user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND buc.catid = bc.catid
									ORDER BY buc.weight' at line 3
query: SELECT bc.*, buc.weight
									FROM blog_categories bc, blog_user_category buc
									WHERE buc.uid = 172, AND buc.catid = bc.catid
									ORDER BY buc.weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND type = 'candidati'
									ORDER BY weight' at line 3
query: SELECT *
									FROM blog_blocks
									WHERE uid = 172, AND type = 'candidati'
									ORDER BY weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND type = 'links'
									ORDER BY weight' at line 3
query: SELECT *
									FROM blog_blocks
									WHERE uid = 172, AND type = 'links'
									ORDER BY weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near '' at line 3
query: 	SELECT 	cp.nid AS pagina
												FROM 	users u LEFT JOIN candidati_pagine cp ON u.uid = cp.uid 
												WHERE	u.uid = 172, in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND type = 'blog'' at line 1
query: SELECT nid FROM node WHERE uid = 172, AND type = 'blog' in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
Il Blog di Alessandro Rizzo | www.partecipaMi.it
warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /mnt/data/sites/partecipami/includes/common.inc:386) in /mnt/data/sites/partecipami/themes/com06/globals/cookies.php on line 34.

.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 26 ospiti collegati

.: Eventi

« Dicembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

.: Ultimi 5 commenti


Nessun commento...

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Domenica, 24 Giugno, 2007 - 17:51

CRISTOPHER STREET DAY

CRISTOPHER STREET DAY – DOPO ROMA L’ORGOGLIO GAY DI NUOVO IN PIAZZA
24/06/2007 - Il Manifesto - L.Fa.
MILANO È L'IMMAGINE DI UNA CITTÀ DOVE, PER DIRLA CON GRILLINI, PRESIDENTE ONORARIO DELL'ARCIGAY, «C'È LA PIÙ GRANDE COMUNITÀ OMOSESSUALE D'ITALIA MA VENIAMO TRATTATI COME APPESTATI». Milano - In 30 mila al «pride» di Milano. Un trionfo di coriandoli e cuoricini mulinella per le strade appena attraversate dal pride milanese, gli addetti della nettezza urbana seguono a ruota e fanno pulizia appena i manifestanti sfumano dietro l'angolo. Questa è l'immagine di una città dove, per dirla con Grillini, presidente onorario dell'Arcigay, «c'è la più grande comunità omosessuale d'Italia ma veniamo trattati come appestati». Si riferisce alle scritte omofobe apparse settimane fa davanti alla libreria Babele, e alla meschineria del Comune di Milano che ha negato il patrocinio allo storico festival del cinema gay. Ma non è aria di polemiche oggi, basta un bel mazzo di finocchi freschi appoggiato davanti a Palazzo Marino, dove abita Letizia Moratti, apostrofata «Monatti». Perché, dopo il successo di Roma, il pride milanese - ribattezzato «Christopher Street Day» in ricordo della rivolta dei gay americani nel '69 - scorre verso la sua notte bianca all'insegna di una ritrovata rilassatezza, anche politica (nel senso che dalla politica nessuno si aspetta più nulla, e che i politici locali non hanno paura a farsi vedere). A cominciare dal saluto del ministro Pollastrini (assente giustificata), ma sempre più convinta a lottare per l'allargamento dei diritti di ognuno; sfila anche il malconcio centrosinistra milanese, mescolando le sue bandiere (verdi, rosse, rosso pallido, gialline) tra Drag Queen, marinaretti sculettanti, trans «costretti a fare sesso di notte con i signori che di giorno mi negano un lavoro» e slogan che dovrebbero rientrare nel programma di qualunque essere dotato di buon senso, «giù le mani dalle nostre vite, via le mani dalle nostre mutande» (sfila Aldo Busi). In corteo, oltre alla comunità glbt, coppie etero, single impenitenti, bambini, e un gruppo di fascinosi stewart della compagnia low cost EasyJet, che si accredita come azienda non legata a «pregiudizi anacronistici».
Ieri, anche Verona ha celebrato il suo pride, nei locali del centro sociale La Chimica, che il sindaco Tosi vuole sgomberare.

Sabato, 23 Giugno, 2007 - 17:12

Relazione Laboratorio Politico Metropolitano

Versione documentale della relazione discorsiva della riunione di LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO del 16/06/2007.

 


Introduzione
Questo primo contributo intende assolvere alla funzione di riassumere, sistematizzare e ampliare (sotto il profilo degli obiettivi generali e delle modalità di lavoro operative) alcune delle considerazioni sviluppate oralmente durante il primo incontro di LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO tenutosi a Milano il 16 giugno 2007 presso il circolo ARCI Bellezza.
Nel confermare la prossima riunione di LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO per il 5 luglio alle ore 18.30  c/o ARCI provinciale – Via Adige 11 – Milano si trasmette a tutti i partecipanti alla prima riunione l’elenco completo dell’indirizzario raccolto durante il primo incontro.
Inoltre, nell’invitare tutti i partecipanti a LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO a registrarsi al FORUM aperto al seguente indirizzo web http://newtus.humanbit.com/forum/ per sviluppare una discussione nel merito di questo documento, si sostiene l’opportunità di ampliare al contempo la rete delle persone alle quali rivolgere la presente proposta di lavoro (sul modello di una nuova persona per ciascun partecipante).
Di seguito il merito dell’intervento relativo al progetto LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO, articolato per punti.
 


LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO

 

LABORATORIO DI SPERIMENTAZIONE DI NUOVE FORME DI PARTECIPAZIONE DEMOCRATICA ALLA POLITICA NELL’AREA METROPOLITANA DI MILANO.

 

1. Premessa

La politica è un’arte nobile che deve continuare ad appassionare tutti cittadini.
Questa è la sfida per le forze politiche di sinistra che credono nella possibilità di trasformare la società secondo modelli di uguaglianza tra gli uomini e giustizia sociale.
La politica è partecipazione dei cittadini, senza la quale il modello di organizzazione democratica di una comunità si svuota di significato.
La passione di tutti coloro i quali desiderano impegnarsi in politica è direttamente proporzionale sia al grado di partecipazione ai processi di analisi della realtà e dei bisogni delle persone, sia alle opportunità di condivisione delle proposte formulate per soddisfarli.
I modelli di rappresentazione dei bisogni e di formulazione delle istanze nelle sedi istituzionali, fondati sulla delega impersonale, appaiono non sempre capaci di rispondere alle legittime aspettative dei cittadini.
Le opzioni organizzative proposte delle attuali forze politiche non sempre riescono ad esaurire il desiderio e il bisogno di partecipazione di tutti coloro i quali danno la propria disponibilità ad impegnarsi in un percorso politico.
La partecipazione democratica a tale processo politico rappresenta dunque il fondamento ed una questione strategica per l’affermazione dei principi di uguaglianza e giustizia, tanto quanto quella della formulazione delle proposte di merito per qualunque forza politica, e ancora di più per le organizzazioni della Sinistra che affondano la propria identità nella matrice popolare dei movimenti di lotta che hanno attraversato i sessanta anni di storia della nostra Repubblica. In questa fase di ripensamento della Sinistra italiana la nascita di un movimento di sinistra democratica che ha la vocazione di assumere la responsabilità di governo del Paese attraverso un processo di aggregazione di tutte le forze politiche di sinistra in Italia, appare una grande opportunità di rinnovato impegno per molti cittadini che a quei valori non intendono rinunciare.
Per queste ragioni un gruppo di donne e uomini che vivono la realtà di Milano ha deciso di promuovere la costituzione, all’interno del Movimento della Sinistra Democratica per il Socialismo Europeo, di un Laboratorio di sperimentazione di nuove forme di partecipazione democratica alla politica, sinteticamente LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO.
Ciò nell’obiettivo ultimo di offrire un contributo di proposta politica e di sperimentazione di soluzioni concrete a partire dall’ascolto delle istanze provenienti dalle più diverse forme di auto rappresentazione della società civile della comunità dell’area metropolitana milanese.
A partire dalla promozione di un rinnovata forma di partecipazione diretta alla politica da parte dei cittadini della propria comunità.
2. Un’associazione politica di sinistra, democratica e plurale.
LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO vuole proporsi quale luogo di sperimentazione di nuove forme di partecipazione democratica alla politica da parte dei cittadini interessati a comprendere i bisogni di chi vive nella nostra comunità e ad agire per sviluppare risposte a tali bisogni.
LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO intende proporsi quale luogo aperto e plurale di partecipazione, ascolto, discussione e proposta politica per chiunque vorrà condividere il proprio manifesto di valori e programma di lavoro che saranno predisposti attraverso una discussione partecipata e collegiale.
LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO si propone quale opportunità di partecipazione originale per i cittadini, anche in ragione dei differenti tempi, luoghi e stili di vita di chi vi parteciperà, attraverso modalità di discussione e strumenti di comunicazione che valorizzino competenze e reti di relazione di ciascuno.
Infine, LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO, all’interno del percorso di Sinistra Democratica per il Socialismo Europeo, si propone di sostenere la costruzione di rapporti politici autonomi con la pluralità di soggetti organizzati ed informali che rappresentano le istanze dei cittadini non soltanto sul territorio, bensì nelle molteplici reti che si vanno affermando nelle nostre comunità e che vedono protagonisti i più diversi corpi sociali intermedi nei quali la società civile si organizza.

3. Un percorso di lavoro e uno scenario di riferimento.


3.1. Obiettivi

 
LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO intende sperimentare un percorso di lavoro all’interno dello scenario politico dell’area metropolitana milanese che vedrà rinnovare le proprie istituzioni (Provincia, Regione e Comune) nel corso dei prossimi 3/4 anni.
Ciò nell’obiettivo di offrire un contributo programmatico alle forze politiche che vorranno condividere il percorso di analisi e di proposta che LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO sarà in grado di formulare.
 
LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO concentrerà la propria riflessione e proposta politica a partire dall’ANALISI delle RELAZIONI ECONOMICHE E SOCIALI che caratterizzano la qualità della vita nell’area metropolitana milanese con particolare riguardo alla:
 
  1. condizione abitativa dei cittadini;
  2. condizione lavorativa;
  3. condizione delle relazioni tra i cittadini e tra i cittadini e l’ambiente (naturale, sociale, famigliare, relazionale).
Tale approccio consentirà di finalizzare il proprio impegno politico nella direzione di conferire maggiore concretezza ai processi di rappresentazione politica (anche nelle sedi istituzionali) dei bisogni dei cittadini.

LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO desidera valorizzare le risorse acquisite in termini di competenza dei propri associati nella prospettiva di offrire a tutti i cittadini un luogo di analisi, riflessione e condivisione di “pensieri politici” capaci di tradursi in risposte concrete ai bisogni delle persone, anche attraverso l’assunzione di responsabilità nella gestione di servizi ai cittadini.

Ciò nell’obiettivo di costruire, nella pratica condivisa, un argine alla deriva ”antipolitica” che appare essere l’approdo noto e rassegnato di una crescente moltitudine di cittadini.

 

3.2. Metodologia

LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO ritiene di dover procedere nello sviluppo di diverse fasi di lavoro composte di diverse azioni, non necessariamente progressive, e che anzi potranno sovrapporsi in relazione alla disponibilità delle competenze e delle risorse offerte da chi ne farà parte. A tal proposito ritiene strategica l’assunzione di strumenti di comunicazione interna ed esterna all’associazione capaci di valorizzare le opportunità delle reti informatiche e delle reti delle competenze professionali. (vedi sezione successiva Strumenti operativi di lavoro).
Inoltre, LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO immagina di potersi dotare di luoghi fisici di agibilità politica sia in termini di promozione di occasioni di socialità e aggregazione tra i propri associati, sia nella prospettiva di sviluppo di specifici interventi progettuali. (vedi sezione successiva Fasi progettuali e azioni concrete).
Per effetto di questo approccio LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO ritiene di voler assumere quale metodologia di lavoro quello del LAVORO DI GRUPPO attraverso l’organizzazione dei propri associati in nuclei operativi responsabili dello sviluppo delle azioni condivise e programmate.
Tale impostazione presuppone dunque che ciascun associato a LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO si impegni nel/nella:
  1. Condivisione della responsabilità collettiva (senza meccanismi di delega ad uno o più gruppi di lavoro) circa il reperimento delle risorse necessarie allo sviluppo delle attività e alla gestione delle stesse risorse secondo i criteri di efficacia ed efficienza;
  2. Sostegno agli obiettivi politici condivisi in LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO attraverso la diffusione della sua proposta di lavoro a tutti i cittadini interessati e incontrati in qualunque ambito relazionale;
  3. Condivisione con tutti gli associati di LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO delle proprie competenze professionali al fine di sviluppare i PROGETTI ASSOCIATIVI nell’obiettivo di tradurre in applicazioni pratiche risposte ai bisogni dei cittadini.
  4. Promozione di LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO come associazione di rete che, anche attraverso la socializzazione delle competenze dei propri associati e l’utilizzo delle tecnologie informative quale strumento efficace ed efficiente, si propone di individuare dentro e fuori il proprio network le risorse umane e materiali necessarie per sviluppare interventi progettuali con l’obiettivo di rispondere a bisogni concreti dei cittadini, così promuovendo, al contempo, la fattiva partecipazione di tutti gli associati di LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO.

3.3. Fasi progettuali e azioni concrete

Pur nella consapevolezza della necessità di procedere quanto prima alla definizione di un piano di lavoro organico e complessivo dell’associazione, il gruppo dei promotori ritiene, nell’osservanza dello spirito di AUTENTICA PARTECIPAZIONE DEMOCRATICA al lavoro di LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO, che sia compito di questo intervento tratteggiare in modo più puntuale soltanto la prima delle tre fasi che si immaginano possano comporre il percorso politico di LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO stesso.
Rimane dunque soltanto accennata ogni riflessione programmatica che riguarda lo sviluppo delle due successive fasi rispetto a quella descritta qui di seguito.
Nella prima fase del lavoro LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO ritiene di dover impiegare le proprie energie nello sviluppo delle seguenti azioni:
  1. Organizzazione di strumenti di comunicazione interna ed esterna finalizzati alla definizione del profilo identitario e programmatico di LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO e allo sviluppo di un confronto tematico da parte di coloro i quali aderiscono ad esso sin dal primo incontro (attraverso la costituzione di LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO come associazione che si dota, in rete, di strumenti di comunicazione web);
  2. Mappatura dei corpi sociali intermedi che svolgono azione di promozione e rappresentazione di bisogni sociali ed economici espressi dai cittadini sul territorio nelle seguenti aree tematiche:
a)      casa e sistemazione abitativa;
b)      lavori e condizione lavorativa;
c)      relazioni comunitarie caratteristiche tra i cittadini e relazioni tra i cittadini e l’ambiente naturale, sociale, famigliare, relazionale nel contesto metropolitano.
Inoltre si ritiene importante indicare, a titolo esemplificativo e non tassativo, le seguenti soggettività quali espressione degli interlocutori verso i quali rivolgere la propria attenzione nello sviluppo di tale azione:
a)      associazionismo culturale e di promozione sociale impegnato nei diversi settori della cultura,dello sport, dell’ambiente;
b)      volontariato laico e cattolico;
c)      rappresentanze di interessi di cittadini italiani e stranieri sul territorio, quali i comitati di quartiere, le associazioni di marketing territoriale e quelle delle comunità etniche;
d)      luoghi di discussione del lavoro e delle professioni, quali i comitati di rappresentanza sindacale del lavoro dipendente e dell'impresa sociale, le associazioni di categoria e le forme nuove di lavoro autonomo;
e)      luoghi di ricerca, produzione e circolazione dei saperi, quali le agenzie formative di ogni ordine e grado sia sul territorio sia nella rete, sia pubbliche sia private, e le associazioni di rappresentanza delle diverse componenti presenti in quei luoghi;
f)       rappresentanti del mondo dell’impresa di ogni dimensione;
  1. Raccolta di documentazione e di contributi di riflessione dei suddetti soggetti in relazione ai bisogni rappresentati e in relazione alle aree tematiche sopra individuate;
  2. Raccolta dei contributi dottrinali e di ricerca sociale elaborati da soggetti autorevoli della comunità metropolitana, sia di provenienza istituzionale (enti locali, università, ecc..), sia di provenienza privata (organizzazioni sociali di rappresentanza del lavoro dipendente, dell’impresa, centri di ricerca, singoli studiosi);
  3. Scrittura dell’agenda dei bisogni e dei conflitti sociali ed economici caratterizzanti il territorio metropolitano attraverso lo svolgimento di incontri con i suddetti corpi sociali intermedi e l’approfondimento in contesti seminariali aperti alla cittadinanza.
  4. Definizione delle istanze da tradurre nella formulazione di proposta politica da sottoporre al Movimento della Sinistra Democratica per il Socialismo Europeo e a tutte le forze politiche del centrosinistra
  5. Applicazione pratica delle soluzioni possibili a tali istanze mediante la sperimentazione di progetti concreti che trasferiscano tali intuizioni teoriche in servizi a risposta di bisogni.
  6. Individuazione di progetti eventualmente già esistenti nelle aree tematiche sopra individuate che necessitano del sostegno di LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO in termini di risorse necessarie o di  promozione politica di tali progetti;
  7. Ampliamento continuo e progressivo della rete di associati di LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO attraverso la formulazione della proposta associativa a soggetti individuali o entità organizzate incontrate nell’ambito del lavoro di mappatura e confronto sopra descritto.
In una seconda fase del lavoro LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO si propone di sviluppare, pur mantenendo inalterata l’attenzione all’approccio analitico ai bisogni, un più ampio impegno diretto alla sperimentazione di progetti che concretizzino, mediante l’erogazione di servizi, risposte ai bisogni dei cittadini.
Ciò a partire dalle riflessioni e dalle elaborazioni che saranno maturate quale conseguenza delle azioni di mappatura, analisi e confronto con le organizzazioni dei cittadini sviluppate nel corso della prima fase.
Una terza fase di missione di LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO dovrà quindi concentrare l’impegno successivo all’analisi dei bisogni dei cittadini, della raccolta delle istanze delle organizzazioni mediante le quali esse sono rappresentate e della sperimentazione progettuale in soluzioni possibili in una attività di COMPIUTA FORMULAZIONE POLITICA di proposte da sottoporre al confronto di tutte le forze politiche di sinistra, a partire da quanto avrà potuto realizzare il Movimento Sinistra Democratica per il Socialismo Europeo.

3.4. Strumenti operativi di lavoro

LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO ritiene di dover valorizzare al massimo le opportunità di partecipazione dei cittadini modificando anche lo stile dell’impegno politico a partire dall’assunzione di strumenti di comunicazione originali.
La rete informativa consente di veicolare informazioni e di procedere allo svolgimento di confronti anche approfonditi su qualunque tema, solo se viene superata una certa pratica della militanza politica legata alla presenza fisica in un luogo fisico, a fronte di un percorso di educazione che abitui i cittadini all’utilizzo di differenti e diversificati strumenti di comunicazione.
Per queste ragioni LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO si propone di essere innanzitutto un’associazione che opera attraverso gli strumenti del web che più rispondono alle esigenze di applicazione della metodologia del lavoro di gruppo.
Lo strumento principale di comunicazione esterna di LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO dovrà quindi essere un sito web composto di diverse sezioni e dotato di strumenti di interazione tra gli associati, ed in particolare:
  1. Una sezione descrittiva delle finalità di LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO comprensiva di statuto, dichiarazione di missione, modello organizzativo e programma di lavoro;
  2. Una sezione dedicata alle attività, suddivisa in aree tematiche di approfondimento e progetti in corso o da svilupparsi, a loro volta aventi sottocategorie che forniscano informazioni sullo stato dei singoli progetti, la documentazione raccolta, le azioni compiute o da svolgersi, ecc.;
  3. Una sezione dedicata esclusivamente agli associati e cioè a tutti coloro che partecipano regolarmente alle attività di LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO. Tale sezione potrà contenere tutto l’archivio storico del materiale raccolto ed elaborato (in una prima fase attraverso il forum).
  4. Un sezione “registrati” aperta a chiunque, soggetti individuali o associazioni, desiderino soltanto essere informati delle attività di LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO.
  5. Una Newsletter che il gruppo di lavoro di LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO dovrà inviare regolarmente a tutti gli associati e a coloro che si saranno registrati. (Attraverso la newsletter tutti saranno aggiornati dello stato di avanzamento del lavoro di ricerca e dei progetti in corso e saranno inoltrate le richieste specifiche delle risorse di supporto alla realizzazione dei progetti stessi.
  6. Un forum o blog, quale strumento di comunicazione interna, attraverso il quale tutti e solo gli associati di LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO potranno scambiarsi idee e opinioni sulle attività da sviluppare (in una fase successiva tale strumento potrà essere assorbito dalla sezione dedicata agli associati che si svilupperà all’interno del sito web).

4. Conclusioni e avvio del lavoro

In conclusione di questo elaborato appare necessario puntualizzare i prossimi passaggi operativi attraverso i quali dare concretamente avvio al percorso di lavoro sopra descritto.
Si ritiene che schematicamente debbano essere immediatamente compiute le seguenti azioni:
  1. Apertura del forum di discussione e raccolta del lavoro di confronto tra i partecipanti a LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO;
  2. Registrazione da parte di tutti i partecipanti a LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO;

3.       Suddivisione di tutti i partecipanti a LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO e formazione di 2 gruppi di lavoro responsabili dello sviluppo del lavoro descritto nei punti n. 1 e 2 del paragrafo Fasi progettuali e azioni concrete;

Rimane comunque inteso che il presente documento deve essere considerato quale proposta di lavoro messa a punto dal gruppo dei promotori di LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO e, pertanto, da considerarsi esclusivamente quale base di discussione per i partecipanti a LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO stesso.
Infine appare auspicabile che, a partire dalla discussione del presente testo che potrà svilupparsi mediante la partecipazione al forum http://newtus.humanbit.com/forum/, la prossima riunione del 5 luglio affronti e definisca compiti e responsabilità per l’avvio del lavoro.

Sabato, 23 Giugno, 2007 - 17:10

LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO

il lavoro di LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO prosegue!
Non abbiamo ancora avuto modo di incontrarti ma speriamo che tu possa parteciapre al nostro prossimo incontro che si terrà GIOVEDì 5 LUGLIO, alle ORE 18.30 presso la sede dell'ARCI in VIA ADIGE 11 (MM GIALLA - P.TA ROMANA).
SEGNA SUBITO in AGENDA questo APPUNTAMENTO e CERCA di COINVOLGERE almeno 1 ALTRA PERSONA trasmettendogli la RELAZIONE.
A seguito della prima riunione del 16 giugno, ti trasmettiamo:
1. TESTO RELATIVO ALLA RELAZIONE INTRODUTTIVA della prima riunione;
2. Indirizzo del FORUM DI DISCUSSIONE che abbiamo aperto: http://newtus.humanbit.com/forum/
Cosa ti chiediamo di FARE SUBITO:
1. REGISTRARTI al FORUM utilizzando la funzione REGISTER in ALTO A DESTRA della pagina che visualizzi (se hai problemi contattaci);
2. INSERIRE nel FORUM (dopo la registrazione) un TUO CONTRIBUTO DI PRESENTAZIONE cercando di raccontare delle TUE COMPETENZE e dei TUOI RAPPORTI con ORGANIZZAZIONI SUL TERRITORIO con riguardo alle AREE TEMATICHE specificate al successivo punto 4 (nella prima sezione in alto MI PRESENTO);
3. LEGGERE il testo della RELAZIONE e farci avere un TUO COMMENTO ed eventuali proposte di integrazione con un messaggio a QUESTA MAIL;
4. COMUNICARCI, scrivendo una MAIL a QUESTO INDIRIZZO, a quale dei 2 GRUPPI DI LAVORO (nella relazione è spiegata la funzione dei gruppi) sei interessato a PARTECIPARE tra:
a) GRUPPO COMUNICAZIONE (che dovrà raccogliere ed elaborare il materiale per costruire il SITO WEB da mettere on line da settembre);
b) GRUPPO RICERCA (che dovrà cominciare il lavoro di ricerca e contatto con le organizzazioni sul territorio nelle seguenti aree tematiche:
1. CASA,
2. LAVORO,
3. RELAZIONI TRA I CITTADINI, AMBIENTE (sociale, economico, relazionale) e TERRITORIO.
Scasaci se questa comunicazione è così piena di "COSE DA FARE", ma siamo convinti che LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO sia un progetto politico ambizioso e che, per avere successo, abbia bisogno dell'impegno responsabile di tutti noi.
Aspettiamo DAVVERO di SENTIRTI PRESTO.
Buon lavoro.
LABORATORIO POLITICO METROPOLITANO
Sabato, 23 Giugno, 2007 - 08:52

Sgomberi campi rom:appello al sindaco.

Al prefetto di Milano

Al consiglio comunale di Milano

Alla società civile di Milano

Il consiglio comunale di Milano ha deciso a larga maggioranza con la
sola opposizione di cinque consiglieri della minoranza, di sgomberare i
campi nomadi abusivi. Immediatamente la giunta comunale ha proceduto a
sgomberi a tappeto senza predisporre nessun tipo di soluzione per
centinaia di rom rumeni che si trovano ora in condizioni disperate
determinando gravi situazioni di tensione come è avvenuto al campo di
via Triboniano.

Le conseguenze di questa scelta destano grandissime preoccupazioni.
Questi sgomberi non offrono alternative: uomini, donne e bambini
vengono semplicemente abbandonati a se stessi costringendoli a cercare
rifugi di fortuna o, peggio ancora, a bivaccare nei parchi milanesi.
Costretta a un nomadismo da tempo abbandonato perde le tracce di
integrazione che si erano create - occasioni di lavoro, inserimento
scolastico - una popolazione che ha lasciato il disastro della loro
terra per cercare la loro piccola parte di felicità nell?opulenta
Lombardia e per questo sono disposti ad accettare condizioni che una
società normalmente civile non dovrebbe consentire a nessuno.

Chi voleva, a parole, la sicurezza ora soffia sul fuoco

genera una situazione di degrado umano e di conflitto;

legittima le azioni squadristiche contro i rom di leghisti e razzisti
vari;

giustifica chi pensa che cittadini stranieri, persone e popoli abbiano
meno diritti e più leggi speciali, secondo precedenti storici che
hanno tragicamente segnato la storia umana;

infine abbandona a se stesse le molte associazioni e i volontari che
agiscono sul sociale e seguono i rom..

Noi crediamo che una politica responsabile e degna di un Paese civile
non debba inseguire il malcontento, il disagio e anche il pregiudizio
ma costruire le condizioni di diritti e doveri uguali per tutti per una
convivenza pacifica e rispettosa delle .diverse culture.

Per questo chiediamo alle autorità prima di tutto di sospendere questa
scelta dissennata che porta solo tensione, che si trovino
nell?immediato soluzioni che rispettino la dignità e la condizione
umana dei rom, infine che le aree vengano svuotate solo dopo aver
trovato soluzioni abitative adeguate per tutti, avviando una politica
concordata anche con i rom di processi di inserimento reale nel mondo
lavorativo e sociale; dopo aver consegnato alla gestione delle forze
dell'ordine e al sistema di giustizia solo chi lo deve essere.

Bisogna abbandonare la logica dei campi e prevedere, come è avvenuto e
avviene in molti altri paesi, sia in Italia che in Europa, percorsi di
inserimento sociale, lavorativo ed abitativo adeguato, come anche per i
rifugiati e richiedenti asilo.

Facciamo perciò un appello
alle istituzioni e  alla politica perché tornino a produrre e proporre
idee, contenuti, progetti per l'agire sociale della nostra comunità,
mettendo al centro il diritto-dovere dell'accoglienza di una città, il
rispetto dell'interesse generale di tutti i cittadini, italiani o
stranieri che siano;
alla società civile perché intervenga anche con atti concreti
manifestando la volontà di. rifiutare una comunità fondata
sull?esclusione e sull?odio  esercitato sui più deboli e indifesi dei
nostri concittadini.

ARCI, Associazione Aven Amenza, Associazione NAGA, Comitato per le
libertà e i diritti sociali, Festa dei popoli di Opera, Opera
nomadi. Per adesioni: leonardo.fiorentino@comune.milano.it

Venerdì, 22 Giugno, 2007 - 14:34

"Cantiere del Nuovo" di via Soderini

A firma dei partiti che sostengono la Giunta Penati alla Provincia di Milano, è stato distribuito in questi giorni, nelle case di via Soderini e al mercato ambulante di via Strozzi, un pieghevole patinato a colori (allegato) che illustra il progetto del "Cantiere del Nuovo" sull'area dell'ex vivaio della Regione in via Soderini. Oltre all'illustrazione ci sono le finalità del progetto e alcune proposte di utilizzo di spazi per il quartiere sotto l'ipogeo. Fa specie che ad informare il quartiere siano i partiti e non la Provincia stessa. Giova inoltre rammentare che sin dall'inizio si è formato un comitato di cittadini che con forza si oppone al progetto trovandolo invasivo e non pertinente con il luogo e le strutture presenti nei pressi: ospedali, una parrocchia molta frequentata con vari servizi anche sportivi,una casa albergo per lavoratori, due strutture sanitarie e riabilitative per anziani e disabili, diversi complessi scolastici e il parco di via Strozzi. Le perplessità poi sono aumentate dopo la rinuncia della C.C.I.A. a costruire il palazzo dell'Innovazione, venendo meno un soggetto importante. e patner della Provincia nel progetto del cosidetto "Cantiere del Nuovo".
Sorge un domanda: chi ha pagato il pieghevole e perchè fare propaganda adesso se i giochi, come si va sostenendo da più parti, sono fatti, il progetto è immutabile e il cantiere prossimo all'apertura?. Credo che la gente saprà valutare questa propaganda e al momento opportuno saprà reagire con gli strumenti che la democrazia offre.A.Valdameri

Venerdì, 22 Giugno, 2007 - 12:45

Comunicato su sgomberi a Milano

Al prefetto di Milano
Al consiglio comunale di Milano
Alla società civile di Milano
Il consiglio comunale di Milano ha deciso a larga maggioranza con la sola opposizione di cinque consiglieri della minoranza, di sgomberare i campi nomadi abusivi. Immediatamente la giunta comunale ha proceduto a sgomberi a tappeto senza predisporre nessun tipo di soluzione per centinaia di rom rumeni che si trovano ora in condizioni disperate determinando gravi situazioni di tensione come è avvenuto al campo di via Triboniano.
Le conseguenze di questa scelta destano grandissime preoccupazioni. Questi sgomberi non offrono alternative: uomini, donne e bambini vengono semplicemente abbandonati a se stessi costringendoli a cercare rifugi di fortuna o, peggio ancora, a bivaccare nei parchi milanesi. Costretta a un nomadismo da tempo abbandonato perde le tracce di integrazione che si erano create - occasioni di lavoro, inserimento scolastico - una popolazione che ha lasciato il disastro della loro terra per cercare la loro piccola parte di felicità nell’opulenta Lombardia e per questo sono disposti ad accettare condizioni che una società normalmente civile non dovrebbe consentire a nessuno.
Chi voleva, a parole, la sicurezza ora soffia sul fuoco
genera una situazione di degrado umano e di conflitto;
legittima le azioni squadristiche contro i rom di leghisti e razzisti vari;
giustifica chi pensa che cittadini stranieri, persone e popoli abbiano meno diritti e più leggi speciali, secondo precedenti storici che hanno tragicamente segnato la storia umana;
infine abbandona a se stesse le molte associazioni e i volontari che  agiscono sul sociale e seguono i rom..
Noi crediamo che una politica responsabile e degna di un Paese civile non debba inseguire il malcontento, il disagio e anche il pregiudizio ma costruire le condizioni di diritti e doveri uguali per tutti per una convivenza pacifica e rispettosa delle .diverse culture.
Per questo chiediamo alle autorità prima di tutto di sospendere questa scelta dissennata che porta solo tensione, che si trovino nell’immediato soluzioni che rispettino la dignità e la condizione umana dei rom, infine che le aree vengano svuotate solo dopo aver trovato soluzioni abitative adeguate per tutti, avviando una politica concordata anche con i rom di processi di inserimento reale nel mondo lavorativo e sociale; dopo aver consegnato alla gestione delle forze dell'ordine e al sistema di giustizia solo chi lo deve essere.
Bisogna abbandonare la logica dei campi e prevedere, come è avvenuto e avviene in molti altri paesi, sia in Italia che in Europa, percorsi di inserimento sociale, lavorativo ed abitativo adeguato, come anche per i rifugiati e richiedenti asilo.
Facciamo perciò un appello
alle istituzioni e  alla politica perché tornino a produrre e proporre idee, contenuti, progetti per l'agire sociale della nostra comunità, mettendo al centro il diritto-dovere dell'accoglienza di una città, il rispetto dell'interesse generale di tutti i cittadini, italiani o stranieri che siano;
alla società civile perché intervenga anche con atti concreti manifestando la volontà di. rifiutare una comunità fondata sull’esclusione e sull’odio  esercitato sui più deboli e indifesi dei nostri concittadini.
ARCI, Associazione Aven Amenza, Associazione NAGA, Comitato per le libertà e i diritti sociali, Festa dei popoli di Opera, Opera nomadi

Venerdì, 22 Giugno, 2007 - 11:57

Milano, tutti i colori del cuore

www.arcigay.it

E' partito il 16 giugno da Roma un ponte ideale per la rivendicazione dei diritti civili che approderà sabato 23 giugno a Milano, per il Christopher Street Day: un simbolo che unisce le due città più importanti d'Italia nella pressante richiesta alla classe politica di dare piena attuazione al dettato costituzionale per la parità dei cittadini, indipendentemente dal loro orientamento sessuale.

"Un milione di persone ha preso parte alla grande manifestazione nazionale di Roma: è stata un'esperienza unica ed esaltante, una risposta forte a chi ci vuole cittadini di serie B" - ha commentato Paolo Ferigo, presidente del comitato provinciale di Milano di Arcigay.

"L'appuntamento ora è per il Christopher Street Day il prossimo 23 giugno a Milano. Una manifestazione più piccola di quella romana in termini di numero, ma altrettanto significativa per smuovere soprattutto le istituzioni della città che si ritiene la "più europea d'Italia" e spingerle a guardarsi finalmente attorno e vedere quanto più avanti sono Parigi, Berlino, Colonia, Madrid - dove spesso i rappresentanti scendono in strada con i loro concittadini - e a seguire l'esempio di Roma dove la manifestazione ha ricevuto il patrocinio di Comune, Provincia e Regione".

"Nel 2005 la provincia di Milano, tramite il presidente Penati, ci aveva concesso il patrocinio, mentre non abbiamo mai avuto risposte né dalla Regione né dal Comune. Speriamo che quest'anno il sindaco Moratti e i presidenti Formigoni e Penati vogliano venire a manifestare con noi: sul carro c'è un posto riservato a loro. Non si tratta di una manifestazione "contro" qualcuno, ma di un corteo "per": per il diritto ad una famiglia, per il diritto alla piena uguaglianza, per il diritto a non essere discriminati."

Il corteo, che ha come slogan "Tutti i colori del Cuore", partirà alle 17 da porta Venezia con arrivo in piazza Castello e sarà seguito dal "Pride Circuit Ball", un'ideale notte bianca gay, con i locali gay e lesbici della città riuniti in una sorta staffetta tra loro per dare vita ad un'unica grande festa che terminerà domenica sera.

www.pridemilano.org

Giovedì, 21 Giugno, 2007 - 12:43

Ritorna il caso Pasolini. un omicidio politico?

Riporto un dossier, ripreso dalla redazione di Gay.tv, che testimonia ancora un caso tutto aperto, dalle tinte fortemente grige e offuscate dalla perduranza di insabbiamenti e depistaggi in un crimine compiutosi 32 anni fa, ma ancora talmente attuale, in quanto ancora ignoto nelle sue cause. Indizi confermano, da più parti sollevati, il carattere politico dell'omicidio, alla luce di rivelazioni che il grande poeta, che Quasimodo nella sua elegia funebre, tenuta ai funerali di Pierpaolo, disse esserci solo uno ogni secolo, forse lui era quell'unico nel Novecento, fece sulla stampa e nei suoi scritti, le sue lettere, oggi fonte di ispirazione teatrale e cinematografica di elevata qualità, di condanna e di denuncia di immoralità dilagante e di malcostume che conduceva a un totalitarismo in quanto assenza di una coscienza e consapevolezza civica della cittadinanza, offuscata dalla prevaricazione mediatica e sociale del potere, occulto e prevaricante. Il sindaco di Roma Walter Veltroni parla giustamente di rotorno di un clima di ipocrisia e di depistaggio, soprattutto alla luce della testimonianza di Pelosi nel 2005, su un fatto che necessariamente deve essere chiarito se si vuole proseguire nella difesa della democrazia e della trasparenza etica del nostro stato. Per non soccombere a quei poteri forti che fino a oggi hanno permesso insabbiamenti e distorsioni inaudite.

Buona lettura, nel ricordo di un uomo che oggi come oggi diventa contemporaneo e vitale nella sua capacità di analisi e di indignazione etica.

Alessandro Rizzo

CONTROINCHIESTA SULLA MORTE DI PASOLINI, VELTRONI VUOLE LA VERITA`

"Il fatto che le indagini non vengano riaperte alla luce della rivelazione fatta da Pelosi nel 2005, è sbalorditivo. È il segno che quel clima grigio che ha coperto e nascosto i fatti trent'anni fa, non è affatto passato".

Per tanti Pierpaolo Pasolini rimane il 'ricchione comunista' ucciso dal ragazzo di vita adescato per una sera. Ma non per tutti. Non per chi vede nella morte del poeta un omicidio politico. Tra questi il sindaco di Roma Walter Veltroni che aveva conosciuto Pasolini all’età di 14 anni quando l’intellettuale partecipava alle riunioni del liceo Tasso e manifestava con gli studenti contro la garrota e la pena di morte. 
Il motivo per cui Veltroni tiene molto a riaprire il caso sulla morte del poeta non riguarda solo la giustizia e la storia, ma la politica. "La fine di Pasolini fu uno degli spartiacque degli anni settanta che dal fermento e dalla creatività passarono all’odio e al sangue".
'Siamo tutti in pericolo' è il titolo che l’intellettuale suggerì per l’ultima intervista rilasciata a Furio Colombo prima di morire. Pasolini era un personaggio scomodo, espulso per indegnità morale dal partito comunista, al momento della morte stava scrivendo 'Petrolio' in cui le sue accuse al sistema erano collegate al caso Mattei. Poi ci sono le prove. "Pelosi fu l'esca, non il carnefice" spiega Veltroni. Pierpaolo morì in una pozza di sangue e il suo presunto assassino non aveva neppure una macchia sul vestito chiaro mentre tracce di sangue che non appartenevano né a Pasolini né a Pelosi furono rinvenute all’interno dell’auto. "È palese che si è trattato di un delitto di gruppo, e premeditato" conclude Borgna, l’assessore alla cultura di Roma.
Dopo le dichiarazioni di Pelosi del 2005 – a uccidere sarebbe stato un gruppo che avrebbe minacciato di morte lui e i suoi genitori se avesse parlato – il Comune di Roma, per volontà di Veltroni e di Borgna, si è costituito parte offesa. E quando il caso è stato subito richiuso, il Comune ha affidato al senatore e avvocato Guido Calvi una controindagine. Ora è pressoché conclusa e sarà depositata in procura per chiedere una nuova inchiesta e un vero processo. Stesso scopo la raccolta di firme di letterati di tutto il mondo presentata all'Auditorium da Borgna insieme ad Andrea Camilleri, Mario Martone, Dacia Maraini e Carla Benedetti. 'Appello Pasolini' conta ormai un migliaio di firme. Da Luca Ronconi a Carlo Lucarelli, Gabriele Salvatores, Giuseppe Bertolucci e anche persone che non ci sono più come Enzo Siciliano. In Argentina il critico Esteban Nicotra ha raccolto 143 sì di intellettuali del suo paese, in Francia si è mobilitati Bernard Henri-Lévy e il testo circola anche in Spagna e Germania.
"Perché – dice Dacia Maraini – non si può continuare a fare domande senza avere risposte; questo accade nelle dittature non in democrazia. Mi viene il dubbio che il fatto che Pier Paolo fosse omosessuale e di sinistra crei ancora resistenze di gomma; noi però resistiamo con la tenacia degli innocenti".

Giovedì, 21 Giugno, 2007 - 08:49

GRANDI SERATE MUSICALI (?) AL CAM OLMI

Ricorderete, la distribuzione pronta e veloce avvenuta da parte del Consiglio di Zona 7 nel periodo natalizio dello scorso anno, del considerevole  gruzzolo di 64.000 frutto di  "avanzi di bilancio” 2006 e destinati a Fondi MAAP.

Tale cifra andò a finanziare, insieme a qualche (poche) attività meritevoli e ai soliti noti, per la parte più importante tre concerti che si tennero al CAM organizzati dalla Vip Agency sas.
Questi concerti a cui ovviamente si accedeva “agratis” (come diceva mio nonno, anche se mio nonno diceva anche “agratis ghè nient”, infatti i cittadini avevano già pagato prima), peraltro mi dicono molto partecipati,  videro la partecipazione dei seguenti artisti:
Gli Homo Sapiens – Il Duo musicale: “Alex Zitelli” e il sosia di “Elvis Presley” – Michele.

Nel Consiglio di Zona di Lunedì 18 arriva una proposta di delibera pomposamente denominata “Programmazione della commissione Polo Multifunzionale Zonale” in cui tra tante belle parole vi si trova scritto:
  • “realizzazione di due iniziative di spettacoli musicali da individuarsi tra quelli proposti dalla Società Vip Agency Sas ….nel periodo settembre/dicembre 2007”
  • “la Vip Agency Sas ha chiesto un finanziamento per lo svolgimento del progetto pari ad euro 10.000”
  • “ la Vip Agency Sas ha richiesto l’uso a titolo gratuito degli spazi…..” (CAM Olmi, ndr)
Tutte le richieste comparivano poi nel deliberato da votare.
Premesso che per altre iniziative che il Consiglio di Zona approva, anche per Associazioni Zonali, quando si vuole, si fanno le pulci su tutte le specifiche  voce per voce e si tira (anche giustamente) sul 100 euro.
In questo caso si approvano due spettacoli musicali (quali?) che si terranno (quando?); mi permetto di fare qualche considerazione:
  • questa vi sembra una programmazione, si ratificano le proposte arrivate da  un’agenzia e gli si dice di farle quando vuole, non c’è che dire un committente con i fiocchi
  • qual’è la funzione propositiva della Commissione e del Consiglio di Zona, rivolgersi a un’agenzia, picchiare lì 10.000 euro (ricordate sempre soldi di tutti i cittadini) e il lavoro è fatto
  • la Vip Agency Sas anche quest’anno prende una bella quota (niente di male ovviamente, è il loro lavoro) 
  • ma soprattutto, chi ci cucchiamo questa volta??
Come opposizione, per quello che potevamo fare abbiamo presentato degli emendamenti, poi, in ultima analisi, vedendo che erano presenti in aula solo 20 consiglieri della maggioranza abbiamo tentato di far mancare il numero legale (21); questa volta abbiamo sbagliato: c’era un consigliere in giardino, è stato prontamente richiamato e graniticamente è stata approvata la delibera 21 presenti/ 21 voti favorevoli.
Cordiali saluti
Ivano Grioni

Mercoledì, 20 Giugno, 2007 - 12:53

Capitalismo: locuste o formiche

Capitalismo: locuste o formiche 

Quale governo, quale etica dell’economia?

PALAZZO MEZZANOTTE

BORSA ITALIANA
Piazza degli Affari, 6
Milano
Rifondazione Comunista 22 Giugno 2007

Programma dei lavoriOre 9.00 Registrazione partecipantiOre 9.30Saluto di Filippo Penati
Presidente Provincia di MilanoOre 9.45Introduzione Maurizio Zipponi
Responsabile Economia e Lavoro PRCOre 10.00Oscar Marchisio / Sociologo
Andrea Di Stefano / Direttore di Valori
Andrea Ricci / Commissione Bilancio della Camera
Gianni Rinaldini / Segreterio nazionale FIOM
Sergio Cusani / Banca della Solidarietà
Sabina Siniscalchi / Fondazione Banca Etica
Bruno Casati / Assessore Lavoro Provincia di Milano
Mario Agostinelli / Consigliere Regionale
Emilio Molinari / Contratto mondiale per l'acqua
Walter Ganapini / Presidente di Greenpeace Italia
Lorenzo Sacconi / Direttore di EconoMetica
Franco Giordano / Segreterio nazionale PRCOre 13.00Pausa e buffet
Ore 14.00Conduce Bruno Perini / Giornalista Sole 24 ore
Alfonso Gianni / Sottosegretario Ministero Sviluppo Economico
Paolo Scaroni / Amm.Delegato ENI
Renzo Capra / Presidente ASM Brescia
Mario Boselli / Presidente Camera della Moda
Pier Francesco Guarguaglini / Pres. Finmeccanica
Carlo E. Ottaviani / Vice Pres. STMicroelectronics
Domenico Arcuri / Amm.Delegato Sviluppo Italia
Ore 16.30Tavola rotonda:
Quale governo, quale etica dell’economia?
Conducono:
Maurizio Zipponi
Massimo Mucchetti
/ Vicedirettore Corriere della Sera

Fausto Bertinotti
Presidente della Camera
Pierluigi Bersani
Ministro dello Sviluppo Economico

* Saranno presenti i capigruppo della Camera e del Senato
Gennaro Migliore e Giovanni Russo Spena

...
212 213 214 215 216 217 218 219 220
...
RSS feed