.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 129 ospiti collegati

.: Eventi

« Giugno 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Mercoledì, 29 Aprile, 2009 - 18:17

Combattere l’omofobia. Sulla propria pelle

In occasione delle iniziative Arcigay per la Giornata Internazionale Contro l’Omofobia, il Progetto Benessere Cassero dell’Arcigay di Bologna propone sabato 9 e domenica 10 maggio 2009 e ancora sabato 16 e domenica 17 maggio 2009 il laboratorio di gruppo LGBT (lesbiche, gay, bisessuali, transgender) sull’identità ARCOBALENI.
ARCOBALENI, già realizzato nel novembre 2008, è un laboratorio esperienziale, che propone attività di interazione con l’altro e momenti di condivisione che mettono in gioco in maniera intensiva e originale le proprie emozioni ed il proprio vissuto in quanto persone LGBT. Rappresenta un’occasione di relazione differente e uno spazio di scoperta e indagine di ciò che induce ciascuna persona LGBT ad interiorizzare inconsciamente processi culturali e sociali omofobi.
Da 5 anni la Giornata Mondiale Contro l’Omofobia celebra con iniziative diversificate l’esclusione dell’omosessualità dall’elenco delle malattie, avvenuta il 17 maggio 1990, e ribadisce che ogni orientamento sessuale è una possibile variante naturale della nostra identità. Purtroppo in un Paese dove la cultura è intrisa di tradizionalismo bigotto ed eterosessista, subiamo l’omofobia diffusa nei media e nella politica, nel linguaggio e nella scuola, e la interiorizziamo. ARCOBALENI nasce dalla voglia delle persone LGBT di riappropriarsi della propria vita in modo affermativo, di nutrire la propria autostima attraverso la relazione con l’altro, di combattere il pregiudizio che viviamo sulla nostra pelle.
“Vogliamo proporre ai e alle partecipanti un’esperienza ricca, che scava in profondità” – racconta il dott. Emanuele Pullega, formatore e conduttore del laboratorio – “il coming out infatti non esaurisce il processo di piena accettazione di sé e di visibilità con gli altri, specie in questa società sempre più conservatrice e meno rispettosa delle specificità di chi non è come ‘tutti gli altri’, una società che discrimina in forme sottili e non, che ti picchia per strada, che ti insulta se baci il tuo partner, che non accetta che due persone dello stesso sesso possano amarsi, sposarsi, costruire una famiglia e crescere figli.”
Per approfondimenti e informazioni sulle iscrizioni:

ARCOBALENI - Laboratorio LGBT sull’identità
9-10 maggio - 16-17 maggio 2009
http://www.cassero.it/show.php?1504
Telefono 339.5775280
ingruppo@cassero.it

fonte: http://www.arcigay.it/arcobaleni-combattere-omofobia-sulla-propria-pelle

Mercoledì, 29 Aprile, 2009 - 17:10

Al via la III Rassegna di Teatro Omosessuale

A partire dal 4 maggio debutta a Teatro Libero Liberi Amori Possibili, rassegna di teatro omosessuale che dopo un primo anno di sperimentazione, un secondo anno ricco di soddisfazioni, attenzione di pubblico e dei media, è giunta ormai alla sua terza edizione.
Per l'occasione, il 29 aprile alle ore 11.30 presso lo spazio Kinesis di via Savona 45 si terrà la conferenza stampa di presentazione dell'evento.
La manifestazione artistica, di circa 2 settimane, propone un programma di 9 spettacoli al fine di introdurre un confronto sul tema dell'omosessualità.
Quale modo migliore dell'arte e di tutto ciò che concerne lo spettacolo dal vivo per parlare di omosessualità senza tabù e aprirsi a nuove prospettive lasciando da parte pregiudizi e paure?
Un progetto che nasce da un desiderio civile e culturale di presentare, attraverso questi spettacoli, i diversi aspetti dell'omosessualità, il rapporto uomo-uomo, quello donna-donna, il transgender, la bisessualità considerando la pièce teatrale come immediato spunto di riflessione. Un approccio inconsueto ma quanto mai vivace e stimolante a testi e situazioni che prendono in esame le tensioni, i risvolti affettivi e la condizione omosessuale alla luce dei più recenti modelli scenico-letterari.
Un'iniziativa che vuole essere una risposta concreta alla necessità di dare voce anche alle minoranze sociali con tutta la forza culturale che il teatro è in grado di offrire.
Questo appuntamento annuale crede nella convinzione che l'arte non regoli le ingiustizie e le discriminazioni, ma che abbia almeno il merito di denunciarle e mostrarle.
Nostro scopo è creare uno spazio che possa dare rilevanza a problematiche spesso sottovalutate o ritenute inadeguate per il palcoscenico e per il pubblico teatrale, dando anche un eccellente contributo per dare nuove opportunità ad un genere di teatro che spesso incontra difficoltà distributive.

Questa esperienza è nata sul modello di quanto accade da diversi anni negli Usa e a Dublino, ma anche in evidente concomitanza con il Théâtre Côté Cour di Parigi, ugualmente alla sua prima esperienza nella stagione 06/07. Anche a Milano ha ottenuto grande successo il Festival di Cinema Gay-lesbo presentato a settembre 2006, per la prima volta in una prestigiosa sede istituzionale, come il Teatro Strehler.

Desideriamo che anche Milano, come Roma già da tempo con la manifestazione “Garofano Verde – Scenari di teatro omosessuale”, collaudata esperienza con il sostegno istituzionale dell’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Roma, possa diventare sede di un diffondersi necessario di poetiche e di modelli di teatro che non si rivolgano nello specifico ad “una” comunità ma a tutta la comunità umana di un paese.
Perché le barriere, i pregiudizi, i distinguo e i moralismi ideologico-religiosi lascino spazio al dialogo, alla comprensione, a una serena e cosciente unica appartenenza... magari attraverso un’inquietudine, un’intuizione teatrale.
In stretta collaborazione con le maggiori associazioni omosessuali, tra cui l'Arcigay, in particolare il C.I.G. (Comitato Provinciale Arcigay Milano), l'Arcilesbica, che ci hanno ampiamente sostenuto già dallo scorso anno, le istituzioni, in primis la Provincia di Milano che ha concesso il Patrocinio in tutte le edizioni.
Di grande aiuto anche la partnership con Milk, Capogiro e Pier Pour Hom che grazie al loro elevato numero di soci e allo specifico inserimento nell'area GLBT, ci permettono di entrare in contatto con numerosi interlocutori.

L'edizione 2009 è supportata per tutta la comunicazione dall'agenzia 6x6 adv. Agenzia di pubblicità molto nota nell'area GLBT, per avere creato campagne e appoggiato numerose iniziative. Questo per sottolineare la volontà di crescita della rassegna stessa che punta ad avere una immagine professionale, riconosciuta e
ben inserita nel suo contesto.

La selezione degli spettacoli è avvenuta durante l'anno 2008. Già a dicembre ci erano stati sottoposti una settantina di titoli. A febbraio 2009 la rosa si è stretta su 20 titoli per poi arrivare alla scelta definitiva.

Questo il programma dettagliato:

● 4 maggio
Millelire presenta “Sono diventato etero!” di Lorenzo De Feo, regia di Lorenzo De Feo, con Alessandro Cassoni, Susanna Cantelmo e Antonio Lupi;

● 5 maggio
La Città Invisibile presenta “Lo specchio dell'amore” tratto dall'opera di Alan Moore e José Villarrubia, regia di Tobia Rossi, con Elena Forlino, Monica Massone e Andrea Nerguzzo;

● 6 maggio
Skenè presenta “Oberon” di Ugo Chiti , regia di Nanny Schifino, con Federica Capuano, Livia Trama, Nanny Schifino e Giovanni Scura, coreografie di Ricky Bonavita;

● 7 maggio
Zauberteatro e NoirDesir.it presentano “Attrazione dell'abisso” di Massimo Stinco, regia di Massimo Stinco, con Massimo Stinco, Niccolò Gaggio, Dejan Djordjevic, Jacopo Bartaloni e Cesare Mascitelli;

● 8 maggio
Beat 72 presenta “Sotto il convento... niente!” di Flavio Mazzini, regia di Marco Medelin, con Angelo Curci, Stefano De Santis, Giuliana Di Marco, Fabrizio Foligno, Riccardo Laurina e Silvana Spina;

● 9 maggio
Piccolo Teatro Campo d'Arte e Diverbia et Cantica presentano “Le luci di Laramie” di Moises
Kaufman, regia di Gianluca Ferrato, con Gabriele Colferai, Annabella Calabrese, Monica Maroncelli Cerquitelli, Gianpiero Pumo, Guido Saudelli, Igor Petrotto, Imma Dante e Valentina Chisci;

● 10 maggio
Quinta Tinta presenta “Benzina” di Daniele Falleri, regia di Roberto Zunino, con Laura Renaldo, Lia Lopomo, Simona Guandalini e Roberto Zunino;

● 11 maggio
Spazi Vuoti presenta “Anch'io come te” di Gianluca De Col, regia di Marta Arosio, con Sara Corso, Denis Michallet, Lorenzo Piccolo e Laura Pozone;

● 12 maggio
Decimopianeta e I Teatrini presentano “12 baci sulla bocca” di Mario Geraldi , regia di Giuseppe Miale di Mauro, con Francesco Di Leva, Stefano Meglio e Andrea Vellotti.

Fonte: Ufficio Stampa del Teatro Libero Milano

Martedì, 28 Aprile, 2009 - 19:43

IO: immigrazioni e omosessualità

IO: immigrazioni e omosessualità

http://migrantilgbt.arcigay.it/

In Italia l’immigrazione è un fenomeno recente che tuttavia sta raggiungendo percentuali simili a quelle di Paesi con una più lunga storia d’immigrazione. Mentre inizialmente i migranti erano soprattutto maschi con un progetto migratorio a breve termine, ora le comunità straniere sono rappresentate sempre più da famiglie che arrivano col progetto di inserirsi e costruirsi un futuro in Italia.
All’interno di queste comunità, vi sono sempre più persone omosessuali e transessuali, portatrici di bisogni specifici sia rispetto alle comunità etniche di riferimento, sia rispetto alla più ampia comunità lesbica, gay, bisessuale e transgender (LGBT) italiana.
I migranti LGBT incontrano sul loro percorso di integrazione ostacoli specifici che si aggiungono a quelli normalmente sperimentati dagli stranieri. In particolare i servizi rivolti ai migranti sono progettati e forniti senza considerare la dimensione dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere. Questo limita l’efficacia della relazione operatore-utente, diminuisce l’incisività di alcuni interventi (per esempio nel supporto e nell’orientamento) e può addirittura dimostrarsi controproducente (come le campagne sanitarie per la prevenzione delle malattie a trasmissione sessuale, pensate per stranieri ma che non fanno menzione delle possibilità di contagio tra persone dello stesso sesso).
Dall’altro lato i servizi forniti dalla comunità LGBT sono fortemente collegati al modello culturale di uomo-gay e donna-lesbica occidentali, modelli in cui molti migranti con comportamenti omosessuali non si riconoscono. L’esperienza ha provato che i servizi di informazione, di supporto o di counselling forniti dalle organizzazioni LGBT possono quindi non essere efficaci per i migranti con comportamenti omosessuali.
Infine, una delle principali risorse di informazioni, orientamento e supporto per gli stranieri sono le reti informali interne alle comunità migranti. A causa dei tabù verso i temi dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere, molti migranti LGBT non possono contare sulla propria comunità di origine per risolvere determinati problemi o trovare supporto.

In questo sito potrete trovare informazioni utili su immigrazioni e omosessualità (legislazione e giurisprudenza, notizie dal mondo), contatti, risorse utili e le pubblicazioni collegate al progetto “Nuovi approcci nel campo dell’integrazione dei migranti residenti in Italia: l’aiuto ai migranti lesbiche, gay, bisessuali e transessuali (LGBT)” realizzato con un contributo del Ministero della Solidarietà Sociale ai sensi della Legge n° 383/2000 - art. 12 - lett. D.

in allegato il documento "ESSERE MIGRANTI OMOSESSUALI OGGI IN ITALIA"
leggilo scaricandolo dal seguente link

http://migra.arcigay.it/sites/migra.arcigay.it/files/Definitivo%20-%20report%20completo%20marzo%2009.pdf

Martedì, 28 Aprile, 2009 - 16:03

Mi candido alle elezioni Provinciali: Collegio 4

Sono candidato alle elezioni provinciali per la Lista Un'Altra Provincia - Massimo Gatti Presidente. Sono candidato nel collegio 4 di Milano, Porta Vittoria, Molise, Calvairate, Porta Romana. Sono candidato in una lista civica, di alternativa, di movimento, di opposizione, di SINISTRA. Ho scelto di candidarmi perchè credo sia importante dare spazio a un pensiero critico e altro, alto, a un'omologazione che vuole premettere l'economia e lo stato di mercato all'iniziativa politica. Quando si parla di primato della politica si parla di supremazia dell'interesse collettivo rispetto agli interessi individuali, soggettivi. Oggi sussiste l'esigenza di costruire una democrazia della partecipazione, quella che nasce nell'Antica Grecia della polis, della politica intesa come "politeia", ossia attiviarsi per la polis, per il benessere collettivo, comune. Temo in derive populiste, in derive della società massivamente intesa propendenti per due estremi comportamentali: una cinica, qualunquista, quella generata da un senso generale di abbandonismo disilluso e deludente, l'altra di stampo propagandistico, che vede la strumentalizzazione ideologica come forma di attribuzione di consenso sociale omologante utilizzabile per "legittimare" poteri e potentati.
In Provincia è giunto il momento di affermare percorsi dialettici non minimalisti ma costitutivi di prospettive di cambiamento di un governo del territorio spesso asservito alle logiche lobbiste economiche e finanziarie. Credo sia occasione di affermare che esiste un'altra mobilità sostenibile, in quanto eco compatibile, in quanto umanamente compatibile, senza uno sviluppismo che asservisce il territorio a una politica di aggressione cementificatrice, una politica accondiscendente gli interessi e gli appetiti edilizi, una politica che vede nell'estensione delle arterie viabilistiche private, strade statali, tangenziali, le priorità di una mobilità inquinante e devastante. La Provincia ha una ricchezza idrica senza precedenti: sono presenti torrenti, fiumi, canali d'acqua, che potrebbero, oltre alle vie ferroviarie, diventare canali primari di trasporto pubblico e di mobilità. La provincia ha una ricchezza territoriale fondamentale che vede nel patrimonio cascinale un'alternativa alla crisi economica e finanaizaria e un investimento in un'economia di alternativa, agricola, delle origini, campestre, bucolica, ma potenzialmente altamente produttiva e funzionale per la Provincia stessa.
La necessità di creare dinamiche politiche che presentino piattaforme di dialogo interetnico, sviluppando il confronto culturale, etnico, religioso, in una società multiculturale ricca e unica a garantire uno sviluppo progressivo della società, democratico, civile, civico, umano, moderno.
Esiste la necessità di adottare iniziative che diano sviluppo e voce alle alternative culturali, investendo sulle giovani proposte innovative artistiche, intellettuali e intellettive, tecnologiche, i saperi diffusi che siano universalmente accessibili, adottabili. Ocorre dare fiducia alle nuove generazioni che in campo artistico si affermano con movimenti intellettuali di grande rilevanza, e dare a loro l'autonomia necessaria che dia una prospettiva utile e funzionale a cambiare un panorama asfitttico e spesso autoreferenziale italiano, nostrano.
La laicità, i diritti civili possono occupare un rilevante peso nel programma di alternativa per un'Altra Provincia, necessair in quanto possibile, possibile in quanto necessaria: l'estensione dei diritti umani, a prescindere, come cita l'articolo 3 della nostra Costituzione Repubblicana, da appartenenze non solo redditizie e sociali, ma anche culturali, sessuali, religiose, etniche, politiche ideali. Penso anche alla liertà di scelta che può trovare nella Provincia la costituzione di un registro per chi decida di optare per il Testamento Biologico, ponendo fine a chi strumentalizza la vita per motivi ideologici e conservativi, con un'affermazione del principio di autodeterminazione personale e umana, civica, civile, ma soprattutto della dignità dell'essere umano. Il principio del trattamento sanitario che non può, nè deve essere imposto, eccetto casi particolari di infermità mentale, deve essere tutelato sopra ogni cosa in campo sanitario: ed è per questo che credo sia utile e necessario un progetto tutto provinciale.
Si deve dare riconoscimento alle coppie di fatto, sono tante e numerose, che non sono riconosciute nei diritti e nei doveri: le cosidette "convivenze affettive", in aumento nel territorio, non sono solo soggettività necessitanti di un riconoscimento civico, ma sono anche luoghi di condivisione di doveri e di necessità che non possono essere emarginati dalla legislazione ordinaria di un Paese aconfessionale e civile. La provincia potrebbe istituire dei registri, dato che Milano, il comune maggiormente rilevante, ha bocciato e respinto un simile progetto di alto valore.
Si deve affermare la pubblicità gestionale dell'acqua, bene inalienabile e vitale, essenziale, che non può diventare oggetto di transazione commerciale e mercantilistica.
Non possiamo, infine, anche in base al mio impegno istituzionale consiliare in zona 4, non prevedere una piattaforma della provincia che incentivi l'utilizzo delle nuove tecnologie, la e-partecipation, ossia un programma che assicuri una controllabilità e un rinnovato rapporto di rappresentatività diretto tra elettrice/elettore ed eletta/eletto, nell'ambito delle piattaforme wiki, della costruzione tramite il dialogo in rete di soluzioni condivise e complete, coerenti ed efficaci. Occorre sviluppare il diritto all'accesso alla rete, che non può essere appannaggio di alcuni ceti sociali, così come prevede una Direttiva varata dal parlamento Europeo: occorre sviluppare la rete gratuita, wireless, wifi, un collegamento senza fili che sia disponibile in luoghi e spazi pubblici.
Insieme è possibile cambiare la provincia, è possibile affermare diritti civili e sociali, di eguaglianza e di universalità, ambientali, ecologici, culturali, di accesso ai saperi diffusi. Una Provincia che inizi a dare attuazione alla Costituzione, impegno che come antifasciste e antifascisti ci siamo presi e che possa dare avvio a un percorso di democratizzazione progressiva del territorio partendo da una concezione metropolitana e attiva della cittadinanza.
Attendo vostri contributi, idee, proposte, perchè credo che questo percorso debba essere portato avanti solo se condiviso e se diventa rappresentativo delle molteplicità, di cui la nostra società transculturale è costituita.

Insieme possiamo farla

Alessandro Rizzo
Consigliere Lista Uniti con Dario Fo - Gruppo La Sinistra
Consiglio di Zona 4 Milano

gruppo su Facebook: http://www.facebook.com/group.php?gid=97916922221#/group.php?gid=97916922221&ref=mf

skype: curiel77

Venerdì, 24 Aprile, 2009 - 16:11

64° anniversario della Liberazione

Decine di migliaia di manifestazioni celebrano quest'anno il 64° anniversario della Liberazione.  
L'ANPI insieme all'Unione degli studenti e in collaborazione con lo SPI lancia una grande iniziativa antifascista in tutte le scuole: "Nella settimana del 25 aprile promuoviamo e sosteniamo iniziative e assemblee nelle scuole e nelle nostre città che abbiano al centro la riscoperta e la riaffermazione dei valori dell’antifascismo. Chiediamo a tutte le scuole, ai comitati studenteschi, ai collettivi, ai Consigli d’Istituto, alle Consulte degli Studenti di produrre un ordine del giorno dove si proclamino antifascisti, antirazzisti e antisessisti, contro ogni omofobia e xenofobia ora e sempre".
Intenso calendario di impegni del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, per la celebrazione del 25 aprile.
  • Il 23 aprile a Forno di Coazze il Capo dello Stato partecipa alla commemorazione, all’Ossario e alla Fossa Comune, dei partigiani caduti nella lotta di Liberazione nel 65° anniversario del rastrellamento nazifascista del maggio ’44 che causò molte vittime anche tra la popolazione.
  • Il 24 aprile al Palazzo del Quirinale il Presidente incontra le Associazioni combattentistiche e d’Arma. Nel corso della cerimonia saranno consegnate le Medaglie d’Oro al Merito Civile ai Gonfaloni delle Province di Genova e di Forlì-Cesena.
  • Il 25 aprile il Capo dello Stato, dopo aver deposto a Roma una corona d’alloro al sacello del Milite Ignoto all’Altare della Patria, si recherà al Sacrario militare di Monte Lungo dove sono raccolte le salme di 974 caduti tra il 1943 e il 1945 provenienti dai vari cimiteri di guerra. Il Capo dello Stato renderà qui simbolicamente omaggio al sacrificio di tutti i caduti per la Liberazione dell’Italia.
A Milano si terrà una grande manifestazione nazionale, con un corteo che muoverà alle 14,45 dai Bastioni di Porta Venezia per concludersi in piazza del Duomo, dove si terranno i comizi conclusivi. Parleranno, tra gli altri, il segretario generale della CGIL Guglielmo Epifani e il Presidente emerito della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro. Il programma dettagliato delle celebrazioni milanesi.
Appello dell'ANPI:
Dobbiamo difendere la Costituzione, 
bussola della democrazia, 
e pretenderne l’attuazione.
Nell'impossibilità di dare conto compiutamente di tutte le iniziative, ci limitiamo a qualche segnalazione:
  • Londra. Il neonato Circolo ANPI di Londra organizza presso la sede dell'INCA-CGIL (124 Canonbury Road N1 UT Londra) domenica 25 aprile la proiezione del film "Senza tregua". A seguire dibattito e rinfresco a basi di salumi,formaggi e vini italiani. Volantino
  • Praga. Il 24 aprile manifestazione dell'ANPI e dell'Istituto Italiano di Cultura. Programma.
  • Abruzzo. Le celebrazioni del primo 25 aprile dopo il terremoto.
  • Alessandria. Informazioni sul 25 aprile nella provincia nel sito dell'ISRAL.
  • Alghero. 24 e 25 aprile, due giornale all'insegna dell'antifascismo. Locandina.
  • Ancona.
    • Ad Arcevia il 25 Aprile quarta edizione del Laboratorio a cielo aperto "Scriviamo la Liberazione". Programma.
    • A Osimo incontri nelle scuole e consegna dei premi "Fabrizi". Il programma.
  • Bergamo.
    • "Settimana resistente" a Grumello del Monte.
    • Caravaggio. Il 26 aprile commemorazione dei 4 partigiani uccisi nel marzo 1945.
    • Casazza,  il 17 aprile 2009 alle 21, presso la Sala Consigliare, si svolgerà un dibattito su “la Resistenza e la montagna. Radici della nostra Costituzione"; domenica 26 aprile 2009 gita, lungo lungo i sentieri di montagna, sino al Monumento ai Partigiani.
    • Gandino. Dal 22 al 25 aprile un ricco programma di iniziative.
  • Biella, giovedì 30 aprile 2009, ore 21, sala conferenze Museo del Territorio, via Quintino Sella, presentazione del volume Razza partigiana. Storia di Giorgio Marincola (1923-1945), di Carlo Costa e Lorenzo Teodonio, alla presenza degli autori.
  • Bologna. Incontri, spettacoli, manifestazioni nel ricordo della Resistenza e nel nome della Costituzione democratica. Il programma.
  • Bolzano.  Il 25 Aprile corteo di auto per depositare corone di alloro in luoghi simbolo della Resistenza e in particolari alle lapidi che ricordano i caduti e al muro dell'ex campo di concentramento di via Resia.
    • il 21 aprile alle 17 la Biblioteca provinciale italiana Claudia Augusta, via Mendola 5 in collaborazione con il Circolo Culturale ANPI di Bolzano presenta I nonni raccontano. Come vivevamo la nostra giovinezza nel 1943, di Silvia Garroni e Paolo Moruzzi.
    • Il 22 aprile alle 11 in piazza Matteotti a Bolzano inaugurazione del busto a Giacomo Matteotti.
    • Bressanone, lunedì 20 aprile ore 18 presso il cimitero ricordo del partigiano sudtirolese Hans Egarter, Obman della Andreas Hoferbund.
  • Campobasso.
    • S. Giuliano di Puglia, 19 aprile. Anteprima del film-documentario sulla rivolta popolare a Sam Giuliani di Puglia  (CB) il 14 dicembre 1931. Locandina
  • Caserta, mercoledì 8 aprile 2009, ore 18, Teatro Comunale, Sala Convegni, anteprima del documentario "Liberatori/Liberati, tre storie italiane", a cura di Felicio Corvese, La mattina di giovedì 23 aprile il documentario sarà proiettato presso il teatro comunale di Caserta in una manifestazione pubblica alla quale parteciperanno le scuole.
  • Catania. Un appello ai migranti perché si uniscano agli antifascisti nelle manifestazioni del 64° della Liberazione dell'Italia dal nazifascismo.
    • 20 aprile, ore 19, presso l'auditorium del Monastero dei Benedettini, proiezione del fil "Giorni di Gloria" (1945). Locandina
    • 23 aprile 2009 pubblico incontro: "La Memoria è viva La storia non si cancella. Dalle lotte della Resistenza alla difesa dei Diritti Civili di oggi", contro la proposta di legge 1360. 
    • 25 aprile. Come ogni anno a si svolgerà il corteo della Liberazione, che muoverà alle 9,30 da piazza Stesicoro per concludersi in piazza Duomo.
  • Como. Martedì 21 aprile 2009 alle 11.00 conferenza stampa presso la sede dell'Istituto di Storia Contemporanea in via Brambilla 39, per la presentazione della prima Mappa della memoria 1943-1945 pubblicata dall'Istituto.
    • Bulgarograsso. Venerdì 24 aprile alle 21 presso la Sala Civica del Comune “Donne e Resistenza nel Comasco”, intervento di Roberta Cairoli, autrice del libro Nessuno mi ha fermata. Antifascismo e Resistenza nell'esperienza delle donne del Comasco (1922-1945), organizzato dall'Istituto Perretta con l'Amministrazione comunale.
    • Erba. il 25 aprile Festa della Liberazione in piazza Mercato. Volantino.
  • Cremona. Giovedì 23 aprile alle ore 11 nella sala incontri SpazioComune in Piazza Stradivari, 7 presentazione del cofanetto audiovisivo (3 DVD ed un CD) dal titolo “Il contributo dei Partigiani cremonesi alla guerra di liberazione nelle valli piemontesi. Po, fiume di libertà: dal Torrazzo al Colle del Lys” realizzato da ANPI Cremona in collaborazione con il sito www.welfarecremona.it 
  • Firenze. Le celebrazioni inizieranno il 25 aprile alle 10.15 al Monumento ai Caduti di tutte le guerre in largo Bargellini. Alle ore 10.30 in Piazza della Repubblica cerimonia dell’alzabandiera e quindi corteo per raggiungere Palazzo Vecchio dove, alle 11.00, si terranno le orazioni ufficiali del Sindaco, del Presidente della Federazione regionale delle associazioni antifasciste e della Resistenza. Alle 12,30 l'ANPI sarà in piazza con gli studenti: pranzo antifascista in piazza G. Poggi.
    • Il 25 aprile al Circolo di via Brozzi. Invito.
    • Bagno a Ripoli, 24 aprile. Deposizione di corone alle lapidi dei Caduti della Resistenza. Volantino.
    • A Empoli il Sindaco Luciana Cappelli inaugura le nuove sedi di ANPI, ANED, ANPPIA e ANCR in via Ridolfi 146. Le altre iniziative.
    • Fucecchio. Corteo, interventi e festa popolare il 25 aprile. Il programma.
    • Pontassieve. Il 24 e 25 aprile inaugurazione del nuovo "Sentiero  della memoria" Podernovo - Berceto - Pievecchia.. Programma - Tracciato del sentiero.
  • Foggia. 23 aprile, presso l'Università convegno organizzato dalla CGIL sul tema: "Attualità della Costituzione e dell'Antifascismo". Locandina.
  • Genova. Mercoledì15 aprile - ore 9.00, Centro culturale “Il Tempietto” Via Carlo Rolando, 15 – Sampierdarena. Convegno su “Aprile 1945: per la conquista di libertà, democrazia, diritti. Aprile 2009: per la difesa di libertà, democrazia, diritti”. Invito.
    • Il calendario delle iniziative del Municipio IV - Media Val Bisagno.
    • Lavagna. Il 24 aprile "Il sogno partigiano", pensieri e cronache nei giorni della Resistenza. Locandina.
  • Grosseto. Il 25 Aprile dopo la deposizione di corone ai monumenti ai deportati e ai partigiani, alle 10,30 da Piazza De Maria partirà il corteo che si concluderà in Piazza Dante, dove si terranno i discorsi ufficiali.
  • La Spezia. Il 25 aprile alle10 inizio delle celebrazioni ufficiali presso il Monumento alla Resistenza nel giardini pubblici sul lungomare di viale Italia. In apertura alcune canzoni eseguite da Mattia Ringozzi.
    • Levanto. Sabato 25 aprile ore 9.30 commemorazione con deposizione di corona ai caduti e inaugurazione della lapide con i nomi dei caduti partigiani presso il comune piazza Cavour. 23-24 aprile, proiezione per le scuole medie e superiori del film-documentario autoprodotto Renato il Partigiano "Tigre", 26 aprile proiezione pubblica dello stesso film.
    • Sarzana, 19 aprile 2009. Camminata sui sentieri partigiani. Locandina
  • Lecco.
    • Dal 16 al 19 aprile quattro giorni su sentieri partigiani in Valsassina
  • Livorno.
    • Porto Azzurro. Dal 24 aprile mostra "l'Elba e la sua guerra". Presentazione il 25 alle 17. Locandina.
  • Lombardia. Altre informazioni sulle manifestazioni per il 25 aprile nella regione sul sito dell'ANPI Lombardia.
  • Lucca.
    • Viareggio. "Ancora fischia il vento", dal 24 al 26 aprile tre giorni di manifestazioni. Locandina.
  • Macerata.
    • Caldarola. Domenica 19 aprile 2009 dalle 9.30 alle 18.00, IV Marcia della memoria da Caldarola a Montalto: camminata di 8,5 km attraverso una zona che nel marzo del '44 fu segnata drammaticamente dall'eccidio di 34 ragazzi.
  • Massa Carrara.
  • Milano.
    • Il 20 aprile 2009 alle 21, presso il Salone Di Vittorio della Camera del lavoro di Milano, in Corso di Porta Vittoria 43,  spettacolo di Daniele Biacchessi: “Verso il 25 aprile: il paese della vergogna".
    • 22 aprile, ore 9. "Le suore e la Resistenza". E' questo il tema di un incontro a più voci organizzato dal centro culturale Ambrosianeum - in via delle Ore 3. Piccola ma significativa mostra di documenti originali dal 22 al 30 aprile 2009.
    • 22 aprile, ore 17,30, Spazio Teatro 89, via F.lli Zoia 89, inaugurazione della mostra "Gli schiavi di Hitler". La mostra rimarrà aperta fino al 30 aprile. Locandina.
    • 23 aprile, ore 17. Alla Biblioteca Braidense inaugurazione della mostra (visitabile fino al  20 maggio) "Domani avvenne", il 25 aprile attraverso la stampa periodica. Interviene Carlo Smuraglia. Locandina
    • 24 aprile. Il Teatro della Cooperativa replica eccezionalmente "Nome di battaglia Lia" e una "Biciclettata per Lia" nelle strade del quartiere.
    • 25 aprile. Alle 18, alla Camera del lavoro di Milano, in corso di Porta vittoria 43, mostra "Pace, lavoro e Libertà": nove quadri di Gabriele Mucchi e un bassorilievo di Genni del realismo post-bellico tra il 1945 e il 1955, con anticipazione del film-documento "Io dicevo la realtà". Interventi di Onorio Rosati, Guglielmo Epifani, Antonello Negri, Raffaele De Grada, Bruno Casati
    • 25 aprile, ore 19,30. Al centro sociale Barrio's di via Barona angolo via Boffalora inaugurazione della mostra multimediale di immagini, video, brani sonori del 25 aprile '45, in collaborazione con la Fondazione Isec. Presenta Luigi Borgomaneri. Volantino.
    • Le manifestazioni in Zona 2 - Crescenzago.
    • Il 25 aprile in Zona 6. Locandina.
    • 26 aprile. Nella sala di via Vallarsa 2, alle 16, proiezione del film Senza Tregua su Norina e Giovanni Pesce, e inaugurazione della mostra sulla Resistenza nel campo di Bolzano. Interviene Norina Brambilla Pesce. Locandina.
    • 28 aprile ­ Alle 21.00 al Circolo di Via De Amicis 17 la Fiap presenta il libro di Orazio Pizzigoni Avere Ragione. Lettera aperta a Giampaolo Pansa a proposito di resistenza, di guerra civile e altro.
    • Arese, mercoledì 22 aprile 2009 alle 10, presso lo Stabilimento dell’Alfa Romeo, si svolgerà la Celebrazione del 64° anniversario della Liberazione, con interventi di Ornella Micheloni e Antonio Pizzinato, Presidente ANPI Lombardia.
    • Cinisello Balsamo, 21 aprile 2009 ore 20,45, Villa Ghirlanda: "Capire la storia, conservare la memoria". Il programma. Le iniziative del 25 e 26 aprile.
    • Cusano Milanino. Tre giorni di incontri e spettacoli sul tena della Resistenza e della Costituzione: "Diritti, libertà, legalità". Il programma
    • Legnano. Due giorni di incontri, manifestazioni iniziative antifasciste.
    • San Giorgio su Legnano. Il programma delle manifestazioni sul nuovo blog dell'ANPI locale.
    • Senago domenica 26 aprile 2009 ore 21.00 Incontro con Moni Ovadia presso il Centro Giovani Erbamatta L’AB via Risorgimento, 47 sul tema "Le radici e le ali, il significato di liberazione da un regime totalitario" e presentazione del libro Memorie e Olocausto di Laura Tussi.
    • Sesto San Giovanni, 28 aprile ore 21. "Musica e poesia del 900 contro la guerra".
  • Modena
    • Nonantola sabato 4 aprile 2009, ore 15.30, Sala delle Colonne, mostra "Gli internati militari italiani nella seconda guerra mondiale". 
  • Napoli.
    • Venerdì 24 aprile 2009, ore 16, presso ICSR, via Costantino 25 presentazione del volume di Almerico Realfonzo I giardini rosminiani. Interverranno: il Sindaco di Napoli Rosa Russo Iervolino, Guido D’Agostino, Francesco Soverina, Almerico Realfonzo. Seguirà il film: Hotel Meina.
    • Sabato 25 aprile 2009, ore 09, ICSR, via Costantino 25. Apertura straordinaria sabato 25 e domenica 26 aprile del Museo Didattico Multimediale, strutturato in nove mostre fotografiche e documentaristiche sulla storia del Novecento, con percorsi specifici relativi al Fascismo, alle Leggi razziali, alle Quattro Giornate, alla Resistenza e alla nascita della Repubblica.
    • Castellammare di Stabia. Il programma delle celebrazioni.
    • Meta. Un ricco calendario di appuntamenti tra i quali spicca l'incontro con il regista Carlo Lizzani.
  • Novara.
    • Borgomanero-Cureggio-Maggiora. Il calendario delle manifestazioni.
    • Oleggio, 18 aprile. Inaugurazione dei grandi murales "Il cammino della libertà". Locandina.
    • Ovest Ticino. Il calendario delle proiezioni del cortometraggio "Divampò la favilla"
  • Nuoro. Dal 23 al 25 dibattiti, spettacoli e incontri coi partigiani. Locandina
  • Oristano, 25 aprile. Il programma predisposto dall'associazione no profit "D'altra parte".
  • Palermo. Il 25 aprile al Giardino Inglese, alle 9,30: “60 anni di Liberazione, di Costituzione e di Pace - Dalla Costituzione della Repubblica italiana alla Costituzione europea“, organizzata da Anpi, Fiap, Anpc, Divisione Aqui, Cgil, Cisl ed Uil della provincia.
  • Perugia.
    • Foligno, 25 aprile. La libertà di informazione al centro di un convegno di "Libera". Alle 21, in piazza della Repubblica, i Modena City Ramblers. Locandina
    • Marsciano, sabato 28 marzo 2009, ore 9,15 sala Aldo Capitini, Piazza degli Uffici. Il comune di Marsciano assieme all’Isuc, in occasione del 65° anniversario dell’uccisione da parte dei nazisti dei fratelli Ceci, organizzano la presentazione del volume di Angelo Bitti, La guerra ai civili in Umbria. Per un atlante delle stragi nazifasciste in Umbria, Foligno, Editoriale Umbra 2007. Interventi: Gianfranco Chiacchieroni, sindaco di Marsciano; Angelo Bitti, ricercatore Isuc.
    • Collecroce, 18 aprile, 10,30, ricordo delle vittime della strage di Collecroce, coi ragazzi delle scuole che hanno condotto una ricerca sulle vittime.
    • Colfiorito (Foligno), mercoledì 25 marzo 2009, ore 9,30, le Casermette. " Grammatiche della memoria". Laboratorio didattico sui documenti organizzato dall’Isuc rivolto agli studenti della Scuola secondaria di primo grado di Giano dell’Umbria. Introduzione e cordinamento di Dino Renato Nardelli.
    • Torgiano, 25 aprile. Alle 16,30 inaugurazione della lapide al magistrato patriota Luigi Severini.
  • Piacenza.
    • Il 9 aprile alle 21, alla presenza degli autori e dei figli di Giorgio Marincola, presentazione del libro di Carlo Costa e Lorenzo Teodonio Razza partigiana, biografia del partigiano Giorgio Marincola, deportato a Bolzano e caduto in uno degli ultimi scontri a fuoco coi tedeschi nei giorni della liberazione. Invito.
  • Prato. Visite guidate e nuovo sito Internet per il Museo della deportazione.
  • Reggio Emilia
    • mercoledì 22 aprile 2009, ore 16.30, Parco della Resistenza, Via Falcone (in caso di pioggia al Liceo magistrale), La Resistenza spiegata…ai giovani, incontro con lo scrittore, storico e saggista Alberto Cavaglion
    • venerdì 24 aprile 2009, ore 18.00 Caserma Zucchi, Viale Allegri, presentazione itinerante audioguida mp3 "Hai sentito che storia?"sui luoghi della Resistenza in centro storico.
    • sabato 25 aprile. Anna Finocchiaro, Moni Ovadia e Bandabardò alla Casa Cervi di Gattatico. Locandina
  • Rimini. Dal 4 al 25 aprile un fitto calendario di manifestazioni.
  • Domenica 19 aprile alle 16, presso la Sala degli Archi, in piazza Cavour 27 presentazione di Tempi a confronto. Una famiglia proletaria riminese nella tragedia del '900 (edizioni Chiamami Città, 2009) del partigiano riminese Ariodante Schiavoncini.
  • Roma. La manifestazione centrale nella Capitale si svolgerà come sempre alle 10 a Porta San Paolo.
  • Savona. Le manifestazioni in provincia di Savona.
    • Alassio. Il 25 aprile alle 14,30 il circolo Brixton organizza la "Festa popolare di resistenza" al Parco San Rocco sopra la stazione FFSS.
    • Le iniziative in Val Bormida.
  • Torino. Altre informazioni sul sito del Museo diffuso della Resistenza, della deportazione, della guerra, dei diritti e della Libertà.
    • Giovedì 9 aprile 2009, ore 17.  presso la sala conferenze Istoreto, ciclo di incontri "Le stagioni della memoria. Resistenze e politica nella scrittura delle donne": presentazione del volume "La pelliccia di agnello bianco. La gioventù d’azione nella Resistenza", di Marisa Sacco.
    • Giovedì 23 aprile 2009, ore 17  presentazione del volume "La bella politica. Resistenza, Noi donne, femminismo", di Marisa Ombra.
    • Martedì, 28 aprile 2009 ore 17, presentazione del volume "Con le armi e con la penna. Poesia clandestina della Resistenza", a cura di Marta Bonzanini.
    • Giovedì, 30 aprile 2009 ore 17, presentazione del volume "Pecore nere: racconti", di Gabriela Kuruvilla, Ingy Mubiayi, Igiaba Scego, Laila Wadia.
    • Giovedì 23 aprile 2009, ore 15:00 - Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza. Premiazione e proiezione delle migliori opere video partecipanti alla sesta edizione del Concorso "Filmare la storia", organizzato dall´Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza.
  • Toscana. Altre manifestazioni nella regione segnalate sul sito resistenzaitaliana.it.
  • Trento.
  • A Tonadico  Festival della Liberazione. Programma.
  • Treviso. Incontri e concerti nel nome della Resistenza e della Costituzione.
    •  Farra di Soligo. Presso l'Auditorium Santo Stefano presentazione della ricerca Percorsi della Resistenza nel Quartier del Piave e nella Vallata (1943-45). Locandina. La cartina della zona con i percorsi. Il dettaglio delle lapidi, dei monumenti, delle storie partigiane.
  • Trieste. Il 25 aprile appuntamento alle 11 alla Risiera.
  • Udine
    • Palazzolo dello Stella, sabato 18 aprile – Sala Consiliare del Municipio ore 16.00. Ricordo di Duilio Fabbro “Premoli”, partigiano. Presentazione del libro “Il Diario di Premoli” a cura di P. Visintin edito da Kappa-Vu.
    • Manzano. Mostra fotografica della Resistenza manzanese. Invito.
  • Venezia, 23 aprile alle 17 a Marghera convegno sugli scioperi del marzo 1944. Programma. Il 25 aprile, in campo S. Margherita, festa della Resistenza indetta da numerose organizzazioni antifasciste.
  • Vercelli.
    • Borgosesia, sabato 25 aprile 2009 - (Vc), Pro Loco, via Sesone, 8 Mostra " Con il cuore di allora. Borgosesiani nella Resistenza", a cura di Enrico Pagano. Inaugurazione: sabato 25 aprile, ore 10.15. Orari: dal 25 aprile al 10 maggio ore 16-18; 1 maggio ore 10-12 e 16-18; al mattino aperto per le scuole su prenotazione.
    • Varallo, mercoledì 15 aprile 2009, sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6. Partigiani a colori nelle diapositive di Carlo Buratti Varallo, 15 aprile - 15 maggio 2009. Mostra a cura di Alberto Lovatto, con le stampe delle diapositive a colori scattate da Carlo Buratti "Aspirina", tra il 1944 ed il 1945. Da lunedì a venerdì ore 9-13.
    • Varallo, venerdì 24 aprile 2009, ore 21, sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6, conferenza di Tiziano Ziglioli, collaboratore dell’Isrsc Bi-Vc, relativa al libro Il partigiano Johnny, di Beppe Fenoglio, con proiezione di brani dal film omonimo di Guido Chiesa. 
  • Viterbo.
    • Civitella d’Agliano, Domenica 26 aprile 2009, ore 17,00, alla Torre dei Monaldeschi inaugurazione di una mostra su Angelo Galafati, partigiano di "Stella Rossa" trucidato alle Ardeatine. Programma.
Venerdì, 24 Aprile, 2009 - 14:10

Aspettiamo il nostro 25 aprile

Migliaia di persone, liberi individui, di diverse idee politiche e svariate provenienze regionali, unite dagli ideali di libertà e dal desiderio di vivere in un Paese dove tutte le persone possono vivere con dignità la loro esistenza, senza il timore di essere discriminate, isolate o vittime di violenza per il solo fatto di non essere allineate con una norma prestabilita da un regime. Migliaia di donne e uomini, ma anche associazioni e gruppi, un movimento variegato dove ognuno cerca di combattere soprusi e pregiudizi, lottando spesso nell’ombra, vivendo i propri sentimenti senza poterli esprimere, talvolta dando la vita, vittime di un odio cieco e inumano.
È la storia della Resistenza italiana, che il 25 aprile festeggia il 64° anniversario della Liberazione dal nazifascismo.
Ma è anche la storia, ancora senza un lieto fine della comunità lesbica, gay, bisessuale e transgender italiana, senza dignità per i propri amori, senza diritti per gli individui, senza tutele da una violenza che lascia sul campo ancora molte vittime dell’odio omofobico.

Arcigay vuole unirsi all’Italia laica, civile e inclusiva che ricorda questa tappa fondamentale del proprio percorso di libertà ed auspica che anche per la nuova Resistenza delle persone LGBT ci possa essere un giorno un 25 aprile.

Arcigay vuole unirsi all’Italia laica, civile e inclusiva che ricorda questa tappa fondamentale del proprio percorso di libertà ed auspica che anche per la nuova Resistenza delle persone LGBT ci possa essere un giorno un 25 aprile.
Arcigay parteciperà alla Manifestazione nazionale di Milano in difesa della Costituzione, bussola della democrazia, (partenza corteo ore 14.30 dai Bastioni di Porta Venezia e conclusione in piazza Duomo), oltre a presenziare a tutte le celebrazioni territoriali della Festa della Liberazione, nelle città dove è presente.
A Bologna si terrà come ogni anno l'omaggio alla lapide – unica in Italia – che ricorda le persone LGBT perseguitate dalle leggi razziali e i caduti omosessuali nei lager nazisti. La celebrazione, inserita nel programma cittadino della Festa della Liberazione, si terrà sabato alle 12 nel giardino di Villa Cassarini a Porta Saragozza, con la partecipazione di rappresentanti dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, del Comune, di Arcigay, ArciLesbica e MIT.
Aurelio Mancuso, presidente nazionale Arcigay

Venerdì, 24 Aprile, 2009 - 14:09

IO si presenta alla Camera

Si tiene mercoledì 29 aprile 2009 a Roma a Palazzo Montecitorio, sede della Camera dei Deputati, la conferenza stampa di presentazione dei risultati del progetto “IO: Immigrazioni e Omosessualità: Nuovi approcci nel campo dell’integrazione dei migranti residenti in Italia: l’aiuto ai migranti lesbiche, gay, bisessuali e transessuali”, finanziato dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali.
Si tratta di un'importante occasione pubblica in una prestigiosa sede istituzionale, per diffondere una cultura di inclusione delle diverse identità e presentare gli strumenti realizzati dal progetto per offrire servizi concreti per il benessere, la tutela e la salute delle persone LGBT con retroterra di migrazione.
Tra questi strumenti vi sono due manuali per addetti del settore: Tracce per operatrici ed operatori di servizi rivolti a migranti e Tracce per volontarie e volontari di associazioni LGBT.
Ma vi è anche un pratica e tascabile brochure DIRITTI E SALUTE dedicata alle persone migranti contenente informazioni su protezione internazionale e salute. La brochure è stata stampata sinora in Inglese, Francese e Arabo, oltre che in Italiano, ma sarà presto pubblicata anche in Russo, Cinese, Rumeno e Spagnolo.
Questa breve guida è rivolta prevalentemente a persone extracomunitarie presenti in Italia che sono gay, lesbiche bisessuali e transessuali o, più in generale, che hanno rapporti con persone dello stesso sesso. In queste pagine si possono trovare alcune informazioni su due diritti fondamentali che l’Italia può garantire: il diritto di ottenere protezione (d'asilo) e il diritto alla salute.

Pubblichiamo qui sotto - scaricabile in PDF - in anteprima la brochure in Italiano.
Per scaricare tutti i documenti ed avere maggiori informazioni sul progetto:
http://migrantilgbt.arcigay.it/
migra@arcigay.it
***
Per scaricare tutti i documenti ed avere maggiori informazioni sul progetto:CONFERENZA STAMPA PROGETTO IO
Mercoledì 29 Aprile, ore 11.30
Palazzo Montecitorio, Sala del Mappamondo
Ingresso da Via della Missione 4, Roma
Introduce:
Onorevole Anna Paola Concia

Intervengono:
Aurelio Mancuso - Presidente nazionale Arcigay
Giorgio Dell’Amico - Coordinatore del progetto
Laura Pozzoli - Ricercatrice 
Occorre presentarsi muniti di un documento valido. Per poter essere ammessi bisogna accreditarsi, confermando entro lunedì 27 Aprile la propria presenza via e-mail a:
concia_a@camera.it oppure ufficiostampa@arcigay.it
Onorevole - Presidente nazionale Arcigay - Coordinatore del progetto - Ricercatrice 

Giovedì, 23 Aprile, 2009 - 16:22

Io sostengo Massimo Gatti Presidente

E' arrivato il momento di fare una scelta. In politica diverse volte ho fatto scelte, spesso anticipate da momenti di riflessione e dibattimento esterno, con altre persone, e interiore, domandandomi su alcune questioni di grande rilevanza e importanza, nodali per dirimere controversie e contraddizioni. Ora penso che questo momento sia giunto: ma fare questa scelta, in questa circostanza, non mi è risultato difficile.
Sostengo la coalizione che candiderà Massimo Gatti alla Presidenza della Provincia. E' una coalizione fatta da Rifondazione, i Comunisti Italiani e una Lista civica, Un'Altra provincia - Massimo Gatti Presidente, di cui da subito mi sono fatto promotore dando e garantendo il mio, seppure modesto, contributo politico, sia in termini progettuali, sia in termini organizzativi. Credo nei valori di solidarietà, della laicità, della giustizia civile, dell'ambientalismo, dell'ecologismo, dell'integrazione e del confronto tra le culture. Penso da tempo, ormai, che la stagione, lunga, antica, rispettabile, importante storicamente, della democrazia della delega sia ormai superata nella sua forma organizzativa e concettuale: occorre passare e trasformare il governo del territorio nel governo partecipato e condiviso, collegiale e collettivo.
Essere con la Lista Civica, Un'Altra Provincia, vuol dire sostenere un progetto culturale e politico di lungo periodo, un'esperienza che possa aprire politicamente un'unità progettuale per un'alternativa, che parta dal territorio, che sappia esprimere forme di rappresentatività rinnovata, che sappia essere voce di un'altra provincia, di un'alternativa posibile in quanto necessaria.
Non sostenere chi negli ultimi anni ha fatto del sicuritarismo, dell'aggressione al territorio, della politica dello sviluppo stradale, dell'acondiscendenza ad alcuni poteri forti presenti, della promozione delle società multiutilites come luoghi per affidare incarichi e ruoli, funzioni, non come spazi aperti di democrazia nelle scelte collegiali che riguardano la gestione pubblica di determinati beni di interesse collettivo. La sinistra non è stata ascoltata nell'ultima fase: la mancanza dell'approvazione di un Piano Territoriale adeguato sulla provincia è l'esempio dell'assenza e del fallimento nell'ambito dello sviluppo equilibrato e sostenibile della Provincia. E' il caso finale che ha giustamente portato all'uscita di Rifondazione dalla coalizione. Possiamo dire che per molti atti e progetti la presenza della Sinistra ha garantito un peso interno a una coalizione che avrebbe fatto del neoliberismo la propria identità programmatica.
E' un percorso nuovo che si apre verso una sinistra rinnovata, solidale, moderna, laica, sociale, alternativa, movimentista.

Alessandro Rizzo
Consigliere Lista Uniti con Dario Fo - Gruppo La Sinistra
Consiglio di Zona 4 Milano

Giovedì, 23 Aprile, 2009 - 15:25

Interrogazioni presentate in consiglio di zona il 23 aprile

Milano, 23 aprile 2009

 
Alla c.a della Commissione Salute del Comune di Milano;
della Commissione Politiche Sociali del Consiglio Comunale di Milano;
dell’Assessorato alla Salute del Comune di Milano;
dell’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Milano;
della Commissione Servizi Sociali del Consiglio di Zona 4 di Milano
 
Interrogazione in merito alla riunione di Commissione Consiliare Salute del Comune di Milano tenutasi martedì 31 marzo alle ore 16 in cui si è discusso come unico punto all’ordine del giorno della prevenzione del suicidio tra gli adolescenti
Considerato che
martedì 31 marzo alle ore 16 si è tenuta presso la sala commissioni di Palazzo Marino la Commissione consiliare comunale Salute dove si è discusso come unico punto all’ordine del giorno la prevenzione del suicidio tra gli adolescenti
constatato che
alla riunione di commissione consiliare comunale ha partecipato in quanto invitato il responsabile del Dipartimento di Salute mentale dell’Azienda ospedaliera Fatebenefratelli e Oftalmico Claudio Mencacci.
Visto che
In Europa il tentato suicidio in età pre adolescenziale e adolescenziale è in costante aumento nell’ultimo decennio, mentre si osserva da parte di diversi dipartimenti medico sanitari e di ricerca scientifica e psicologica che il suicidio realizzato rappresenta nel continente la seconda causa di morte fra i giovani, considerando che le morti accidentali o violente costituiscono i due terzi di tutte le morti per età considerata (15-25 anni)
Preso atto che
In funzione comparativa
si registrano esperienze propositive di ricerca avanzata atte a garantire una maggiore approfondita conoscenza del fenomeno tragico tra cui ricordiamo quelle condotte dall’Unità Operativa di Psichiatria e Psicoterapia dell’Età Evolutiva dell’Ospedale Maggiore di Bologna, la quale, tramite un "self report" anonimo, è stata redatta una indagine volta a determinare gli atteggiamenti suicidali, i fattori di rischio e le associazioni di questi ultimi, negli adolescenti della città
si sottolinea che in
 
diversi istituti di ricerca e psicosociali si è giunti alla presentazione e all’analisi dei possibili strumenti di prevenzione al tentato suicidio in adolescenza, tra cui interventi di formazione per il personale scolastico, programmi di formazione per figure sociali, interventi di informazione di base sul suicidio indirizzati agli studenti, programmi di screening, programmi per sviluppare "il sostegno" tra coetanei , Centri di Crisi e Hotlines, strategie per limitare l'accesso a strumenti usati a scopo suicidari, interventi post-suicidio
 
si chiede
 
-         alla Commissione Salute del Comune di Milano quali siano stati i punti discussi in seduta di commissione e quali siano i dati rilevati e se sussista l’intenzione, rendendo partecipi operatori sociali e strutture scolastiche ad attivare un piano accurato di prevenzione del fenomeno, dando rilevanza ai dati statistici che interessano la comunità cittadina;
-         all’Assessorato alla Salute del Comune di Milano se sia già stato previsto un piano di intervento utile e funzionale a garantire misure e provvedimenti diretti alla prevenzione del fenomeno, soprattutto nell’ambito scolastico, coinvolgendo le strutture educative e formative del territorio;
-         alla Commissione Servizi Sociali del Consiglio di Zona 4 di Milano di predisporre un ordine del giorno di analisi e di trattazione del tema coinvolgendo le strutture scolastiche del territorio circoscrizionale, nonché gli operatori socio sanitari presenti in zona e gli educatori, al fine di predisporre di un programma di iniziative funzionali a intervenire nell’ambito territoriale 
 
Alessandro Rizzo
Consigliere Lista Uniti con Dario Fo – Gruppo La Sinistra
Consiglio di Zona 4 Milano
 
 
Milano, 23 aprile 2009
 
Alla c.a della Commissione Politiche Sociali del Comune di Milano;
dell’Assessorato Ufficio Tecnico Manutenzioni del Comune di Milano;
della Presidenza del Consiglio Comunale di Milano;
del Consiglio di Zona 4 e delle sue Componenti;
della Commissione Servizi Sociali del Consiglio di Zona 4 di Milano;
del Settore Decentramento di Zona 4 di Milano
 
Interrogazione in merito allo stato di analisi e di esame della proposta di delibera di istituzione di un registro inerente le "Convivenze abitative"
 
considerato che
 
in data 12 febbraio in Consiglio di Zona il sottoscritto ha presentato un'interrogazione in merito alla proposta di delibera consiliare comunale per l'istituzione di un registro per le "convivenze abitative", in cui chiedevo alla Commissione Politiche Sociali del Comune di Milano e alla Presidenza del Consiglio Comunale di ridefinire i tempi per una calendarizzazione della discussione sul tema, nonchè di riavviare un percorso di analisi e di esame dell'iniziativa
 
visto che
 
in data 14 febbraio 2008 la proposta di Ordine del Giorno "Convivenze abitative", che aveva trovato un'intesa in seduta preliminare di Commissione Politiche Sociali del Comune di Milano, è stata respinta con voti contrari espressi trasversalmente da consigliere e consiglieri della maggioranza e dell'opposizione, ma con un minimo margine rispetto ai voti favorevoli
 
preso atto che
 
il Registro è indirizzato a tutelare la piena dignità ed il carattere di libera scelta delle convivenze, sostenendone il pubblico rispetto, e possono essere iscritte persone non legate da vincoli “legali” (matrimonio, affinità, adozione, tutela), ma esclusivamente da vincoli “affettivi”
 
e, inoltre,
 
che si registra, in Italia e a Milano, un aumento delle coppie di fatto unite da legami affettivi e non legali, nonchè del numero di bambine e di bambini nati da genitori conviventi
 
preso atto in diritto
 
del testo del Trattato di Lisbona che prevede misure che eliminino discriminazioni di diritto e di fatto per motivi sessuali e di orientamento, e che è divenuto direttamente vigente nel nostro ordinamento,
 
da cui consegue
 
l'esigenza e l'obbligatorietà, per vincoli comunitari, di adoperarsi come istituzioni, nazionale e locali, ad approvare norme e disposizioni che eliminino situazioni di fatto scriminanti tra coppie di fatto e coppie di diritto
 
si rinnova la richiesta
- al Presidente del Consiglio Comunale di inserire in uno dei prossimi ordini del giorno del Consiglio Comunale la proposta di delibera e se è prevista in discussione nei prossimi consigli comunali l'esame e l'analisi di punti inerenti alla tematica di cui alla presente interrogazione, nonchè
- alla Presidenza della Commissione Politiche Sociali se sia previsto il riavvio dell'iter di discussione e di analisi della proposta di delibera, provvedendo a recepire integrazioni utili a rendere maggiormente efficace e completo il disegno di delibera di istituzione di un Registro delle "Convivenze abitative", nonchè, infine, se sia previsto il coinvolgimento diretto dei consigli circoscrizionali, autorità istituzionali locali di riferimento territoriale e maggiormente adatte a garantire una proposta organica e maggiormente rispondente alla situazione attuale sociale in merito
 
Alessandro Rizzo
Consigliere Lista Uniti con Dario Fo – Gruppo La Sinistra
Consiglio di Zona 4 Milano
 
 
 
Milano, 23 aprile 2009
 
Alla Cortese Attenzione della Commissione Affari Istituzionali del Consiglio Comunale
della Commissione Qualità e servizi del cittadino del Consiglio Comunale
all'Assessorato alla Qualità e Servizi al Cittadino del Comune di Milano
 
Interrogazione in merito all'ordine del giorno della riunione congiunta di Commissione Affari Istituzionali e Qualità e Servizi del cittadino avutasi in data 15 aprile alle ore 14,30 in cui si è esaminato l’ordine del giorno sull’Anagrafe pubblica degli eletti per il Comune di Milano
 
considerato che
alle ore 14.30 la Commissione Affari Istituzionali e la Commissione Qualità, Servizi al Cittadino, Semplificazione, Servizi civici si è riunita in seduta congiunta per esaminare l’ordine del giorno sull’Anagrafe pubblica degli eletti per il Comune di Milano
constatato che
l'Anagrafe Pubblica degli eletti rivendica il diritto civico della trasparenza nella e della pubblica amministrazione, e riguarda ogni aspetto relativo a eletti e nominati per quanto concerne, soprattutto, ogni atto dell’amministrazione comunale
visto che
diversi consigli comunali in Italia, da ultimo Ferrara, nonchè differenti enti locali, tra cui la Provincia di Roma, hanno già deliberato per l'attuazione dell'Anagrafe, nonchè hanno recepito la proposta tramite i canali di partecipazione politica e pubblica di condivisione delle scelte, in primis la petizione popolare
considerata
la ratio fondamentale e importante dell'iniziativa che prevede la pubblicazione su internet dei dati riguardanti le presenze, lo svolgimento dei lavori, i risultati di tutti i politici eletti e delle persone che ricoprono un ruolo politico pubblico, comprendendo nel provvedimento, in qualità di soggetti, europarlamentari, ministri, deputati, senatori,assessori regionali, consiglieri regionali, assessori provinciali, consiglieri provinciali, assessori comunali, consiglieri comunali, consiglieri municipali
preso atto in diritto
dei testi di legge nazionali che definiscono la cornice ordinamentale entro cui definire provvedimenti a livello locale e municipale funzionali alla istituzione dell'Anagrafe, in particolare la legge n. 442 del 1982 e successive modificazioni che riguarda solo alcuni amministratori pubblici, e il comma 466 dell’articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296 riguardante la pubblicazione, con l’indicazione nominativa dei destinatari e dell’ammontare del compenso, attraverso il sito web dell’amministrazione o dell’ente interessato, e dei compensi dei consulenti delle amministrazioni pubbliche statali
si chiede
 
- alla Presidenza della Commissione Affari Istituzionali e al Presidente della Commissione Qualità, Servizi al Cittadino, Semplificazione, Servizi civici del Consiglio Comunale di Milano i contenuti e le proposte discusse e considerate durante la riunione di Commissione Congiunta, e se sussistanto testi di proposta di delibera funzionali a garantire l'inizio di un iter rivolto a licenziare un progetto coerente con l'istituzione dell'Anagrafe;
- all'Assessorato Qualità e Servizi al Cittadino se la proposta di istituire l'Anagrafe è già stata considerata e se sia stato licenziato e disposto un progetto di delibera rispettivo;
- alle stesse presidenze di Commissione e all'Assessorato se è previsto il coinvolgimento dei Consigli Circoscrizionali e se tale proposta possa essere estesa anche per le elette e gli eletti dei Consigli Circoscrizionali, completando, pertanto, la mappatura complessiva della trasparenza pubblica nell'ambito dell'amministrazione municipale
 
Alessandro Rizzo
Consigliere Lista Uniti con Dario Fo – Gruppo La Sinistra
Consiglio di Zona 4 Milano
 
 
 
Milano, 23 aprile 2009
 
Alla c.a dell’ Assessorato alla Famiglia, Scuola e Politiche Sociali del Comune di Milano;
dell’Assessorato alle Attività produttive, Politiche del Lavoro e dell’Occupazione del Comune di Milano;
 della Presidenza della Commissione Politiche del Lavoro e dell’Occupazione, Personale, Formazione del Comune di Milano;
della Presidenza della Commissione Educazione, Servizi all’Infanzia del Comune di Milano;
della Commissione Servizi Sociali del Consiglio di Zona 4 di Milano
 
 
Interrogazione in merito alla qualità del servizio espresso dalla società Milano Ristorazione spa e alla riunione di commissione congiunta Commissione Politiche del Lavoro e dell’Occupazione, Personale, Formazione, Ricerca e Innovazione e la Commissione Educazione, Servizi all’Infanzia dove si è discusso degli appalti del servizio di distribuzione dei pasti nelle scuole materne e primarie
 
Considerato che
in data 15 gennaio in riunione di consiglio è stata presentata da parte del sottoscritto un'interrogazione che faceva seguito ai disagi registrati il 7 gennaio, a seguito della copiosa precipitazione nevosa del giorno precedente, in merito al servizio di fornitura di vivande per migliaia di bambine e di bambini delle scuole dell'infanzia e delle scuole primarie nonostante fossero state rilasciate nel giorno precedente dichiarazioni da parte del sindaco e del vicesindaco riguardo alla funzionalità dei servizi
 
visto che
 
nell'interrogazione chiedevo i motivi della sospensione del servizio per diversi plessi scolastici, nonchè esprimevo la necessità di visionare la natura e i contenuti della convenzione esistente tra il Comune di Milano e la Società Milano Ristorazione spa, azienda fornitrice del servizio di ristorazione
 
considerato che
più volte ho avuto modo di presentare interrogazioni in merito alla qualità del servizio, dei pasti e delle vivande, spesso a fronte di doglianze espresse da parte di genitori, chiedendo anche variazioni utili e necessari, in quanto si impongono come indispensabili a fronte di una società sempre più multietnica e di presenze sempre maggiori di bambine e di bambini figli di migranti di seconda generazione, nei menù, contemplando una variegata e diversificata offerta funzionale a soddisfare i gusti e le tradizioni culinarie delle complesse realtà presenti
preso atto che
venerdì 17 aprile alle ore 17.30 la Commissione Politiche del Lavoro e dell’Occupazione, Personale, Formazione, Ricerca e Innovazione e la Commissione Educazione, Servizi all’Infanzia si sono riunite in seduta congiunta per discutere degli appalti del servizio di distribuzione dei pasti nelle scuole materne e primarie
constatato che
la Commissione Servizi Sociali del Consiglio di Zona 4 aveva esaminato la questione complessiva inerente il servizio in una seduta di qualche settimana fa, dove erano trasparse alcune mancanze e alcune problematiche di differente rilievo, dai ritardi alla qualità di alcune pietanze, segnalate dai genitori e dagli insegnanti riuniti in loco, nell'ambito della fornitura del servizio da parte della società, alla presenza di un rappresentante della Milano Ristorazione spa
 
si chiede
 
- alla Presidenza della Commissione Politiche del Lavoro e dell’Occupazione, Personale, Formazione, Ricerca e Innovazione e alla Presidenza della Commissione Educazione, Servizi all’Infanzia quali siano stati i contenuti rilevati ed affrontati in seduta di commissione, se siano stati discussi in merito la antura degli appalti e la loro portata, nonchè se sia in atto una procedura di revisione dell'attuale convenzione con Milano Ristorazione spa, nonchè modifica degli obblighi esistenti e delle funzioni previste in capo all'azienda appaltatrice, o, infine, se sia previsto un frazionamento ulteriore dell'appalto nel suo complesso, specificando e settorializzando alcuni ambiti di interento;
- alla Commissione Servizi Sociali del Consiglio di Zona 4 di provvedere a reindire una nuova riunione di commissione dove si possa affrontare nuovamente la questione, aggiornandola, alla presenza di dirigenti della società appaltatrice e degli assessorati o settori di competenza comunale, dei genitori e degli insegnanti ineressati
Consigliere Lista Uniti con Dario Fo – Gruppo La Sinistra
Consiglio di Zona 4 Milano
 
 
 
Milano, 23 aprile 2009
 
Alla c.a dell’ all’Assessorato al Territorio del Comune di Milano;
della direzione amministrativa SoGe;
 del Settore Territorio del Comune di Milano;
dell’Assessorato ai Lavori Pubblici del Comune di Milano;
della Direzione di Milano Sport spa;
della Commissione Territorio e Ambiente del Consiglio di Zona 4 di Milano
 
 
Interrogazione in merito alla destinazione delle aree comprese nell’ex macelli generali di Via Lombroso e allo stato di attuazione della Città del Gusto
 
Considerato che
 
diversi progetti di intervento edilizio e integrato sono considerabili in vista dell'EXPO 2015 ed esiste un tavolo di analisi e di esame delle diverse proposte costituito dall'amministrazione comunale, dalla Società SoGe e dalla Consulta degli architetti di Milano funzionale a definire le scelte in merito alle varie opzioni previste
 
visto che
 
in questo ambito è inserito il progetto inerente la Città del Gusto, tema già affrontato da due interrogazioni presentate rispettivamente dal sottoscritto e dal consigliere Pierangelo Tosi nella scorsa seduta di consiglio, dove si chiedevano precisazioni e maggiori informazioni inerenti alla portata e all'entità del progetto stesso, e sollevato in modo generale da Predolin, Presidente della SoGeMi, società gestrice dell'Ortomercato di Milano in commissione commercio del consiglio di zona
 
preso atto che
 
in un articolo pubblicato su Repubblica il 15 aprile si apprende che l’amministratore delegato della società EXPO 2015, Lucio Stanca, proporrebbe di cambiare la destinazione dei terreni presenti nella zona Rho-Fiera, si calcola un milione di metri quadrati, oggi previsti come edificabili e di proprietà della Fiera e del gruppo Cabassi, ai quali sarebbero concesse aree alternative
considerato che
l’area in via Lombroso, ossia quella attuale degli ex macelli generali, in cui dovrebbe essere prevista la Città del Gusto ricopre 800mila metri quadrati, sarebbe destinata, invece, a progetti edilizi e immobiliari, data anche l’alto valore della stessa a livello economico e commerciale
visto che
il sindaco ha dichiarato la volontà di utilizzare la realizzazione della Città del Gusto come occasione per ristrutturare l’Ortomercato di Milano, esprimendo l’intenzione e la volontà di mantenere l’area nella stessa situazione logistica attuale, e prevedendo di realizzare nell’area ex macelli generali con una copertura di investimento di 138 milioni di Euro negozi, ristoranti, una scuola di alta cucina, un albergo, laboratori di test sul cibo
constatato che
è evidente che l'intenzione espressa dal sindaco, rappresentante dell'amministrazione comunale, è totalmente antinomica rispetto alle dichiarazioni dell'Amministratore Delegato della Società EXPO 2015, Lucio Stanca, il quale ha più volte ribadito l'intenzione di modificare la destinazione dell'area oggi di proprietà della fiera Milano e del Gruppo Cabassi a Rho-Fiera per trasferire l'Ortomercato
 
si chiede
 
- all’Assessorato al Territorio e ai Lavori Pubblici del Comune di Milano l'entità, la natura e la definizione del progetto, lo stadio di avanzamento del medesimo, nonchè i tempi e i modi della sua attuazione, i costi relativi e se sussista già una convenzione di appalto dei lavori, la volumetria e se siano previste variazioni volumetriche sostanziali;
- alla Giunta del Comune di Milano e all'Assessorato al Territorio del Comune di Milano se la proposta viene concordata con la società EXPO 2015, data la forte contraddizione in merito esistente tra le dichiarazioni del sindaco e quelle dell'amministratore delegato della società, Lucio Stanca;
- alla società EXPO 2015 e all'amministratore delegato Lucio Stanca se esista un progetto parallelo e, in caso affermativo, all'Assessorato al Territorio del Comune di Milano se fosse a conoscenza di quest'ultimo e quale destinazione avrebbe l'area degli ex macelli generali nel caso in cui si preveda il trasferimento dell'Ortomercato e la non realizzazione della Città del Gusto nella stessa area;
- alla Commissione Territorio e alla Commissione Commercio del Consiglio di Zona 4 di Milano di predisporre con urgenza un ordine del giorno di analisi e di trattazione del tema coinvolgendo i progettisti, la società edificatrice, nonchè direttori e funzionari dei settori e degli assessorati interessati, nonchè la questione concernente il futuro dell'Ortomercato e la sua permanenza nell'area
Alessandro Rizzo
Consigliere Lista Uniti con Dario Fo – Gruppo La Sinistra
Consiglio di Zona 4 Milano
 

Mercoledì, 22 Aprile, 2009 - 15:09

Agostino "Tino" Casali

Nato a Milano il 25 aprile 1920, Presidente nazionale dell'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia.
Cresciuto in famiglia con principi di libertà e democrazia, già a scuola (si sarebbe diplomato in ragioneria), ebbe a subire le conseguenze della mancata adesione alle organizzazioni fasciste. Ciò non gli impedì, durante il Secondo conflitto mondiale, di ricevere, dopo che era stato ferito, una decorazione al valor militare.

Dopo l'8 settembre 1943 Casali, che era mobilitato nella Francia meridionale, partecipò alla guerra partigiana contro gli occupanti tedeschi. August Colombanì (questo il nome di copertura che aveva scelto), si battè con il maquis, nel Vaar-Collebrieres. Rientrato in Italia all'inizio del 1944,“Tino” (questo il suo nuovo nome di battaglia, che avrebbe poi sempre conservato per i compagni e per gli amici), affiancò Angelo Aliotta nell'organizzazione dei GAP del capoluogo lombardo.
Nella primavera del 1944 il trasferimento nell'Oltrepò pavese, per organizzarvi le formazioni partigiane che si stavano costituendo nella zona. Prima comandante del Battaglione “Cosenz”, poi commissario della Brigata “Casotti”, “Tino” alla vigilia dell'insurrezione era commissario di guerra della Divisione d'assalto “Antonio Gramsci”. Questa formazione di montagna, equipaggiata e armata con mezzi pesanti, dopo aspri combattimenti, superati il Po e il Ticino e liberata Pavia, sarebbe entrata per prima a Milano partecipando alla sua liberazione.
Dopo la guerra, Tino Casali riprese la sua attività professionale, ma soprattutto si impegnò (dopo aver fondato con Arrigo Boldrini e altri patrioti l'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia), nella direzione dell'ANPI provinciale di Milano, di cui è tutt'ora Presidente, e nell'attività nelle organizzazioni democratiche. Dal 1951 al 1958 è stato segretario provinciale e regionale del Movimento dei Partigiani della Pace; dal 1956 al 1965 consigliere al Comune di Milano; nel 1969 promuove la costituzione del Comitato Permanente Antifascista per la Difesa dell'Ordine Repubblicano, di cui è presidente-coordinatore, che è diventato punto di riferimento dell'impegno democratico di istituzioni, forze politiche e sociali contro il terrorismo e la strategia delle stragi e della tensione. Ha presieduto, dal 1976 al 1981, l'ente ospedaliero milanese “Luigi Sacco” e dal 1980 al 1990 è stato di nuovo consigliere comunale, assolvendo dal 1980 al 1985 al ruolo di assessore.
Non a caso Tino Casali è tra i protagonisti del film documentario Il primo giorno-Milano, 25 aprile 1945, realizzato dalla Provincia di Milano (con la regia di Marco Pozzi su progetto dello stesso Pozzi e di Sergio Fiorini) e presentato, al Teatro “Dal Verme” di Milano, nel sessantesimo anniversario della Liberazione.
Al 14° Congresso nazionale dell'ANPI, che si è tenuto a Chianciano Terme nel 2006, Casali (che aveva svolto la relazione introduttiva) è stato eletto Presidente nazionale, succedendo ad Arrigo Boldrini, impossibilitato per motivi di salute a continuare a dirigere l'Associazione.

...
36 37 38 39 40 41 42 43 44
...
RSS feed