalgo in questo caso di un’agenzia ufficiale di notizie, fondata nel 1945 e generalmente ben informata sui problemi economici e sociali del mondo: la TELAM. Cito testualmente:
“Circa due miliardi di persone, da qui a 18 anni, abiteranno in paesi e regioni dove l’acqua sarà un lontano ricordo. Due terzi della popolazione mondiale potrebbero vivere in luoghi dove questa scarsità potrebbe produrre tensioni sociali ed economiche di una tale portata da provocare guerre per il prezioso ‘oro azzurro’.
“Negli ultimi 100 anni l’uso dell’acqua è aumentato ad un ritmo due volte superiore al tasso di crescita della popolazione.
“Secondo le statistiche del Consiglio Mondiale dell’Acqua (WWC è la sigla in inglese), si stima che nel 2015 il numero di abitanti colpiti da questa grave situazione aumenterà fino a raggiungere i 3 miliardi e 500 milioni di persone.
“L’Organizzazione delle Nazioni Unite ha celebrato il 23 marzo la Giornata Mondiale dell’Acqua, chiamando ad affrontare da quello stesso giorno la scarsità mondiale del prezioso liquido, con il coordinamento dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Agricoltura e l’Alimentazione (FAO), con l’obiettivo di sottolineare la crescente importanza della mancanza d’acqua a livello mondiale e la necessità di una maggior integrazione e cooperazione, che permettano di garantire una gestione efficiente delle risorse idriche.
“Molte regioni del pianeta stanno soffrendo una grave scarsità d’acqua e vivono con meno di 500 metri cubici per persona all’anno. Sono sempre di più le regioni che soffrono della cronica mancanza del vitale elemento.
“Le principali conseguenze della scarsità dell’acqua sono la sua insufficiente quantità per la produzione di alimenti, l’impossibilità dello sviluppo industriale, urbano e turistico ed i problemi di salute”.
Fin qui il dispaccio della TELAM.
Non menzionerò in quest’occasione altri importanti fatti, come i ghiacci che si sciolgono in Groenlandia e nell’Antartide, i danni alla fascia dell’ozono e la crescente quantità di mercurio in molte specie di pesci che vengono consumati abitualmente.
Esisterebbero altri temi da affrontare, ma con queste righe ho voluto soltanto fare un commento sulla riunione del presidente Bush con i principali dirigenti delle compagnie automobilistiche nordamericane.
28 marzo 2007
(Traduzione Granma Int.)
 

Mercoledì, 4 Aprile, 2007 - 16:27

Programma Fà la Cosa Giusta!

Per il 2007, Fa’ la cosa giusta! punta a una qualità sempre più alta di convegni, incontri e seminari. L’idea portante è un programma d’incontri snello, focalizzato sul tema cardine della quarta edizione: l'energia. Attorno a questo tema si è sviluppato un progetto ambizioso, pensato e realizzato insieme al nodo di Milano della Rete Lilliput, il cui motto è: “Non solo una fiera, ma le basi di un percorso che continua”.
Al percorso di progettazione del programma culturale hanno partecipato numerose associazioni e reti di Milano che desideriamo ringraziare per l'impegno e la capacità propositiva. Grazie a loro il programma di incontri e convegni per Fa' la cosa giusta! 2007 avrà una forte coerenza interna, un alto livello di qualità e di approfondimento e un elevato grado di rappresentatività per la città di Milano e la Lombardia, ma sempre con lo sguardo verso una dimensione nazionale e globale.


L'idea forte alla base di questo percorso partecipato è il tentativo di fare sì che il programma convegnistico diventi sempre di più il cuore pulsante della fiera: un vero laboratorio per riuscire a connettere le diverse esperienze e proposte e concorrere alla nascita di nuove relazioni e elaborazioni, che partano da Fa' la cosa giusta! per continuare a svilupparsi successivamente. La fiera come punto di approdo e al contempo di partenza per una nuova e più forte cultura di rete.
In questo senso va inquadrata la nuova struttura del programma convegnistico: diverse tipologie di incontri che risponderanno a tre livelli diversi di consapevolezza e di disponibilità al coinvolgimento del visitatore. Una struttura che trae la sua ispirazione dai principi fondamentali della progressione nonviolenta, principi che l'intero gruppo ha fatto propri, provando ad applicarli a tematiche che solo in apparenza sono distanti.

INFORMAZIONE:  occasioni per accostarsi ad un tema e per stimolare la nascita di nuove conoscenze e consapevolezze
FORMAZIONE: occasioni per approfondire le conoscenze e acquisire competenze maggiori attraverso workshop e seminari.
AZIONE: incontri che coinvolgono le reti già attive e puntano a metterle in relazione con altre reti, politiche economiche e sociali, per organizzare azioni collettive sempre più partecipate.

Per tutti i dettagli sugli incontri Scarica qui il programma completo degli incontri [formato Pdf]

EVENTI COLLEGATI


A FA' LA COSA GIUSTA! SI PARLA DI...

VENERDI 13 APRILE
Programma ufficiale

Sala Acqua
ore 18:00/21:00
CONVEGNO DI APERTURA: La sfida dei limiti: risorse, inquinamento, alternative possibili.
A cura di Altreconomia e del tavolo per la sezione speciale Energ-eticamente!
Intervengono: Vincenzo Balzani (Università di Bologna); Gianni Silvestrini, (Politecnico di Milano, direttore Kyoto Club e della rivista Qualenergia); Lorenzo Pagliano (Politecnico di Milano) ; Luigi De Paoli (Università Bocconi, Direttore Master MEMA); Fabrizio Fabbri (capo segreteria tecnica del ministro dell’Ambiente); On. Pierluigi Bersani (Ministro dello Sviluppo Economico – invitato). Modera Sylvie Coyaud (Il Sole 24 ore, La Repubblica)
ore 15:00/17:30
La creazione e lo sviluppo di Reti di Economia Solidale
A cura di RES, nuovi stili di vita
Incontri autogestiti
Sala Terra
ore 15:00/19:00
Il Codice del Consumo, aspettative e problematiche.
Promosso da Provincia di Milano – Direzione di progetto Diritti, Tutele e Cittadinanze sociali in collaborazione con le associazioni dei consumatori
ore 19:00 / 23:00
Happy Hour socialmente responsabile.
A cura di ARCi e Campagna Meno Beneficenza Più Diritti
Sala Aria
ore 16:30/17:30
Incontro a cura della Provincia di Ascoli Piceno
ore 18/19:30
Incontro a cura di GAMEDIT
Caffè letterario
ore 16:00/17:00
Presentazione degli atti del convegno: “Spaziare, voce del verbo farsi spazio".
A cura dell'Assessorato alle Politiche Giovanili della Provincia di Milano
ore 17:00/18:00
Presentazione degli atti del convegno "La responsabilità sociale delle imprese. Equità e sostenibilità globale"
A cura dell'Assessorato alla Cooperazione Internazionale della Provincia di Milano
SABATO 14 APRILE
Programma ufficiale
Sala Acqua
ore 10:00/13:00
Gestione dei rifiuti urbani e industriali. Prevenzione, recupero dei materiali, trattamento, produzione di energia dalla combustione.
A cura di Medicina Democratica e Rete Rifiuti Zero
ore 15:00/18:00
Economia e società nell'era climatica.
A cura di Ecoistituto Terremutanti
Sala Terra
ore 10:00/13:00
Le Reti di Economia Solidale e le Pubbliche amministrazioni Locali
A cura di RES, nuovi stili di vita
ore 15:00/17:00
Energia e gestione del potere: le fonti di energia alternative al petrolio.
A cura di Casa Pace e Basta Guerra
ore 17:00/19:30
Energie rinnovabili e tecnologie appropriate per il sud del mondo.
A cura di Ass.ne Salvambiente
Sala Fuoco
14:30/15:30 (1°parte); 17:00/17:30 (2° parte)
Workshop: Il G.A.S., gruppo d'acquisto solidale.
A cura di Intergas
ore 18:00/19:00
Workshop: La liberalizzazione del mercato dell'energia.
ore 20:00/22:00
Il clima cambia...e tu cosa aspetti? Incontro d'azione delle reti italiane per il lancio della Campagna Mondiale sul Clima.
A cura di Ecoistituto Terremutanti e Global Climate Campaign
Incontri autogestiti
Sala Fuoco
ore 15:30/16:30
Red Century: ditelo con un fiore giusto
A cura di Cgil, Cisl e Uil di Imperia con Movimento Fiori e Diritti Liguria
Sala Aria
ore 14:00/17:00
Il fondo di cooperazione provinciale, un'esperienza innovativa per una nuova cooperazione comunitaria
A cura dell'Assessorato alla Partecipazione e cooperazione internazionale della Provincia di Milano.
ore 17:30/18:30
Significati e strumenti dell'educazione alla mondialità e al consumo a scuola.
A cura di CTM Altromercato e Chico Mendes
Caffè letterario
ore 11:00 / 13:00
Presentazione del libro “Vivi con stile”, vademecum pratico per il vivere quotidiano.
ore 15:30/16:30
Presentazione di “Pedalabile Beat”, romanzo di formazione sentimentale e ciclistica
DOMENICA 15 APRILE
Programma ufficiale
Sala Acqua
ore 10:00/13:30
Teatro Forum: Il valore della decrescita e la critica al consumo
A cura del Gruppo per il Programma culturale, in collaborazione con Ass.ne Giolli.
ore 15:30/17:30
Acqua e Energia: un contratto per i Beni Comuni
Sala Terra
ore 10:00/12:00
Energia, Acqua, Trasporti.
A cura di ATTAC Milano
ore 12:30/13:30
Workshop: Acqua buona, controllata, comoda, poco costosa
A cura del Comitato Milanese per l'Acqua
Sala Fuoco
ore 10:00/11:30
Seminario: I G.A.S e il risparmio energetico.
A cura di Intergas
ore 11:30/13:00
Fonti energetiche e sostenibilità in agricoltura. Opportunità e problemi aperti
A cura di AIAB Lombardia
ore 14:00/15:30
Quelli che la partecipazione: la "redazione aperta" di Terre di mezzo
ore 16:00/17:00
Incontro con Luca Mercalli, Presidente società meteorologica italiana Onlus.
Incontri autogestiti
Sala Terra
ore 14:00/18:00
La Responsabilità Sociale delle Organizzazioni.
Promosso da: Provincia di Milano – Direzione di progetto Diritti, Tutele e Cittadinanze sociali in collaborazione con le associazioni dei consumatori
Sala Aria
ore 10:00/11:00
Sviluppo sostenibile e solidarietà. L'impegno quotidiano di COOP Lombardia per sviluppare qualità, equità e rispetto dell'ambiente.
A cura di COOP Lombardia
ore 11:30/13:00
Incontriamoci in Salute! Esperienze mutualistiche e assicurative a favore degli operatori della cooperazione sociale per una sanità più sostenibile.
A cura di Consorzio Sociale Caes Italia e Cesare Pozzo
ore 15:00/16:30
TFR e Risparmio consapevole.
A cura di CGIL Lombardia
ore 16:30/17:30
Vestire giusto è possibile: l'esperienza della nuova filiera tessile Altromercato.
A cura di CTM Altromercato
Caffè letterario
ore 11:15/13:00
Presentazione del libro “11 settembre. I miti da smontare” (Ed. Altreconomia)
VENERDÌ, SABATO e DOMENICA
Spazio esterno
Il parcheggio delle biciclette, la ciclofficina e i laboratori.
Uno spazio aperto e attrezzato per poter sistemare e riparare le proprie biciclette, aiutati dai volontari ed esperti ciclisti delle associazioni. All'interno dello spazio saranno proposte iniziative e presentati progetti per la mobilità sostenibile e la promozione dell'uso della bicicletta.
A cura di +bc e Ciclobby
...
222 223 224 225 226 227 228 229 230
...
RSS feed