user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND buc.catid = bc.catid
									ORDER BY buc.weight' at line 3
query: SELECT bc.*, buc.weight
									FROM blog_categories bc, blog_user_category buc
									WHERE buc.uid = 172, AND buc.catid = bc.catid
									ORDER BY buc.weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND type = 'candidati'
									ORDER BY weight' at line 3
query: SELECT *
									FROM blog_blocks
									WHERE uid = 172, AND type = 'candidati'
									ORDER BY weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND type = 'links'
									ORDER BY weight' at line 3
query: SELECT *
									FROM blog_blocks
									WHERE uid = 172, AND type = 'links'
									ORDER BY weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near '' at line 3
query: 	SELECT 	cp.nid AS pagina
												FROM 	users u LEFT JOIN candidati_pagine cp ON u.uid = cp.uid 
												WHERE	u.uid = 172, in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND type = 'blog'' at line 1
query: SELECT nid FROM node WHERE uid = 172, AND type = 'blog' in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
Il Blog di Alessandro Rizzo | www.partecipaMi.it
warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /mnt/data/sites/partecipami/includes/common.inc:386) in /mnt/data/sites/partecipami/themes/com06/globals/cookies.php on line 34.

.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 77 ospiti collegati

.: Eventi

« Agosto 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

.: Ultimi 5 commenti


Nessun commento...

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Mercoledì, 23 Maggio, 2007 - 16:21

Una rete per telefonare gratis

A giugno gara per le concessioni nazionali. La candidata assicura: "Tursi pronto a competere"

Una rete per telefonare gratis

Donatella Alfonso
Marta Vincenzi lancia Wimax, alta velocità e risparmi
L´operazione sarebbe possibile utilizzando la tecnologia già esistente in fibra ottica
Un numero ridotto di piccole antenne permetterà la copertura dell´intera città

http://espresso.repubblica.it

Una «superba» (e gratuita) rete metropolitana wireless ad alta velocità per Genova, utilizzando la tecnologia Wimax perché cittadini, visitatori e turisti possano collegarsi, da qualsiasi punto del territorio cittadino, alla rete informativa utilizzando dispositivi diversi, dai computer portatili ai palmari, ai nuovi cellulari.
L´idea di Marta Vincenzi, candidata sindaco dell´Unione, è semplice: utilizzare la tecnologia già esistente (il cablaggio in fibra ottica eseguito negli anni novanta e non utilizzato appieno) da rilanciare e completare con l´ausilio della tecnologia Wimax: un numero ridotto di antenne collegato alla rete già presente doterebbe Genova di un «ombrello» di copertura radio che consenta a tutti di collegarsi da qualsiasi punto del territorio, lungo il mare e sulle colline.
Ma non solo le imprese o la ricerca: tutti potranno avere la possibilità di accedere ai servizi, con un dialogo diretto tra Comune e cittadini, la diffusione di informazioni e notizie, la prenotazione di servizi, la gestione delle emergenze e della sicurezza. E senza pagare, il che non è certo sgradito ai genovesi. Un discorso che potrebbe valere anche per il telefono: almeno per chi utilizza la tecnologia Voip, a cui Wimax permette l´accesso.
In Italia gli esperimenti di città cablata sono già avviati da tempo, ma il progetto di «Genova Futura - La Città Digitale», oggetto di un convegno ieri a Palazzo Ducale si propone come quello tecnologicamente più avanzato e capace di dotare la città di una sorta di «prateria informatica» in cui tutti gli utenti, genovesi e non, possano pascolare i loro cavalli, cioè far accedere i loro strumenti informatici, mentre l´amministrazione comunale fa da regista. Con libero accesso, è chiaro, anche alle imprese di ogni dimensione, il che permetterebbe anche la copertura dei costi, oltre ad attirare lavoratori e imprese allettati dall´essere costantemente online.
Piace l´idea a Carlo Castellano, presidente del Dixet; e piace al mondo della politica, come spiega Andrea Ranieri, senatore ulivista, che chiude i lavori. perché per il progetto genovese c´è interesse da parte del governo, che entro il mese di giugno metterà a gara in concessione nazionale le frequenze Wimax, così com´è stato fatto per Umts. Tra Marta Vincenzi e Luigi Nicolais, ministro per le riforme e l´innovazione nella pubblica amministrazione - che ieri non ha potuto partecipare ai lavori, dove era atteso - infatti, ci sono già stati colloqui, e la possibilità per Genova di accedere alla gara è più che buona. «Il governo prevede di aprire opportunità a quei comuni e alle città che hanno già progetti avanzati di intervento: Genova è in prima fila. Attualmente a Roma sono cablate solo zone molto precise, come Villa Borghese, l´area di villa Ada o quella universitaria; Genova potrebbe invece essere connessa su tutto il territorio comunale, garantendo accessi liberi a tutti. Una maniera visibile a tutti i cittadini per utilizzare concretamente le nuove tecnologie» dice Ranieri.

Mercoledì, 23 Maggio, 2007 - 16:09

Lettera aperta per una sinistra rinnovata

Una lettera aperta. Alla sinistra milanese. Forse sarà una ulteriore lettera appello alle forze della sinistra milanese, in un contesto difficile, fortemente difficile, quale quello nostrano, presente nel tessuto sociale e culturale di una città che ha vissuto in prima face la stagione di Mani Pulite, l'ondata di ripulitura e rigenerazione morale ed etica nella cosa pubblica, sfociata anche in toni populistici e propagandistici di vario genere. Milano è pronta a cambiare pagina? Non saprei se rispondere affermativamente o negativamente. Ma la questione che più mi preoccupa è individuare se la sinistra milanese riesce a proporsi come alternativa di governo, di modello di amministrazione, di programma e progetto culturale. La sinistra milanese storicamente ha vissuto l'era dell'ondata operaistica, delle propulsioni mutualistiche, delle prime eseprienze delle leghe delle lavoratrici e dei lavoratori, del sindacalismo in tutte le sue sfaccettature, della progettualità sociale e della promozione della giustizia e dell'eguaglianza. Oggi siamo a una crisi di quei modelli novecenteschi: cambiate forse sono le contingenze storiche, cambiati sono i presupposti politici, il quadro generale culturale e civico. Ma la sinistra vive un momento di forte crisi e smarrimento, di mancanza di riferimenti politici e ideal-valoriali. Costruiamo una nuova piattaforma programmatica? Su quali basi e con chi? Non è il momento di parlare di contenitori, ma di contenuti. E' vero. Ma quali contenuti, e partendo da quali principi e criteri. Io credo che sia giunto il momento di costruire una nuova soggettività della sinistra milanese. Cos'è la sinistra? E' tutto ciò che si oppone alla deriva demagogica e affaristico illiberale e liberista che intesse gran parte dei poteri forti prevaricanti sulla politica in questa città. La politica autonoma dall'economia. La politica che sappia riportare la partecipazione al momento decisionale per antonomasia. La politica deve ritornare a essere servizio della cittadinanza per la cittadinanza. Non è nostalgia di un periodo fiorento dell'ellenismo democratico, ma è una necessità. Uno studio della Caritas predispone che l'assenza di politica nelle scelte universalmente condivise per la programmazione del territorio delle periferie estreme delle città metropolitane italiane ha determinato la presenza di sacche di emrginazione, che si esprimono in un rifiuto del senso della cosa pubblica, del rispetto dell'ambiente, del rispetto dell'altro, quando l'ipotesi è una delle migliori, fino ad arrivare in forme di disagio e di alto grado di ribellismo, che sfocia in compotamenti illegali e di contrasto rispetto a qualsiasi forma di ordine e di convivenza civica. Penso che a questo disagio non si risponda con maggiore ordine pubblico ma con una forma di promozione di ampi canali di partecipazione e collaborazione attiva, tramite consulte, bilanci partecipati, assemblee pubbliche, servizi di informazione e di comunicazione, referendum popolari, e-partecipation.
La sinistra deve guardare a questo, pena il ritorno alla barbarie, pena forme di populismo demagogico, pena la rottura del tessuto unitario sociale e civile della cultura storica del nostro Paese, dell'Europa, pena rigurgiti bestiali e forme di violenta contrapposizione.
Io penso che sia giunto il momento, è scoccata l'ora di vedere di poter ragionare insieme per una piattaforma per l'alternativa, una programmazione di un progetto altro di governo e di rivoluzione culturale civile e politica. Ma questo si può fare preparandoci anzitempo a creare le condizioni per costruire nel prossimo futuro un'epinay della sinistra milanese, come laboratorio nazionale da esportare in altri contesti. Una sinistra unitaria possibile adesso è più giusta e necessaria. Non è una forzatura, ma un'esigenza che lo stesso elettorato, l'altra Milano sana, la Milano della società civile impegnata e organizzata, la Milano dei comitati di quartiere che forumlano ipotesi di resistenza alla svendita di patrimonii indefferibili della città, la Milano del giovane precario, che attende certezze per il proprio futuro e per la propria vita, diventando soggetto autonomo e autodeterminato, la Milano delle nuove forme di partecipazione, la Milano dell'altra mobilità, dei ciclisti, la Milano dell'immigrazione, che chiede condivisione nella determinazione delle regole di vita, la Milano dell'associazionismo, dei Movimenti, quelli che si oppongono alla privatizzazione dell'acqua, quelli che si oppongono alla privatizzazione dell'energia pubblica, quelli che si oppongono alle varie città della moda, quelli che si oppongono ai grattacieli soffocanti la città e oscuranti il cielo e le stelle, la Milano delle donne che combattono per un'emancipazione ancora lontana, la Milano degli omosessuali che rivendicano giustamente una pari opportunità e un'eguaglianza nei diritti, contro ogni forma di discriminazione, contro ogni forma di illiberale spinta confessionale che presuppone scenari oscuransitici. Ma cosa fare ora? Occorre quanto mai accelerare questo processo che dia caratterizzazione unitaria e fortemente incisiva nell'equilibrio programmatico di una coalizione pronta a governare la città per una sua rinascita, etica, civica, morale, culturale, sociale, non solo economica, non solo imprenditoriale, come fino a oggi è stato fatto, disegnando una metropoli dell'esclusione, dell'affarismo, dell'individualismo, della competizione, delle diseguaglianze, della divsione sociale, della povertà generalizzata, delle sacche di ricchezza sempre più ristrette e sempre più impermeabili.
La sinistra inizi a pensare alla città e a sè stessa, alla sua rinnovazione culturale e politica. Anche tramite l'azione amministrativa. E' nato un nuovo movimento, la Sinistra Democratica, che si sta affacciando all'arcipelago della sinistra nostrana, anche a Milano. Ma esiste Sinistra Europea, esistono le forze ecologiste, esistono i movimenti, esistono i collettivi, esistono le realtà civiche, la Lista che rappresento, esiste la cittadinanza critica: sono tutte esperienze e percorsi che chiedono un'unica soggettività a cui fare riferimento per un nuovo rapporto di rappresentatività. Una reductio ad unum, che non vuole dire azzerare percorsi culturali che sono plus valori aggiuntivi se rimangono autonomi ma unitariamente sodali a costruire una proposta che si erga sui valori e sugli ideali progressisti e sociali, anche storici, ma che sappia rinnovarsi e sappia riproporsi sulla base delle trasformazioni e dei cambiamenti, sono molti, che la contemporaneità presenta.
E' ora della reductio ad unum che non deve significare omologazione, annessione: queste sono paure inesistenti oggi come oggi, quando l'allarme che scatta proviene dall'elettorato dell'altra Milano che vive, che sopravvive, nonostante spesso si sentisse e si sia sentita orfana di una casa comune di riferimento progettuale e programmatico.
Ora è il tempo di superare le paure, le vecchie ansie, le vecchie perplessità, le vecchie e ancronistiche resistenze ideologiche e conseguenze di un autoreferenzialismo fine a sè stesso.
E' il tempo dell'azione, del lavoro per una CONVENZIONE UNITARIA E PERMANENTE aperta ai MOVIMENTI, ALLE ASSOCIAZIONI, non sommatoria semplificata e semplificante, escludente ed esclusive di apparati precostituiti, per un PROGRAMMA DELL'ALTERNATIVA PER MILANO.
Un cambiamento è possibile: oggi si esca dalle segrete stanze, dai propri gruppi consiliari, dalle proprie referenze organizzative prestabilite, per CONTAMINARSI PER UN PROGETTO DI UNA MILANO POSSIBILE, ALTRA, ESPONSABILE, SOCIALMENTE SOLIDALE, DELLA GIUSTIZIA SOCIALE, DELL'EGUAGLIANZA, COSMOPOLITA, DELLE INCLUSIONI, DELLE DIVERSITA', E DELLA LAICITA', DELL'ANTIFASCISMO, DEL RISPETTO E DELLA TUTELA DELL'AMBIENTE E DELL'INNOVAZIONE TECNOLOGICA COME OPPORTUNITA' DI ACCESSO AI SAPERI, DELL'AGGREGAZIONE E DEGLI SPAZI AUTOGESTITI DALLE ASSOCIAZIONI E DALLE REALTA' CHE APPORTANO PROPOSTE CULTURALI DI DIMENSIONE UNIVERSALE E INDIPENDENTE, DELL'ARTE COME FORMA LIBERA DI ESPRESSIONE DELLA PERSONALITA' E DELLA PROPRIA IDENTITA'.
Partiamo: io sono pronto, nel mio piccolo, ma che come goccia potrà cavare la roccia, per scavare e per scalfire resistenze inutili e dannose. Lasciamo da parte rancori e affezioni autoreferenziali: partiamo insieme per un progetto di Sinistra per una Milano che vuole rinascere e che vuole ripartire a essere città a dimensione d'uomo, a dimensione di comunità, a dimensione di collettività.

Ricominciamo, iniziamo: il percorso è aperto. Perdere il filo di Arianna ci catapulterà nella più assoluta sconfitta e tragico smarrimento ideale e politico.
Vi sembra opportuno?

Alessandro Rizzo
Presidente del Gruppo Lista Uniti con Dario Fo per Milano
Consiglio di Zona 4 Milano

Martedì, 22 Maggio, 2007 - 11:21

MOBILITAZIONE NAZIONALE IL 9 GIUGNO A ROMA

RICHIESTA DI ADESIONE A UNA MOBILITAZIONE NAZIONALE IL 9 GIUGNO A ROMA ORE 15.00 
LE ADESIONI ALL’APPELLO VANNO INVIATE A
: nobush2007@tiscali.it

Il G8 di Rostock in Germania sarà appena finito. Ancora una volta i potenti si incontrano in una sede illegittima per decidere le sorti del mondo circondati dalla protesta di cittadini e popoli che in tutto il pianeta chiedono diritti, democrazia, giustizia globale e pace. Negli anni della sua Presidenza, Bush ha fatto enormi disastri che il mondo intero sta pagando a caro prezzo.

Ha fatto guerra alla pace e al diritto internazionale inventando la teoria della guerra preventiva e permanente,occupando militarmente l’Afghanistan e l’Iraq, seminando morte e distruzione fra le popolazioni civili, fomentando crisi regionali, praticando embarghi aumentando il riarmo e le spese militari. Basta con le guerre. Via gli occupanti.Ha fatto guerra alla convivenza pacifica ponendosi a capo della crociata occidentale contro il mondo islamico, facendo un regalo immenso agli integralisti di ogni risma e ponendo il mondo a rischio dello scontro di civiltà con una politica di riarmo e di militarizzazione, anche dello spazio.Disarmo e incontro di civiltà per uscire da questo disastro.
No alla base di Vicenza, alle basi Usa, alle armi nucleari, no agli F35
Ha fatto guerra alla pace in Medio Oriente con il via libera alla politica unilaterale di Israele calpestando il diritto internazionale che condanna il Muro e l’occupazione che dura da 40 anni Basta occupazione e muro; diritti e Stato indipendente per i palestinesi. Due stati per due popoli. Ha fatto guerra alla democrazia riducendo in nome della lotta al terrorismo i diritti individuali e collettivi, legittimando la detenzione illegale, i rapimenti, l’uso della tortura e continuando a usare la pena di morte Basta crimini contro l’umanità. Ha fatto guerra alla giustizia continuando a imporre al mondo il liberismo economico aumentando le disuguaglianze impoverendo miliardi di persone nei paesi del nord e del sud arricchendo le multinazionali e i poteri forti.Basta con lo strapotere economico e della finanza internazionale; rapporti paritari nord-sud Ha fatto guerra alla libertà con il suo fanatismo religioso cercando di colpire i diritti delle donne, i diversi orientamenti sessuali la ricerca scientifica e la verità della storia. Libertà di scegliere la propria vita; libertà di ricerca! Ha fatto guerra all’uguaglianza facendo di ogni migrante un pericolo per la sicurezza consolidando il muro della morte che separa Stati Uniti e Messico rifiutando di firmare la Convenzione Onu sulla diversità culturale che tutela il patrimonio e le espressioni culturali dei popoli del mondo. Tutti i diritti umani per tutti e tutte Ha fatto guerra al mondo intero rifiutandosi di firmare il protocollo di Kioto aggravando la catastrofe ambientale e il cambiamento di clima che mette a rischio il futuro di tutti Proteggiamo l’unica terra che abbiamo!

BUSH, ORA BASTA.IL MONDO NE HA ABBASTANZA Siamo con gli statunitensi che contestano ogni giorno le politiche liberiste e neo-con Siamo con tutti coloro che costruiscono una alternativa per un mondo diverso, per vivere in pace

Martedì, 22 Maggio, 2007 - 11:01

Firma per l'acqua come bene comune

Dove trovare i comitati territoriali

Per informazioni:
Sara Giorlando
Tel. 328/9192148
saragiorlando@gmail.com
Per iscriverti alla mailing-list della Campagna Acqua in Abruzzo clicca qui
https://lists.riseup.net/www/subrequest/acquapubblicaabruzzo, ti arriverà immediatamente un messaggio di conferma con mittente "sympa", dovrai fare semplicemente "rispondi" a questo messaggio, ti arriverà immediatamente un messaggio di benvenuto.
Per inviare messaggi agli altri iscritti le e-mail devono essere spedite a:
acquapubblicaabruzzo@lists.riseup.net
Per cancellarsi: manda una e-mail vuota a:
acquapubblicaabruzzo-unsubscribe@list.riseup.net
Coordinamenti locali
Zona Avezzano:
Marco Riccardi
marcoriccardi77@hotmail.com
Tel. 340 8269102
Zona Chieti:
Veronica Di Crescenzo
liberacquachieti@libero.it
Tel. 340 2255975
Zona Guardiagrele:
Gianna Di Crescenzo
giannadc@inwind.it
Tel. 347 6414304
Zona L’Aquila:
Stefano Frezza
steval90@virgilio.it
Tel. 335 1337245
Zona Lanciano (CH):
Cristiana Parente
cristianaparente@interfree.it
Tel. 328 3381883
Zona Pescara:
Christian Cicala
cical@quipo.it
Tel. 329 0664524
Zona Sulmona - Peligna:
Riccardo Verrocchi
riccardoverrocchi@yahoo.it
Tel. 347 1809769
Zona Teramo:
c/o WWf Sezione di Teramo
0861 411147
Zona Vasto:
Luigi D’Ettore
torrebruna1@interfree.it
Tel. 334 3150623
Massimiliano Selvaggi
lucania@allelammie.org
Tel. 334 1651764
Tel. 0835 581135
Francesco Svelo
csoacartella@ecn.org
h2o@inventati.org
Tel. 348 5931873
Ato 1 (Avellino e Benevento):
Marco Cillo
presidente@lafionda.org
Tel. 348 5577459
Ato 2 (Napoli e parte della provincia - Caserta)
Fabio Ruggiero
sanpietrino@riseup.net
Tel. 333 3346371
Salvatore Carnevale
citizenry@libero.it
Tel. 338 1722826
Mena Moretta
memoreta@tin.it
Tel. 338 1191429
Ato 3 (zona Sarnese-Vesuviana)
Luigi Conventi
comitatodirittoacqua@libero.it
Tel. 329 2012569
Enzo Ruggiero
enzo.ruggiero@virgilio.it
Tel. 335 6339236
Ato 4 (Salerno e provincia)
Carmelo Cecere
c.cecere3@tin.it
Tel . 338 6350491
Bologna:
Michele Vannini
Michele_Vannini@er.cgil.it
Tel. 335 8393535
Ferrara:
Davide Scaglianti
davide.scagliani@alice.it
Tel. 0532 52000
Imola:
Catia Suzzi
adaras@alice.it
Tel. 0542/683457
Modena:
Antonio Tomeo
Tel. 328 3223487
acquacomunemodena@gmail.com
Ravenna:
Gabriele Abrotini
gabro2002@libero.it
Tel. 320 9205619
Reggio Emilia:
Tommaso Dotti
ringodot87@hotmail.com
Tel. 348 4932443
Rimini:
Claudia Martorana
m.cem@libero.it
Tel .348 0325896
Per informazioni sulla campagna per quanto riguarda il Lazio potete contattare:
Cristina Mataloni
crist.mata@gmail.com
Tel. 338 4082955
ATO1 (Viterbo):
Francesco Lombardi
francescolombardi20@virgilio.it
Arci Comitato provinciale Viterbo,
via Garibaldi 34,
0761329478
internazionali.vt@arci.it
ATO2 (Roma):
Paolo Carsetti
paolocarsetti@gmail.com
Tel. 333 6876990
Zona Castelli romani: Albano Laziale, Ariccia, Castelgangolfo, Colonna, Frascati, Genzano, Grottaferrata, Lanuvio, Marino, Montecompatri, Monte Porzio Catone, Nemi, Rocca di Papa, Rocca Priora, Velletri
Flaviano Marcucci
flaviano74@yahoo.it
Tel. 339 5062497
Zona Bracciano Civitavecchia:
Nadia Gonella
nadiagonella@tiscalinet.it
Tel. 06 9995227
Civitavecchia:
Diego Nunzi
diegosx@hotmail.it
Tel. 3488089282
ATO3 (Rieti):
Pablo de Paola
pablo.depaola@libero.it
Tel. 347 4807602
Sabina romana:
Sandro Giannetti
sandrogiannetti@gmail.com
Tel. 338 5695253
ATO4 (Latina):
Latina:
Leo Timpone
lestel@libero.it
Tel. 320 7641741
Tel. 0773 408029 (Ufficio)
Sud pontino:
Gennaro Varriale
gennarovarriale71@tiscali.it
Tel. 333 3539362
Nord pontino:
Fabrizio Consalvi
fconsalvi@gmail.com
Tel. 339 4968454
Sede presso l’Arci in Frosinone
via Pierluigi da Palestrina, 16
tel. 0775 201765
qui saranno depositati i materiali della campagna.
Severo Lutrario
severo.lutrario@libero.it
Tel. 338 2164837
Roberto Melone
role5400@libero.it
Tel. 348 2228314
Genova:
Rizzo Donatella
Tel. 335 7760999
donatella.rizzo@liguria.cgil.it
Imperia:
Pasquale Indulgenza
Tel. 3281089097
pasquale.indulgenza@alice.it
Tigullio:
Franco Pezzolo
donchisciotte1968@libero.it
Tel. 349 8018102
Chiara De Poli
anlupo@alice.it
Tel 0185313257
La Spezia:
Piera Cargiolli
cobasscuolalaspezia@interfree.it
Tel. 329 7034260
Savona:
Roberto Melone
role5400@libero.it
Tel. 348 2228314
Roberto Fumagalli
roberto@circoloambiente.org
Tel. 338 8294970
Alberto Villa
alberto.villa@cgil.lombardia.it
Tel 335 6286206
Tiziano Ubbiali
tiziano.ubbiali@gmail.com
Tel. 348 3926685
Elenco dei responsabili di ogni comitato provinciale della lombardia
Bergamo:
Carlo Peroli
attacbergamo@bergamoblog.it
Tel. 348 2645549
Brescia:
Fabrizio Valli
point.fabrizio@virgilio.it
Tel. 338 9051715
Como:
Robereto Fumagalli
roberto@circoloambiente.org
Tel. 338 8294970
Cremona:
Giampiero Carotti
giacarot@tin.it
Tel. 0374 341362
Francesca Berardi
francesca_berardi@hotmail.com
Tel. 338 7491876
Giacomo Bazzani
ciranored@fastpiu.it
Tel. 338 3748171
Lecco:
Sandro Magni
megalite@libero.it
Tel. 0341 1840073
Lodi:
Ercole Ongaro
anna.ercole@lilliput.org
Tel. 0371 50965
Mantova:
Matteo Gaddi
gadman@tin.it
Tel 333 9159365
Milano provincia:
Roberto Rosso
red49it@gmail.com
Tel. 335 8032442
Milano città:
Sandra Cangemi
cangemi@mondadori.it
Milano Nord-Est:
Loris Caruso
loris.caruso@tiscali.it
Tel. 333 6497734
Milano Sud Ovest:
Maurizio Graffeo
ggmvg@tiscali.it
Tel. 338 2173844
Antonella Vitale
antonellavitale68@yahoo.it
Tel. 339 5469374
Milano Est:
Paola Cannata
pgcannata@virgilio.it
Tel. 349 4100463
Milano Brianza (Monza):
Laura Di Martino
atthis@libero.it
Tel. 333 9898506
Pavia:
Sergio Gregori
imusi@libero.it
Tel. 338 2329974
Sondrio:
Adriano Licini
Tel. 3385944701
licini@mountainwilderness.it
Varese:
Antonello Carai
Tel. 3491306976
antonellocarai@alice.it
Macerata:
Evasio Ciocci
macerata.welfare@marche.cgil.it
Tel. 348 3701690
Pesaro e Urbino:
Luca Orciani
luca.orciani@libero.it
Tel. 0721 782985
Antonella Cenerelli
lilliputpesaro@yahoo.it
Tel. 329 7578793
Paolo Tamburini
tamburini.paolo@tin.it
Tel. 329 1664207
Ancona:
Sergio Sinigaglia
siniser@libero.it
Tel. 339 6523532 oppure 0712070955
Ascoli Piceno:
Enzo Impiccini
enzo.impiccini@ahlstrom.com
Tel. 340 2586056
Antonio De Lellis
adelellis@clio.it
Tel. 328 9853591
oppure
Domenico Di Cenzo
sud42@interfree.it
Tel. 329 4217352
Asti:
Alessandro Mortarino
amortarino@qualitaly.com
Tel. 0141 870191
Tel. 333 7053420
Cuneo:
Oreste Delfino
delforeste@libero.it
Tel. 348 7984103
comitato provinciale di Torino
Segreteria organizzativa:
c/o Istituto Scholé Futuro
via Bligny 15, 10122 Torino
Tel. e fax 011 4366522
numero verde 800442994
Per informazioni su tutte le iniziative visita il blog:
http://acquapubblicatorino.splinder.com/
Comitato promotore torinese:
acquapubblicatorino@gmail.com
Ufficio stampa:
Dario Amateis
darioamateis@interfree.it;
Tel. 335 7873732;
Luca Martinelli
gabbianodelbosco@gmail.com
Tel. 349 8686815;
Davide Pelanda
davichiara@tiscali.it
Tel. 340 6995010
Verbania:
Simone Travaglini
simonetravaglini@tiscali.it
Tel. 328 5499846
Vercelli:
Incorvaia Filippo
filippogeom.incorvaia.fi@tin.it
Tel. e fax 0161 213137
Camellini Grazia
Tel. 0161 224103 - 335 7197378
Lamanna Cinzia
legambientevc@inwind.it
Tel. 339 1633506
oppure
Margherita Ciervo
margrita@libero.it
Tel. 339 6894675
Bari:
Margherita Ciervo
margrita@libero.it
Tel. 339 6894675
Foggia:
Peppe Di Brisco
peppedibrisco@libero.it
Tel. 338 7725229
Lecce:
Teresa Fiocco
dottoressafiocco@libero.it
Tel. 338 4685004
Brindisi:
Maria Antonietta Pigatore
huipalas@libero.it
Tel. 347 9349967
Taranto:
Anna Rochira
annettar@libero.it
Tel. 0994526148
Bat:
Michele Rizzi
rizzimichele@hotmail.com
Tel. 328 1787809
Cagliari:
Massimiliano Carboni
maxvax@maxvax.net
Maria Gaviano
gavianomaria@tiscali.it
Tel. 3280455457
Nuoro:
Flavia Flamini
flaviaflamini@tiscali.it
Tel. 078437792
Oristano:
Pietro Porcedda
lapergamena@tiscali.it
Tel. 078357149
Sassari:
Canu Antonio
kanuilrosso@inwind.it
Tel. 335 412295
Antonella Leto
fp.sicilia@mail.cgil.it
Tel. 333 6599512
Regina Bertolini
regina.bertolini@cgil.tn.it
Tel. 329 7205309
Bolzano:
Simonetta Stringari
circesimo@tin.it
centropacebz@virgilio.it
Tel. 339 4198542
Andrea Passerini
passerini@dsi.unifi.it
Tel. 347 3434206
Arezzo:
Stefano Mencucci
stefanomencucci@inwind.it
Tel. 328 6128535
Firenze:
Andrea Passerini
passerini@dsi.unifi.it
Tel. 347 3434206
Grosseto:
Enrico Calossi
e.calossi@overture.it
Tel. 338 9288998
Livorno:
Francesco Lovascio
sincobas.livorno@email.it
Tel. 335 5888636
Lucca:
Alessio Ciacci
ciacci@lillinet.org
Tel. 347 4066559
Massa Carrara:
Luana Bertocchi
b_luana@yahoo.it
Tel. 329 7259472
Pisa:
Pietro Pertici
tavolapace_pevera@hotmail.com
Tel. 058 7215430
Prato:
Arci comitato provinciale Prato
diritti@arciprato.it
Tel. 0574 546130 / 333 2080047
Pistoia:
Giuliano Ciampolini
gciampolini@katamail.com
Tel. 0574 710453
Siena:
Roberto Renai
roberto.renai@cheapnet.it
Tel. 349 8497867
Elisabetta de Persio
elisabetta63@libero.it
Tel. 333 7826433
oppure
Alexandre Glarey
aosta@arci.it
Tel. 320 4352548
Coordinamenti locali
Padova:
La segreteria organizzativa è:
Chiara Pasquato
Tel. 349 4237568
Laura Lucadello
Tel. 346 6778776
Lucia Restello
Tel. 049 604929
La portavoce del coordinamento è:
Laura Bettini
acquabenecomune.pd@libero.it
Tel. 049 706475
Tel. 348 2921490
Venezia:
Angela Granzotto
angela_granzotto@hotmail.com
Tel. 328 5817621
Verona
Aldo Balestreri
attacvr@libero.it
Tel. 335 8296917
Belluno:
Valter Bonan
valterbonan@libero.it
Tel. 0439 300554
Tel. 320 4871117
Rovigo:
Luciano Marangoni
lipurovigo@libero.it
Tel. 338 8128643
Treviso:
Silvia De Gennaro
silviacat81@hotmail.com
Tel. 340 3144584
Chiara Ceccotti
treviso@manitese.it
Tel.340 2813971
Ellis Favotto
ellisfavotto@virgilio.it
Tel.346 2147565

Lunedì, 21 Maggio, 2007 - 14:21

prevenzione sinistri in zona Piazzale Ferrara

MOZIONE URGENTE

 
Oggetto: misure urgenti di prevenzione sinistri in zona Piazzale Ferrara e maggiore presenza polizia municipale
 
 
Visto
 
l’aumento di incidenti stradali di cui vittime sono pedoni classificati dal Codice della Strada come “utenti deboli”, ultime nel tempo due signore anziane nei pressi di Piazzale Ferrara, che pone un grave problema sul tema della sicurezza stradale e in merito al miglioramento delle condizioni di viabilità e di mobilità nella nostra città, in particolare la nostra zona
 
Considerata di fatto
 
la causa dell’aumento dei sinistri dovuta alla particolare struttura sociale e urbanistica del quartiere, dove esiste una presenza assidua di transito di automobili private e dove la velocità non è sottoposta a un controllo atto a penalizzare le infrazioni del codice della strada
 
Preso atto
 
della presentazione in Consiglio Comunale di un decalogo, tramite un testo di proposta di deliberazione, da parte dei consiglieri Baruffi e Corritore in materia di provvedimenti e disposizioni urbanistiche e viabilistiche atte a implementare un progetto organico e diffuso sulla sicurezza stradale degli utenti deboli, pedoni, anziani, bambini, ciclisti, disabili, in piena sintonia con direttive e raccomandazioni comunitarie
 
Considerato anche
 
il vincolo di destinazione di una parte delle entrate derivanti dalle sanzioni pecuniarie amministrative dovute a infrazioni e violazioni del Codice della Strada, determinato tramite delibera consiliare
 
Constatato
 
il progetto di riqualificazione della viabilità e dell’arredo urbano nell’ambito dei Contratti di Quartiere, quali, per esempio, le misure che prevedono per Via Polesine in particolare la canalizzazione del traffico e la riduzione della velocità di scorrimento
 
PQM
 
si chiede
 
-         nell’immediato una maggiore disposizione presso la zona interessata di Piazzale Ferrara di dipendenti della Polizia Municipale, per una più puntuale attività di controllo e di sanzione;
-         un’accelerazione dei suddetti progetti di intervento su via Polesine;
-         al settore centrale viabilità di voler predisporre ulteriori misure strutturali, atte a rimuovere una situazione permanente da tempo di forte pericolo per i pedoni, nonché una possibilità di intervento diretto per perseguire le gravi violazioni commesse in materia di codice della strada.
 

Domenica, 20 Maggio, 2007 - 14:12

Il disertore

Il disertore
Versione italiana di Ivano Fossati basata sulla traduzione di Giorgio Calabrese.
Dall'album "Lindbergh (Lettere da sopra la pioggia)" (1992)
In piena facoltà,
Egregio Presidente,
le scrivo la presente,
che spero leggerà.
La cartolina qui
mi dice terra terra
di andare a far la guerra
quest'altro lunedì.
Ma io non sono qui,
Egregio Presidente,
per ammazzar la gente
più o meno come me.
Io non ce l'ho con Lei,
sia detto per inciso,
ma sento che ho deciso
e che diserterò.
Ho avuto solo guai
da quando sono nato
e i figli che ho allevato
han pianto insieme a me.
Ma mamma e mio papà
ormai son sotto terra
e a loro della guerra
non gliene fregherà.
Quand'ero in prigionia
qualcuno m'ha rubato
mia moglie e il mio passato,
la mia migliore età.
Domani mi alzerò
e chiuderò la porta
sulla stagione morta
e mi incamminerò.
Vivrò di carità
sulle strade di Spagna,
di Francia e di Bretagna
e a tutti griderò
di non partire piú
e di non obbedire
per andare a morire
per non importa chi.
Per cui se servirà
del sangue ad ogni costo,
andate a dare il vostro,
se vi divertirà.
E dica pure ai suoi,
se vengono a cercarmi,
che possono spararmi,
io armi non ne ho.
Le déserteur
Parole di Boris Vian
Musica di Boris Vian e Harold Berg
1954
Monsieur le président
Je vous fais une lettre
Que vous lirez peut-être
Si vous avez le temps
Je viens de recevoir
Mes papiers militaires
Pour partir à la guerre
Avant mercredi soir
Monsieur le Président
Je ne veux pas la faire
Je ne suis pas sur terre
Pour tuer des pauvres gens
C'est pas pour vous fâcher
Il faut que je vous dise
Ma décision est prise
Je m'en vais déserter
Depuis que je suis né
J'ai vu mourir mon père
J'ai vu partir mes frères
Et pleurer mes enfants
Ma mère a tant souffert
Qu'elle est dedans sa tombe
Et se moque des bombes
Et se moque des vers
Quand j'étais prisonnier
On m'a volé ma femme
On m'a volé mon âme
Et tout mon cher passé
Demain de bon matin
Je fermerai ma porte
Au nez des années mortes
J'irai sur les chemins
Je mendierai ma vie
Sur les routes de France
De Bretagne en Provence
Et j'irai dire aux gens
Refusez d'obéir
Refusez de la faire
N'allez pas à la guerre
Refusez de partir
S'il faut donner son sang
Aller donner le vôtre
Vous êtes bon apôtre
Monsieur le président
Si vous me poursuivez
Prévenez vos gendarmes
Que je n'aurai pas d'armes
Et qu'ils pourront tirer
Domenica, 20 Maggio, 2007 - 11:51

Bush a Roma - alternativa nonviolenta

La scadenza del 9 giugno, visita di Bush a Roma: una proposta di iniziativa e di metodo nonviolenti per affrontarla
di Alfonso Navarra
I due appelli contro Bush
Per "accogliere" Bush a Roma il 9 giugno sono gia' stati lanciati due appelli.
Il primo e' quello del Partito comunista di Ferrando, Sinistra Critica, Officina Comunista, senatori e intellettuali "disobbedienti", Forum Palestina, Cobas, Centri sociali, "Disarmiamoli" .
Mi permetto di ipotizzare che trae la sua spinta propulsiva non da una violonta' pacifista ma da coloro che sentono l'esigenza di "rifondare Rifondazione Comunista".
L'obiettivo principale e' quello di attaccare il govrerno italiano e Rifondazione che lo sostiene.
Il secondo e' quello della stessa Rifondazione, con Arci, Fiom, Sinistra Democratica di Mussi, il Pdci di Diliberto...
Anche qui ho l'impressione che il tentativo sia quello di rassicurare la base militante ed elettorale sul DNA antiamericano delle forze promotrici, negando che vi sia "subordinazione" del governo Prodi alla politica di Bush. In questo caso si vuole una manifestazione solo "contro Bush, non contro Prodi".
Leggo sul Manifesto di oggi una dichiarazione di Alessandra Mecozzi, responsabile dell'ufficio internazionale della FIOM:
"Quello che conta e' che ad accogliere Bush ci saranno manifestazioni capaci di manifestare un energico dissenso a tutta la sua politica, a partire dalla guerra per finire con il liberismo e le politiche ambientali".
Per quanto riguarda questo appello di Rifondazione, Arci, Fiom e compagnia cantante e concertante, osserverei che e' sin troppo facile scaricare tutte le responsabilita' della guerra globale in Medio Oriente sul cattivissimo Bush dimenticando quelle - sicuramente inferiori, ma pur sempre consistenti - del nostro "governo amico", che e' andato su - e va benissimo contro il "pericolo Berlusconi" - con il voto determinante, esplicitamente richiesto, dei "pacifisti".
La politica di Prodi, a mio avviso, per le ragioni che spiega benissimo Riccardo Petrella nel suo ultimo libro "Una nuova narrazione del mondo" (EMI edizioni), e' attivamente promotrice della oppressione del Sud del mondo basato sullo scambio ineguale e sulla rapina delle materie prime, sull'usura del debito estero e sui vincoli strutturali imposti dal FMI, dalla Banca Mondiale, dalla OMC, sullo sfruttamento  della forza lavoro "delocalizzata" e/o immigrata, sulla finanziarizzazione parassitaria dell'economia.
Questa politica merita oggi la nostra opposizione a tutto campo, e non solo sugli aspetti specifici in materia di difesa e sicurezza, che sono di natura bellica, inutile girarci ipocritamente intorno: e' infatti pienamente ispirata alla "narrazione dominante del mondo", oggi sospinta da tre forze: la fede nella tecnologia e nella "forza" intesa come capacita' distruttiva, la fiducia nel capitalismo finanziario, la convinzione della impossibilita' di alternative al sistema attuale.
Crediamo forse, per fare un esempio, che l'Italia si sia ritirata dall'Iraq solo perchè ha richiamato indietro i soldati in divisa? O non stia ancora brigando, tramite l'ENI, di prendersi la sua fetta di torta petrolifera con i giacimenti di Nassyria?
Nel secondo appello, chiamiamolo "antigovernativo", che si discutera' il 18 maggio (alle 16.30 presso la Facolta' di Lettere la Sapienza) non noto - a dire il vero - una particolare profondita' e complessita' di analisi, che possa tradursi in un dissenso credibile e condivisibile da parte della piu' ampia opinione pubblica.
Il testo potrebbe benissimo essere stato scritto 40 anni fa (circa) quando nelle piazze gli extraparlamentari di sinistra (incluso il sottoscritto) gridavano: NIXON BOIA, ANDREOTTI E' LA TUA TROIA".
Oggi un titolo azzecatissimo, per il testo in questione, dalle parole e toni identici a quelli degli anni '70 (cambia solo qualche particolare: ad es. si contestano i caccia F35 al posto degli F16) e': BUSH BOIA, PRODI E' LA TUA TROIA".
La LDU, nonostante il coinvolgimento di soggetti con cui stiamo proficuamente collaborando nell'iniziativa della "Carovana contro la guerra, per il disarmo e la pace",  propone che il Coordinamento "FERMIAMO CHI SCHERZA COL FUOCO ATOMICO" non vi aderisca per i seguenti motivi:
1- non ci interessa il festival protestatario del NO che non e' capace di proporre soluzioni alternative ai problemi che denuncia;
2- suscita inestinguibili dubbi lo strabismo analitico che non individua il ruolo attivo (e non semplicemente derivato e reattivo) del terrorismo islamico nella "tendenza alla guerra globale";
3- il moderatismo che critica il militarismo governativo dal punto di vista di chi rifiuta il "dominio americano" non e' all'altezza della drammaticita' dei problemi che la crisi della civilta' della violenza, della potenza e della guerra ci prospetta;
4- il ritualismo comportamentale di chi saltabecca da un corteo all'altro, inseguendo le scadenze fissate dall'agenda dei potenti, non e' un fondamento solido per costruire percorsi di pace (essi si radicano meglio su gesti di lunga durata, che possibilmente cambino stabilmente la vita quotidiana e/o definiscano condizioni giuridiche permanenti, tipo l'obiezione di coscienza).
Una frase e' purtroppo rivelatrice su come gli estensori dell'appello siano sensibili ai problemi di potere (e quindi inconsapevolmente assetati di potere) ma non al grido di dolore delle vittime della macchina economico-politico-militare che opprime e schiaccia la maggioranza dei "dannati", dei diseredati della Terra.
E' quando viene detto:

"Per questo, come tanti e tante in tutto il pianeta e in mille forme, ci prepariamo ad accogliere Bush come si accoglie un vero e proprio guerrafondaio.
Lo facciamo per i torturati di Guantanamo, per i bruciati vivi di Falluja, per i deportati, per quelli rinchiusi nei campi di concentramento in mezzo mondo. Ma lo facciamo anche per dire che esiste un´altra Italia".
A costoro, ad es., non e' venuto in mente di scrivere:
"Lo facciamo in nome del milione di vittime civili della "guerra globale al terrore" in Medio Oriente, dei milioni di sterminati per fame, per guerra, per dittatura provocati dal "progresso" guidato dall'Occidente democratico, dei pericoli di guerra nucleare e di catastrofe ecologica cui siamo sospinti da un tenore di vita insostenibile che mette a rischio la sopravvivenza stessa dell'umanita'"...
E mi pare di aver detto tutto.
 
La necessita' di un'autonoma iniziativa nonviolenta
Mi dispiace per i tanti compagni e amici di base che rispetto e stimo, e so che si mobilitano in buona fede, con motivazioni sincere di opposizione alla guerra e con il cuore in mano.
Personalmente pero' non ci sto a farmi strumentalizzare da politicanti e politicantini della partitocrazia italiana fungendo da "carne da corteo", arruolato per i loro giochi di concorrenza politico-istituzionale (e sindacale) che con la cultura di pace hanno molto poco a che vedere.
E ritengo sia questa la posizione che deve assumere l'intera area nonviolenta: noi rifiutamo si' e denunciamo la guerra, senza imbellettarla con giustificazioni umanitarie o addirittura "nonviolente", ma non solo quando e' condotta da eserciti regolari, bensi' anche quando e' aggressione delle bande fanatiche armate che in nome della "resistenza di popolo" il piu' delle volte fomentano guerre civili massacrando proprio il popolo che pretenderebbero di difendere e riscattare.
Assumiamo quindi la scadenza del 9 giugno, ma protestiamo alla nostra maniera, come  e' giusto che sia, sia nei contenuti che nella forma.
Senza la preoccupazione di "dividere" alcunche', perche' l'unita' popolare che abbiamo in testa non e' il dato di partenza centralizzato ed omologante di chi nega astrattamente ed autoritariamente le differenze, ma la convergenza plurale delle diversita' che si costruisce processualmente con il dialogo e nel dialogo.
Il conflitto per noi e' fisiologia, non anomalia, anche e soprattutto nell'"altro mondo possibile" (e nel movimento di base che deve prefigurarne la realizzazione): e' la soluzione-trasformazione di esso che deve imboccare, se possibile, percorsi non antagonistici e distruttivi...
Un modo alternativo di assumere la scadenza del 9 giugno, ma guardando oltre essa, e' - ritengo - quello dell'appello che sotto riporto, che mi ha firmato Alex Zanotelli, che potrebbe essere integrato da una proposta di digiuno che mi e' stata accennata telefonicamente da Francesco Locascio.
1 giugno (conferenza stampa per le Ambasciate di pace) e 9 giugno (appello per "lasciare solo Bush") potrebbero e dovrebbero agganciarsi, dal punto di vista nonviolento, all'impegno sulla "Carovana contro la guerra, per il disarmo e la pace".
Potremmo acquistare - i movimenti nonviolenti - una manchette sul "Manifesto"
per comunicare la nostra posizione ed il nostro impegno testimoniando che esiste ed opera una cultura politica battente non le strade fallimentari del passato ma che innova seguendo i segni e la necessita' dei tempi presenti.
Procuro di redigerne il testo al massimo entro domani.
BUSH A ROMA: LASCIAMOLO SOLO
Bush arriva a Roma il 9 giugno ed il Palazzo si prepara ad accoglierlo in pompa magna. Non una critica gli verrà ufficialmente recapitata dai vari Prodi, D'Alema (e Bertinotti) sulle guerre d'aggressione scatenate e imperterritamente condotte all'insegna della menzogna: l'"esportazione della democrazia" a suon di bombe.
Bush e' sempre più isolato negli stessi Stati Uniti: il Congresso gli vota contro vincolando i nuovi soldi per le "missioni" in Medio Oriente al rimpatrio delle truppe americane (da completare entro l'aprile 2008); una parte consistente dell'opinione pubblica chiede l'" IMPEACHMENT" per le sue bugie sulle armi di distruzione di massa in Iraq, l'uso della tortura e i controlli spionistici con la scusa dell'antiterrorismo: essa considera queste pratiche gravi crimini dei quali il Presidente deve rispondere.
Ai sottoscrittori del presente appello, pacifisti e nonviolenti di lunga data, non sembra una buona idea soggiacere al riflesso condizionato di chiamare a raccolta, come al solito e scontatamente, le forze "antimperialiste" perche' intasino Roma con l'ennesima "grande mobilitazione popolare centralizzata".
Noi proponiamo, al contrario, non di riempire Roma ma, se possibile, di svuotarla: Bush va lasciato solo, accompagnato esclusivamente dai suoi servizievoli sodali politici, e dai fantasmi del potere che continuano ad ossessionarlo.
La gente comune non vada a salutarlo (con bandierine o fischi non importa), lo ignori, prosegua le sue normali occupazioni; oppure se ne vada al mare, ai laghi o in montagna, a godersi un meritato week-end di riposo.
Il nostro e' un appello a preparare la pace assaporando la pace della natura: per questo installeremo dei banchetti sulla spiaggia di Ostia dove, tra una nuotata e l'altra, raccoglieremo le firme su una petizione che chiede al governo italiano di revocare l'accordo segreto con cui ha deciso di collaborare allo "scudo antimissile" voluto da Bush.
E' scandaloso che D'Alema minimizzi la portata di un progetto, funzionale alla logica del "Primo colpo nucleare", che sta provocando una Seconda guerra fredda, con la Russia che straccia i pochi trattati per il disarmo applicati. Ecco: piu' che toccare il tasto emotivo di un facile capro espiatorio antiamericano, contrapponendo le parate pacifiste alle parate militariste, dovremo sensibilizzare la gente sulla gravita' del momento presente, e ragionare sui nostri coinvolgimenti concreti nella "guerra globale".
Abbiamo bisogno di impegni di lunga durata collegati a comportamenti quotidiani.
CONFERENZA STAMPA
AMBASCIATE DI PACE PER IL DISARMO EUROMEDITERRANEO
OVVERO: COME ATTUARE DAL BASSO BARCELLONA 1995
(Il Coordinamento "FERMIAMO CHI SCHERZA COL FUOCO ATOMICO"), lancia il progetto delle Ambasciate di pace, onde offrire respiro al processo politico e diplomatico per la soluzione pacifica della crisi mediorientale, oggi gestita all'insegna della "guerra al terrore", che rischia di degenerare in un conflitto atomico.

Il progetto consiste nell'individuare ed aprire uffici a Teheran, Gerusalemme, Mogadiscio, etc., contrassegnati da bandiere iridate che, raccordando ONG autenticamente indipendenti e neutrali, devono perseguire l'attuazione dal basso della Dichiarazione di Barcellona (1995): i governi di Europa, Mediterraneo e Medio Oriente (allargato) devono decidere di liberarsi subito dalle armi di sterminio di massa stipulando un Trattato come quelli di Africa, America Latina, Sud Est Asiatico, Pacifico del Sud.

Una prima tappa significativa è stata individuata per l'attuazione del progetto: una Conferenza delle città emule della Firenze di La Pira, aderenti all'idea della denuclearizzazione, che sottoscrivano un Trattato di disarmo "dal basso" impegnativo per i cittadini animati da volontà di pace: vale a dire, la stragrande maggioranza.

In tale prospettiva il Coordinamento, ed i soggetti con i quali esso collabora, sostengono l'iniziativa, proveniente dalla società civile iraniana e annunciata in Italia da Shirin Ebadi, Nobel per la pace 2003, di un referendum popolare sul progetto uranio. A tale scopo propone di far nascere in Italia (e nel mondo) un Comitato di Solidarietà col movimento antinucleare iraniano.

Se vogliamo "togliere appeal manipolatorio" a coloro che, in Occidente, progettano il "disarmo atomico" di Tehran a colpi di micro-bombe atomiche, dobbiamo appoggiare in ogni modo la richiesta di partecipazione democratica delle organizzazioni popolari iraniane che lottano con spirito di libertà e per il rispetto dei diritti umani, ambientali e sociali. Anche questo impegno potrebbe rilanciare la mobilitazione per l'attuazione, nello spirito originario, della "Dichiarazione di Barcellona".

venerdì 1 GIUGNO - ore 11.30  Roma o Milano

Domenica, 20 Maggio, 2007 - 11:38

Partenza della Carovana antinukleare

Tavola della Pace del Friuli Venezia Giulia - sede di Trieste, via Valdirivo 30, tel. 338 1652364, email - compax@inwind.it

Trieste, 20 maggio 2007
«Carovana per la Pace»
Partenza da Trieste porto nucleare

E' partita sabato da Trieste il 19 maggio la «Carovana contro la guerra, per il disarmo e la pace» di Nord Est, che confluirà il 2 giugno a Roma assieme ai tronconi di Nordovest e Sud, che sono partiti da Cameri (Piemonte) dove verranno assemblati gli aerei F-35 del costo di svariati miliardi di euro, e da Sigonella (Sicilia) luogo del confronto Craxi Reagan dopo il sequestro Lauro, con le speculazioni edilizie sulla base militare in atto.
E' arrivato sabato da Bologna e da Milano il Camper partito nel pomeriggio da Trieste porto nukleare verso Pordenone e Aviano, seconda tappa del percorso di Nord Est della Carovana insieme ad altri attivisti.
Sabato alle 11.30 presso il Comitato pace convivenza e solidarietà "Danilo Dolci" di via Valdirivo 30, Francesco Buso dei comitati vicentini Nodalmolin, Tiziano Tissino di Vialebombe da Aviano, Paolo Salucci consigliere provinciale della Margherita, Dino Mancarella del Movimento umanista, Roberto Giurastante consigliere nazionale Amici della terra e Alessandro Capuzzo della Tavola della pace hanno presentato l'iniziativa, con un interessante confronto di idee sulla base dei documenti sotto riportati.
Dopo anni di attesa la Prefettura di Trieste ha comunicato che i Piani di Protezione civile in caso di incidente nucleare in porto, dovuti per legge e imposti dalla Comunità europea sono finalmente pronti, rispondendo alle istanze di ecologisti e pacifisti e alla mozione della Provincia di Trieste, condivisa dal sottosegretario alla Protezione civile Ettore Rosato e dal presidente dell'Autorità portuale Claudio Boniciolli.
E' emersa la novità che attivisti sloveni hanno richiesto i Piani di protezione civile alle loro autorità, in base alle stesse Direttive ora che la vicina Repubblica fa parte dell'UE. Il Codice marittimo sloveno è stato cambiato in seguito all'adesione Nato, lasciando prevedere il l'attracco di naviglio nucleare a Koper / Capodistria.
In rapporto a quanto esposto, i convenuti si sono impegnati ad organizzare un convegno venerdì 15 giugno in occasione del "Festival delle Diversità", nel parco dell'ex Ospedale psichiatrico a Trieste invitando il Prefetto, le autorità citate e rappresentanze della Slovenia.
Trieste ed Aviano sono legate dal nucleare militare. L'aeroporto pordenonese è ritenuto deposito di cinquanta bombe nucleari, mentre il porto di Trieste è tra gli scali italiani a disposizione di navi e sottomarini nucleari come Koper / Capodistria, che dista 3 miglia marine. La proposta di spostare la base Dal Molin da Vicenza in Portovecchio completa surrealisticamente questo quadro.
Sabato è stata presentata la proposta di legge d'iniziativa popolare, volta a dichiarare l'Italia «zona libera da armi nucleari» come già accaduto in Africa e Sudamerica, Canada e Nuova Zelanda, Austria e Norvegia, Grecia e Irlanda. Proposta che sarà portata alla Marcia Perugia-Assisi, all'Onu dei Popoli e all'Onu dei Giovani.
La campagna propone anche strumenti per la smilitarizzazione dei territori e la desecretazione degli accordi internazionali. Ha come obiettivi bonifica e riconversione a uso civile delle basi, storno dai bilanci militari per i Corpi Civili di pace, affermazione dell'art. 11 della Costituzione. Promuovono la Carovana il Coordinamento «Fermiamo chi scherza col fuoco atomico», la Rete Disarmiamoli e l'Assemblea «Semprecontrolaguerra».
Sabato pomeriggio si è partecipato a Pordenone all'assemblea del Comitato Vialebombe da Aviano, ospiti del Comitato omonimo che ha intentato causa al Governo degli Stati Uniti, ottenendo di porre nuovamente all'attenzione dell'opinione pubblica il problema nucleare nel nostro Paese.

Allegati qui di seguito :
Lettera aperta al Presidente Illy sul Nucleare militare in regione
La Base americana da Vicenza a Trieste in Portovecchio ?
Mozione sulla denuclearizzazione del porto
Sui porti nucleari di Trieste, Koper / Capodistria e Venezia

Trieste 26/2/2007
La Base americana da Vicenza a Trieste in Portovecchio ?
Risposta alla lettera del presidente della Lista per Trieste Gambassini al "Piccolo"

Siamo alla frutta, corto circuito. Fioccano proposte di soluzione del problema Vicenza tramite "dirottamenti" della base americana nei luoghi più vari.
Un esponente della storica Lista per Trieste, nata per salvaguardare il territorio ribellandosi al sistema - partiti, si fa paladino del dirottamento della Base in porto vecchio, quando si è in attesa dei Piani di protezione civile in caso di incidente nucleare, come chiesto dalla Provincia e da mesi assicurato dalla Prefettura.
Perchè Trieste è già base nucleare da anni, da qualche tempo in uso calante perchè le navi ad energia atomica vanno ... a Capodistria !

Se la proposta fosse seria ci sarebbe di che mobilitarsi. Il Pentagono non sa più dove costruire le enormi basi che incontrano resistenze locali, sono offensive, causano inquinamento e gravi problemi di ogni tipo. I presunti vantaggi economici non convincono, sono strutture che vivono grazie al denaro pubblico, in Italia pagato quasi per la metà dai cittadini (Licata "La conversine dal militare al civile"). Non è tutto: si portano avanti progetti di guerra preventiva che portano a disastri umani ed ambientali, non sempre documentati dai media.

La manifestazione del 17 febbraio nonostante la concomitanza delle inchieste sul terrorismo, è cresciuta di cinque volte rispetto all'iniziativa di due mesi fa che già contava 30 mila persone. A Vicenza esiste un comitato in ogni quartiere con assemblee organizzative, convegni, proteste alla Caserma Ederle, il presidio all’aereoporto Dal Molin, partiti e sindacati sono attraversati dal dissenso, vi sono radio impegnate, siti internet, pubblicazioni in italiano e inglese collegate ai pacifisti americani, tecniche di azione nonviolenta; gruppi da tutta Italia pronti a tornare … Flavio Lotti organizzatore della Perugia - Assisi e dell'Onu dei popoli, dal Forum sociale mondiale di Nairobi aveva scritto al Presidente Prodi, che stava commettendo un grosso errore sottovalutando l'opinione dei cittadini.

Una situazione che sarebbe andata a fagiolo alla Lista per Trieste degli esordi. Perchè allora uno dei suoi fondatori propone la militarizzazione totale del territorio, a fronte delle centinaia di migliaia di vittime civili delle guerre di questi anni ? Vogliamo forse che Trieste diventi un'altra Aviano con un po' di Armi di distruzione di massa stoccate in Punto franco e in previsione di altri attentati come quello della Siot a Dolina ?
In Porto vecio no sé gnanca più i manzi. No resta che la base militare nucleare !

MOZIONE SULLA DENUCLEARIZZAZIONE DEL PORTO

PRESO ATTO che il porto di Trieste è inserito nell'elenco dei porti messi a disposizione dal governo italiano per ospitare navi e sommergibili a propulsione nucleare di flotte alleate.
CONSIDERATA anche la probabile presenza al loro interno di ordigni nucleari.
SOTTOLINEATO che la presso la Prefettura di Trieste dovrebbe essere presente per legge un piano di emergenza per incidente nucleare, e tale Piano dovrebbe essere messo a disposizione delle autorità competenti per Territorio.
SOTTOLINEATO che direttive europee impongono in questo caso la divulgazione pubblica dei Piani di protezione civile, anche se coperti finora da segreto militare.
PRESO ATTO che la Prefettura di Trieste ha, in fase avanzata di definizione, un piano di emergenza per la sosta in rada nel porto di Trieste di navi e sottomarini militari a propulsione nucleare.
CONSIDERATO che L'Italia aderisce al Trattato di non proliferazione nucleare e il nuovo Statuto regionale sostiene i processi di "moratoria internazionale", cioè di abolizione degli ordigni di distruzione di massa

Il CONSIGLIO PROVINCIALE richiede alla Presidente della Provincia ed all'Assessore competente di intervenire nel processo di formazione del Piano in questione, di farsi carico di una sua larga diffusione ed altresi' di intervenire sul governo Nazionale affinche' inizi il processo di Denuclearizzazione del Porto e del Golfo di Trieste.

Presentata da Paolo Salucci (DL) ed apporvata dal Consiglio Provinciale di Trieste il 30 Novembre 2006

Zugliano, 26 gennaio 2006
Lettera aperta al Presidente Illy sul Nucleare militare in regione
adesione di Cindy Sheehan, Luigi Ciotti, Flavio Lotti,
Grazia Bellini, Lisa Clark, Albino Bizzotto, Tonio Dell'Olio

Dopo la presentazione a dicembre ai Capigruppo di maggioranza in Regione, la lettera aperta della Tavola della Pace del Friuli Venezia Giulia al Presidente della Regione Illy sul Nucleare militare, ha ricevuto importanti adesioni al Seminario nazionale della Tavola ad Assisi.
Cindy Sheehan, spina nel fianco dell'amministrazione Bush, fondatrice di "Gold Star Families for Peace" composta da famiglie che hanno perso figli in guerra, definita dalla stampa statunitense la "Mamma della pace", che sta viaggiando dal 4 aprile 2004 - data della morte del figlio Casey in Iraq - per denunciare illegalità e immoralità dell'occupazione, ha aderito alla lettera con la quale si invita Riccardo Illy ad affrontare lo stridente contrasto esistente fra Statuto e questione nucleare in regione; e a rinunciare quale Presidente del Friuli Venezia Giulia alla carica di Comandante onorario del 31° Fighter Wing di Aviano, causa il permanere sul sito delle Armi di Distruzione di Massa.
La rinuncia dell'Italia all'atomica col Trattato di Non-Proliferazione nucleare, è resa vana dalla mai smentita presenza di 50 bombe nella base Usaf di Aviano e di 40 in quella italiana di Ghedi.
Don Luigi Ciotti, fondatore della Comunità "Gruppo Abele" di Torino e dell'Associazione nazionale "Libera" contro le mafie, ha pure aderito insieme a don Tonio Dell'Olio di Pax Christi alla richiesta espressa al governatore regionale, di dare sostanza alla norma su Pace ed Armi di Distruzione di Massa, approvata dal Consiglio col nuovo Statuto del Friuli Venezia Giulia: “Il Friuli Venezia Giulia persegue una politica di pace ... ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli ... sostiene i processi di moratoria delle Armi di Distruzione di Massa” (A.D.M.).
Già Cgil Cisl e Uil, Acli e Arci, Legambiente e Amici della Terra del Friuli Venezia Giulia, come l'assessore regionale alla Pace Antonaz, si erano riconosciuti anche nella richiesta di partecipazione alle Campagne internazionali di moratoria delle A.D.M., configurata dal nuovo Statuto e contenuta nella lettera al Presidente.
Ora i responsabili nazionali della Tavola della pace di Perugia, dal fondatore Flavio Lotti alla coordinatrice e dirigente dell'Agesci Grazia Bellini, con Lisa Clark e don Albino Bizzotto di Beati i costruttori di pace, si sono schierati a favore del sostegno alle Zone Nuclear Free esistenti nella nostra Euroregione, sull'esempio di grande valore portato avanti dall'Austria.
Il porto di Trieste e quello Sloveno di Koper/Capodistria sono adibiti al transito di navi a rischio nucleare; legge italiana e direttive europee impongono di rendere noti i Piani di protezione civile in caso di incidente, a Trieste come a Capodistria ed Aviano. I candidati Sindaci alle Primarie del Centrosinistra Rosato Boniciolli e Metz, hanno condiviso con Franco Juri e Giacomo Scotti della Comunità Italiana di Slovenia e Croazia, la proposta di intervento sul Governo per escludere Trieste dai Porti Italiani a disposizione di navi a propulsione o armamento nucleare.

per la Tavola della Pace del Friuli Venezia Giulia
Silvia Altran, Alessandro Capuzzo, Lorenzo Croattini, Alessandro De Paoli

Trieste, 20 settembre 2006
SUI PORTI NUCLEARI DI TRIESTE, KOPER / CAPODISTRIA E VENEZIA

Si dà notizia della comunicazione pervenuta dalla Prefettura di Trieste in merito ai Piani di protezione civile in caso di incidente nucleare al porto di Trieste e al porto Sloveno di Koper/Capodistria. Si aggiungono informazioni di fonte ufficiale relative al traffico nucleare nel porto di Venezia.

La lettera della Prefettura di Trieste alla Tavola della Pace del Friuli Venezia Giulia comunica in risposta ad altra nota, che il NUOVO piano di emergenza per la sosta in rada nel porto di Trieste di navi e sottomarini militari a propulsione nucleare, è stato trasmesso all'A.P.A.T. come previsto dal D.L.vo n. 230/95 e appena restituito sarà formalmente approvato. Per quanto riguarda le conseguenze di eventuali incidenti nucleari nella Repubblica di Slovenia, relative alla questione posta in merito allo scalo di naviglio del genere al porto di Koper/Capodistria, le stesse verranno valutate a livello nazionale ed analogamente verrà gestita anche una emergenza eventuale.

A commento della lettera si rimarca che la legge e le direttive europee impongono la divulgazione al pubblico dei Piani di protezione civile, coperti finora da segreto militare. I nuovi Piani in gestazione sono stati chiesti dai Cittadini dopo seri incidenti avvenuti in vari Porti, e sono stati imposti dall'Unione Europea con Procedura d'infrazione contro l'Italia. Per la prima volta dall'ingresso Sloveno nella Nato e nell'UE, viene riconosciuta implicitamente l'esistenza di rischio a Koper/Capodistria come a Trieste.

Il Porto di Venezia secondo informazioni reperite dall'on. Cacciari fa ancora parte dei "porti nucleari" in assenza di divieto di legge, anche se le dimensioni sconsigliano l'ormeggio di grande naviglio nucleare e le norme di sicurezza imporrebbero di entrare solo a forza elettrica, con possibile pregiudizio per il funzionamento dei reattori. Esiste anche l'obbligo di autorizzazione degli Enti ministeriali e locali competenti. Per la Capitaneria di Porto 10 e 20 anni fa due mezzi nucleari sono stati ormeggiati al largo e assistiti con navette; l'Autorità portuale rimarca la proibizione del traffico di materiali ferrosi extra Cee radioattivi.

Da notare che nessuno per Trieste Koper/Capodistria e Venezia parla di rischio da presenza eventuale di Armi di Distruzione di Massa a bordo di navi e sottomarini. L'Italia aderisce al Trattato di non proliferazione nucleare e il nuovo Statuto regionale sostiene i processi di "moratoria internazionale", cioè abolizione degli ordigni A.D.M. citati, la cui possibile presenza è coperta ovviamente dal segreto.

Silvia Altran, Alessandro Capuzzo, Lorenzo Croattini, Alessandro De Paoli

Sabato, 19 Maggio, 2007 - 13:11

Milano come città delle effervescenze letterarie

Una Fiera del Libro anche per Milano? Il dibattito si è aperto nella città, ospitante già in diversi periodi dell'anno mostre, fiere di carattere internazionale, come la Fiera del Mobile, come, mi viene in mente, la Fiera dell'artigianato, la Fiera dell'informatica. Ma Torino ha un suo appuntamento che ogni anno vede confermarsi un risultato di ritorno eccellente, con momenti di conversazione e di incontro con autori e scrittori, editori, di diverso tipo, per diverse fasce di pubblico, di lettori, dai più piccoli ai più grandi. Milano, scriveva Leopardi in una sua lettera al vescovo, è città di editoria, di creatività, di scrittura, di ricerca bibliografica, di spinte autorali di autorevole spessore, di energie e risorse intellettuali di grande padronanza e di forte caratura innovativa, sperimentale. Eravamo nel 18° e nel 19° secolo, ma oggi possiamo dire che la situazione non è cambiata: anzi si è moltiplicata nella sua dimensione. Abbiamo diverse espressioni artistiche che contaminano la città, che si intersecano, che si producono, autoproducono, che si esprimono con canali e modalità differenti, utilizzando in largo spazio ciò che la nuova tecnologia può offrire alle nuove forme di comunicazione, anche a "banda larga".
Il problema è uno: non riescono a trovare momenti istituzionali, spazi, dove ufficialmente uscire dalle proprie "grotte", cantine autoreferenziali, mantenute tali non per un "egocentrismo" ed "egoreferenzialismo" artistico, ma per un'assenza totale di momenti comuni, collettivi,. ufficiali, istituzionali, diffusi di aggregazione culturale e artistica. Milano diventa sempre di più la città delle gallerie: eventi interessanti, anche con firme degne di nota, ma sempre d'elite, sempre mercantilizzate, ossia sottoposte a costi inadeguati per una diffusione pubblica del messaggio artistico. E poi abbiamo la spettacolarizzazione degli eventi, momentanei, temporanei, estemporanei, magari atomizzati e atomizzanti un campo che deve essere il più possibile universale, dinamico, di contaminazione, appunto.
Ebbene Milano può scippare Torino di un evento che è diventato tutto torinese? Ma può imitare eventi internazionali londinesi che rendono la capitale britannica città di cultura letteraria, con il suo Festival Internazionale di Letteratura? Io penso che le copie finiscono per svilire ogni spinta di proposta culturale e artistica, che deve essere la base della ricerca di canali diversi e nuovi per diffondere messaggi e per dare all'arte uno spazio adeguato e accessibile alla moltitudine. Pensare a Milano fiere del libro, dei scrittori, come suggerisce Mauri, Presidente del Gruppo editoriale Mauri Spagnol e rappresentante italiano nella Federazione Europea degli Editori - aperte e dinamiche, che siano presenti in diversi contesti della città, e che diano opportunità al visitatore di accedere ad agorà di discussione e di confronto con autori nuovi, affermati, meno affermati, giovani, creativi, sperimentali, adottanti le nuove tecnologie, quindi includendo i blogger, includendo gli scrittori nei forum , includendo le nuove tipologie di espressione artistica dell'era della nwe tecnology, e dando anche spazio a quel punto di incontro, aggiungo io, di domanda e di offerta tra le tendenze e le esigenze del pubblico, le strategie editoriali delle case, sono molte, prinvilegiando quelle indipendenti e quelle piccolo - medie, spesso soggette a un silenzio assordante circa le loro attività e le loro proposte, e le nuove espressioni creativo - sperimentali dell'arte letteraria, delle nuove letterature, delle diverse letterature. Non ha senso, concordo con Mauri, parlare di un doppione di Torino, cercando di togliere a Torino i riflettori di un giusto spazio internazionale che si è conquistata con anni e anni sedimentati di organizzazione di un evento che cresce sempre maggiormente: si rischierebbe di fare ciò che a Roma è avvenuto con il Roma doc fest, un momento che doveva essere di promozione di nuove energie cinematografiche ma che, essenzialmente, seppure in modo brillante e interessante, è finito per essere un "doppione" più ristretto per la portata della Mostra del Cinema Biennale di Venezia. Occorre pensare a un'alternativa che sappia creare competizione e anche confronto attivo con altre esperienze. Perchè non pensare a un periodo che innondi, letteralmente parlando, la città di cultura letteraria, magari anche framistata con altre tipologie di arte,m dove dagli abbinamenti possano scaturire scenari vitali e creativi di stimoli emotivo culturali di grande rilievo. Ebbene: che cosa ha intenzione di fare l'amministrazione? Che cosa ne pensa l'assessore alla cultura Sgarbi, oltre a impegnarsi a rilasciare interviste roboanti di grandi impegni futuri ma rimanenti, almeno fino a oggi, a la carte?
Si scuota questa città facendo scaturire le effervescenze artistiche, che sono esistenti, ma che rimangono tappate in un grande contenitore non visibile al suo interno, e che necessitano di esprimersi e di fuori uscire, trasboccando e trasbordando con forza e dirompenza. C'è bisogno di cultura: una manifestazione ultima dedicata alla filosofia dei nuovi tempi, come metodo di vita, promossa a Roma con insigni intellettuali attuali, Eco, Augias, Severino, Vattimo, ha visto una fiorente partecipazione di pubblico, cosa che, qualche anno fa, sarebbe stato impossibile crederci, data la portata elevata e, spesso, accademica, del contenuto della manifestazione. Questo vorrà dire che sociologicamente esiste una richiesta di cultura, di confronto e di consocenza: per vivere meglio. Possiamo dire anche per crescere meglio e per sentirsi meglio nella collettività e nelle ricerca di sè stessi e dell'altro.

Maieuticamente si deve procedere, non con colpi di scenografici eventi, magari solo modaioli, di grande fashion, ma di poca efficacia e di irrilevante contenuto e spessore per la collettività e la crescita della città.

Alessandro Rizzo
Presidente del Guppo Lista Uniti con Dario Fo per Milano
Consiglio di Zona 4 Milano

Sabato, 19 Maggio, 2007 - 10:12

OMOFOBIA A MILANO, LETTERA APERTA DI CIRRITO

Lettera aperta pubblicata su gay.tv del direttore della Libreria Babilonia di Milano, Mario Cirrito, dopo i gravi fatti del 16 maggio in Via Colletta di violenza omofoba contro il presidente dell'Arcigay Milano, Paolo Ferigo: occorre tenere alto il livello di attenzione. Ma ci si domanda come cittadinanza democratica che cosa il sindaco vuole fare e predisporre per evitare che in futuro ci sia nuovamente un clima di imtimidazione di questa portata, in una città, quale Milano, storicamente europea e della solidarietà.

Gentile sindaca Letizia Moratti,
Lo sa, un cittadino di Milano, Paolo Ferigo, presidente del circolo Cig Arcigay di Milano, è stato aggredito verbalmente e fisicamente da dueenergumeni di una municipalizzata che han provato a dare una svolta alla loro melensa serata dando di mani e in forma delinquenziale contro il presidente. Ferigo che conosco e apprezzo, sapendolo persona mite e di valore per le battaglie che conduce anche in Arcigay, è cittadino di Milano. A questa città continua a dare, come moltissimi omosessuali, non solo crescita economica ma anche valori che spesso questa città non sa neppure riconoscere. Il Cig, come spero saprà, svolge attività di volontariato e di sostegno a favore di coloro che non hanno diritti ma solo doveri; a favore di persone sieropositive o che si sentono sole e in pericolo in una città come Milano. Paolo è stato aggredito perché omosessuale, come avviene per tanti altri Paolo omosessuali che non hanno il coraggio di ribellarsi e denunciare atti contro la loro persona. Tutto questo, gentile sindaca, avviene nella città da Lei governata.

Non è passato molto tempo da quando, a Milano, la libreria Babele è stata fatta oggetto di scritte omofobiche naziste, replicate precedentemente anche nella sede Cig Arcigay. Succede, nella città da Lei governata. Succede intolleranza in questa città che vanta tolleranza. L'aggressione delinquenziale a Paolo Ferigo è l'ultima di una serie che speriamo la città voglia fermare, dando segnali di civiltà rimasti finora elusi, e concedendo adeguata protezione alla vasta comunità omosessuale che vive e lavora nella capitale meneghina. Qualche anno fa, Pietro Rutelli, allora vice presidente del Consiglio comunale, sostenuto anche dal forzista Paolo Massari, annunciò che la Margherita avrebbe aperto dei circoli omosessuali a Milano. Fece di più: invitò, facendoli entrare per la porta principale di Palazzo Marino, i rappresentanti dei movimenti gay Arcobaleno per un confronto in Commissione Pari Opportunità. Sembrano passati, da allora, secoli di democrazia e confronto, svuotati a favore di acredine e inciviltà. La Milano del confronto civile è diventata la Milano delle intolleranze e minacce verso gli omosessuali che, nel frattempo, arricchiscono con il loro lavoro Milano.
Da troppo tempo, il Comune oggi da Lei governato, si è dimenticato di questi suoi cittadini, li tratta con superficiale noncuranza, li rinnega nelle tante manifestazioni pubbliche che la città, al contrario dei suoi amministratori, accoglie con benevolenza e affetto. Nessun segnale e presenza, neppure nei tre giorni di Congresso nazionale di Arcigay,
celebrato a Milano da più di duecento delegati. Non se ne è dimenticato il Presidente della Repubblica che ha fatto pervenire un suo messaggio; sono arrivati a Milano le ministre Barbara Pollastrini ed Emma Bonino; Piero Fassino, Franco Giordano, Enrico Boselli, Cesare Salvi e tante altre personalità venute a dare testimonianza e non solamente presenza politica. Lei, prima cittadina, occasione ghiotta per dialogare con una fetta importante di suoi amministrati ed illustri ospiti, ha pensato bene di registrarsi tra gli assenti ingiustificati: neppure una riga scritta rivolta a quella importante assise. Perché? Che succede in questa città che non riconosce più i suoi cittadini migliori, anche omosessuali? Non è vero che un sindaco, una volta eletto, deve essere amministratore e tutelatore dei diritti di tutti i suoi cittadini? Perché lei, donna, manager, politica, sensibile da sempre alle tematiche antidiscriminatorie, ci guarda come nemici e non come cittadini del suo governo?
Proprio oggi, in Italia, la comunità omosessuale celebra la Giornata contro l'omofobia. Crede che non ce ne sia bisogno visto che ha perso anche questa occasione per stare vicina ad una fetta consistente di suoi cittadini? I fatti capitati a Milano, ultimo quello ai danni di Paolo Ferigo, suggeriscono una lettura diversa dai suoi silenzi e assenze. E' vero, come scrive Davide Romano: «Che l'intolleranza contro i gay esista è certo. Che non muovendo un dito per combatterla si sia corresponsabili è altrettanto certo (...) E' giunto il momento per il sindaco di decidere se andare al contrattacco o non far nulla, assumendosene tutte le responsabilità.» Che ha deciso di fare, sindaco Letizia Moratti?
Mario Cirrito
Babilonia

...
217 218 219 220 221 222 223 224 225
...
RSS feed